Trump: si torni al G8 con la Russia. Conte d'accordo

Prima di partire per Charlevoix, in Canada, dove parteciperà al G7, il presidente Usa ha attaccato gli alleati sul commercio

Al presidente americano, Donald Trump, non dispiacerebbe tornare al G8. Mentre stava lasciando la Casa Bianca per volare in Canada per partecipare al G7, il leader Usa ha spiegato alla stampa che alla Russia dovrebbe essere permesso di "tornare" a riunirsi con le altre principali economie al mondo pur insistendo che lui è stato il "peggiore incubo" del Cremlino. Mosca fu espulsa dal G8 - che si è riunito l'ultima volta nel 2014 - successivamente all'annessione della penisola di Crimea (parte del territorio sovrano dell'Ucraina).

"Che vi piaccia o no, e potrebbe essere non politicamente corretto, abbiamo un mondo da gestire e nel G7, che una volta era il G8, hanno buttato fuori la Russia. Dovrebbero permettere alla Russia di tornare perché dovremmo avere la Russia ai tavoli dei negoziati", ha affermato Trump. Le sue parole sono giunte mentre la sua amministrazione e Mosca stanno discutendo un possibile incontro tra il leader Usa e il presidente russo Vladimir Putin, almeno secondo l'agenzia RIA.

Il presidente del consiglio italiano al suo debutto sul palcoscenico internazionale ha promosso quanto detto dal leader americano. Su Twitter, Giuseppe Conte ha scritto: "Sono d'accordo con il Presidente Donald Trump: la Russia dovrebbe rientrare nel G8. E' nell'interesse di tutti". Il Movimento 5 Stelle e la Lega, le due forze al governo che hanno scelto il professore di diritto, sono favorevoli a una apertura verso la Russia e alla rimozione delle sanzioni internazionali imposte dopo la violazione della sovranità dell'Ucraina e il sostegno a forze filo-russe nel territorio orientale controllato da Kiev. In modo molto diplomatico, nel suo discorso al Senato Conte aveva parlato di una "rivisione del sistema delle sanzioni" verso Mosca.

L'apertura di Trump verso la Russia segue una serie di botta e risposta tra lui e il presidente francese Emmanuel Macron, con cui sembra essere finito l'idillio andato in scena a colpi di abbracci, strette di mano e baci alla Casa Bianca. Il leader dell'Eliseo gli ha fatto capire che il G7 è pronto a isolarlo per via delle sue politiche commerciali controverse, che per altro stando a un'analisi circolata solo dentro la Casa Bianca sembrerebbe ledere l'economia Usa.

Prima di partire per il Canada, Trump aveva promesso "di raddrizzare gli iniqui accordi commerciali con i Paesi del G-7". E aveva attaccato di nuovo il premier canadese Justin Trudeau: "Il Canada impone dazi del 270% sui lattici! Non ve l'hanno detto, vero? Non giusto per i nostri agricoltori". Per quanto sia vero quanto spiegato da Trump, il 99% dei prodotti scambiati tra Usa e Canada è libero di circolare nel rispetto delle regole del North American Free Trade Agreement, l'accordo di libero scambio che Trudeau è disposto ad aggiornare e che Trump preferirebbe sostituire con un accordo bilaterale separato con Canada e con Messico.

Parlando alla stampa, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha spiegato che cercherà di convicere gli Usa che fare saltare l'ordine internazionale prestabilito di regole non ha senso. "E' evidente che gli Usa e il resto del G7 continuano a essere in disaccordo sul commercio", ha aggiunto.

Trump lascerà il summit a Charlevoix alle 10.30 locali di domani (le 16.30 in Italia) per volare direttamente a Singapore in vista del suo incontro del 12 giugno con il leader nordcoreano Kim Jong Un. Il sherpa e vice assistente al presidente per gli affari economici internazionali, Everett Eissenstat, rappresenterà gli Usa per le sessioni rimanenti del G7.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.