Trump verso scelta presidente Fed, divisioni nel Gop su direzione politica monetaria

Il segretario al Tesoro tifa per Powell. Yellen forse vittima del suo successo

Dopo avere criticato la politica monetaria americana nel corso degli ultimi otto anni, quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama, i repubblicani hanno ora la possibilità di cambiare la direzione della Federal Reserve: a inizio 2018 scadrà il mandato di Janet Yellen e il presidente Donald Trump, che dovrebbe vederla per discutere del suo futuro, dovrà scegliere un nuovo numero uno per la Banca centrale.

Tuttavia all'interno del partito del presidente ci sono ampie divisioni sulla strada che la politica monetaria americana dovrebbe prendere: durante e dopo la crisi economica i repubblicani hanno sostenuto che la Fed dovesse essere sottoposta a maggiori limiti e controlli, ma ora che l'economia è più stabile e la Casa Bianca si prepara a varare una riforma fiscale che, secondo le previsioni, dovrebbe imprimere un'ulteriore accelerata alla congiuntura, c'è chi teme che prendere una posizione troppo severa nei confronti della Fed possa mettere il freno allo slancio dell'economia.

Il fatto che non ci sia chiarezza sulla strada da prendere è evidenziato anche dai profili molto diversi, se non addirittura opposti, dei candidati papabili per la presidenza dell'istituto centrale. La short list di Trump include due delle persone più ostili alle attuali scelte della Banca centrale (l'economista della Stanford University John Taylor e l'ex governatore della Fed Kevin Warsh), due accesi sostenitori dell'approccio attuale dell'istituto basato su una graduale normalizzazione della politica (la stessa Yellen e Jerome Powell, repubblicano, ex investment banker e attuale membro del Board della Fed) e una persona molto vicina a Trump (Gary Cohn, attuale consigliere economico del presidente).

Il presidente americano per il momento non ha lasciato trapelare nulla sulle sue preferenze: "Onestamente mi piacciono tutti, davvero, ho grande rispetto per tutti loro", ha detto di recente anticipando una decisione imminente: Trump dovrebbe sciogliere le riserve sulla sua scelta prima del previsto viaggio in Asia, che inizierà il 3 novembre.

Alcuni, compreso il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, ritengono che Powell sarebbe un buon compromesso: è repubblicano, moderato e vicino a Randal Quarles, che è stato di recente nominato da Trump come vicepresidente per la supervisione. Le chance che Yellen sia riconfermata sembrano invece basse: nominata nel 2014, si può dire che abbia rimesso l'economia in carreggiata, ma potrebbe essere vittima del suo stesso successo, visto che proprio il fatto che il Paese navighi ora in acque più tranquille potrebbe essere visto come una buona occasione per un cambio di leadership senza scossoni.

Inoltre, sebbene i tre predecessori di Yellen (Ben Bernanke, Alan Greenspan e Paul Volcker) siano stati confermati almeno una volta da un presidente che non li aveva nominati e di un partito politico diverso dal loro (in questo caso, Yellen è stata scelta da Obama, democratico, e dovrebbe essere confermata da Trump, repubblicano), molti nel Gop chiedono a gran voce che la guida della Banca centrale non sia assegnata a un democratico e Yellen non ha mai fatto mistero di esserlo.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP