Trump silura il capo dell'Fbi: non sembra una coincidenza

Partita la ricerca al successore di James Comey, accusato di avere gestito male il caso sulle email di Clinton. Ma c'è chi fa paragoni con lo scandalo Watergate. I democratici chiedono un procuratore speciale che porti avanti indagini sulla Russia

Alla fine James Comey è stato licenziato. Da Donald Trump, che ora può nominare a suo piacimento il nuovo capo dell'Fbi. Scelto da Barack Obama nel 2013 e sopravvissuto alle polemiche sorte sul finire della campagna elettorale per la sua gestione dell'emailgate riguardante Hillary Clinton, Comey è stato silurato con effetto immediato nella serata america del 9 maggio2017. Una mossa giudicata da molti "scioccante" dal momento che si è verificata mentre la polizia federale americana guidata da Cmey sta conducendo un'inchiesta sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dell'8 novembre 2016 e sui potenziali legami tra lo staff di Trump e funzionari russi. Non a caso l'opposizione democratica, che subito ha fatto paragoni allo scandalo Watergate, ha chiesto la nomina di un procuratore speciale che porti avanti le indagini sul Russiagate. Comey è il secondo e unico direttore dell'Fbi ad essere stato cacciato: lo stesso destino toccò nel 1993 a William Sessions; allora alla presidenza c'era Bill Clinton.

Il 45esimo presidente americano ha preso la decisione legalmente lecita ma politicamente controversa seguendo le raccomandazioni giunte dal segretario alla Giustizia Jeff Sessions - che si è astenuto dal cosiddetto Russiagate su cui indaga anche il Congresso - e dal suo vice Rod Rosenstein.

"L'Fbi è una delle istituzioni più rispettate e lodate della nostra nazione", ha detto il portavoce di Trump in una nota. La mossa "segna un nuovo inizio per il gioiello delle forze dell'ordine" Usa. La ricerca di un successore "qualificato e con esperienza" è già iniziata.

Comey è stato informato dallo stesso Trump con una lettera consegnata a mano e nella quale ha scritto: "Pur apprezzando notevolmente il fatto che mi abbiate fatto sapere, in tre diverse occasioni, che non sono sotto inchiesta, non posso che concordare con il dipartimento di Giustizia: Lei non è in grado di guidare in modo efficace il bureau". Nella stessa missiva, l'inquilino della Casa Bianca ha spiegato che "è essenziale trovare una nuova leadership nell'Fbi per ristabilire la fiducia del pubblico nella sua missione vitale".

Il motivo (politico?) del licenziamento
Apparentemente, il motivo del licenziamento è semplice: secondo funzionari del dipartimento di Giustizia, Comey ha violato i principi del dipartimento stesso nel gestire il caso delle email di Clinton. Peccato che un simile giudizio arrivi a scoppio ritardato e che Trump, una settimana prima della chiamate alle urne che gli avrebbe poi garantito una vittoria a sorpresa, avesse lodato "il pelo sullo stomaco" dimostrato da Comey il 28 ottobre scorso, quando comunicò al Congresso il ritrovamento di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa l'estate precedente senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato di Clinton durante gli anni in cui lei era a capo della diplomazia Usa. Secondo l'allora candidato repubblicano, quella mossa era "stata la cosa giusta da fare" e grazie alla quale Trump aveva "riconquistato fiducia" in Comey. Poi il caso fu chiuso, di nuovo, senza alcuna incriminazione a due giorni dalle elezioni.

Non solo. Il vicesegretario alla Giustizia ha fatto riferimento alla conferenza stampa del luglio 2016 nella quale Comey aveva annunciato che Clinton non sarebbe stata incriminata nonostante un comportamento "estremamente imprudente" riguardante l'uso di un server privato quando era appunto segretario di Stato. Secondo Rosenstein, Comey aveva scavalcato l'allora segretario alla Giustizia Loretta Lynch. "Non si fanno conferenze per fornire informazioni dispregiative", come se i rivali di Clinton non fossero stati contenti di qualsiasi dichiarazione a danno dell'allora rivale di Trump.

"La reputazione e la credibilità dell'Fbi hanno sofferto un danno notevole e ciò ha condizionato tutto il dipartimento di Giustizia", ha continuato Rosenstein in un memo. "Non posso difendere la gestione del direttore [dell'Fbi] sulle conclusioni dell'indagine riguardante le email di Clinton e non capisco il suo rifiuto ad accettare l'opinione generale secondo cui lui ha sbagliato. Quasi tutti sono d'accordo nel credere che il direttore abbia fatto errori seri; è una delle poche cose che uniscono le persone dalle vedute diverse".

Le reazioni

Subito i critici dell'amministrazione Trump hanno sollevato il sospetto che questa sia solo una scusa e che il licenziamento di Comey sia dettato da motivi politici. Non a caso c'è chi paragona quanto successo al licenziamento voluto il 20 ottobre 1973 dal 37esimo presidente Richard Nixon di Archibald Cox, il procuratore speciale nello scandalo Watergate che ha poi portato l'anno successivo alle dimissioni dello stesso Nixon.

James Clapper, l'ex capo dell'intelligence Usa, ha detto che l'addio di Comey rappresenta "una grave perdita per l'Fbi e la nazione".

