Trump si vanta (mentendo) dei successi economici dell'America

Non è vero, come ha sostenuto il presidente, che il tasso di crescita del Pil ha superato per la prima volta in 100 anni quello del tasso di disoccupazione

Donald Trump è tornato a vantarsi dell'andamento dell'economia americana come se il merito fosse esclusivamente suo.

Secondo il 45esimo presidente americano, la crescita del Pil è più alta del tasso di disoccupazione per la prima volta in oltre 100 anni. Peccato che un simile sorprasso ci sia stato varie volte dal 1948. "Il tasso di crescita del Pil (4,2%) è più alto del tasso di disoccupazione (3,9%) per la prima volta in oltre 100 anni!", ha twittato oggi i leader Usa facendo riferimento al Pil americano del secondo trimestre del 2018 e al dato diffuso venerdì scorso per il mese di agosto.

Tra le ultime volte che è successo invece nel primo trimestre del 2006, quando l'economia statunitense si espanse del 5,4% e il tasso di disoccupazione era al 4,7%. E nei 70 anni in cui il dipartimento del Lavoro pubblica ogni mese il rapporto sull'occupazione, il tasso di crescita del Pil è stato superiore a quello della disoccupazione almeno il 20% delle volte.

Kevin Hassett, presidente del Council of Economic Adviser della Casa Bianca, è stato costretto ad ammettere che Trump si è sbagliato. Parlando in conferenza con la stampa, Hassett ha affermato: "Non so da dove quel numero sia venuto fuori. Il numero corretto è 10 anni". Hassett si è detto "grato" del fatto che la stampa abbia fatto notare questa e altre incongruenze, "cos" possiamo correggerle". Lo stesso Hassett ha detto di non essere "il presidente del consiglio di esperti dell'account di Twitter di Trump" in merito ad altri 'cinguettii' controversi del leader Usa.

Trump comunque non fa altro che portare avanti una narrativa tipica della sua Casa Bianca e volta a gonfiare i risultati economici degli Usa durante la sua presidenza, cosa utile per abbindolare la sua base elettorale in vista delle elezioni di metà mandato del prossimo novembre (quando i democratici potrebbero riprendersi il controllo della Camera).

Basti dire che ieri Trump ha twittato dicendo che "il mercato azionario è salito di quasi il 50%" dalla sua elezione" nel novembre 2016 ma da allora l'S&P 500 - l'indice benchmark - ha guadagnato oltre il 30%.

Contro la strategia di Trump si è schierato il suo predecessore Barack Obama venerdì scorso. Nel giorno in cui è emerso che ad agosto in Usa sono stati creati 201mila posti di lavoro, più delle stime, Obama ha voluto ricordare ai repubblicani quando la ripresa dell'economia americana è iniziata: durante la sua presidenza. "Quando ho lasciato la presidenza", giunta a termine nel gennaio 2017 dopo due mandati non rinnovabili, "i redditi delle famiglie erano vicini ai massimi storici e il tasso di persone senza un'assicurazione medica era ai minimi storici e la povertà stava calando".

Parlando dall'Università di Chicago, Obama ha aggiunto: "Lo dico per ricordare quando questa ripresa è iniziata, specialmente per quando si sente dire come sta andando bene attualmente l'economia". Il predecessore di Donald Trump ha detto: "Quando vi sentire dire che è in corso un miracolo economico, quando i numeri sull'occupazione vengono pubblicati mensilmente e improvvisamente i repubblicani dicono che è un miracolo, devo ricordare loro che quei numeri sono in realtà uguali a quelli del 2015 e 2016".

Trump aveva reagito dicendo di essersi addormentato mentre guardava il discorso di Obama e insinuando che sia il suo predecessore a inventare: "Stava cercando di prendersi il merito della cosa incredibile che sta succendendo al nostro Paese", la crescita dell'economia. "Se fossero stati i democratici a vincere le elezioni due anni fa, credo che non avremmo un +4,2% ma un -4,2%", aveva proseguito facendo riferimento al Pil del secondo trimestre.

