Trump su un possibile incontro con l'Iran: "Sta a loro"

Il presidente parla di nuovo di Teheran, dopo che Pompeo aveva specificato che serve che la Repubblica islamica soddisfi delle precondizioni per poter accettare un incontro (mai chiesto da Rouhani)

Qualsiasi incontro con i leader iraniani dipenderà "da loro". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui "l'Iran e la sua economia stanno andando molto male, e velocemente! Li incontrerò, o no, non importa. Sta a loro!".

Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha affermato giorni fa che un summit tra i leader dei due Paesi sarà possibile solo dopo che Teheran avrà soddisfatto certe precondizioni, inclusa la volontà di aprire a una modifica dell'accordo sul nucleare iraniano, da cui Washington si è ritirata, come promesso da Trump in campagna elettorale.

Il 30 luglio, Trump aveva detto di essere pronto a incontrare i leader iraniani "senza precondizioni, quando vorranno". "Incontrerei chiunque" aveva detto Trump, rispondendo alla domanda di un giornalista durante la conferenza stampa congiunta con il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte. "Incontrerei certamente l'Iran se loro volessero incontrarmi" aveva detto Trump. "Sono pronto a incontrarli quando vorranno. Se mi vorranno incontrare, li incontrerò".

Trump aveva sottolineato l'importanza della diplomazia e del suo "incontrerei chiunque", che lo ha portato a organizzare un vertice con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, e un altro con il presidente russo, Vladimir Putin, che è stato "un successo". Trump ha poi chiarito che un incontro con l'Iran è possibile "se si potrà ottenere qualcosa di significativo".

Pompeo, pur d'accordo con le intenzioni di Trump, aveva però dichiarato che l'Iran deve "dimostrare un impegno ad apportare dei cambiamenti fondamentali su come trattano il loro popolo e a ridurre i loro comportamenti maligni".

Il 22 luglio, invece, Trump aveva minacciato il presidente Hassan Rouhani con un tweet tutto in maiuscolo: "Al presidente iraniano Rouhani: NON MINACCIARE MAI PIU' GLI STATI UNITI O SUBIRETE DELLE CONSEGUENZE CHE IN POCHI HANNO SUBITO IN PRECEDENZA. NON SIAMO PIU' UN PAESE CHE SOSTERRA' LE VOSTRE PAROLE FOLLI DI VIOLENZA E MORTE. FATE ATTENZIONE!".

Lunedì 6 agosto, intanto, l'amministrazione statunitense imporrà di nuovo una prima serie di sanzioni contro l'Iran, da quando gli Stati Uniti hanno abbandonato l'accordo nucleare. La parte più significativa delle sanzioni, tra cui quelle sul petrolio, non entrerà comunque in vigore prima di novembre. L'azione di lunedì, però, servirà a far capire ad aziende, alleati europei e all'Iran che Trump fa sul serio rispetto al "peggior accordo mai negoziato", come ha sempre definito l'intesa sul nucleare iraniano.

Altri Servizi

R.Kelly si è consegnato alla polizia dopo le accuse di molestie

Nei confronti del cantante sono stati formulati dieci capi d’accusa per abusi. Il processo inizierà il prossimo 8 marzo

Il rapper R. Kelly si è consegnato alla polizia di Chicago ed è stato arrestato dopo essere stato incriminato con dieci capi d'accusa per abusi sessuali su quattro donne. Tre delle presunte vittime, che lo hanno denunciato per episodi risalenti a diversi anni fa e che vanno dal 1998 al 2010, erano minorenni all'epoca fatti e avevano tra i 13 e i 16 anni.

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump attacca i 16 stati Usa che vogliono bloccare il suo muro

Hanno fatto causa: dichiarare l'emergenza nazionale per costruire il muro, come ha fatto il presidente, è inconstituzionale
White House

In una serie di tweet mattutini, il presidente americano ha attaccato i 16 stati americani che ieri hanno unito le forze chiedendo a un tribunale federale di impedire a Donald Trump di procedere con i suoi piani per costruire il muro tra gli Stati Uniti e il Messico. Venerdì scorso il leader statunitense aveva invocato l'emergenza nazionale al confine meridionale del Paese, mossa pensata per aggirare il Congresso e dirottare al muro fondi già destinati ad altri progetti.

