Trump sorprende: pronti altri dazi per 267 mld di dollari contro la Cina

Oltre a quelli da 200 miliardi che potrebbero scattare a breve
Ap

Mentre erano già sull'attenti in attesa di capire se l'amministrazione Trump ignorerà le pressioni ricevute annunciando nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore di 200 miliardi di dollari, gli investitori sono stati sorpresi negativamente da una nuova minaccia giunta dal presidente americano: quella di altre tariffe doganali contro Pechino per altri 267 miliardi.

I già ventilati dazi su importazioni cinesi da 200 miliardi potrebbero essere adottati "molto presto a seconda di cosa succede", ha detto il presidente americano Donald Trump alla stampa che con lui stava viaggiando a bordo dell'Air Force One che lo ha portato in North Dakota. "Odio adottarli ma in aggiunta a quei dazi ce ne sono altri da 267 miliardi di dollari pronti a scattare senza troppi preavvisi, se lo voglio".

Considerato che gli Usa hanno già adottato tariffe doganali del 25% su 50 miliardi di dollari di beni cinesi, le mosse minacciate da Trump andrebbero a più che coprire il valore totale dei beni importati in Usa dalla Cina. Secondo dati recenti della Federal Reserve di New York, il deficit commerciale degli Usa nei confronti della Cina è stato pari nel 2017 a 568,4 miliardi di dollari (il 2,9% del Pil).

L'appello di gruppi tech contro altri dazi
Prima dello scoccare della mezzanotte a Washington del 6 settembre, un gruppo di aziende tecnologiche aveva lanciato un ultimo appello per cercare di convincere il presidente americano a evitare una mossa che peggiorerebbe ulteriormente la relazione commerciale tra Usa e Cina. Teoricamente, ogni momento è buono per l'annuncio di tariffe doganali da 200 miliardi che andrebbero ad aggiungersi a quelle del 25% adottate dagli Usa tra luglio e agosto in due tranche per totali 50 miliardi di dollari.

Mentre le prospettive di un'intesa sull'asse Washington-Pechino si fanno comunque più cupe, la Corporate America, le associazioni di categoria e gli esperti hanno avuto tempo fino alle sei del mattino italiano di oggi per dire la loro sugli ipotetici dazi. Cisco, Dell, Hewlett Packard Enterprise e Juniper Networks hanno approfittato della raccolta commenti scrivendo a Robert Lighthizer, il rappresentante commerciale Usa impegnato in queste ore a trattare con il Canada un nuovo Nafta.

A lui le aziende hanno spiegato: se fossero imposti "dazi addizionali del 10-25% su prodotti di rete e accessori, verrebbero provocati danni economici generalizzati e sproporzionati agli interessi americani - inclusi le nostre aziende, i lavoratori statunitensi e i nostri consumatori - e alle priorità economiche e strategice americane in generale". La mossa di queste quattro aziende simboleggia il livello di preoccupazione che circola dal momento che fino ad ora i gruppi aveva lasciato alla Business Roundtable e alla Camera di Commercio il compito di lamentarsi della politica commerciale trumpiana. Resta da vedere se i loro avvertimenti sul rischio di un aumento dei costi a danno del consumatore finale saranno ascoltati.

Sfumano le chance di un'intesa Cina-Usa
Intanto alcuni funzionari Usa citati dal Wall Street Journal sostengono che una soluzione alla disputa commerciale tra Usa e Cina sembra sempre più lontanta. E questo perché un accordo invece sulla riscruttura del Nafta sembra più vicino. L'idea a Washington è che il venire meno delle tensioni con Canada e Messico e con la tregua commerciale siglata con la Ue, si può creare un fronte comune per lottare contro le pratiche cinesi. Tanto più che Usa, Ue e Giappone si sono già incontrati per mettere a punto una tale strategia.

Ora bisogna capire quanto tempo Lighthizer si prenderà per dimostrare di avere tenuto in considerazione gli oltre 4mila commenti ricevuti (l'ultima volta che dei dazi furono annunciati passarono tre settimane dopo la fine della raccolta dei commenti).

La Cina potrebbe essere incentivata a temporeggiare nei negoziati aspettando di capire come andranno le elezioni Usa di metà mandato del prossimo novembre: se il partito di Trump ne emergerà indebolito, Pechino potrebbe sentire il vento soffiare dalla sua parte. Forse per questo il leader Usa ha scelto di non presentarsi al summit Asia-Pacific Economic Cooperation di metà novembre. Alla fine di quel mese il presidente Usa sarà invece al G20 di Buenos Aires, Argentina.

Altri Servizi

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Mattel non vuole le nozze tra Barbie e Bratz

Il produttore di giocattoli ha responto per la terza volta dal 2015 la proposta di MGA Entertainment

Il matrimonio tra Barbie e Bratz non s'ha da fare. Almeno secondo Mattel, che ha respinto per l'ennesima volta le avance di MGA Entertainment. E il titolo corre al Nasdaq dell'8,8% a 11,76 dollari.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, il braccio monetario della Banca centrale
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Gli analisti credono che, per ora, i tassi resteranno invariati
AP

KKR lancia Opa su Axel Springer, valutato 6,8 miliardi di euro

La vedova del fondatore del gruppo proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild favorevole. Si punta al delisting

Il fondo americano di private equity KKR ha lanciato un'offerta per comprare i titoli in circolazione del gruppo media tedesco Axel Springer, proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild. KKR ha messo sul piatto 63 euro ad azione, cosa che valuta il gruppo 6,8 miliardi di euro. Si tratta di un premio del 40% sui 45,10 euro a cui il titolo Axel aveva chiuso la seduta il 29 maggio scorso, prima che iniziassero a circolare voci si una possibile transazione.