Trump silura il capo dell'Fbi: non sembra una coincidenza

Partita la ricerca al successore di James Comey, accusato di avere gestito male il caso sulle email di Clinton. Ma c'è chi fa paragoni con lo scandalo Watergate. I democratici chiedono un procuratore speciale che porti avanti indagini sulla Russia

Alla fine James Comey è stato licenziato. Da Donald Trump, che ora può nominare a suo piacimento il nuovo capo dell'Fbi. Scelto da Barack Obama nel 2013 e sopravvissuto alle polemiche sorte sul finire della campagna elettorale per la sua gestione dell'emailgate riguardante Hillary Clinton, Comey è stato silurato con effetto immediato nella serata america del 9 maggio2017. Una mossa giudicata da molti "scioccante" dal momento che si è verificata mentre la polizia federale americana guidata da Cmey sta conducendo un'inchiesta sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dell'8 novembre 2016 e sui potenziali legami tra lo staff di Trump e funzionari russi. Non a caso l'opposizione democratica, che subito ha fatto paragoni allo scandalo Watergate, ha chiesto la nomina di un procuratore speciale che porti avanti le indagini sul Russiagate. Comey è il secondo e unico direttore dell'Fbi ad essere stato cacciato: lo stesso destino toccò nel 1993 a William Sessions; allora alla presidenza c'era Bill Clinton.

Il 45esimo presidente americano ha preso la decisione legalmente lecita ma politicamente controversa seguendo le raccomandazioni giunte dal segretario alla Giustizia Jeff Sessions - che si è astenuto dal cosiddetto Russiagate su cui indaga anche il Congresso - e dal suo vice Rod Rosenstein.

"L'Fbi è una delle istituzioni più rispettate e lodate della nostra nazione", ha detto il portavoce di Trump in una nota. La mossa "segna un nuovo inizio per il gioiello delle forze dell'ordine" Usa. La ricerca di un successore "qualificato e con esperienza" è già iniziata.

Comey è stato informato dallo stesso Trump con una lettera consegnata a mano e nella quale ha scritto: "Pur apprezzando notevolmente il fatto che mi abbiate fatto sapere, in tre diverse occasioni, che non sono sotto inchiesta, non posso che concordare con il dipartimento di Giustizia: Lei non è in grado di guidare in modo efficace il bureau". Nella stessa missiva, l'inquilino della Casa Bianca ha spiegato che "è essenziale trovare una nuova leadership nell'Fbi per ristabilire la fiducia del pubblico nella sua missione vitale".

Il motivo (politico?) del licenziamento
Apparentemente, il motivo del licenziamento è semplice: secondo funzionari del dipartimento di Giustizia, Comey ha violato i principi del dipartimento stesso nel gestire il caso delle email di Clinton. Peccato che un simile giudizio arrivi a scoppio ritardato e che Trump, una settimana prima della chiamate alle urne che gli avrebbe poi garantito una vittoria a sorpresa, avesse lodato "il pelo sullo stomaco" dimostrato da Comey il 28 ottobre scorso, quando comunicò al Congresso il ritrovamento di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa l'estate precedente senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato di Clinton durante gli anni in cui lei era a capo della diplomazia Usa. Secondo l'allora candidato repubblicano, quella mossa era "stata la cosa giusta da fare" e grazie alla quale Trump aveva "riconquistato fiducia" in Comey. Poi il caso fu chiuso, di nuovo, senza alcuna incriminazione a due giorni dalle elezioni.

Non solo. Il vicesegretario alla Giustizia ha fatto riferimento alla conferenza stampa del luglio 2016 nella quale Comey aveva annunciato che Clinton non sarebbe stata incriminata nonostante un comportamento "estremamente imprudente" riguardante l'uso di un server privato quando era appunto segretario di Stato. Secondo Rosenstein, Comey aveva scavalcato l'allora segretario alla Giustizia Loretta Lynch. "Non si fanno conferenze per fornire informazioni dispregiative", come se i rivali di Clinton non fossero stati contenti di qualsiasi dichiarazione a danno dell'allora rivale di Trump.

"La reputazione e la credibilità dell'Fbi hanno sofferto un danno notevole e ciò ha condizionato tutto il dipartimento di Giustizia", ha continuato Rosenstein in un memo. "Non posso difendere la gestione del direttore [dell'Fbi] sulle conclusioni dell'indagine riguardante le email di Clinton e non capisco il suo rifiuto ad accettare l'opinione generale secondo cui lui ha sbagliato. Quasi tutti sono d'accordo nel credere che il direttore abbia fatto errori seri; è una delle poche cose che uniscono le persone dalle vedute diverse".

Le reazioni

Subito i critici dell'amministrazione Trump hanno sollevato il sospetto che questa sia solo una scusa e che il licenziamento di Comey sia dettato da motivi politici. Non a caso c'è chi paragona quanto successo al licenziamento voluto il 20 ottobre 1973 dal 37esimo presidente Richard Nixon di Archibald Cox, il procuratore speciale nello scandalo Watergate che ha poi portato l'anno successivo alle dimissioni dello stesso Nixon.

James Clapper, l'ex capo dell'intelligence Usa, ha detto che l'addio di Comey rappresenta "una grave perdita per l'Fbi e la nazione".

Charles Schumer, il leader della minoranza democratica al Senato, ha spiegato di avere detto a Trump che la mossa rappresenta un "grande errore". E' lui ad avere posto le domande che il Paese intero si domanda: Perché ora? Perché l'amministrazione Trump non ha sollevato le sue obiezioni su Comey nel momento in cui il 45esimo presidente è entrato nella Casa Bianca? Il sospetto è che il licenziamento di Comey "non sia una coincidenza" come non lo è stato il siluramento di Sally Yates, ex segretario alla Giustizia ad interim cacciata da Trump a 10 giorni esatti dal suo insediamento (aveva consigliato a tutti gli avvocati del dipartimento di non difendere in tribunale la prima versione del 'muslim ban' voluto dal successore di Obama). Anche Preet Bharara, procuratore di Manhattan, è stato "fired" da Trump. Questi licenziamenti sono per Schumer "profondamente preoccupanti". E se Trump non nomina un procuratore speciale, ha detto il senatore di New York, "il popolo americano sarà portato a credere che si tratti di una copertura". In salsa russa, viene da dire.

Secondo Richard Blumenthal, senatore parte della commissione Giustizia, Trump ha compromesso catastroficamente le indagini in corso dell'Fbi sui legami della Casa Biabca con la Russia. Il nostro sistema legale non è mai stato così minacciato dai tempi del Watergate e la nostra fede nell'indipendenza e integrità di questo sistema sono scossi".

Invece che brindare, anche la squadra di Clinton durante la campagna ha mostrato scetticismo. Tim Kain, colui che sarebbe diventato presidente nel caso l'ex first lady fosse diventata presidente, ha twittato: "Il licenziamento di Comey da parte di Trump dimostra quanto all'amministrazione sia preoccupata dell'inchiesta sulla Russia. Il licenziamento di Comey è parte di un'abitudine della Casa Bianca di coprire la verità".

John Podesta, il presidente della campagna di Clinton, ha fatto riferimento all'epurazione di Nixon avvenuta nel cosiddetto "Massacro del sabato notte" e su Twitter ha scritto: "@realDonaldTrump, non sapevi che dovevi aspettare fino a sabato notte per massacrare le persone che stanno indagando su di te?".

Il senatore repubblicano Marco Rubio non ha voluto commentare ma ha detto di aspettarsi "che l'Fbi continui a funzionare". Ora sarà guidato ad interim da Andrew McCabe, a sua volta travolto dalle polemiche perché lo scorso anno aiutà nell'inchiesta sull'Emailgate anche se la moglie aveva accettato donazioni da organizzazioni politiche democratiche per una corsa (senza successo) al Senato nello Stato della Virginia.

