Trump silura il capo dell'Fbi: non sembra una coincidenza

Partita la ricerca al successore di James Comey, accusato di avere gestito male il caso sulle email di Clinton. Ma c'è chi fa paragoni con lo scandalo Watergate. I democratici chiedono un procuratore speciale che porti avanti indagini sulla Russia

Alla fine James Comey è stato licenziato. Da Donald Trump, che ora può nominare a suo piacimento il nuovo capo dell'Fbi. Scelto da Barack Obama nel 2013 e sopravvissuto alle polemiche sorte sul finire della campagna elettorale per la sua gestione dell'emailgate riguardante Hillary Clinton, Comey è stato silurato con effetto immediato nella serata america del 9 maggio2017. Una mossa giudicata da molti "scioccante" dal momento che si è verificata mentre la polizia federale americana guidata da Cmey sta conducendo un'inchiesta sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dell'8 novembre 2016 e sui potenziali legami tra lo staff di Trump e funzionari russi. Non a caso l'opposizione democratica, che subito ha fatto paragoni allo scandalo Watergate, ha chiesto la nomina di un procuratore speciale che porti avanti le indagini sul Russiagate. Comey è il secondo e unico direttore dell'Fbi ad essere stato cacciato: lo stesso destino toccò nel 1993 a William Sessions; allora alla presidenza c'era Bill Clinton.

Il 45esimo presidente americano ha preso la decisione legalmente lecita ma politicamente controversa seguendo le raccomandazioni giunte dal segretario alla Giustizia Jeff Sessions - che si è astenuto dal cosiddetto Russiagate su cui indaga anche il Congresso - e dal suo vice Rod Rosenstein.

"L'Fbi è una delle istituzioni più rispettate e lodate della nostra nazione", ha detto il portavoce di Trump in una nota. La mossa "segna un nuovo inizio per il gioiello delle forze dell'ordine" Usa. La ricerca di un successore "qualificato e con esperienza" è già iniziata.

Comey è stato informato dallo stesso Trump con una lettera consegnata a mano e nella quale ha scritto: "Pur apprezzando notevolmente il fatto che mi abbiate fatto sapere, in tre diverse occasioni, che non sono sotto inchiesta, non posso che concordare con il dipartimento di Giustizia: Lei non è in grado di guidare in modo efficace il bureau". Nella stessa missiva, l'inquilino della Casa Bianca ha spiegato che "è essenziale trovare una nuova leadership nell'Fbi per ristabilire la fiducia del pubblico nella sua missione vitale".

Il motivo (politico?) del licenziamento
Apparentemente, il motivo del licenziamento è semplice: secondo funzionari del dipartimento di Giustizia, Comey ha violato i principi del dipartimento stesso nel gestire il caso delle email di Clinton. Peccato che un simile giudizio arrivi a scoppio ritardato e che Trump, una settimana prima della chiamate alle urne che gli avrebbe poi garantito una vittoria a sorpresa, avesse lodato "il pelo sullo stomaco" dimostrato da Comey il 28 ottobre scorso, quando comunicò al Congresso il ritrovamento di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa l'estate precedente senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato di Clinton durante gli anni in cui lei era a capo della diplomazia Usa. Secondo l'allora candidato repubblicano, quella mossa era "stata la cosa giusta da fare" e grazie alla quale Trump aveva "riconquistato fiducia" in Comey. Poi il caso fu chiuso, di nuovo, senza alcuna incriminazione a due giorni dalle elezioni.

Non solo. Il vicesegretario alla Giustizia ha fatto riferimento alla conferenza stampa del luglio 2016 nella quale Comey aveva annunciato che Clinton non sarebbe stata incriminata nonostante un comportamento "estremamente imprudente" riguardante l'uso di un server privato quando era appunto segretario di Stato. Secondo Rosenstein, Comey aveva scavalcato l'allora segretario alla Giustizia Loretta Lynch. "Non si fanno conferenze per fornire informazioni dispregiative", come se i rivali di Clinton non fossero stati contenti di qualsiasi dichiarazione a danno dell'allora rivale di Trump.

"La reputazione e la credibilità dell'Fbi hanno sofferto un danno notevole e ciò ha condizionato tutto il dipartimento di Giustizia", ha continuato Rosenstein in un memo. "Non posso difendere la gestione del direttore [dell'Fbi] sulle conclusioni dell'indagine riguardante le email di Clinton e non capisco il suo rifiuto ad accettare l'opinione generale secondo cui lui ha sbagliato. Quasi tutti sono d'accordo nel credere che il direttore abbia fatto errori seri; è una delle poche cose che uniscono le persone dalle vedute diverse".

Le reazioni

Subito i critici dell'amministrazione Trump hanno sollevato il sospetto che questa sia solo una scusa e che il licenziamento di Comey sia dettato da motivi politici. Non a caso c'è chi paragona quanto successo al licenziamento voluto il 20 ottobre 1973 dal 37esimo presidente Richard Nixon di Archibald Cox, il procuratore speciale nello scandalo Watergate che ha poi portato l'anno successivo alle dimissioni dello stesso Nixon.

James Clapper, l'ex capo dell'intelligence Usa, ha detto che l'addio di Comey rappresenta "una grave perdita per l'Fbi e la nazione".

Charles Schumer, il leader della minoranza democratica al Senato, ha spiegato di avere detto a Trump che la mossa rappresenta un "grande errore". E' lui ad avere posto le domande che il Paese intero si domanda: Perché ora? Perché l'amministrazione Trump non ha sollevato le sue obiezioni su Comey nel momento in cui il 45esimo presidente è entrato nella Casa Bianca? Il sospetto è che il licenziamento di Comey "non sia una coincidenza" come non lo è stato il siluramento di Sally Yates, ex segretario alla Giustizia ad interim cacciata da Trump a 10 giorni esatti dal suo insediamento (aveva consigliato a tutti gli avvocati del dipartimento di non difendere in tribunale la prima versione del 'muslim ban' voluto dal successore di Obama). Anche Preet Bharara, procuratore di Manhattan, è stato "fired" da Trump. Questi licenziamenti sono per Schumer "profondamente preoccupanti". E se Trump non nomina un procuratore speciale, ha detto il senatore di New York, "il popolo americano sarà portato a credere che si tratti di una copertura". In salsa russa, viene da dire.

Secondo Richard Blumenthal, senatore parte della commissione Giustizia, Trump ha compromesso catastroficamente le indagini in corso dell'Fbi sui legami della Casa Biabca con la Russia. Il nostro sistema legale non è mai stato così minacciato dai tempi del Watergate e la nostra fede nell'indipendenza e integrità di questo sistema sono scossi".

Invece che brindare, anche la squadra di Clinton durante la campagna ha mostrato scetticismo. Tim Kain, colui che sarebbe diventato presidente nel caso l'ex first lady fosse diventata presidente, ha twittato: "Il licenziamento di Comey da parte di Trump dimostra quanto all'amministrazione sia preoccupata dell'inchiesta sulla Russia. Il licenziamento di Comey è parte di un'abitudine della Casa Bianca di coprire la verità".

John Podesta, il presidente della campagna di Clinton, ha fatto riferimento all'epurazione di Nixon avvenuta nel cosiddetto "Massacro del sabato notte" e su Twitter ha scritto: "@realDonaldTrump, non sapevi che dovevi aspettare fino a sabato notte per massacrare le persone che stanno indagando su di te?".

Il senatore repubblicano Marco Rubio non ha voluto commentare ma ha detto di aspettarsi "che l'Fbi continui a funzionare". Ora sarà guidato ad interim da Andrew McCabe, a sua volta travolto dalle polemiche perché lo scorso anno aiutà nell'inchiesta sull'Emailgate anche se la moglie aveva accettato donazioni da organizzazioni politiche democratiche per una corsa (senza successo) al Senato nello Stato della Virginia.

Lindey Graham, un senatore del Gop per niente vicino a Trump, ha promosso invece il licenziamento di Comey: "Viste le controversie recenti riguardanti il direttore, credo che un nuovo inizio farà bene all'Fbi e alla nazione".


Comey si era sbagliato in una testimonianza al Congresso

L'allontanamento di Comey, le cui azioni controverse sono state viste da Clinton come alla fonte della sua amarissima sconfitta elettorale, è arrivato nella stessa giornata in cui l'Fbi è stato costretto a fornire delle precisazioni al Congresso su dichiarazioni inaccurate rilasciate sei giorni prima dall'ormai ex direttore dell'Fbi davanti ai membri della commissione Giudiziaria al Senato (che a sua volta sta indagando sul Russiagate).

In quell'occasione, Comey si era detto convinto che fosse stata "difficile" ma "giusta" la decisione del 28 ottobre scorso di comunicare al Congresso il ritrovamento di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa l'estate precedente senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato di Clinton durante gli anni in cui lei era a capo della diplomazia Usa. Due giorni prima della chiamate alle urne, lo stesso Comey annunciò poi che l'allora candidata democratica alla presidenza non rischiava un'incriminazione per la gestione di informazioni top secret, proprio come concluso l'estate precedente.

Nel parlare di quell'episodio controverso, che secondo Clinton è alla radice della sua sconfitta contro Trump, Comey fece riferimento al ritrovamento di migliaia di email di Huma Abedin, braccio destro dell'ex segretario di Stato nonché ex moglie di Anthony Weiner (politico caduto in disgrazia per sexting).

"Le sue email (quelle di Clinton, ndr) venivano inoltrate a Anthony Weiner, incluse quelle con informazioni top secret", disse Comey durante l'audizione al Congresso. "L'allora moglie Huma Abedin sembra avesse l'abitudine di inoltrare le email a lui in modo tale che lui potesse, credo, stamparle per lei permettendo poi a lei stessa di consegnarle al segretario di Stato".

A un certo punto, il capo dell'Fbi ha precisato che Abedin "ha inoltrato centinaia di migliaia di email, alcune contenti informazioni classificate". Stando a persone coinvolte nell'inchiesta in corso, queste affermazioni sono inaccurate. In base all'inchiesta stessa, infatti, Abedin aveva inoltrato email al marito affinché le stampasse solo raramente e in misura decisamente più contenuta di quanto riferito da Comey. Insomma, quella di Abedin non era affatto "un'abitudine", riferiscono le fonti secondo cui per altro nessuna delle email inoltrate era marcata come top secret. Soltanto una manciata di email conteneva informazioni che solo successivamente furono definite come 'classified'.

Alla luce di questa confusione, l'Fbi ha scritto che il trasferimento di dati a cui Comey ha fatto riferimento "si è verificato come risultato di un backup di dispositivi elettronici personali" e che Abedin ha "inoltrato manualmente" solo due catene di email contenenti informazioni top secret.

Altri Servizi

Oracle da record a Wall Street: torna a valere 200 miliardi di dollari

Utili e ricavi sopra le stime per il colosso del software, che raggiunge una capitalizzazione che non toccava dalla bolla tech. E' il primo gruppo di questo genere ad arrivare a un simile traguardo
iStock

Utili e ricavi trimestrali oltre le stime, grazie alle attività cloud. Questo spiega il rally nel dopo mercato a Wall Street del titolo Oracle, arrivato a guadagnare oltre il 10% e spingendosi sopra quota 51 dollari per la prima volta. La capitalizzazione del gruppo fondato da Larry Ellison (nella foto) è così balzata sopra i 200 miliardi di dollari per la prima volta dalla bolla tech di fine anni '90. E' la prima azienda che vende quasi esclusivamente a grandi gruppi e alla pubblica amministrazione ad avere raggiunto un tale valore. E' la dimostrazione di come il mercato inizi a credere nella transizione di Oracle verso il cloud computing.

