Trump usa il primo discorso da Studio Ovale per insistere sul muro

Parlando di una "crisi" al confine con il Messico, torna a chiedere i fondi per la costruzione di una barriera. Democratici contrari. Oggi nuovi negoziati alla Casa Bianca

Nel suo primo discorso pronunciato dallo Studio Ovale, trasmesso a reti unificate nella notte, il presidente americano Donald Trump è tornano a parlare di una "crisi umanitaria e di sicurezza" al confine tra Stati Uniti e Messico ma non di una "emergenza". Sembra dunque che il leader Usa non sia ancora pronto a testare i limiti della sua autorità presidenziale per dichiarare una "emergenza nazionale" che secondo lui gli permetterebbe di costruire una "barriera fisica" necessaria per "tenere al sicuro l'America" senza chiedere fondi al Congresso. Né lui nel suo intervento né i due leader democratici a Capitol Hill nei loro commenti successivi hanno aggiunto qualcosa di nuovo rispetto a quanto gli investitori già sapevano; per questo i mercati non hanno reagito.

Dopo 20 minuti di botta e risposta, le distanze sembrano incolmabili. Trump è però convinto che una soluzione possa essere trovata "in 45 minuti". Per questo ha detto di avere nuovamente invitato alla Casa Bianca la leadership del Congresso. L'obiettivo è negoziare e risolvere il caso. L'appuntamento è previsto oggi ed è il terzo dell'ultima settimana. Gli altri due sono finiti senza un accordo che avrebbe portato alla fine dello shutdown, la paralisi parziale del governo federale iniziata il 22 dicembre scorso a causa della mancata approvazione di una legge di spesa che avrebbe permesso di continuare a finanziare le attività della pubblica amministrazione. La posizione di Trump è sempre la stessa: vuole che i democratici al Congresso - convinti che la crisi di cui parla il presidente sia "fabbricata" - approvino una legge di spesa che includa i 5,7 miliardi di dollari che lui vuole per la costruzione di una "barriera fisica" e che consenta di riaprire il governo. I democratici chiedono invece che Trump "smetta di tenere ostaggi gli americani, di parlare di una crisi che non c'è e di riaprire il governo"; per loro i temi del muro e dello shutdown vanno separati, cosa che permetterebbe di continuare il dibattito sulla sicurezza mentre si mette fine allo shutdown stesso (che rischia di diventare il più lungo della storia).

Sia la speaker alla Camera, Nancy Pelosi, sia il leader della minoranza Dem al Senato, Chuck Schumer, hanno ribadito che "tutti sono d'accordo sul potenziare la sicurezza ai confini. Sono i modi su come farlo che divergono".

Mentre fuori dalla Casa Bianca qualcuno protestava con cartelli con la scritta "Fake crisis" (crisi falsa), da dietro il Resolute Desk Trump ha rispolverato i toni cupi usati nel suo discorso di inaugurazione del 20 gennaio 2017. Allora promise di mettere fine alla "carneficina americana"; questa volta ha retoricamente chiesto "quanto sangue ancora deve essere versato" prima che il problema dell'immigrazione "illegale" sia risolto. Secondo il Commander in chief, la costruzione di un muro non è "immorale" come sostenuto dai democratici. E per convincere gli americani di questo è tornato a citare il fatto che "molti politici ricchi hanno un muro attorno alle loro case".

Trump ha anche detto il falso sostenendo che la barriera non sarà di cemento come originariamente sognato da lui ma in acciaio "come richiesto dai democratici", che subito hanno smentito. Per il presidente la barriera fisica "si finanzierà da sola" (non è dato sapere come) e verrà pagata "indirettamente dall'accordo commerciale siglato con il Messico", riferimento allo Usmca, l'intesa che sostituisce il vecchio Nafta.

La californiana Pelosi non ha mancato di fare notare che ai tempi della campagna elettorale del 2016, Trump aveva detto che il muro sarebbe stato pagato dal Messico e che dunque non sta mantenendo la sua promessa elettorale chiedendo soldi ai contribuenti. Il newyorchese Schumer, comparso a reti unificate accanto alla collega, le ha fatto eco sostenendo che nel suo discorso "il presidente ha scelto la paura, non i fatti. La divisione, non l'unità". Schumer ha anche criticato la decisione di Trump di usare un discorso dallo Studio Ovale per parlare della presunta crisi al confine sostenendo che "molti" dei suoi predecessori lo hanno fatto "per scopi nobili" e non "per produrre una crisi, diffondere la paura e distogliere l'attenzione dalla confusione nel suo governo". I democratici credono che la fine dello shutdown sia possibile. E sono conviti che il simbolo dell'America che Trump vuole rendere "sicura come mai prima d'ora" sia la "Statua della Libertà e non una parete alta nove metri" giudicata "inefficae e costosa".

AP
Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione, Trump pensa a evento "alternativo"

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.