Trump: "Voglio aiutare i Dreamers, ma in cambio pretendo il muro"

Gli immigrati irregolari arrivati da bambini sono in un limbo, dopo la fine del Daca, voluta dal presidente
iStock

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto di voler aiutare i Dreamers, gli immigrati portati nel Paese illegalmente quando erano bambini e che ora si trovano in un limbo, dopo la sua decisione di porre fine al programma Daca, ma che in cambio pretende il muro con il Messico.

Intervistato da Sean Hannity per il programma più seguito di Fox News, Trump ha detto: "Guarda, abbiamo 800.000 persone. Non sono necessariamente giovani...ma molte di queste persone sono nell'esercito, hanno un lavoro...ma se faremo qualcosa, dobbiamo ottenere qualcosa in cambio. E quello che voglio è un eccezionale controllo delle frontiere, voglio il muro, e otterremo altre cose. Vedremo se potremo trovare una soluzione. Ora, non lo so. Ma sarebbe magnifico risolvere il problema Daca".

Poco più di un mese fa, l'amministrazione Trump ha annunciato la fine del programma Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), voluto nel 2012 da Barack Obama, che consentiva agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare il rimpatrio e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile. Le persone attualmente protette dal Daca "non saranno toccate" dalla fine del programma "prima del 5 marzo 2018, in modo che il Congresso abbia il tempo di trovare le soluzioni legislative appropriate" per le quasi 800.000 persone interessate dal provvedimento.

Per entrare nel programma, i richiedenti dovevano avere meno di 31 anni al 15 giugno 2012, quando il programma è iniziato, ed essere "senza documenti", ovvero irregolari. Dovevano inoltre essere arrivati prima di aver compiuto 16 anni e aver vissuto negli Stati Uniti ininterrottamente dal giugno 2007. Inoltre, non dovevano aver commesso reati o rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale. La stragrande maggioranza dei Dreamers è di origini messicane: 618.342 sui 787.580 che hanno ottenuto il permesso.

Altri Servizi

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia. La Cia non cambia posizione: Putin è colpevole. E poi tra i due spunta un accordo per la pace in Siria.
AP

Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

Una seconda ginnasta olimpionica denuncia gli abusi sessuali subiti

Aly Raisman, dopo McKayla Maroney, accusa l'ex medico della nazionale statunitense, Larry Nassar

Pirelli riparte da Alice nel Paese delle Meraviglie per tornare a farci sognare

Ventotto immagini di Tim Walker per raccontare la storia di Lewis Carroll solo con modelli, attori e artisti neri. Tronchetti Provera: “Vogliamo parlare di libertà di espressione e di libertà in ogni senso, portare questo messaggi"

Russiagate, spunta un presunto piano per consegnare Gulen a Erdogan

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo di Flynn, ex consigliere di Trump

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

News Corp torna all'utile, al lavoro con Google e Facebook per attirare abbonati

Nel suo primo trimestre fiscale, profitti superiori alle stime. Bene anche i ricavi. Il Wall Street Journal contava 1,318 milioni di utenti digitali attivi quotidianamente nei tre mesi al 30 settembre
iStock

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Ceo di AT&T: regolatori Usa non hanno mai chiesto vendita Cnn

Fonte del governo conferma: mai forzata una tale cessione. Washington preferirebbe che il deal saltasse
iStock

Riforma fiscale: Gop al Senato non taglia aliquota aziendale fino al 2019

Si tratta di un anno dopo il piano della Camera. L'approvazione della legislazione diventa complicata
Shutterstock