Trump star del salone dell'auto di Detroit. Fca, Gm e Ford attendono chiarezza

Il presidente eletto ha ringraziato i gruppi guidati da Marchionne e Fields per gli investimenti annunciati in Usa. Spera che Gm faccia altrettanto. Biden: "Vediamo cosa fa, non cosa dice"

Detroit - La vera star del salone dell'auto di Detroit non sono state le vetture scintillati esposte nei vari stand ma qualcuno che non si è nemmeno presentato all'evento: Donald Trump. All'edizione 2017 del North American International Auto Show non si è parlato di altro ma le Big Three della capitale americana del settore delle quattro ruote sembrano ottimiste, seppure caute e in attesa di una maggiore chiarezza da parte del presidente eletto.

Fiat Chrysler Automobiles ha confermato tutti i target al 2018 e ipotizzato la distribuzione di un dividendo forse un po' prima di quella data. General Motors ha alzato le stime sugli utili per l'esercizio 2017 e ha deciso di premiare i soci con un aumento di cinque miliardi di dollari del piano di riacquisto di titoli propri. Ford Motor ha anticipato di avere chiuso un 2016 solido (pur non avendo cambiato il suo outlook rispetto all'investor day dello scorso settembre) con il vicepresidente esecutivo Bill Ford che vuole "cambiare di nuovo il mondo", un po' come fece il bisnonno e fondatore del gruppo (Henry). Diversamente dalla fine del diciannovesimo secolo però, Ford questa volta sa di non essere da sola. Perché oltre a confrontarsi con le richieste di azionisti e investitori e a cercare di raggiungere i target finanziari prefissati a fronte di un mercato, quello Usa, che ha ormai raggiunto un picco dopo due anni di vendite record, i produttori di auto sono sempre più impegnati a confrontarsi con un futuro ancora tutto da definire sui veicoli a guida autonoma. E le partnership tra la Silicon Valley e il mondo dell'ingegneria automobilistica del Michigan sembrano essenziali.

In questo campo Sergio Marchionne, l'amministratore delegato di Fca, è stato il primo lo scorso maggio a siglare un'alleanza unica nel suo genere con Google (ora Waymo), a cui ha consegnato 100 minivan ibridi Pacifica su cui il gruppo californiano ha montato sensori e sistemi per rendere autonomo il veicolo; quel veicolo - di cui Fca conta di fornire un "numero significativo" ulteriore di esemplari - è stato presentato proprio al Salone di Detroit e verrà testato sulle strade dell'Arizona e della California a partire dal mese in corso. Comunque sia il top manager italo-canadese "non intende ricreare la Silicon Valley in Michigan, prima di tutto perché fa troppo freddo e soprattutto ci sono cose che succedono nella Silicon Valley che non posso ricreare in Michigan". Per questo continua a discutere con tutti i fornitori e punta a "continuare a lavorare con Waymo". Intanto, Fca brinda non solo al quinto anno di fila di vendite record per il marchio Jeep - la vera macchina da soldi del gruppo di cui ha annunciato il lancio di versioni rivisitate di Jeep Wagoneer e Grand Wagoneer e un pickup truck totalmente nuovo - ma anche alle reazioni "davvero positive" del Chrysler Portal, il concetto di minivan elettrico e semi autonomo presentato al Ces di Las Vegas il 3 gennaio scorso. Forse quel veicolo pensato per i più giovani verrà prodotto dal 2018, ma è ancora troppo presto per dirlo.

Intanto Marchionne così  come il Ceo di Ford Mark Fields e quello di Gm Mary Barra attendono chiarezza da Trump, un presidente eletto che ha colpi di tweet ha minacciato dazi doganali alti a chi produce vetture in Messico e le importa in Usa. Il numero uno di Fca ha avvertito: "E' possibile che se tariffe economiche sono imposte e sono sufficientemente grandi, [quelle tariffe] renderebbero antieconomica qualsiasi produzione in Messico e dovremmo ritirarci" da quel Paese. Ford tira dritto con il trasferimento della produzione della Focus in Messico, dove Gm intende mantenere la produzione di vetture di piccola cilindrata come la Chevrolet Cruze perché "gli investimenti fatti hanno richiesto capitali e sono stati decisi due, tre e quattro anni fa", ha spiegato Barra. Per il momento Trump ha ringraziato Fca e Ford per avere annunciato, rispettivamente, un investimento da 1 miliardo di dollari (un "atto dovuto agli Usa", ha detto Marchionne) e da 700 milioni in Usa. Il 45esimo presidente Usa, nella sua prima conferenza stampa dalla sua vittoria, ha ringraziato nuovamente i due gruppi aggiungendo: "Spero che Gm faccia come loro". L'amministrazione Obama dal canto suo ha inviato un messaggio per quella Trump: "Non sarebbe saggio" cambiare il corso del settore auto americano. E' stato Joe Biden, vicepresidente uscente a dirlo visitando il Salone di Detroit consigliando: "Vediamo cosa Trump fa, non cosa dice". Le Big Three attendono le mosse del presidente più improbabile della storia Usa. Per citare Marchionne, "ci si adeguerà".

