Trump trasforma lo sport in uno scontro politico

Il presidente fa pressing sulla Nfl: licenzi gli atleti che non cantano l'inno. La lega di football: commenti che dividono e che mancano di rispetto. Le star del basket LeBron James e Kobe Bryant in difesa di Stephen Curry

Già protagonista di un ridicolo duello a parole con il leader nordcoreano, Donald Trump sta alimentando non solo tensioni a livello geopolitiche ma anche nel mondo dello sport. Nel giro di 12 ore ha attaccato atleti professionisti afroamericani suoi critici. Il risultato? La lega professionistica del football americano, i suoi giocatori e due campioni mondiali di basket sono stati costretti a fare sentire la loro voce.

Tutto è iniziato in un comizio serale di venerdì 22 settembre, quanto Trump ha fatto pressing sui proprietari della Nfl affinché licenziassero i giocatori che si rifiutano di cantare l'inno nazionale (va ricordato che quei propritari gli hanno donato oltre 7 milioni di dollari durante la campagna elettorale). Nella stessa occasione il presidente Usa ha invitato gli amanti dello sport di lasciare gli stadi anche se solo uno dei giocatori non canta l'inno. Il caso che ha fatto più clamore in questo senso ha coinvolto il quarterback afroamericano Colin Kaepernick, che con il suo gesto ha voluto portare l'attenzione sulle violenze della polizia contro gli afroamericani.

Di sabato mattina, il leader Usa è tornato a twittare annunciando di ritirare l'invito alla Casa Bianca per Stephen Curry, la star indiscutibile del basketball americano e parte della squadra cinque volte vincitrice del campionato Nba (incluso quello del 2017), i Golden State Warriors. Il motivo? Il giorno precedente i Warriors avevano annunciato che avrebbero votato come team se andare o meno al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington in quella che è diventata una tradizione per i campioni dello sport. Il celebre atleta aveva detto che avrebbe votato contro ma non è chiaro se un invito formale fosse stato fatto dall'amministrazione.

"Non stiamo con quello che il nostro presidente...le cose che ha detto e le cose che non ha detto nei termini che non condividiamo", aveva affermato Curry. "Agendo e non andando, la speranza è che si ispirerà un cambiamento per quel che riguarda le cose che tolleriamo nel nostro Paese e quello che accettiamo o su cui chiudiamo un occhio", aveva aggiunto.

Ecco allora che Trump ha tuonato in un cinguettio scritto alle 7.45 di mattino (le 13.45 in Italia): "Andare alla Casa Bianca è considerato un onore grande per una squadra campione. Stephen Curry sta esitando, quindi l'invito è ritirato!".

A quel punto niente meno che LeBron James, star del basketball Usa, si è inserito nel dibattito insultando Trump: "Tu fannullone...@StephenCurry30 ha detto che non ci va [alla Casa Bianca]. Quindi non c'è alcun invito. Andare alla Casa Bianca prima del tuo arrivo è stato un grande onore!".

Gli ha fatto seguito Kobe Bryant, secondo cui Trump non può rendere l'America Great Again - lo slogan tanto amato dal presidente - perché lui "ispira dissenso e odio".

Roger Goodell, commissario della Nfl, ha risposto al presidente dicendo in un comunicato che "commenti che dividono come questi dimostrano una spiacevole mancanza di rispetto per la Nfl e per tutti i nostri giocatori e un fallimento nel capire la forza travolgente nel bene che le nostre squadre e i nostri giocatori rappresentano nelle nostre comunità". 

La National Football League Players Association, che rappresenta i giocatori della lega professionistica di football, ha commentato attraverso il suo direttore esecutivo che l'associazione "non si tirerà mai indietro quando si tratta di proteggere i diritti costituzionali dei nostri giocatori in quanto cittadini così come la loro sicurezza in quanto uomini che competono in un gioco che li espone a rischi notevoli".

Alla fine tutti i Worriors hanno annunciato che non andranno alla Casa Bianca. La squadra si è detta "delusa" dal presidente. "Non c'è niente di più americano della possibilità per ogni cittadino di esprimere la propria opinione liberamente". 

Altri Servizi

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

I dazi di Trump fanno male alla nuova moda della Silicon Valley

Gli scooter elettrici potrebbero aumentare di prezzo. E in questo momento oltre che una moda sembrano un ottima risposta al traffico della Bay Area

I dazi di Donald Trump sui prodotti cinesi potrebbero provocare i primi effetti collaterali. Faranno infatti aumentare i prezzi di uno dei prodotti più di moda in questo momento nella Silicon Valley: gli scooter elettrici. Sono tutti prodotti in Cina e negli ultimi mesi sono diventati la principale risposta al traffico della Bay Area. Allo stesso tempo sono degli interessanti mezzi di micro trasporto alternativo in una città, San Francisco, dove ci sono più macchine in circolazione rispetto ai parcheggi.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.