Trump vuole i Mondiali di calcio 2026 e minaccia gli alleati: "Chi chiede il nostro aiuto deve votare per gli Usa"

Il presidente si espone sulla candidatura con Canada e Messico. La Fifa lo avverte di non esercitare indebite pressioni sul regolare svolgimento del processo di assegnazione. A sfidare i tre Paesi nordamericani è il Marocco: la decisione il 13 giugno
Ap

Giorni fa, nel flusso di tweet in cui finiscono anche i tanti messaggi quotidiani del presidente degli Stati Uniti, è passata piuttosto inosservata una velata minaccia di Donald Trump agli alleati. Una minaccia che non riguarda nessuno dei temi di politica internazionale in discussione in queste settimane, ma lo sport. E, in particolare, uno sport di cui Trump non sarebbe nemmeno un fan: il calcio. Il motivo, naturalmente, non è sportivo, ma economico: in ballo c'è l'organizzazione dei Mondiali maschili del 2026.

Gli Stati Uniti, infatti, hanno presentato una candidatura congiunta con Messico e Canada (sì, proprio i Paesi con cui sta litigando per modificare il Nafta, il trattato di libero scambio; e sì, proprio quel Messico con cui discute un giorno sì e l'altro pure sull'immigrazione) per la Coppa del Mondo successiva all'edizione in programma in Qatar. L'unico rivale è il Marocco, che si candida a diventare il secondo Paese africano a ospitare l'evento, dopo il Sudafrica nel 2012.

"Gli Stati Uniti hanno presentato insieme a Canada e Messico una FORTE candidatura per la Coppa del Mondo 2026. Sarebbe una vergogna se Paesi che abbiamo sempre sostenuto facessero pressioni contro la candidatura degli Stati Uniti. Perché dovremmo sostenere questi Paesi, quando loro non ci sostengono (nemmeno alle Nazioni Unite)?".

La Fifa, l'organo di comando del calcio mondiale, assegnerà i Mondiali nella riunione a Mosca in programma il 13 giugno. "Come regola generale, non possiamo commentare dichiarazioni specifiche sul processo di assegnazione" ha commentato la Fifa in una nota. "Possiamo solo rinviare alle regole della Fifa per la selezione del luogo per la competizione finale della Coppa del Mondo del 2026 e in particolare alle regole di condotta incorporate".

Le regole a cui fa riferimento la Fifa contengono un esplicito avvertimento contro attività dei Paesi candidati che "possano negativamente influire sull'integrità del processo di selezione e dar vita a un'influenza ingiustificata sul processo stesso".

Il presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, ha sostenuto per una volta la posizione di Trump. Miracoli del calcio e del business. "Potremo avere delle differenze, ma il calcio ci unisce. Insieme sosteniamo la candidatura di Messico, Canada e Usa per la Coppa del Mondo 2026".

Il comitato per la candidatura nordamericana, a sua volta, ha espresso gradimento per il sostegno di Trump: "Dall'inizio, abbiamo ricevuto il forte sostegno dei governi di Canada, Messico e Stati Uniti. Siamo grati per questo sostegno e, insieme, i nostri tre Paesi sono pronti per accogliere giocatori e tifosi di tutto il mondo per una Coppa del Mondo straordinaria nel 2026".

Il Comitato organizzativo del Marocco non ha commentato il tweet di Trump. La candidatura nordamericana dispone di grandi stadi ed eccellenti infrastrutture, ma non è certa di vincere. La candidatura del Marocco è infatti sostenuta con forza dai Paesi africani e del Medio Oriente. Recentemente, anche la Francia ha reso noto di sostenere la candidatura del Marocco, così come la Russia, che ospiterà i Mondiali quest'estate, a cui la nazionale statunitense (così come quella italiana) non parteciperà. Gli Stati Uniti hanno già organizzato i Mondiali nel 1994, quelli vinti dal Brasile ai rigori, contro l'Italia. I Paesi membri della Fifa hanno un voto ciascuno a disposizione, a prescindere dalla loro grandezza.

Altri Servizi

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP