Trump vuole i Mondiali di calcio 2026 e minaccia gli alleati: "Chi chiede il nostro aiuto deve votare per gli Usa"

Il presidente si espone sulla candidatura con Canada e Messico. La Fifa lo avverte di non esercitare indebite pressioni sul regolare svolgimento del processo di assegnazione. A sfidare i tre Paesi nordamericani è il Marocco: la decisione il 13 giugno
Ap

Giorni fa, nel flusso di tweet in cui finiscono anche i tanti messaggi quotidiani del presidente degli Stati Uniti, è passata piuttosto inosservata una velata minaccia di Donald Trump agli alleati. Una minaccia che non riguarda nessuno dei temi di politica internazionale in discussione in queste settimane, ma lo sport. E, in particolare, uno sport di cui Trump non sarebbe nemmeno un fan: il calcio. Il motivo, naturalmente, non è sportivo, ma economico: in ballo c'è l'organizzazione dei Mondiali maschili del 2026.

Gli Stati Uniti, infatti, hanno presentato una candidatura congiunta con Messico e Canada (sì, proprio i Paesi con cui sta litigando per modificare il Nafta, il trattato di libero scambio; e sì, proprio quel Messico con cui discute un giorno sì e l'altro pure sull'immigrazione) per la Coppa del Mondo successiva all'edizione in programma in Qatar. L'unico rivale è il Marocco, che si candida a diventare il secondo Paese africano a ospitare l'evento, dopo il Sudafrica nel 2012.

"Gli Stati Uniti hanno presentato insieme a Canada e Messico una FORTE candidatura per la Coppa del Mondo 2026. Sarebbe una vergogna se Paesi che abbiamo sempre sostenuto facessero pressioni contro la candidatura degli Stati Uniti. Perché dovremmo sostenere questi Paesi, quando loro non ci sostengono (nemmeno alle Nazioni Unite)?".

La Fifa, l'organo di comando del calcio mondiale, assegnerà i Mondiali nella riunione a Mosca in programma il 13 giugno. "Come regola generale, non possiamo commentare dichiarazioni specifiche sul processo di assegnazione" ha commentato la Fifa in una nota. "Possiamo solo rinviare alle regole della Fifa per la selezione del luogo per la competizione finale della Coppa del Mondo del 2026 e in particolare alle regole di condotta incorporate".

Le regole a cui fa riferimento la Fifa contengono un esplicito avvertimento contro attività dei Paesi candidati che "possano negativamente influire sull'integrità del processo di selezione e dar vita a un'influenza ingiustificata sul processo stesso".

Il presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, ha sostenuto per una volta la posizione di Trump. Miracoli del calcio e del business. "Potremo avere delle differenze, ma il calcio ci unisce. Insieme sosteniamo la candidatura di Messico, Canada e Usa per la Coppa del Mondo 2026".

Il comitato per la candidatura nordamericana, a sua volta, ha espresso gradimento per il sostegno di Trump: "Dall'inizio, abbiamo ricevuto il forte sostegno dei governi di Canada, Messico e Stati Uniti. Siamo grati per questo sostegno e, insieme, i nostri tre Paesi sono pronti per accogliere giocatori e tifosi di tutto il mondo per una Coppa del Mondo straordinaria nel 2026".

Il Comitato organizzativo del Marocco non ha commentato il tweet di Trump. La candidatura nordamericana dispone di grandi stadi ed eccellenti infrastrutture, ma non è certa di vincere. La candidatura del Marocco è infatti sostenuta con forza dai Paesi africani e del Medio Oriente. Recentemente, anche la Francia ha reso noto di sostenere la candidatura del Marocco, così come la Russia, che ospiterà i Mondiali quest'estate, a cui la nazionale statunitense (così come quella italiana) non parteciperà. Gli Stati Uniti hanno già organizzato i Mondiali nel 1994, quelli vinti dal Brasile ai rigori, contro l'Italia. I Paesi membri della Fifa hanno un voto ciascuno a disposizione, a prescindere dalla loro grandezza.

Altri Servizi

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

Musk promette corse da 1 dollaro alla velocità di 160 km/h nei tunnel Loop

L'uomo a capo di Booring Company, oltre che di Tesla e SpaceX, cerca il sostegno della comunità di Los Angeles

Mentre vuole rivoluzionare il settore auto con una vettura elettrica a marchio Tesla pensata per il mercato di massa (la Model 3) e mentre vuole portare in orbita gli esseri umani entro l'anno con la sua SpaceX, Elon Musk ha fornito ulteriori dettagli di un altro progetto - a dir poco ambizioso - legato a un'altra azienda di sua proprietà, la Boring Company. Il miliardario vuole creare tunnel sotterranei a Los Angeles per risolvere il problema del traffico nella città californiana.

Wall Street, investitori innervositi da Trump

Il presidente Usa non contento delle trattative commerciali con la Cina. Possibile un rinvio del summit con Kim
iStock

L'Italia invade Central Park: il 3 giugno corsa per celebrare la Festa della Repubblica

Passo di iscrizioni record per la "Italy Run By Ferrero", prima edizione dell'evento realizzato in partnership con gli organizzatori della celebre maratona di New York. Attesi circa 10mila partecipanti

L'Italia e gli Stati Uniti celebreranno a New York la Festa della Repubblica con la prima edizione della "Italy Run By Ferrero", una corsa di cinque miglia (otto chilometri) organizzata a Central Park il prossimo 3 giugno. L'iniziativa è aperta a grandi e piccoli, italiani e non; è realizzata in partnership con la New York Road Runners (Nyrr), la non profit a cui fa capo la celebre maratona annuale di New York City, e il consolato italiano a New York guidato da Francesco Genuardi, "orgoglioso di potere trasformare un sogno in realtà" organizzando una corsa che "ancora una volta segna l'amicizia tra l'Italia e la città di New York".

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Nordcorea: Moon da Trump per salvare il summit con Kim

Nell'amministrazione Usa c'è chi dubita che l'incontro del 12 giugno a Singapore ci sarà. Oggi riunione tra il presidente sudcoreano e quello americano

Il presidente sudcoreano metterà piede oggi alla Casa Bianca con un obiettivo: convincere Donald Trump che il suo summit con il leader nordcoreano s'ha da fare e che può essere costruttivo. Questo, nonostante Pyongyang la settimana scorsa abbia rispolverato una retorica dura su un'esercitazione militare congiunta tra Washington e Seul e ha messo in guardia gli Stati Uniti facendo capire che l'incontro non è affatto scontato.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.

Macy's: i conti battono le stime grazie a ecommerce e turisti

I grandi magazzini hanno alzato l'outlook per il 2018. Fine di una joint venture in Cina, dove il gruppo resta su Alibaba
Macy's

Il titolo dei grandi magazzini Macy's è protagonista di un rally a Wall Street dopo la pubblicazione di una trimestrale migliore del previsto e del miglioramento dell'outlook. Da inizio anno è salito del 19% e negli ultimi 12 mesi del 29%.