Trump sorprende: pronti altri dazi per 267 mld di dollari contro la Cina

Oltre a quelli da 200 miliardi che potrebbero scattare a breve
Ap

Mentre erano già sull'attenti in attesa di capire se l'amministrazione Trump ignorerà le pressioni ricevute annunciando nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore di 200 miliardi di dollari, gli investitori sono stati sorpresi negativamente da una nuova minaccia giunta dal presidente americano: quella di altre tariffe doganali contro Pechino per altri 267 miliardi.

I già ventilati dazi su importazioni cinesi da 200 miliardi potrebbero essere adottati "molto presto a seconda di cosa succede", ha detto il presidente americano Donald Trump alla stampa che con lui stava viaggiando a bordo dell'Air Force One che lo ha portato in North Dakota. "Odio adottarli ma in aggiunta a quei dazi ce ne sono altri da 267 miliardi di dollari pronti a scattare senza troppi preavvisi, se lo voglio".

Considerato che gli Usa hanno già adottato tariffe doganali del 25% su 50 miliardi di dollari di beni cinesi, le mosse minacciate da Trump andrebbero a più che coprire il valore totale dei beni importati in Usa dalla Cina. Secondo dati recenti della Federal Reserve di New York, il deficit commerciale degli Usa nei confronti della Cina è stato pari nel 2017 a 568,4 miliardi di dollari (il 2,9% del Pil).

L'appello di gruppi tech contro altri dazi
Prima dello scoccare della mezzanotte a Washington del 6 settembre, un gruppo di aziende tecnologiche aveva lanciato un ultimo appello per cercare di convincere il presidente americano a evitare una mossa che peggiorerebbe ulteriormente la relazione commerciale tra Usa e Cina. Teoricamente, ogni momento è buono per l'annuncio di tariffe doganali da 200 miliardi che andrebbero ad aggiungersi a quelle del 25% adottate dagli Usa tra luglio e agosto in due tranche per totali 50 miliardi di dollari.

Mentre le prospettive di un'intesa sull'asse Washington-Pechino si fanno comunque più cupe, la Corporate America, le associazioni di categoria e gli esperti hanno avuto tempo fino alle sei del mattino italiano di oggi per dire la loro sugli ipotetici dazi. Cisco, Dell, Hewlett Packard Enterprise e Juniper Networks hanno approfittato della raccolta commenti scrivendo a Robert Lighthizer, il rappresentante commerciale Usa impegnato in queste ore a trattare con il Canada un nuovo Nafta.

A lui le aziende hanno spiegato: se fossero imposti "dazi addizionali del 10-25% su prodotti di rete e accessori, verrebbero provocati danni economici generalizzati e sproporzionati agli interessi americani - inclusi le nostre aziende, i lavoratori statunitensi e i nostri consumatori - e alle priorità economiche e strategice americane in generale". La mossa di queste quattro aziende simboleggia il livello di preoccupazione che circola dal momento che fino ad ora i gruppi aveva lasciato alla Business Roundtable e alla Camera di Commercio il compito di lamentarsi della politica commerciale trumpiana. Resta da vedere se i loro avvertimenti sul rischio di un aumento dei costi a danno del consumatore finale saranno ascoltati.

Sfumano le chance di un'intesa Cina-Usa
Intanto alcuni funzionari Usa citati dal Wall Street Journal sostengono che una soluzione alla disputa commerciale tra Usa e Cina sembra sempre più lontanta. E questo perché un accordo invece sulla riscruttura del Nafta sembra più vicino. L'idea a Washington è che il venire meno delle tensioni con Canada e Messico e con la tregua commerciale siglata con la Ue, si può creare un fronte comune per lottare contro le pratiche cinesi. Tanto più che Usa, Ue e Giappone si sono già incontrati per mettere a punto una tale strategia.

Ora bisogna capire quanto tempo Lighthizer si prenderà per dimostrare di avere tenuto in considerazione gli oltre 4mila commenti ricevuti (l'ultima volta che dei dazi furono annunciati passarono tre settimane dopo la fine della raccolta dei commenti).

La Cina potrebbe essere incentivata a temporeggiare nei negoziati aspettando di capire come andranno le elezioni Usa di metà mandato del prossimo novembre: se il partito di Trump ne emergerà indebolito, Pechino potrebbe sentire il vento soffiare dalla sua parte. Forse per questo il leader Usa ha scelto di non presentarsi al summit Asia-Pacific Economic Cooperation di metà novembre. Alla fine di quel mese il presidente Usa sarà invece al G20 di Buenos Aires, Argentina.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.