Altri Servizi

Walt Disney: atteso l'annuncio dell'acquisto di asset di Fox

Transazione valutata 60 miliardi di dollari, tutta in azioni
AP

E' iniziato il conto alla rovescia. Come si dice da giorni, è atteso per oggi - probabilmente prima dell'apertura dei mercati a Wall Street - l'annuncio dell'accordo sull'acquisto da parte di Walt Disney di asset cinematografici e televisivi di 21st Century Fox, il colosso parte della galassia Murdoch. Si tratta di un'operazione da 60 miliardi di dollari tutta in azioni.

Corea del Nord: Tillerson apre a trattative. Trump: nulla è cambiato

Gli Usa premono sulla Cina affinché interrompa i rifornimenti di petrolio a Pyongyang
AP

Ancora una volta Rex Tillerson e Donald Trump sembrano muoversi su binari paralleli. Il segretario americano di Stato ha aperto la porta a trattative dirette con la Corea del Nord "senza precondizioni" ma la Casa Bianca ha subito chiarito che la sua linea non è affatto cambiata.

Trump rilancia: stop a lotteria di Carte Verdi e visti sponsorizzati da parenti

Il presidente Usa rilancia la sua proposta dopo il tentato attacco terroristico di New York
AP

Così come aveva fatto dopo il 31 ottobre scorso, quando un uomo di origini uzbeche causò a New York il primo attacco terroristico dall'11 settembre 2001, Donald Trump è tornato a criticare l'impianto regolatorio in vigore in tema di immigrazione ribadendo di volere mettere fine a una lotteria a cui ogni anno partecipano milioni di persone da tutto il mondo e che consente a stranieri di vincere una Green Card e dunque di diventare residenti permanenti degli Usa ed eventualmente cittadini americani.

Molestie sessuali: 56 deputate democratiche chiedono inchiesta su Trump

Il presidente Usa ha attaccato via Twitter la senatrice Gillibrand, che ha chiesto le sue dimissioni

Sale la pressione affinché il Congresso americano avvii un'inchiesta sulle accuse di molestie sessuali lanciate contro il presidente statunitense, Donald Trump. Cinquantasei deputate del partito democratico, riunite nel Democratic Women's Working Group, hanno scritto una lettera al presidente di una commissione della Camera pensata per garantire agli americani che il governo sia trasparente e risponda del proprio operato.

Facebook e i social media distruggono la società. Scontro tra il gruppo ed un ex manager

Sono come una droga, ci spingono a compiacerci dei commenti e dei feedback che riceviamo. Il colosso risponde: siamo cambiati in questi sei anni

Facebook ha negato le accuse fatte nei suoi confronti dall'ex manager del gruppo, Chamath Palihapitiya, che sostiene che il colosso stia "rompendo il tessuto sociale che fa funzionare la nostra società". Palihapitiya ha più volte criticato il social media in generale, sostenendo che prendono di mira le debolezze delle persone e per questo motivo non permette ai suoi bambini di usarli. 

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Usa Today attacca Trump: "Inadatto a pulire i bagni" di Obama

Ma anche a lucidare le scarpe di George W Bush. Per il quotidiano, il presidente ha un carattere "straordinariamente terribile" che ha fatto insinuazioni sessiste fuori luogo

Donald Trump si è sentito più volte dire che era inadatto alla presidenza degli Stati Uniti. Durante la campagna elettorale dello scorso anno, sia il presidente americano Barack Obama sia la candidata democratica alle elezioni Hillary Clinton lo avevano ripetuto in tutte le salse. Oltre un anno dopo la vittoria shock del miliardario di New York, è un quotidiano ampiamente diffuso in Usa a rispolverare quel concetto ma in termini decisamente pesanti.

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti
AP

Riforma fiscale sempre più vicina: Trump già festeggia

Trovato un accordo di principio sul testo unico della legislazione. Agevolati i ricchi. Aliquota aziendale al 21% dal 35%
Ap

Saudi Aramco: Usa e Giappone temono cessione quota alla Cina

Il collocamento privato vedrebbe aumentare l'influenza di Pechino in Medio Oriente. E Riad potrebbe usare la transazione per aumentare la pressione sull'Iran