Trump trasforma lo sport in uno scontro politico

Il presidente fa pressing sulla Nfl: licenzi gli atleti che non cantano l'inno. La lega di football: commenti che dividono e che mancano di rispetto. Le star del basket LeBron James e Kobe Bryant in difesa di Stephen Curry

Già protagonista di un ridicolo duello a parole con il leader nordcoreano, Donald Trump sta alimentando non solo tensioni a livello geopolitiche ma anche nel mondo dello sport. Nel giro di 12 ore ha attaccato atleti professionisti afroamericani suoi critici. Il risultato? La lega professionistica del football americano, i suoi giocatori e due campioni mondiali di basket sono stati costretti a fare sentire la loro voce.

Tutto è iniziato in un comizio serale di venerdì 22 settembre, quanto Trump ha fatto pressing sui proprietari della Nfl affinché licenziassero i giocatori che si rifiutano di cantare l'inno nazionale (va ricordato che quei propritari gli hanno donato oltre 7 milioni di dollari durante la campagna elettorale). Nella stessa occasione il presidente Usa ha invitato gli amanti dello sport di lasciare gli stadi anche se solo uno dei giocatori non canta l'inno. Il caso che ha fatto più clamore in questo senso ha coinvolto il quarterback afroamericano Colin Kaepernick, che con il suo gesto ha voluto portare l'attenzione sulle violenze della polizia contro gli afroamericani.

Di sabato mattina, il leader Usa è tornato a twittare annunciando di ritirare l'invito alla Casa Bianca per Stephen Curry, la star indiscutibile del basketball americano e parte della squadra cinque volte vincitrice del campionato Nba (incluso quello del 2017), i Golden State Warriors. Il motivo? Il giorno precedente i Warriors avevano annunciato che avrebbero votato come team se andare o meno al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington in quella che è diventata una tradizione per i campioni dello sport. Il celebre atleta aveva detto che avrebbe votato contro ma non è chiaro se un invito formale fosse stato fatto dall'amministrazione.

"Non stiamo con quello che il nostro presidente...le cose che ha detto e le cose che non ha detto nei termini che non condividiamo", aveva affermato Curry. "Agendo e non andando, la speranza è che si ispirerà un cambiamento per quel che riguarda le cose che tolleriamo nel nostro Paese e quello che accettiamo o su cui chiudiamo un occhio", aveva aggiunto.

Ecco allora che Trump ha tuonato in un cinguettio scritto alle 7.45 di mattino (le 13.45 in Italia): "Andare alla Casa Bianca è considerato un onore grande per una squadra campione. Stephen Curry sta esitando, quindi l'invito è ritirato!".

A quel punto niente meno che LeBron James, star del basketball Usa, si è inserito nel dibattito insultando Trump: "Tu fannullone...@StephenCurry30 ha detto che non ci va [alla Casa Bianca]. Quindi non c'è alcun invito. Andare alla Casa Bianca prima del tuo arrivo è stato un grande onore!".

Gli ha fatto seguito Kobe Bryant, secondo cui Trump non può rendere l'America Great Again - lo slogan tanto amato dal presidente - perché lui "ispira dissenso e odio".

Roger Goodell, commissario della Nfl, ha risposto al presidente dicendo in un comunicato che "commenti che dividono come questi dimostrano una spiacevole mancanza di rispetto per la Nfl e per tutti i nostri giocatori e un fallimento nel capire la forza travolgente nel bene che le nostre squadre e i nostri giocatori rappresentano nelle nostre comunità". 

La National Football League Players Association, che rappresenta i giocatori della lega professionistica di football, ha commentato attraverso il suo direttore esecutivo che l'associazione "non si tirerà mai indietro quando si tratta di proteggere i diritti costituzionali dei nostri giocatori in quanto cittadini così come la loro sicurezza in quanto uomini che competono in un gioco che li espone a rischi notevoli".

Alla fine tutti i Worriors hanno annunciato che non andranno alla Casa Bianca. La squadra si è detta "delusa" dal presidente. "Non c'è niente di più americano della possibilità per ogni cittadino di esprimere la propria opinione liberamente". 

