Trump silura il capo dell'Fbi: non sembra una coincidenza

Partita la ricerca al successore di James Comey, accusato di avere gestito male il caso sulle email di Clinton. Ma c'è chi fa paragoni con lo scandalo Watergate. I democratici chiedono un procuratore speciale che porti avanti indagini sulla Russia

Alla fine James Comey è stato licenziato. Da Donald Trump, che ora può nominare a suo piacimento il nuovo capo dell'Fbi. Scelto da Barack Obama nel 2013 e sopravvissuto alle polemiche sorte sul finire della campagna elettorale per la sua gestione dell'emailgate riguardante Hillary Clinton, Comey è stato silurato con effetto immediato nella serata america del 9 maggio2017. Una mossa giudicata da molti "scioccante" dal momento che si è verificata mentre la polizia federale americana guidata da Cmey sta conducendo un'inchiesta sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dell'8 novembre 2016 e sui potenziali legami tra lo staff di Trump e funzionari russi. Non a caso l'opposizione democratica, che subito ha fatto paragoni allo scandalo Watergate, ha chiesto la nomina di un procuratore speciale che porti avanti le indagini sul Russiagate. Comey è il secondo e unico direttore dell'Fbi ad essere stato cacciato: lo stesso destino toccò nel 1993 a William Sessions; allora alla presidenza c'era Bill Clinton.

Il 45esimo presidente americano ha preso la decisione legalmente lecita ma politicamente controversa seguendo le raccomandazioni giunte dal segretario alla Giustizia Jeff Sessions - che si è astenuto dal cosiddetto Russiagate su cui indaga anche il Congresso - e dal suo vice Rod Rosenstein.

"L'Fbi è una delle istituzioni più rispettate e lodate della nostra nazione", ha detto il portavoce di Trump in una nota. La mossa "segna un nuovo inizio per il gioiello delle forze dell'ordine" Usa. La ricerca di un successore "qualificato e con esperienza" è già iniziata.

Comey è stato informato dallo stesso Trump con una lettera consegnata a mano e nella quale ha scritto: "Pur apprezzando notevolmente il fatto che mi abbiate fatto sapere, in tre diverse occasioni, che non sono sotto inchiesta, non posso che concordare con il dipartimento di Giustizia: Lei non è in grado di guidare in modo efficace il bureau". Nella stessa missiva, l'inquilino della Casa Bianca ha spiegato che "è essenziale trovare una nuova leadership nell'Fbi per ristabilire la fiducia del pubblico nella sua missione vitale".

Il motivo (politico?) del licenziamento
Apparentemente, il motivo del licenziamento è semplice: secondo funzionari del dipartimento di Giustizia, Comey ha violato i principi del dipartimento stesso nel gestire il caso delle email di Clinton. Peccato che un simile giudizio arrivi a scoppio ritardato e che Trump, una settimana prima della chiamate alle urne che gli avrebbe poi garantito una vittoria a sorpresa, avesse lodato "il pelo sullo stomaco" dimostrato da Comey il 28 ottobre scorso, quando comunicò al Congresso il ritrovamento di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa l'estate precedente senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato di Clinton durante gli anni in cui lei era a capo della diplomazia Usa. Secondo l'allora candidato repubblicano, quella mossa era "stata la cosa giusta da fare" e grazie alla quale Trump aveva "riconquistato fiducia" in Comey. Poi il caso fu chiuso, di nuovo, senza alcuna incriminazione a due giorni dalle elezioni.

Non solo. Il vicesegretario alla Giustizia ha fatto riferimento alla conferenza stampa del luglio 2016 nella quale Comey aveva annunciato che Clinton non sarebbe stata incriminata nonostante un comportamento "estremamente imprudente" riguardante l'uso di un server privato quando era appunto segretario di Stato. Secondo Rosenstein, Comey aveva scavalcato l'allora segretario alla Giustizia Loretta Lynch. "Non si fanno conferenze per fornire informazioni dispregiative", come se i rivali di Clinton non fossero stati contenti di qualsiasi dichiarazione a danno dell'allora rivale di Trump.

