Trump svela la sua strategia per la sicurezza nazionale, Russia e Cina nel mirino

In un documento da 68 pagine, la Casa Bianca ha descritto la strategia avente "quattro pilastri" con cui il presidente americano Donald Trump intende ribadire un concetto promosso in campagna elettorale: che l'America va messa al primo posto per tutelarne la sicurezza nazionale.

Mentre intende "proteggere la patria, il popolo americano e il suo modo di vivere, promuovere la prosperità statunitense, preservare la pace attraverso la forza e avanzare l'influenza Usa", il leader Usa ha individuato quattro nemici, i soliti: la Cina e la Russia (definiti "poteri revisionisti"), la Corea del Nord, l'Iran e minacce non statali come il gruppo terrorista Isis.

Stando al documento, diffuso in vista dell'intervento del leader Usa caratterizzato da toni populisti, si legge che Pechino e Mosca "sfidano il potere, l'influenza e gli interessi americani tentando di erodere la sicurezza e la prosperità statunitensi".

Secondo Washington, quelle nazioni "sono determinate a rendere le economie meno libere e meno eque, a potenziare i loro eserciti [come d'altra parte fa Trump] e a controllare informazioni e dati per reprimere le loro società ed ampliare la loro influenza". Inoltre, "la Cina e la Russia stanno sviluppando armi avanzate che potrebbero minacciare le nostre infrastrutture cruciali". Stando all'amministrazione Trump, "competitor come la Cina rubano proprietà intellettuale Usa valutata centinaia di miliardi di dollari".

Sul fronte della "dittatura" norcoreana e dell'Iran, il governo Usa sostiene che i due Paesi vogliano "destabilizzare regioni, minacciare gli americani e i loro alleati e brutalizzare i loro popoli". Se nel caso di Pyongyang la comunità internazionale ha scelto di imporre sanzioni per fermare i programmi missilistico e nucleare voluti da Kim Jong-un, sul secondo gli Usa hanno posizioni diverse rispetto alla Ue (che diversamente da Trump, crede nella bontà dello storico accordo sul nucleare siglato nell'estate del 2015 quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama). Di fronte alla minaccia nordcoreana, Trump intende mantenere "una presenza avanzata [nella Regione] capace di deterrenza e, se necessario, di sconfiggere ogni avversario".

In tema di cambiamento climatico, non più considerato un problema di sicurezza nazionale, Trump ha confermato di andare controcorrente. Nel documento con cui descrive la sua strategia per la sicurezza nazionale, il 45esimo presidente americano si dice convinto che "data la futura domanda globale di energia, gran parte del mondo sviluppato avrà bisogno di carburanti fossibili". Peccato che gli Usa siano l'unica nazione al mondo a non volere aderire allo storico accordo di Parigi sul clima siglato nel dicembre 2015. Trump ha infatti annunciato il ritiro della nazione ribaltando gli sforzi portati avanti dal predecessore Barack Obama, che invece aveva fatto pressing per la sua ratifica. Eppure gli Usa dicono che "resteranno un leader globale nella riduzione di inquinamento tradizionale così come delle emissioni, il tutto espandendo la nostra economia". Nel documento si legge che "per la prima volta in generazioni, gli Usa saranno una nazione energeticamente dominante" e che gli Usa "devono approfittare della loro ricchezza in risorse [naturali] interne e dell'efficienza energetica per promuovere la competizione in varie industrie". Citando carbone, gas naturale, petrolio, rinnovabili e nucleare, l'amministrazione Trump promette che le sue politiche in tema di clima continueranno a dare forza al sistema energetico globale.

Nel suo discorso Trump ha voluto fare presa sulla stessa base elettorale che gli ha garantito la vittoria alle presidenziali del 2016: "per sfruttare le opportunità del futuro, dobbiamo prima riconoscere i fallimenti del passato". Come a dire che quanto fatto dalla classe politica prima di lui è stato un disastro. "Per molti anni gli americani hanno guardato i politici di Washington presiedere una delusione dopo l'altra. Così tanti leader si sono dimenticati delle voci che dovevano da rispettare e degli interessi che dovevano promuovere". Rivolgendosi agli elettori che hanno scelto un candidato anti-establishment "votando per rendere l'America nuovamente grandiosa", Trump è tornato a criticare accordi commerciali "disastrosi", l'accordo nucleare con l'Iran, le scelte che "hanno spinto le aziende a trasferirsi all'estero" e gli "alleati ricchi" (quelli della Nato) che secondo lui devono pagare la loro parte in difesa perché fino ad ora sono stati "un peso ingiusto sugli Usa". Non solo: "I nostri politici hanno lasciato i nostri confini spalancati" a milioni di migranti che secondo lui non sono stati propriamente sottoposti a controlli. "Gli americani sono stati lasciati a pagare il conto", ha ripetuto Trump, convinto che i suoi concittadini abbiano perso fiducia. Lui si è vantato della sua vittoria elettorale, "l'inizio di un cambio di rotta".