Fed: tensioni commerciali e Brexit minacciano stabilità, outlook fiscale Italia "deteriorato"

Pubblicato il rapporto che anticipa la testimonianza semestrale al Congresso del governatore Powell

La Federal Reserve ha messo in guardia sui potenziali rischi che potrebbero intaccare la stabilità finanziaria internazionale: tra di essi la banca centrale americana cita "una frenata dell'economia globale, incertezze politiche, un intensificarsi delle tensioni commerciali e un aumento dello stress a cui sono sottoposte le economie dei mercati emergenti".

I fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più

Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative, ma servirà l'approvazione del Congresso
Ap

Usa, i fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative New York, 22 feb - Più di un terzo dei fondi federali che il presidente statunitense, Donal Trump, vorrebbe reindirizzare per costruire nuovi muri al confine con il Messico, grazie all'emergenza nazionale dichiarata, non è più disponibile, perché già speso. Lo scrive il sito Roll Call.

Trump nomina Kelly Knight Craft ambasciatrice all'Onu


Dopo l’incarico in Canada prenderà il posto di Nikki Haley

Il Presidente americano Donald Trump ha scelto l'ambasciatrice in Canada, Kelly Knight Craft, come nuova rappresentante permanente all'Onu, al posto della dimissionaria Nikki Haley. Non si tratta in realtà di una prima scelta visto che la prima opzione del Tycoon era l’ex consigliera Dina Powell, che ha però rinunciato all’incarico, e la seconda, Heather Nauert, è stata costretta a ritirarsi dopo che si è scoperto che aveva assunto una babysitter giamaicana illegale.

Warren Buffett scrive agli azionisti: "Scarse prospettive per la caccia agli elefanti"


Pubblicata l’annuale lettera agli investitori dell’Oracolo di Omaha all'indomani del venerdì nero di Kraft che ha perso il 27,46% in borsa

L’Oracolo di Omaha, Warren Buffett, ha pubblicato la sua annuale lettera indirizzata agli azionisti di Berkshire Hathaway a distanza di poche ore da una delle giornate più nere per la sua conglomerata che venerdì ha perso 4 miliardi di dollari per via del crollo di Kraft Heinz in Borsa (-27% a Wall Street). Nel quarto trimestre del 2018, secondo il bilancio pubblicato nelle stesse ore della tanto attesa lettera, la sua holding ha bruciato un totale di 25,4 miliardi di dollari.

Warren Buffett scrive agli azionisti: "Scarse prospettive per la caccia agli elefanti"


Pubblicata l’annuale lettera agli investitori dell’Oracolo di Omaha all'indomani del venerdì nero di Kraft che ha perso il 27,46% in borsa

L’Oracolo di Omaha, Warren Buffett, ha pubblicato la sua annuale lettera indirizzata agli azionisti di Berkshire Hathaway a distanza di poche ore da una delle giornate più nere per la sua conglomerata che venerdì ha perso 4 miliardi di dollari per via del crollo di Kraft Heinz in Borsa (-27% a Wall Street). Nel quarto trimestre del 2018, secondo il bilancio pubblicato nelle stesse ore della tanto attesa lettera, la sua holding ha bruciato un totale di 25,4 miliardi di dollari.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

Negli Stati Uniti si festeggia il Giorno dei presidenti. Proteste contro Trump

Manifestazioni contro la decisione di dichiarare lo stato d'emergenza nazionale per aggirare il Congresso e finanziare la costruzione di muri al confine con il Messico

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha trascorso il weekend nel suo resort in Florida e oggi, prima di tornare a Washington, andrà a Miami per incontrare la comunità venezuelana.