Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Ieri, è emersa subito l'opposizione alla nuova proposta di legge di due senatori, Susan Collins del Maine e Rand Paul del Kentucky, già schierati per il 'no' al voto per portare il testo in discussione, la prossima settimana. I leader dei repubblicani stanno facendo grosse pressioni su circa la metà degli altri senatori, affinché si formi un fronte compatto a favore del nuovo testo. Un altro 'no' ucciderebbe la proposta, generando probabilmente una defezione di massa, secondo Politico.

Anche l'amministrazione Trump continua a fare pressioni sui senatori, a partire dal presidente, che quotidianamente si esprime sull'argomento su Twitter. Prima che il leader della maggioranza in Senato, Mitch McConnell, annunciasse in settimana il rinvio dell'inizio delle vacanze e la conseguente riduzione delle ferie per arrivare a un risultato in Aula sulla riforma sanitaria, Donald Trump aveva scritto che "non posso immaginare che il Congresso osi lasciare Washington senza una bella riforma sanitaria pienamente approvata e pronta". Ieri, ai giornalisti che lo hanno seguito nel suo viaggio a Parigi, ha detto che "l'unica cosa più difficile della pace tra Israele e i palestinesi è la [riforma della] sanità". Oggi, nonostante gli impegni con il presidente francese, Emmanuel Macron, ha trovato il tempo per pubblicare quattro tweet sull'argomento.

I repubblicani hanno 52 senatori; con tre voti contrari alla mozione procedurale in programma la prossima settimana, gli sforzi settennali per cancellare l'Obamacare si interromperebbero persino prima che il Senato possa formalmente dare inizio al dibattito, creando una situazione imbarazzante per il partito, che controlla la Casa Bianca e i due rami del Congresso, ma che si rivelerebbe incapace di mantenere una delle principali promesse della campagna elettorale. Se il voto procedurale dovesse concludersi con successo, comincerebbe la fase di presentazione degli emendamenti, per poi arrivare alla presentazione del testo finale, da sottoporre al voto del Senato.

La nuova versione della riforma sanitaria che dovrebbe prendere il posto dell'Obamacare prevede degli aiuti per tenere bassi i costi assicurativi e il mantenimento di due imposte sui redditi alti, introdotte dalla precedente amministrazione, che i repubblicani avevano inizialmente deciso di eliminare. Il nuovo testo include anche 'l'emendamento Cruz': grazie al senatore texano, ex candidato alle primarie presidenziali, le compagnie assicurative potrebbero offrire delle polizze poco costose, ma con una copertura molto limitata, che erano state vietate dall'Obamacare. Il testo avrebbe anche pesanti ripercussioni sulla salute delle donne, perché permetterebbe alle compagnie assicurative di non offrire la copertura per la maternità e la contraccezione, rendendo molto più difficile e costoso anche avere la copertura per l'aborto. Per dirla come Vox, "la gravidanza potrebbe essere costosa. La gravidanza non  pianificata potrebbe essere catastroficamente costosa". 

I repubblicani hanno reso noto che la proposta di legge fornirebbe circa 70 miliardi di dollari in fondi aggiuntivi (ai 100 già previsti) che gli Stati potrebbero usare per ridurre i costi delle polizze. Le imposte sulle persone con redditi superiori ai 200.000 dollari e sulle famiglie con redditi oltre i 250.000 dollari servirebbero a finanziare il Medicare, il programma di assicurazione sanitaria per gli anziani e i disabili; i tagli al Medicaid, il programma di assistenza sanitario per i poveri, resterebbero però sostanziosi. La versione presentata recentemente in Senato - ritirata per mancanza di voti a favore - avrebbe costretto 22 milioni di persone a rinunciare alla copertura assicurativa nel prossimo decennio, secondo il Congressional Budget Office, l'agenzia che fornisce dati economici al Congresso,; nei prossimi giorni, è atteso il rapporto dell'ufficio sul nuovo testo.

Se il Senato dovesse approvare una proposta, i senatori dovrebbero poi confrontarsi con i deputati nella Commissione congressuale per approvare un testo condiviso, visto che all'inizio di maggio la Camera ha approvato una riforma differente. Oppure, il testo del Senato potrebbe essere approvato dalla Camera, o la Camera potrebbe presentare una nuova versione, da mandare poi al Senato.

 

 

Altri Servizi

Wall Street, timori per il nuovo missile nordcoreano

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Russiagate, proposto a Trump un accordo con Assange

A scriverlo è il Wall Street Journal. Il piano sarebbe stato presentato da un deputato repubblicano al capo di gabinetto della Casa Bianca
Ap

Il perdono per Julian Assange in cambio di un aiuto a Donald Trump sul cosiddetto Russiagate. Sarebbe questa, in sostanza, la proposta presentata dal deputato repubblicano Dana Rohrabacher alla Casa Bianca, in una telefonata con il capo di gabinetto, John Kelly. Il deputato avrebbe proposto un "accordo" - parola pronunciata durante la conversazione - che prevederebbe, da parte di Assange, la consegna delle prove sull'estraneità della Russia nella diffusione delle e-mail di esponenti del partito democratico, pubblicate da WikiLeaks durante la campagna elettorale, che danneggiò la candidatura di Hillary Clinton. A scriverlo è il Wall Street Journal, che cita una fonte vicina alla presidenza.

