Trump vuole bloccare l'import di acciaio. La scusa? Una minaccia alla sicurezza nazionale

Oggi firma ordine esecutivo per chiedere al dipartimento del Commercio di capire se ci sono gli estremi. Intanto a Wall Street il settore si risveglia

I titoli delle aziende americane che producono acciaio continuano a salire a Wall Street, dopo la notizia che Donald Trump oggi firmerà un ordine esecutivo per chiedere al dipartimento del Commercio di aprire una inchiesta e capire se è possibile bloccare le importazioni dall'estero della materia prima. Il settore, quotato sull'S&P 500, è in rialzo di oltre l'1%, con una ripresa guidata da Nucor Corporation, Freeport-McMoRan e Martin Marietta Materials.

Proprio oggi il presidente americano firmerà un documento per velocizzare una indagine del dipartimento del Commercio: l'obiettivo è quello di dimostrare che l'importazione di acciaio dall'estero è una minaccia alla sicurezza nazionale. Per quale motivo? L'acciaio, usato per esempio per la costruzione degli scafi delle navi, deve essere prodotto con alti standard di sicurezza, che secondo l'amministrazione Trump le aziende non americane potrebbero non avere. La mossa rappresenta un nuovo tentativo di portare avanti l'agenda di Trump, che prevede di avvantaggiare la produzione americana.

Alla cerimonia di oggi parteciperanno anche alcuni degli amministratori delegati del settore dell'acciaio, che sempre alla Casa Bianca avranno un incontro con il segretario al Commercio, Wilbur Ross. Il presidente americano vuole usare il Trade Expansion Act del 1962, che permette di imporre sanzioni solo per motivi di sicurezza nazionale, si legge in una nota della Casa Bianca. Tuttavia questo tipo di provvedimenti unilaterali non vengono usati dal 1995, hanno di fondazione dell'Organizzazione mondiale del commercio, che li scoraggia.

L'ultima volta fu Richard Nixon nel 1971 ad imporre un dazio del 10% per contenere il deficit commerciale americano. Nel 2016 gli Stati Uniti hanno importato 30 milioni di tonnellate di acciaio, meno dei 35 milioni del 2015, per usarlo nella costruzione di palazzi, ponti, dighe e impianti per la lavorazione del gas e del petrolio.

I principali fornitori sono Canada, Brasile, Corea del Sud, Messico, Giappone e Germania. La Cina, uno dei più grandi produttori mondiali, non è nella lista visto che gli Stati Uniti hanno già imposto alcune restrizioni all'importazione dell'acciaio cinese. Nonostante i rialzi di oggi, il settore perso l'11% dall'inizio dell'anno.

Da giugno infatti ha visto una forte volatilità. Mentre calcolando la performance rispetto ai livelli dello stesso periodo dell'anno scorso è in rialzo del 45%. L'incertezza dei mesi passati è legata anche ai possibili ritardi del pacchetto sulle infrastrutture da 1.000 miliardi, che potrebbe ridare una spinta all'intero settore.

Altri Servizi

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock

Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Usa: inflazione rafforzata a fine 2017, Fed verso rialzo tassi a marzo

Il rendimento del Treausry a due anni sopra il 2%, prima volta dal 2008. La banca centrale americana sarà più "falco" che "colomba"?

Trump lascia intatto (per ora) l'accordo sul nucleare, ultimatum ai partner Ue

Il presidente ha mantenuto il congelamento di sanzioni legate alla storica intesa raggiunta nel 2015 da Teheran e le principali potenze mondiali. Bruxelles ha 120 giorni per modificarla. Sanzionato capo magistratura iraniana

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

Facebook annuncia cambiamenti al News Feed. Titolo giù del 5%

Più storie di amici e meno aziende e notizie. E si teme per la macchina pubblicitaria del colosso