Lindey Graham, un senatore del Gop per niente vicino a Trump, ha promosso invece il licenziamento di Comey: "Viste le controversie recenti riguardanti il direttore, credo che un nuovo inizio farà bene all'Fbi e alla nazione".


Comey si era sbagliato in una testimonianza al Congresso

L'allontanamento di Comey, le cui azioni controverse sono state viste da Clinton come alla fonte della sua amarissima sconfitta elettorale, è arrivato nella stessa giornata in cui l'Fbi è stato costretto a fornire delle precisazioni al Congresso su dichiarazioni inaccurate rilasciate sei giorni prima dall'ormai ex direttore dell'Fbi davanti ai membri della commissione Giudiziaria al Senato (che a sua volta sta indagando sul Russiagate).

In quell'occasione, Comey si era detto convinto che fosse stata "difficile" ma "giusta" la decisione del 28 ottobre scorso di comunicare al Congresso il ritrovamento di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa l'estate precedente senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato di Clinton durante gli anni in cui lei era a capo della diplomazia Usa. Due giorni prima della chiamate alle urne, lo stesso Comey annunciò poi che l'allora candidata democratica alla presidenza non rischiava un'incriminazione per la gestione di informazioni top secret, proprio come concluso l'estate precedente.

Nel parlare di quell'episodio controverso, che secondo Clinton è alla radice della sua sconfitta contro Trump, Comey fece riferimento al ritrovamento di migliaia di email di Huma Abedin, braccio destro dell'ex segretario di Stato nonché ex moglie di Anthony Weiner (politico caduto in disgrazia per sexting).

"Le sue email (quelle di Clinton, ndr) venivano inoltrate a Anthony Weiner, incluse quelle con informazioni top secret", disse Comey durante l'audizione al Congresso. "L'allora moglie Huma Abedin sembra avesse l'abitudine di inoltrare le email a lui in modo tale che lui potesse, credo, stamparle per lei permettendo poi a lei stessa di consegnarle al segretario di Stato".

A un certo punto, il capo dell'Fbi ha precisato che Abedin "ha inoltrato centinaia di migliaia di email, alcune contenti informazioni classificate". Stando a persone coinvolte nell'inchiesta in corso, queste affermazioni sono inaccurate. In base all'inchiesta stessa, infatti, Abedin aveva inoltrato email al marito affinché le stampasse solo raramente e in misura decisamente più contenuta di quanto riferito da Comey. Insomma, quella di Abedin non era affatto "un'abitudine", riferiscono le fonti secondo cui per altro nessuna delle email inoltrate era marcata come top secret. Soltanto una manciata di email conteneva informazioni che solo successivamente furono definite come 'classified'.

Alla luce di questa confusione, l'Fbi ha scritto che il trasferimento di dati a cui Comey ha fatto riferimento "si è verificato come risultato di un backup di dispositivi elettronici personali" e che Abedin ha "inoltrato manualmente" solo due catene di email contenenti informazioni top secret.

Altri Servizi

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

General Electric serra i ranghi e cerca la via giusta per il rilancio. Il rinnovamento della conglomerata industriale americana passa anche per un rimpasto al vertiche: come ha fatto sapere l'amministratore delegato John Flannery, tre top manager lasceranno l'azienda. Si tratta del direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

Marchionne celebra al Nyse i 70 anni di Ferrari

Il Ceo del gruppo torna a Wall Street a due anni dall'Ipo del Cavallino rampante. Da allora +116% per il titolo dal simbolo RACE
Da sinistra, Sergio Marchionne, Piero Ferrari, John Elkann