Le opere d'esordio di Amedeo Modigliani per la prima volta negli Usa

Al Jewish Museum di New York, una mostra per raccontare l'artista, partendo dal tema cruciale della sua ebraicità

Amedeo Modigliani arrivò a Parigi a ventidue anni. Sarebbe morto tredici anni dopo, lasciando a metà una vita fatta d'amore, dipendenze, malattia e arte. Sulla sua figura e la sua opera il Jewish Museum di New York ha costruito una mostra, Modigliani Unmasked, inaugurata il 15 settembre e che potrà essere ammirata fino al 4 febbraio 2018. Una mostra che non è dedicata al percorso artistico di Modigliani nella sua interezza, ma solo sull'inizio, il periodo che ha generato tutto il resto.

Il Public Hotel: la sfida del fondatore di Studio 54 ad Airbnb

Come combattere l'ospitalità fai da te a New York? Con un albergo di lusso, con cinque bar e cibo gourmet, ma priva di reception e servizio in camera per abbassare i costi (e i prezzi)

Cinque bar, una terrazza con vista a 360 gradi su Manhattan, cibo gourmet ma nemmeno un concierge o una vera e propria reception. È Public, l'hotel di lusso - dai prezzi però "relativamente" abbordabili - aperto quest'estate nel Lower East Side a New York City. Ad averlo voluto è stato Ian Schrager, fondatore dello storico Studio 54 (ex nightclub di Manhattan ora trasformato in teatro di Broadway).

Ray Dalio punta sulla Cina: Bridgewater studia creazione maxi fondo

Bridgewater già gestisce miliardi di dollari investiti fuori dal Paese della Muraglia da istituzioni cinesi e dal Governo di Pechino.

Bridgewater Associates punta a creare un maxi fondo di investimento in Cina, cosa che darebbe al fondatore Ray Dalio un margine di manovra nel Paese asiatico che molte altre società occidentali del settore finanziario non hanno.

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi
AP

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Dopo averci raccontato Saturno e le sue lune per 13 anni, facendoci scoprire che Encelado potrebbe sostenere la vita, Cassini ha finito il suo viaggio. Oggi alle 12.30, ora italiana, la sonda si è schiantata sul pianeta entrando nell'atmosfera a una velocità di 120.000 chilometri all'ora. L'intero processo è durato pochi minuti: Cassini ha preso fuoco dopo essere entrato in contatto con l'atmosfera di Saturno e poi è sparito all'interno delle nubi presenti sul pianeta. L'ultimo segnale è arrivato in una stazione australiana alle 13.55, sempre facendo riferimento all'ora italiana, visto che le comunicazioni hanno un ritardo di un'ora e mezza, data la distanza di almeno 1,3 miliardi di chilometri.

Trump blocca acquisizione di produttore Usa di chip da parte di cinesi

La transazione, annunciata nel novembre 2016, valeva 1,3 miliardi di dollari. Il presidente ha citato rischi di sicurezza nazionale. Lattice Semiconductor e i fondi d'investimento asiatici hanno 30 giorni per abbandonare le nozze
AP

Citando motivi di sicurezza nazionale, Donald Trump ha ordinato lo stop all'acquisizione per 1,3 miliardi di dollari (debito incluso) di un produttore americano di microprocessori da parte di un consorzio di fondi d'investimento cinesi. L'azienda in questione si chiama Lattice Semiconductor Corporation, che nel dopo mercato a Wall Street ha perso oltre l'1,7%. Prima della decisione del presidente Usa, arrivata a Borsa americana ormai chiusa, il titolo aveva guadagnato il 3% a 5,72 dollari. Da inizio anno ha guadagnato il 5,5% e negli ultimi 12 mesi l'8%. Ora Lattice e l'aspirante acquirente hanno 30 giorni di tempo per fare le mosse necessarie ad abbondonare definitivamente l'intesa annunciata nel novembre 2016.

Us Open, vince Nadal in 3 set 6-3 6-3 6-4. È il 16esimo slam della carriera

Il tennista spagnolo ha vinto per la terza volta a New York chiudendo il match in 2 ore e 27 minuti

Rafael Nadal ha vinto il suo terzo Us Open, dopo quelli conquistati nel 2010 e nel 2013, battendo in tre set. 6-3 6-3 6-4, il tennista sudafricano Kevin Anderson arrivato in finale da 28esimo del ranking mondiale. Per il tennista spagnolo si tratta del secondo slam dell’anno dopo la vittoria al Rolland Garros, il sedicesimo in carriera avvicinando cos" Roger Feder che di titoli major ne ha invece conquistati 19.