Trump vuole aumentare il pressing sulla Cina con i dazi

Secondo il Wsj, l'amministrazione Usa è convinta che la linea dura stia funzionando. Pechino prende tempo sui dossier Qualcomm-NXP e Bain Capital-Toshiba

Convinto che la sua strategia a colpi di minacce di dazi stia funzionando, l'amministrazione Trump intende aumentare la pressione sulla Cina in ambito commerciale. Come? Concentrandosi sulle nuove tariffe doganali ventilate la settimana scorsa per 100 miliardi di dollari e minacciando di bloccare investimenti tecnologici cinesi negli Stati Uniti attraverso acquisizioni, joint venture, licenze o altre tipologie di accordo. Lo scrive il Wall Street Journal citando funzionari americani.

Il tutto succede mentre il presidente americano Donald Trump ha chiesto al suo consigliere economico e al rappresentante americano per il commercio di valutare se e come rientrare nella Trans-Pacific Partnership, cosa che non solo farebbe venire meno una sua promessa elettorale ma metterebbe ulteriore pressione sulla Cina. Dal canto suo, scrive sempre il Wsj, Pechino punta a fare leva su altre nazioni contro le mosse Usa: nel mirino c'è l'Europa, le cui aziende potrebbero beneficiare se la seconda economia al mondo rispondesse con ritorsioni ai dazi di Trump. Inoltre, la Cina sembra intenzionata a tenere in sospeso sue transazioni finanziarie riguardanti le americane Qualcomm e Bain Capital.

Robert Lighthizer, titolare dell'Office of the United States Trade Representative, già la settimana prossima potrebbe fornire i dettagli di quali prodotti verrebbero puniti dai dazi del 25% ventilati il 5 aprile scorso su importazioni cinesi per un valore annuo di 100 miliardi di dollari. L'elenco seguirebbe quello diffuso il 3 aprile composto da 1.300 prodotti Made in China su cui sono stati ipotizzati altri dazi per 50 miliardi; Pechino aveva reagito minacciando a sua volta tariffe doganali del 25% su 106 tipologie di articoli Usa aventi lo stesso valore tra cui i semi di soia. Per il momento Washington ha fatto scattare il 23 marzo solo i dazi su acciaio e alluminio cinesi per 3 miliardi di dollari annui, a cui la Cina ha reagito con dazi su carne Usa e altri prodotti.

Il 10 aprile scorso dal Boao Forum, la Davos asiatica, il presidente cinese Xi Jinping annunciò piani per aprire ulteriormente l'economia cinese e abbassare tariffe sulle auto e altri prodotti. Le sue parole aiutarono ad allentare le tensioni tra Usa e Cina e furono apprezzate in un tweet da Trump, calmando gli investitori. Quelle parole, tuttavia, sono viste dalla Casa Bianca per dimostrare che la linea dura sta funzionando. Chiaramente Pechino - almeno formalmente - nega di piegarsi a Washington. La Cina ha sempre a disposizione quella che qualche gestore chiama "opzione nucleare", la vendita della montagna di Treasury che ha in portafoglio e che valgono 1.200 miliardi di dollari. Nell'epoca di conti pubblici Usa insostenibili, non sarebbe una mossa gradita. Né da Washington, né dagli investitori.

Mentre l'amministrazione Trump sembra intenzionata ad aumentare il suo pressing sulla Cina in tema commerciale, Pechino sta rallentando le analisi con cui potrebbe dare il via libera ad accordi plurimiliardari riguardanti Qualcomm e Bain Capital. La Cina è l'unico Paese a non aveva ancora dato l'ok all'acquisizione da parte di Qualcomm del produttore di microprocessori olandese NXP; l'operazione vale 44 miliardi di dollari. Inoltre, la nazione asiatica deve esprimersi anche sulla cessione da parte della giapponese Toshiba della sua divisione di semiconduttori a un consorzio disposto a pagare 19 miliardi e capitanato dal gruppo di private equity Bain Capital. Il timore è che nessuna delle due transazioni potrebbe procedere in tempi di tensioni commerciali. Questo stallo potrebbe essere usato dalla Cina come leva sugli Usa, che stanno ipotizzando dazi per complessivi 150 miliardi di dollari su importazioni annue cinesi. Per Qualcomm, l'acquisto di NXP è visto come essenziale per la sua diversificazione e il tempo stringe visto che c'è tempo fino al 25 aprile per completare la transazione. Per Toshiba, più lungo diventa l'iter che porterà alla cessione della divisione, più alto diventa il rischio di perdere il suo vantaggio tecnologico.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.