Trump vuole i Mondiali di calcio 2026 e minaccia gli alleati: "Chi chiede il nostro aiuto deve votare per gli Usa"

Il presidente si espone sulla candidatura con Canada e Messico. La Fifa lo avverte di non esercitare indebite pressioni sul regolare svolgimento del processo di assegnazione. A sfidare i tre Paesi nordamericani è il Marocco: la decisione il 13 giugno
Ap

Giorni fa, nel flusso di tweet in cui finiscono anche i tanti messaggi quotidiani del presidente degli Stati Uniti, è passata piuttosto inosservata una velata minaccia di Donald Trump agli alleati. Una minaccia che non riguarda nessuno dei temi di politica internazionale in discussione in queste settimane, ma lo sport. E, in particolare, uno sport di cui Trump non sarebbe nemmeno un fan: il calcio. Il motivo, naturalmente, non è sportivo, ma economico: in ballo c'è l'organizzazione dei Mondiali maschili del 2026.

Gli Stati Uniti, infatti, hanno presentato una candidatura congiunta con Messico e Canada (sì, proprio i Paesi con cui sta litigando per modificare il Nafta, il trattato di libero scambio; e sì, proprio quel Messico con cui discute un giorno sì e l'altro pure sull'immigrazione) per la Coppa del Mondo successiva all'edizione in programma in Qatar. L'unico rivale è il Marocco, che si candida a diventare il secondo Paese africano a ospitare l'evento, dopo il Sudafrica nel 2012.

"Gli Stati Uniti hanno presentato insieme a Canada e Messico una FORTE candidatura per la Coppa del Mondo 2026. Sarebbe una vergogna se Paesi che abbiamo sempre sostenuto facessero pressioni contro la candidatura degli Stati Uniti. Perché dovremmo sostenere questi Paesi, quando loro non ci sostengono (nemmeno alle Nazioni Unite)?".

La Fifa, l'organo di comando del calcio mondiale, assegnerà i Mondiali nella riunione a Mosca in programma il 13 giugno. "Come regola generale, non possiamo commentare dichiarazioni specifiche sul processo di assegnazione" ha commentato la Fifa in una nota. "Possiamo solo rinviare alle regole della Fifa per la selezione del luogo per la competizione finale della Coppa del Mondo del 2026 e in particolare alle regole di condotta incorporate".

Le regole a cui fa riferimento la Fifa contengono un esplicito avvertimento contro attività dei Paesi candidati che "possano negativamente influire sull'integrità del processo di selezione e dar vita a un'influenza ingiustificata sul processo stesso".

Il presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, ha sostenuto per una volta la posizione di Trump. Miracoli del calcio e del business. "Potremo avere delle differenze, ma il calcio ci unisce. Insieme sosteniamo la candidatura di Messico, Canada e Usa per la Coppa del Mondo 2026".

Il comitato per la candidatura nordamericana, a sua volta, ha espresso gradimento per il sostegno di Trump: "Dall'inizio, abbiamo ricevuto il forte sostegno dei governi di Canada, Messico e Stati Uniti. Siamo grati per questo sostegno e, insieme, i nostri tre Paesi sono pronti per accogliere giocatori e tifosi di tutto il mondo per una Coppa del Mondo straordinaria nel 2026".

Il Comitato organizzativo del Marocco non ha commentato il tweet di Trump. La candidatura nordamericana dispone di grandi stadi ed eccellenti infrastrutture, ma non è certa di vincere. La candidatura del Marocco è infatti sostenuta con forza dai Paesi africani e del Medio Oriente. Recentemente, anche la Francia ha reso noto di sostenere la candidatura del Marocco, così come la Russia, che ospiterà i Mondiali quest'estate, a cui la nazionale statunitense (così come quella italiana) non parteciperà. Gli Stati Uniti hanno già organizzato i Mondiali nel 1994, quelli vinti dal Brasile ai rigori, contro l'Italia. I Paesi membri della Fifa hanno un voto ciascuno a disposizione, a prescindere dalla loro grandezza.

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Scontro Usa-Francia sulla web tax: Trump minaccia dazi

La misura colpisce 30 aziende tra cui le americane Alphabet, Apple Amazon e Facebook ma anche gruppi cinesi, tedeschi, spagnoli e britannici
Ap

Gli Stati Uniti hanno aperto un'inchiesta sulla web tax approvata oggi dal Senato francese, che ha ignorato l'avvertimento arrivato ieri da Washington. Nel mirino c'è l'imposta pari al 3% per le aziende digitali con un fatturato globale di oltre 750 milioni di euro e uno di 25 milioni generato in Francia.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.