Altri Servizi

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Una autostrada in cui il traffico viene smistato in corsie veloci e altre lente, a seconda del pedaggio pagato da chi è al volante. Negli Stati Uniti, e in futuro magari anche in Europa, Internet potrebbe diventare quel tipo di autostrada, dove al posto di una vettura ci sono pc, tablet, smartphone e smart-tv. La velocità con cui si arriverà a destinazione - e dunque si fruirà di un contenuto su web come una serie tv di Netflix o le canzoni su Spotify - potrebbe finire per dipendere da quanto verrà pagato agli Internet service provider (Isp) da quelle aziende, che nel peggiore dei casi potrebbero recuperare parte dei costi sostenuti rifacendosi sul consumatore finale. In America si può immaginare così il futuro di internet: non più libero, aperto e neutrale. Di fatto, ricchi e poveri, start-up e multinazionali potrebbero non operare più su un campo da gioco equo.

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

La riforma fiscale negli Stati Uniti è sempre più vicina. I legislatori repubblicani hanno finalizzato in un unico testo le bozze del provvedimento approvato alla Camera il 16 novembre scorso e al Senato il 2 dicembre successivo. E se ieri i mercati finanziari temevano nuovi ostacoli, oggi sono tornati a sperare spingendosi a livelli record.

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Il segretario americano di Stato e l'ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Uniti parteciperanno al consiglio di sicurezza dell'Onu in calendario oggi. Rex Tillerson descriverà la linea con cui Washington intende affrontare la crisi con Pyongyang, che nonostante le sanzioni internazionali continua a portare avanti i suoi programmi nucleare e missilistico.

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

Michael Bloomberg, il tre volte sindaco di New York che nel 2016 accarezzò l'idea di candidarsi alle presidenziali americane, ha pesantemente criticato la riforma fiscale che Donald Trump spera di rendere legge entro Natale. Secondo lui è una "cantonata economicamente indifendibile" di cui il presidente dovrà rispondere per gli effetti che creerà. Per questo i repubblicani che ne sono consapevoli dovrebbero votare no.

In America internet è meno libera

Stop alle regole sulla Net Neutrality volute da Barack Obama nel 2015 per garantire internet aperta e uguale per tutti. Netflix e i colossi della Silicon Valley contro: sarà una lunga battaglia

La Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha votato per l'eliminazione delle regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un internet a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più. In commissione, il voto ha seguito la divisione tra partiti: i tre repubblicani hanno votato a favore dell'eliminazione, i due democratici contro.

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale

Fiat Chrysler Automobiles è stata promossa da Fitch, che ha alzato il rating associato al gruppo guidato da Sergio Marchionne a BB da BB- con outlook stabile. Il titolo a Wall Street ha subito accelerato andando a migliorare una già brillante performance: da inizio anno ha guadagnato il 93% e negli ultimi 12 mesi il 101%.

Ufficiale il matrimonio (da 52,4 miliardi) tra Walt Disney e 21st Century Fox

Subito prima dell'acquisizione Fox scorporerà alcuni asset (Fox Broadcasting e le emittenti Fox News, Fox Business, FS1, FS2 e Big Ten Network). L'amministratore delegato e presidente di Disney Bob Iger resterà in carica fino al 2021.
AP

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi è arrivata l'ufficialità. Walt Disney ha raggiunto un accordo per rilevare 21st Century Fox, una volta che questa avrà scorporato alcuni asset (Fox Broadcasting e le emittenti Fox News, Fox Business, FS1, FS2 e Big Ten Network). Come si legge in una nota, Disney pagherà 52,4 miliardi di dollari in azioni, ovvero 0,2745 azioni per ogni titolo di Fox.

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Le calzature Crocs sono destinate a tornare di moda. Le ciabatte leggere e dai colori sgargianti, un tempo diffuse anche in Italia, sembra stiano tornando ad essere popolari. Per questo gli analisti di Stifel consigliano agli investitori di comprare il titolo e non di tenerlo semplicemente in portafoglio. La raccomandazione ha spinto l'azione sui massimi di oltre due anni a Wall Street, dove venerdì 15 dicembre ha vissuto un rally di oltre il 14% a 12,55 dollari.

Alabama, duplice sconfitta per Trump: "Ma sapevo che Moore avrebbe perso"

Il presidente aveva appoggiato Strange alle primarie repubblicane. La sconfitta di Moore è un buon segnale per l'establishment repubblicano contro Bannon, mentre è preoccupante per Trump, che in Alabama aveva stravinto le presidenziali

Dopo la sconfitta del repubblicano Roy Moore nelle elezioni speciali in Alabama per un seggio nel Senato federale statunitense, i media nazionali hanno ricordato che entrambi i candidati sostenuti da Donald Trump hanno perso: alle primarie repubblicane, infatti, il presidente aveva appoggiato Luther Strange, sconfitto poi dal candidato che ieri è stato battuto dal democratico Doug Jones.