L'aumento dell'occupazione ad agosto segna il 95esimo mese di fila in cui i datori di lavoro americani hanno reclutato personale, un nuovo record.

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali

La guerra con la Cina non sembra destinata a concludersi
iStock

Trattative Cina-Usa a rischio dopo l'ultima minaccia di Trump

Già oggi potrebbero essere annunciati dazi per 200 miliardi di dollari. Pechino: non negozieremo "con la pistola alla tempia"
iStock

La Cina potrebbe decidere di non partecipare a un quinto round di negoziati commerciali con gli Stati Uniti alla luce dell'ultima minaccia di Donald Trump, quella di fare scattare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Pechino non è pronta a trattare "con la pistola puntata alla tempia". Ad anticipare che i negoziati sono a rischio è stato il Wall Street Journal, secondo cui già lunedì 17 settembre il presidente americano potrebbe introdurre le tariffe doganali.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Katrina e Florence, Dean e Harvey: storia dei nomi degli uragani

Prima erano usati i nomi dei santi, poi solo quelli femminili. Dal 1979, è in vigore una rotazione di nomi maschili e femminili; quando un uragano provoca morti e devastazioni, il suo nome viene depennato dalla lista

In principio furono quelli dei santi. Poi, si preferirono femminili. Ora, al contrario di quanto si pensi, si applica rigidamente l'alternanza di genere.

Il magazine Time venduto per 190 milioni di dollari

A venderlo dopo solo quasi otto mesi, Meredith. A comprarlo, il fondatore di Salesforce

La rivista Time ha un nuovo proprietario. Dopo quasi otto mesi dall'acquisto del gruppo Time, Meredith ha deciso di cedere l'omonimo magazine per 190 milioni di dollari. A comprarlo è il co-fondatore di Salesforce, Marco Benioff, insieme alla moglie Lynne.

Wall Street spera nei negoziati Usa-Cina

L'inflazione rallenta. Sussidi di disoccupazione ai minimi del 1969
iStock

Fed: Richard Clarida ha giurato, è vicepresidente

Global strategic adviser di Pimco nonché professore di economia alla Columbia University, prende il posto lasciato nell'ottobre 2017 da Stanley Fischer

La poltrona di vicepresidente della Federal Reserve, lasciata vuota da Stanley Fischer nell'ottobre 2017, è stata ufficialmente riempita. Il vertice della banca centrale Usa è così completato in vista della riunione del 25 e 26 settembre prossimi in cui dovrebbe essere annunciato il terzo rialzo dei tassi del 2018.

Tentato stupro, Kavanaugh respinge le accuse. Trump lo difende

Il giudice nominato per la Corte Suprema dal presidente Usa accusato da una donna per fatti risalenti agli anni Ottanta. Lui è "pronto" a difendersi al Senato Usa

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha respinto le accuse della donna che afferma di essere stata aggredita sessualmente da lui negli anni '80, quando entrambi erano adolescenti. "È un'accusa completamente falsa. Non ho mai fatto niente di simile né all'accusatrice, né a qualsiasi altra persona" ha dichiarato Kavanaugh, attraverso un comunicato diffuso dalla Casa Bianca. Il giudice ha poi detto di voler affrontare la questione davanti alla commissione Giustizia del Senato, per "confutare questa falsa accusa e difendere la mia integrità". "Visto che non è mai successo, non avevo idea di chi potesse aver fatto questa accusa, finché non è uscita allo scoperto".

Wall Street torna a sperare nei negoziati commerciali

Ottimismo del Canada su negoziati con gli Usa. La Cina rassicura le aziende americane
iStock

Bloomberg potrebbe candidarsi alle presidenziali 2020 come democratico

La sua candidatura creerebbe imbarazzo tra i progressisti e i leader del partito
iStock

L'ex sindaco di New York, Michael Bloomberg, potrebbe candidarsi alle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, come democratico. Le sue opinioni su diversi argomenti, però, metterebbero a disagio l'establishment e una parte dell'elettorato del partito. "Ma è impossibile immaginare che possa candidarmi come repubblicano" ha dichiarato il fondatore dell'omonimo gruppo mediatico al New York Times.