Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Ieri, è emersa subito l'opposizione alla nuova proposta di legge di due senatori, Susan Collins del Maine e Rand Paul del Kentucky, già schierati per il 'no' al voto per portare il testo in discussione, la prossima settimana. I leader dei repubblicani stanno facendo grosse pressioni su circa la metà degli altri senatori, affinché si formi un fronte compatto a favore del nuovo testo. Un altro 'no' ucciderebbe la proposta, generando probabilmente una defezione di massa, secondo Politico.

Anche l'amministrazione Trump continua a fare pressioni sui senatori, a partire dal presidente, che quotidianamente si esprime sull'argomento su Twitter. Prima che il leader della maggioranza in Senato, Mitch McConnell, annunciasse in settimana il rinvio dell'inizio delle vacanze e la conseguente riduzione delle ferie per arrivare a un risultato in Aula sulla riforma sanitaria, Donald Trump aveva scritto che "non posso immaginare che il Congresso osi lasciare Washington senza una bella riforma sanitaria pienamente approvata e pronta". Ieri, ai giornalisti che lo hanno seguito nel suo viaggio a Parigi, ha detto che "l'unica cosa più difficile della pace tra Israele e i palestinesi è la [riforma della] sanità". Oggi, nonostante gli impegni con il presidente francese, Emmanuel Macron, ha trovato il tempo per pubblicare quattro tweet sull'argomento.

I repubblicani hanno 52 senatori; con tre voti contrari alla mozione procedurale in programma la prossima settimana, gli sforzi settennali per cancellare l'Obamacare si interromperebbero persino prima che il Senato possa formalmente dare inizio al dibattito, creando una situazione imbarazzante per il partito, che controlla la Casa Bianca e i due rami del Congresso, ma che si rivelerebbe incapace di mantenere una delle principali promesse della campagna elettorale. Se il voto procedurale dovesse concludersi con successo, comincerebbe la fase di presentazione degli emendamenti, per poi arrivare alla presentazione del testo finale, da sottoporre al voto del Senato.

La nuova versione della riforma sanitaria che dovrebbe prendere il posto dell'Obamacare prevede degli aiuti per tenere bassi i costi assicurativi e il mantenimento di due imposte sui redditi alti, introdotte dalla precedente amministrazione, che i repubblicani avevano inizialmente deciso di eliminare. Il nuovo testo include anche 'l'emendamento Cruz': grazie al senatore texano, ex candidato alle primarie presidenziali, le compagnie assicurative potrebbero offrire delle polizze poco costose, ma con una copertura molto limitata, che erano state vietate dall'Obamacare. Il testo avrebbe anche pesanti ripercussioni sulla salute delle donne, perché permetterebbe alle compagnie assicurative di non offrire la copertura per la maternità e la contraccezione, rendendo molto più difficile e costoso anche avere la copertura per l'aborto. Per dirla come Vox, "la gravidanza potrebbe essere costosa. La gravidanza non  pianificata potrebbe essere catastroficamente costosa". 

I repubblicani hanno reso noto che la proposta di legge fornirebbe circa 70 miliardi di dollari in fondi aggiuntivi (ai 100 già previsti) che gli Stati potrebbero usare per ridurre i costi delle polizze. Le imposte sulle persone con redditi superiori ai 200.000 dollari e sulle famiglie con redditi oltre i 250.000 dollari servirebbero a finanziare il Medicare, il programma di assicurazione sanitaria per gli anziani e i disabili; i tagli al Medicaid, il programma di assistenza sanitario per i poveri, resterebbero però sostanziosi. La versione presentata recentemente in Senato - ritirata per mancanza di voti a favore - avrebbe costretto 22 milioni di persone a rinunciare alla copertura assicurativa nel prossimo decennio, secondo il Congressional Budget Office, l'agenzia che fornisce dati economici al Congresso,; nei prossimi giorni, è atteso il rapporto dell'ufficio sul nuovo testo.

Se il Senato dovesse approvare una proposta, i senatori dovrebbero poi confrontarsi con i deputati nella Commissione congressuale per approvare un testo condiviso, visto che all'inizio di maggio la Camera ha approvato una riforma differente. Oppure, il testo del Senato potrebbe essere approvato dalla Camera, o la Camera potrebbe presentare una nuova versione, da mandare poi al Senato.

 

 

Altri Servizi

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.