Ferrari continua a celebrare il suo 70esimo anniversario. E lo fa anche a NY, dove nel giorno in cui l'America celebra Cristoforo Colombo il Ceo Marchionne suonerà la campanella che segna l'avvio degli scambi al NYSE. Proprio lì dove il Cavallino rampante si è quotato nell'ottobre 2015. Da allora, il titolo del gruppo ha mantenuto fede al suo simbolo: RACE, corsa. In due anni si è infatti passati da un prezzo di collocamento di 52 dollari ai 112,6 dollari con cui ha chiuso le contrattazioni venerdì 6 ottobre. Si tratta di un balzo di oltre il 116%. Non è un caso che recentemente John Elkann - a capo di Exor, la cassaforte della famiglia Agnelli che controlla Fiat Chrysler Automobiles nonché socio di Ferrari - abbia espresso soddisfazione e abbia detto di non avere alcuna intenzione di vendere la partecipazione nel gruppo di Maranello. Nel frattempo, nel gennaio 2016, Ferrari è stata scorporata dall'azienda nata dall'unione dell'ex Lingotto e dell'ex Chrysler diventando un gruppo autonomo.

Google entra nel Russiagate: scoperte pubblicità comprate da Mosca per influenzare voto 2016

Secondo fonti vicine alle indagini interne di Google, agenti russi avrebbero speso decine di migliaia di dollari per diffondere notizie non accurate. Emerge da un'esclusiva dal Washington Post.
AP

Anche Google, come Facebook, entra nel Russiagate. Il colosso di Mountain View, secondo indiscrezioni riportate in esclusiva dal Washington Post, ha scoperto pubblicità comprate da soggetti russi sulle piattaforme della società per interferire con le elezioni presidenziali americane di novembre 2016.

Il problema di Amazon con i prodotti di lusso

Regole poco rigide sulla contraffazione e sui rivenditori non autorizzati tengono lontani dal colosso dell'E-commerce marchi come Gucci, Fendi, Louis Vuitton, Moet&Chandon e tanti altri

All’inizio di quest’anno Swatch Group, conglomerata svizzera che opera nel campo degli orologi, aveva manifestato l’intenzione di vendere alcuni dei suoi prodotti di lusso su Amazon. Dopo mesi di colloqui l’accordo tra le due compagnie si è concluso con un nulla di fatto e il motivo lo spiega un articolo del Washington Post.

Facebook contro le fake news: offre più informazioni sugli articoli

Accanto a una notizia nel News Feed compare il bottone "i" per ricevere dati aggiuntivi
Facebook

Accusato da più parti di avere favorito la circolazione di notizie false sulla propria piattaforma, Facebook corre ulteriormente ai ripari. Il social network ha deciso di fornire un contesto agli articoli che compaiono nel tradizionale News Feed.

Riforma sanitaria, Trump disposto ad un "accordo temporaneo"

Poi la promessa su Trinity Broadcasting Network: "Avremo una riforma entro le prossime elezioni"
AP

In attesa di superare l’impasse che frena l’abrogazione e la sostituzione dell’Obamacare, il presidente Donald Trump si è detto pronto a perseguire "un accordo temporaneo" sulla riforma sanitaria.

Fendi

Perché in Italia esistono ancora così tanti monumenti di epoca fascista? A chiederselo è il New Yorker, in un articolo dal titolo secco e provocatorio firmato da Ruth Ben-Ghiat, docente di storia e studi italiani presso la New York University. Mentre in Usa continua il dibattito sui monumenti sudisti e sulle statue di Cristoforo Colombo, nel suo pezzo Ben-Ghiat esprime tutto il suo stupore non solo per il fatto che questi monumenti siano rimasti ma soprattutto perché sono ancora oggi ben visibili.

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale. Anche le produzione americane di fantascienza hanno scelto angoli meno noti per ambientare scontri epici, da Star Wars agli Avengers, lasciando in secondo piano le città storiche come Roma, Firenze e Venezia, teatri di numerose riprese di commedie o film di azione negli ultimi anni.