Stephen Colbert annuncia dalla Russia: "Mi candido per Usa 2020"

Ospite di Evening Urgant, un late show russo, il presentatore e comico americano ha colto tutti di sorpresa con l’inaspettata dichiarazione

Sono passati poco più di sette mesi dalle elezioni che hanno consegnato a Donald Trump la presidenza degli Stati Uniti e c’è già chi sta pensando alla corsa alla Casa Bianca del 2020. Non stiamo parlando di Hillary Clinton o di qualche noto politico americano bensì di Stephen Colbert, comico e presentatore del Late Show, il famoso programma in onda in seconda serata su Cbs.

Dennis Rodman difende Kim Jong Un: "Avete un’opinione sbagliata su di lui"

L’ex stella Nba, di ritorno dal viaggio in Corea del Nord è intervenuto a Good Morning America su Abc

L’ex stella Nba dei Chicago Bulls, Dennis Rodman, è tornato in America dal suo tanto pubblicizzato viaggio in Corea del Nord. Si tratta della quinta visita del campione di basket al suo amico Kim Jong Un, la prima da quando Donald Trump si è insediato alla presidenza degli Stati Uniti. Eppure quest’ultimo viaggio è molto diverso dagli altri quattro, non solo per via del cambio alla presidenza degli Stati Uniti

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi a assumere funzionari per le posizioni più strategiche (ne abbiamo parlato qui), lunedì ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche che per la seconda volta cercheranno di discutere con il presidente americano le politiche che potrebbe adottare nei prossimi mesi.

Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi
Unsplash

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

È morto il cittadino americano detenuto 17 mesi in Corea del Nord

Otto Warmbier era stato liberato il 13 giugno e si trovava in coma, forse da più di un anno. Pyongyang detiene altri tre cittadini americani

È morto Otto Warmbier, il cittadino americano di 22 anni liberato la settimana scorsa dal regime della Corea del Nord. Si trovava in coma dal marzo del 2016 secondo quando ha fatto sapere il regime di Pyongyang. La famiglia - che ha diffuso la notizia - aveva detto che aveva gravi danni neurologici. Warmbier, 22 anni, era stato liberato la settimana scorsa dopo 17 mesi di detenzione: si trovava in Corea del Nord come turista quando era stato arrestato il 2 gennaio 2016 e poi condannato a 15 anni di lavori forzati per aver cercato di rubare un cartellone della propaganda del regime in un albergo. Il giovane, dopo un processo per direttissima di solo un'ora, era stato condannato con l'accusa di "atto ostile contro lo stato".

Riforma sanitaria a rischio dopo il quinto "no" di un senatore repubblicano

Dean Heller, repubblicano del Nevada, è l’ultimo in ordine di tempo ad esprimersi contro la versione che dovrebbe sostituire l’Obamacare

Donald Trump e i suoi alleati stanno prodigandosi il più possibile per aiutare i leader del Gop a far passare il testo della riforma sanitaria attualmente al vaglio del Senato statunitense. Per il tycoon newyorchese potrebbe essere una boccata d’ossigeno per rilanciare una presidenza sotto torchio per via dello scandalo sulla Russia e per rilanciare un’indice di popolarità ai minimi.

Google non leggerà più le nostre mail per scopi pubblicitari

La decisione segue la volontà di Mountain View di attrarre più clienti business
Shutterstock

Alphabet Inc, la controllante di Google, ha annunciato l’interruzione della scansione delle singole email a cui vengono sottoposti gli utenti di Gmail per scopi pubblicitari. Si tratta di una pratica introdotta nel 2014 e con la quale Mountain View ha sempre "analizzato" il contenuto delle email così da inserire messaggi promozionali appropriati ai gusti degli utenti all’interno della loro interfaccia.

Johnny Depp allude all'omicidio di Trump e poi si scusa

Frasi "preoccupanti" per la Casa Bianca mentre l’attore americano ha spiegato che non c’era malizia nelle sue parole

Tutte le "bugie di Donald Trump"

Il New York Times ha creato un'antologia unica in cui le menzogne del tycoon vengono analizzate dettagliatamente attraverso contraddittori, schede e grafici
AP