"La reputazione e la credibilità dell'Fbi hanno sofferto un danno notevole e ciò ha condizionato tutto il dipartimento di Giustizia", ha continuato Rosenstein in un memo. "Non posso difendere la gestione del direttore [dell'Fbi] sulle conclusioni dell'indagine riguardante le email di Clinton e non capisco il suo rifiuto ad accettare l'opinione generale secondo cui lui ha sbagliato. Quasi tutti sono d'accordo nel credere che il direttore abbia fatto errori seri; è una delle poche cose che uniscono le persone dalle vedute diverse".

Le reazioni

Subito i critici dell'amministrazione Trump hanno sollevato il sospetto che questa sia solo una scusa e che il licenziamento di Comey sia dettato da motivi politici. Non a caso c'è chi paragona quanto successo al licenziamento voluto il 20 ottobre 1973 dal 37esimo presidente Richard Nixon di Archibald Cox, il procuratore speciale nello scandalo Watergate che ha poi portato l'anno successivo alle dimissioni dello stesso Nixon.

James Clapper, l'ex capo dell'intelligence Usa, ha detto che l'addio di Comey rappresenta "una grave perdita per l'Fbi e la nazione".

Charles Schumer, il leader della minoranza democratica al Senato, ha spiegato di avere detto a Trump che la mossa rappresenta un "grande errore". E' lui ad avere posto le domande che il Paese intero si domanda: Perché ora? Perché l'amministrazione Trump non ha sollevato le sue obiezioni su Comey nel momento in cui il 45esimo presidente è entrato nella Casa Bianca? Il sospetto è che il licenziamento di Comey "non sia una coincidenza" come non lo è stato il siluramento di Sally Yates, ex segretario alla Giustizia ad interim cacciata da Trump a 10 giorni esatti dal suo insediamento (aveva consigliato a tutti gli avvocati del dipartimento di non difendere in tribunale la prima versione del 'muslim ban' voluto dal successore di Obama). Anche Preet Bharara, procuratore di Manhattan, è stato "fired" da Trump. Questi licenziamenti sono per Schumer "profondamente preoccupanti". E se Trump non nomina un procuratore speciale, ha detto il senatore di New York, "il popolo americano sarà portato a credere che si tratti di una copertura". In salsa russa, viene da dire.

Secondo Richard Blumenthal, senatore parte della commissione Giustizia, Trump ha compromesso catastroficamente le indagini in corso dell'Fbi sui legami della Casa Biabca con la Russia. Il nostro sistema legale non è mai stato così minacciato dai tempi del Watergate e la nostra fede nell'indipendenza e integrità di questo sistema sono scossi".

Invece che brindare, anche la squadra di Clinton durante la campagna ha mostrato scetticismo. Tim Kain, colui che sarebbe diventato presidente nel caso l'ex first lady fosse diventata presidente, ha twittato: "Il licenziamento di Comey da parte di Trump dimostra quanto all'amministrazione sia preoccupata dell'inchiesta sulla Russia. Il licenziamento di Comey è parte di un'abitudine della Casa Bianca di coprire la verità".

John Podesta, il presidente della campagna di Clinton, ha fatto riferimento all'epurazione di Nixon avvenuta nel cosiddetto "Massacro del sabato notte" e su Twitter ha scritto: "@realDonaldTrump, non sapevi che dovevi aspettare fino a sabato notte per massacrare le persone che stanno indagando su di te?".

Il senatore repubblicano Marco Rubio non ha voluto commentare ma ha detto di aspettarsi "che l'Fbi continui a funzionare". Ora sarà guidato ad interim da Andrew McCabe, a sua volta travolto dalle polemiche perché lo scorso anno aiutà nell'inchiesta sull'Emailgate anche se la moglie aveva accettato donazioni da organizzazioni politiche democratiche per una corsa (senza successo) al Senato nello Stato della Virginia.

Lindey Graham, un senatore del Gop per niente vicino a Trump, ha promosso invece il licenziamento di Comey: "Viste le controversie recenti riguardanti il direttore, credo che un nuovo inizio farà bene all'Fbi e alla nazione".


Comey si era sbagliato in una testimonianza al Congresso

L'allontanamento di Comey, le cui azioni controverse sono state viste da Clinton come alla fonte della sua amarissima sconfitta elettorale, è arrivato nella stessa giornata in cui l'Fbi è stato costretto a fornire delle precisazioni al Congresso su dichiarazioni inaccurate rilasciate sei giorni prima dall'ormai ex direttore dell'Fbi davanti ai membri della commissione Giudiziaria al Senato (che a sua volta sta indagando sul Russiagate).

In quell'occasione, Comey si era detto convinto che fosse stata "difficile" ma "giusta" la decisione del 28 ottobre scorso di comunicare al Congresso il ritrovamento di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa l'estate precedente senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato di Clinton durante gli anni in cui lei era a capo della diplomazia Usa. Due giorni prima della chiamate alle urne, lo stesso Comey annunciò poi che l'allora candidata democratica alla presidenza non rischiava un'incriminazione per la gestione di informazioni top secret, proprio come concluso l'estate precedente.

Nel parlare di quell'episodio controverso, che secondo Clinton è alla radice della sua sconfitta contro Trump, Comey fece riferimento al ritrovamento di migliaia di email di Huma Abedin, braccio destro dell'ex segretario di Stato nonché ex moglie di Anthony Weiner (politico caduto in disgrazia per sexting).

"Le sue email (quelle di Clinton, ndr) venivano inoltrate a Anthony Weiner, incluse quelle con informazioni top secret", disse Comey durante l'audizione al Congresso. "L'allora moglie Huma Abedin sembra avesse l'abitudine di inoltrare le email a lui in modo tale che lui potesse, credo, stamparle per lei permettendo poi a lei stessa di consegnarle al segretario di Stato".

A un certo punto, il capo dell'Fbi ha precisato che Abedin "ha inoltrato centinaia di migliaia di email, alcune contenti informazioni classificate". Stando a persone coinvolte nell'inchiesta in corso, queste affermazioni sono inaccurate. In base all'inchiesta stessa, infatti, Abedin aveva inoltrato email al marito affinché le stampasse solo raramente e in misura decisamente più contenuta di quanto riferito da Comey. Insomma, quella di Abedin non era affatto "un'abitudine", riferiscono le fonti secondo cui per altro nessuna delle email inoltrate era marcata come top secret. Soltanto una manciata di email conteneva informazioni che solo successivamente furono definite come 'classified'.

Alla luce di questa confusione, l'Fbi ha scritto che il trasferimento di dati a cui Comey ha fatto riferimento "si è verificato come risultato di un backup di dispositivi elettronici personali" e che Abedin ha "inoltrato manualmente" solo due catene di email contenenti informazioni top secret.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione, preoccupano la crescita mondiale e le tensioni commerciali

Oggi il rapporto Jolts sui posti vacanti per il mese di ottobre
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Casa Bianca, Trump annuncia l'addio di John Kelly

Il sostituto del capo di gabinetto verrà annunciato nei prossimi giorni, l’avvicendamento "verso la fine dell’anno"
AP

Continua il turnover tra i membri dell’amministrazione Trump. John Kelly, il capo di gabinetto della Casa Bianca, lascerà l'incarico a fine anno. A renderlo noto è stato lo stesso presidente americano, confermando una notizia che già circolava da tempo. Il tycoon, che ha dato l'annuncio ai giornalisti alla Casa Bianca, ha detto che il nome del successore sarà reso noto nei prossimi giorni.

La Cina convoca l'ambasciatore Usa: l'arresto di lady Huawei un "atto vile"

Per Pechino, le azioni di Washington sono "estremamente cattive nella loro natura". Per questo "compierà azioni ulteriori sulla base delle azioni americane". Si teme una escalation delle tensioni commerciali
AP

Dopo l'ambasciatore canadese, John McCallum, anche quello statunitense, Terry Branstad, è stato richiamato dal ministero cinese degli Esteri. Alla nazione asiatica non è piaciuto l'arresto della direttrice finanziaria del colosso cinese, Meng Wanzhou; per questo ha minacciato il Canada con "conseguenze serie" e ha promesso agli Usa "ulteriori azioni" se saranno necessarie. E' l'ultima dimostrazione di come il caso Huawei sia destinato ad aumentare le tensioni tra Pechino e Washington, passando da Ottawa, tensioni che venerdì scorso hanno provocato un sell-off a Wall Street.

Uber segue Lyft e si prepara all’Ipo nel 2019

Potrebbe essere un anno record per i collocamenti azionari iniziali a Wall Street

Uber ha depositato la documentazione confidenziale per la sua offerta pubblica iniziale presso la Securities and Exchange Commission, la Consob americana, accelerando così i tempi di un suo sbarco in borsa. Lo scrive il Wall Street Journal, che cita fonti vicine alla vicenda, sottolineando come si tratti di una mossa che segue di poche ore quella della rivale Lyft che giovedì aveva effettuato lo stesso passo, e che di fatto crea un’ulteriore competizione tra i due colossi della mobilità alternativa su chi sarà il primo a sbarcare in borsa.

Cristiana Pegoraro: come "toccare" (e ringiovanire) la musica classica

Dall'infanzia ai palcoscenici di tutto il mondo. La concertista di Terni trapiantata a New York racconta la fisicità associata al pianoforte e come "narrare" un genere nato nel diciannovesimo secolo

A quattro anni iniziò a suonare in un asilo pubblico di Terni ma ricorda ancora "le note colorate del pentagramma". A 10 sapeva già che voleva fare la concertista. Al posto di ascoltare la madre, che la esortava a "non studiare così tanto e a stare con gli altri bambini", lei giocava con il pianoforte. E se le pareti delle stanze delle sue amichette erano tappezzate dai volti dei cantati più gettonati del momento, quelle di lei ospitavano compositori come Frédéric Chopin e poster delle loro mani. Perché è nelle mani che Cristiana Pegoraro conserva con cura il suo talento, "che è solo un punto di partenza", oltre che la sua passione. Quella di suonare il pianoforte.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Russiagate, Cohen e Manafort rischiano il carcere. Trump: "Io scagionato"

L’ex avvocato del tycoon rischia 4 anni, mentre l’ex responsabile della campagna fino a 10

È stato Donald Trump a ordinare a Micheal Cohen, durante la campagna elettorale, i pagamenti illeciti alla pornostar Stormy Daniels e alla modella di Playboy Karen McDougal per scongiurare un possibile scandalo sessuale che avrebbe minacciato la sua corsa alla Casa Bianca. A sostenerlo sono i procuratori federali che hanno interrogato l’ex avvocato personale del tycoon. Cohen "ha agito in coordinamento e sotto la direzione" di un individuo che nelle carte non viene nominato ma che è chiaramente Trump, hanno dichiarato i procuratori che possono infliggere all'ex avvocato personale del presidente una pena fino a quattro anni di carcere.

Trump nomina Nauert all'Onu, Barr alla Giustizia

Nauert è un'ex giornalista di Fox News, Barr ha guidato il ministero già dal 1991 al 1993, sotto Bush

 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha nominato Heather Nauert come ambasciatrice alle Nazioni Unite; prenderà il posto di Nikki Haley, che ha deciso di lasciare l'incarico. Prima di diventare portavoce del dipartimento di Stato, è stata conduttrice e corrispondente di Fox News. Inoltre, il presidente ha detto che nominerà William Barr come segretario alla Giustizia; al momento, l'incarico è occupato pro tempore da Matthew Whitaker, dopo le dimissioni di Jeff Sessions.

O'Rourke pensa alle presidenziali Usa, ha incontrato Obama

 Il deputato, dopo la sconfitta contro Cruz, resta tra i democratici papabili
Ap

Beto O'Rourke, che sta riflettendo su una possibile candidatura alle presidenziali statunitensi del 2020, ha recentemente incontrato Barack Obama negli uffici dell'ex presidente a Washington. Lo scrive il Washington Post, secondo cui l'incontro sarebbe avvenuto il 16 novembre, dieci giorni dopo la sconfitta di O'Rourke contro il repubblicano Ted Cruz in Texas, per un seggio nel Senato federale.