Secondo lui, un anno dopo il suo arrivo alla Casa Bianca "il mondo intero sa che l'America sta riemergendo forte come non mai". Peccato che stando agli ultimi sondaggi, lui sia giudicato come il presidente meno apprezzato alla fine dei primi 12 mesi di mandato. Rispolverando il motto "America First", Trump si è vantato anche degli investimenti in difesa: "Quasi 700 miliardi di dollari, un record, per l'anno che viene". Con una "forza straordinaria", lui crede di potere raggiungere "una straordinaria pace" nel mondo. "Una nazione senza confini, non è una nazione", ha aggiunto. "Una nazione che non protegge la prosperità a casa, non è una nazione che può difendere i suoi interessi nel mondo. Una nazione che non è preparata per vincere una guerra, non è una nazione capace di prevenire una guerra". Come suo solito, Trump si è vantato dei record di Wall Street, alimentati (non solo) dalle speranze per una riforma fiscale ormai agli sgoccioli, per lui "la più grande nella storia degli Usa" - e che premia gli immobiliaristi come lui.

Altri Servizi

Senato Usa conferma nomina Powell, sarà il nuovo governatore Fed

Prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio
AP

E' ufficiale: Jerome Powell sarà il 16esimo governatore della Federal Reserve. Il già membro del board della banca centrale Usa dal 2012 prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio, quando il mandato triennale di lei scadrà.

Patron

La tequila Patron finisce sotto lo stesso tetto della vodka Grey Goose e dello scotch Dewar in un'operazione da 5,1 miliardi di dollari. Lo ha annunciato Bacardi, che prenderà il controllo del 100% di Patron Spirits International e del suo marchio PATRÓN, considerato tra i più venduti per la tequila di alta gamma.

News Corp: Murdoch a Facebook e Google, pagate gli editori per garantire qualità

Secondo il proprietario del Wall Street Journal, le soluzioni proposte dai due gruppi sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico
AP

Cresce la frustrazione tra il mondo dell'editoria e quello dei social media. Mentre Facebook e Google hanno rivisto le loro strategie per rispondere alle critiche di chi li ha accusati di avere contribuito alla circolazione delle fake news, il magnate dei media Rupert Murdoch ha mandato loro un messaggio chiaro: paghino per i contenuti che i loro utenti pubblicano e condividono online.

Netanyahu, May e aziende europee: l'agenda di Trump a Davos

Il presidente americano mercoledì parte per il World Economic Forum. Sarà il primo presidente Usa da Bill Clinton a fare visita al forum. Parlerà di America First ma anche di investimenti negli Stati Uniti con alcune aziende europee
AP

Oggi Donald Trump partirà per Davos, in Svizzera, dove parteciperà al World Economic Forum. Sarà il primo presidente americano a visitare il forum dal 2000 quando ci fu l'intervento di Bill Clinton. La sua agenda è molto fitta e inizierà gioved": incontrerà il premier britannico Theresa May con la quale discuterà di lotta all'Isis, denuclearizzazione della Corea del Nord e dell'accordo sul nucleare con l'Iran. Lo stesso giorno Trump incontrerà il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, per discutere di sicurezza in Medio Oriente e di lotta all'espansione dell'Iran.

Facebook rafforza i team dedicati a intelligenza artificiale e realtà virtuale

Ha reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della VR
Facebook

Facebook continua a scommettere sull'intelligenza artificiale (AI) e sulla realtà virtuale (VR). Il social network ha infatti reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della realtà virtuale.

Tesla: compensi del Ceo Musk legati a target ambiziosi

Il gruppo punta a una capitalizzazione di 650 miliardi di dollari
AP

Tesla ha rivisto il modo in cui calcola i compensi complessivi da elargire al suo amministratore delegato; essi saranno legati a target aziendali particolamente ambiziosi, come il raggiungimento di una capitalizzazione da 650 miliardi di dollari (un miraggio visto che attualmente il valore di mercato del produttore di auto elettriche è di 59,3 miliardi di dollari).

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia così un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.

A San Francisco, il Winter Fancy Food torna a parlare italiano

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all'evento commerciale dedicato alle specialità alimentari nella costa occidentale statunitense

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all’interno Winter Fancy Food 2018 in pieno svolgimento al Moscone Center di San Francisco (California). Da ieri fino a domani, nell'ambito del più grande evento commerciale dedicato alle specialità alimentari della costa occidentale statunitense il mondo della distribuzione di qualità si è dato appuntamento là per il suo annuale incontro con gli operatori del settore.