Charles Schumer, il leader della minoranza democratica al Senato, ha spiegato di avere detto a Trump che la mossa rappresenta un "grande errore". E' lui ad avere posto le domande che il Paese intero si domanda: Perché ora? Perché l'amministrazione Trump non ha sollevato le sue obiezioni su Comey nel momento in cui il 45esimo presidente è entrato nella Casa Bianca? Il sospetto è che il licenziamento di Comey "non sia una coincidenza" come non lo è stato il siluramento di Sally Yates, ex segretario alla Giustizia ad interim cacciata da Trump a 10 giorni esatti dal suo insediamento (aveva consigliato a tutti gli avvocati del dipartimento di non difendere in tribunale la prima versione del 'muslim ban' voluto dal successore di Obama). Anche Preet Bharara, procuratore di Manhattan, è stato "fired" da Trump. Questi licenziamenti sono per Schumer "profondamente preoccupanti". E se Trump non nomina un procuratore speciale, ha detto il senatore di New York, "il popolo americano sarà portato a credere che si tratti di una copertura". In salsa russa, viene da dire.

Secondo Richard Blumenthal, senatore parte della commissione Giustizia, Trump ha compromesso catastroficamente le indagini in corso dell'Fbi sui legami della Casa Biabca con la Russia. Il nostro sistema legale non è mai stato così minacciato dai tempi del Watergate e la nostra fede nell'indipendenza e integrità di questo sistema sono scossi".

Invece che brindare, anche la squadra di Clinton durante la campagna ha mostrato scetticismo. Tim Kain, colui che sarebbe diventato presidente nel caso l'ex first lady fosse diventata presidente, ha twittato: "Il licenziamento di Comey da parte di Trump dimostra quanto all'amministrazione sia preoccupata dell'inchiesta sulla Russia. Il licenziamento di Comey è parte di un'abitudine della Casa Bianca di coprire la verità".

John Podesta, il presidente della campagna di Clinton, ha fatto riferimento all'epurazione di Nixon avvenuta nel cosiddetto "Massacro del sabato notte" e su Twitter ha scritto: "@realDonaldTrump, non sapevi che dovevi aspettare fino a sabato notte per massacrare le persone che stanno indagando su di te?".

Il senatore repubblicano Marco Rubio non ha voluto commentare ma ha detto di aspettarsi "che l'Fbi continui a funzionare". Ora sarà guidato ad interim da Andrew McCabe, a sua volta travolto dalle polemiche perché lo scorso anno aiutà nell'inchiesta sull'Emailgate anche se la moglie aveva accettato donazioni da organizzazioni politiche democratiche per una corsa (senza successo) al Senato nello Stato della Virginia.

Lindey Graham, un senatore del Gop per niente vicino a Trump, ha promosso invece il licenziamento di Comey: "Viste le controversie recenti riguardanti il direttore, credo che un nuovo inizio farà bene all'Fbi e alla nazione".


Comey si era sbagliato in una testimonianza al Congresso

L'allontanamento di Comey, le cui azioni controverse sono state viste da Clinton come alla fonte della sua amarissima sconfitta elettorale, è arrivato nella stessa giornata in cui l'Fbi è stato costretto a fornire delle precisazioni al Congresso su dichiarazioni inaccurate rilasciate sei giorni prima dall'ormai ex direttore dell'Fbi davanti ai membri della commissione Giudiziaria al Senato (che a sua volta sta indagando sul Russiagate).

In quell'occasione, Comey si era detto convinto che fosse stata "difficile" ma "giusta" la decisione del 28 ottobre scorso di comunicare al Congresso il ritrovamento di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa l'estate precedente senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato di Clinton durante gli anni in cui lei era a capo della diplomazia Usa. Due giorni prima della chiamate alle urne, lo stesso Comey annunciò poi che l'allora candidata democratica alla presidenza non rischiava un'incriminazione per la gestione di informazioni top secret, proprio come concluso l'estate precedente.

Nel parlare di quell'episodio controverso, che secondo Clinton è alla radice della sua sconfitta contro Trump, Comey fece riferimento al ritrovamento di migliaia di email di Huma Abedin, braccio destro dell'ex segretario di Stato nonché ex moglie di Anthony Weiner (politico caduto in disgrazia per sexting).

"Le sue email (quelle di Clinton, ndr) venivano inoltrate a Anthony Weiner, incluse quelle con informazioni top secret", disse Comey durante l'audizione al Congresso. "L'allora moglie Huma Abedin sembra avesse l'abitudine di inoltrare le email a lui in modo tale che lui potesse, credo, stamparle per lei permettendo poi a lei stessa di consegnarle al segretario di Stato".

A un certo punto, il capo dell'Fbi ha precisato che Abedin "ha inoltrato centinaia di migliaia di email, alcune contenti informazioni classificate". Stando a persone coinvolte nell'inchiesta in corso, queste affermazioni sono inaccurate. In base all'inchiesta stessa, infatti, Abedin aveva inoltrato email al marito affinché le stampasse solo raramente e in misura decisamente più contenuta di quanto riferito da Comey. Insomma, quella di Abedin non era affatto "un'abitudine", riferiscono le fonti secondo cui per altro nessuna delle email inoltrate era marcata come top secret. Soltanto una manciata di email conteneva informazioni che solo successivamente furono definite come 'classified'.

Alla luce di questa confusione, l'Fbi ha scritto che il trasferimento di dati a cui Comey ha fatto riferimento "si è verificato come risultato di un backup di dispositivi elettronici personali" e che Abedin ha "inoltrato manualmente" solo due catene di email contenenti informazioni top secret.

Altri Servizi

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap