Trump svela la sua strategia per la sicurezza nazionale, Russia e Cina nel mirino

In un documento da 68 pagine, la Casa Bianca ha descritto la strategia avente "quattro pilastri" con cui il presidente americano Donald Trump intende ribadire un concetto promosso in campagna elettorale: che l'America va messa al primo posto per tutelarne la sicurezza nazionale.

Mentre intende "proteggere la patria, il popolo americano e il suo modo di vivere, promuovere la prosperità statunitense, preservare la pace attraverso la forza e avanzare l'influenza Usa", il leader Usa ha individuato quattro nemici, i soliti: la Cina e la Russia (definiti "poteri revisionisti"), la Corea del Nord, l'Iran e minacce non statali come il gruppo terrorista Isis.

Stando al documento, diffuso in vista dell'intervento del leader Usa caratterizzato da toni populisti, si legge che Pechino e Mosca "sfidano il potere, l'influenza e gli interessi americani tentando di erodere la sicurezza e la prosperità statunitensi".

Secondo Washington, quelle nazioni "sono determinate a rendere le economie meno libere e meno eque, a potenziare i loro eserciti [come d'altra parte fa Trump] e a controllare informazioni e dati per reprimere le loro società ed ampliare la loro influenza". Inoltre, "la Cina e la Russia stanno sviluppando armi avanzate che potrebbero minacciare le nostre infrastrutture cruciali". Stando all'amministrazione Trump, "competitor come la Cina rubano proprietà intellettuale Usa valutata centinaia di miliardi di dollari".

Sul fronte della "dittatura" norcoreana e dell'Iran, il governo Usa sostiene che i due Paesi vogliano "destabilizzare regioni, minacciare gli americani e i loro alleati e brutalizzare i loro popoli". Se nel caso di Pyongyang la comunità internazionale ha scelto di imporre sanzioni per fermare i programmi missilistico e nucleare voluti da Kim Jong-un, sul secondo gli Usa hanno posizioni diverse rispetto alla Ue (che diversamente da Trump, crede nella bontà dello storico accordo sul nucleare siglato nell'estate del 2015 quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama). Di fronte alla minaccia nordcoreana, Trump intende mantenere "una presenza avanzata [nella Regione] capace di deterrenza e, se necessario, di sconfiggere ogni avversario".

In tema di cambiamento climatico, non più considerato un problema di sicurezza nazionale, Trump ha confermato di andare controcorrente. Nel documento con cui descrive la sua strategia per la sicurezza nazionale, il 45esimo presidente americano si dice convinto che "data la futura domanda globale di energia, gran parte del mondo sviluppato avrà bisogno di carburanti fossibili". Peccato che gli Usa siano l'unica nazione al mondo a non volere aderire allo storico accordo di Parigi sul clima siglato nel dicembre 2015. Trump ha infatti annunciato il ritiro della nazione ribaltando gli sforzi portati avanti dal predecessore Barack Obama, che invece aveva fatto pressing per la sua ratifica. Eppure gli Usa dicono che "resteranno un leader globale nella riduzione di inquinamento tradizionale così come delle emissioni, il tutto espandendo la nostra economia". Nel documento si legge che "per la prima volta in generazioni, gli Usa saranno una nazione energeticamente dominante" e che gli Usa "devono approfittare della loro ricchezza in risorse [naturali] interne e dell'efficienza energetica per promuovere la competizione in varie industrie". Citando carbone, gas naturale, petrolio, rinnovabili e nucleare, l'amministrazione Trump promette che le sue politiche in tema di clima continueranno a dare forza al sistema energetico globale.

Nel suo discorso Trump ha voluto fare presa sulla stessa base elettorale che gli ha garantito la vittoria alle presidenziali del 2016: "per sfruttare le opportunità del futuro, dobbiamo prima riconoscere i fallimenti del passato". Come a dire che quanto fatto dalla classe politica prima di lui è stato un disastro. "Per molti anni gli americani hanno guardato i politici di Washington presiedere una delusione dopo l'altra. Così tanti leader si sono dimenticati delle voci che dovevano da rispettare e degli interessi che dovevano promuovere". Rivolgendosi agli elettori che hanno scelto un candidato anti-establishment "votando per rendere l'America nuovamente grandiosa", Trump è tornato a criticare accordi commerciali "disastrosi", l'accordo nucleare con l'Iran, le scelte che "hanno spinto le aziende a trasferirsi all'estero" e gli "alleati ricchi" (quelli della Nato) che secondo lui devono pagare la loro parte in difesa perché fino ad ora sono stati "un peso ingiusto sugli Usa". Non solo: "I nostri politici hanno lasciato i nostri confini spalancati" a milioni di migranti che secondo lui non sono stati propriamente sottoposti a controlli. "Gli americani sono stati lasciati a pagare il conto", ha ripetuto Trump, convinto che i suoi concittadini abbiano perso fiducia. Lui si è vantato della sua vittoria elettorale, "l'inizio di un cambio di rotta".

Secondo lui, un anno dopo il suo arrivo alla Casa Bianca "il mondo intero sa che l'America sta riemergendo forte come non mai". Peccato che stando agli ultimi sondaggi, lui sia giudicato come il presidente meno apprezzato alla fine dei primi 12 mesi di mandato. Rispolverando il motto "America First", Trump si è vantato anche degli investimenti in difesa: "Quasi 700 miliardi di dollari, un record, per l'anno che viene". Con una "forza straordinaria", lui crede di potere raggiungere "una straordinaria pace" nel mondo. "Una nazione senza confini, non è una nazione", ha aggiunto. "Una nazione che non protegge la prosperità a casa, non è una nazione che può difendere i suoi interessi nel mondo. Una nazione che non è preparata per vincere una guerra, non è una nazione capace di prevenire una guerra". Come suo solito, Trump si è vantato dei record di Wall Street, alimentati (non solo) dalle speranze per una riforma fiscale ormai agli sgoccioli, per lui "la più grande nella storia degli Usa" - e che premia gli immobiliaristi come lui.

Altri Servizi

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Due settimane prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha avuto accesso a informazioni segrete dell'intelligence che provavano il coinvolgimento in prima persona di Vladimir Putin nelle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Lo scrive il New York Times, secondo cui dai documenti emergeva che il presidente russo "ordinò personalmente gli attacchi informatici per influenzare le elezioni americane". Trump si sarebbe "convinto con riluttanza", vedendo i documenti il 6 gennaio dello scorso anno, due settimane prima del giuramento, secondo le fonti presenti all'incontro alla Trump Tower tra l'allora presidente eletto e l'intelligence. Tra le prove mostrate a Trump, c'erano messaggi e e-mail di funzionari dell'intelligence militare russa. Inoltre, c'erano anche informazioni ottenute da una fonte top-secret vicina a Putin, da cui emergeva il piano del Cremlino per influenzare le elezioni.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.