Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Ieri, è emersa subito l'opposizione alla nuova proposta di legge di due senatori, Susan Collins del Maine e Rand Paul del Kentucky, già schierati per il 'no' al voto per portare il testo in discussione, la prossima settimana. I leader dei repubblicani stanno facendo grosse pressioni su circa la metà degli altri senatori, affinché si formi un fronte compatto a favore del nuovo testo. Un altro 'no' ucciderebbe la proposta, generando probabilmente una defezione di massa, secondo Politico.

Anche l'amministrazione Trump continua a fare pressioni sui senatori, a partire dal presidente, che quotidianamente si esprime sull'argomento su Twitter. Prima che il leader della maggioranza in Senato, Mitch McConnell, annunciasse in settimana il rinvio dell'inizio delle vacanze e la conseguente riduzione delle ferie per arrivare a un risultato in Aula sulla riforma sanitaria, Donald Trump aveva scritto che "non posso immaginare che il Congresso osi lasciare Washington senza una bella riforma sanitaria pienamente approvata e pronta". Ieri, ai giornalisti che lo hanno seguito nel suo viaggio a Parigi, ha detto che "l'unica cosa più difficile della pace tra Israele e i palestinesi è la [riforma della] sanità". Oggi, nonostante gli impegni con il presidente francese, Emmanuel Macron, ha trovato il tempo per pubblicare quattro tweet sull'argomento.

I repubblicani hanno 52 senatori; con tre voti contrari alla mozione procedurale in programma la prossima settimana, gli sforzi settennali per cancellare l'Obamacare si interromperebbero persino prima che il Senato possa formalmente dare inizio al dibattito, creando una situazione imbarazzante per il partito, che controlla la Casa Bianca e i due rami del Congresso, ma che si rivelerebbe incapace di mantenere una delle principali promesse della campagna elettorale. Se il voto procedurale dovesse concludersi con successo, comincerebbe la fase di presentazione degli emendamenti, per poi arrivare alla presentazione del testo finale, da sottoporre al voto del Senato.

La nuova versione della riforma sanitaria che dovrebbe prendere il posto dell'Obamacare prevede degli aiuti per tenere bassi i costi assicurativi e il mantenimento di due imposte sui redditi alti, introdotte dalla precedente amministrazione, che i repubblicani avevano inizialmente deciso di eliminare. Il nuovo testo include anche 'l'emendamento Cruz': grazie al senatore texano, ex candidato alle primarie presidenziali, le compagnie assicurative potrebbero offrire delle polizze poco costose, ma con una copertura molto limitata, che erano state vietate dall'Obamacare. Il testo avrebbe anche pesanti ripercussioni sulla salute delle donne, perché permetterebbe alle compagnie assicurative di non offrire la copertura per la maternità e la contraccezione, rendendo molto più difficile e costoso anche avere la copertura per l'aborto. Per dirla come Vox, "la gravidanza potrebbe essere costosa. La gravidanza non  pianificata potrebbe essere catastroficamente costosa". 

I repubblicani hanno reso noto che la proposta di legge fornirebbe circa 70 miliardi di dollari in fondi aggiuntivi (ai 100 già previsti) che gli Stati potrebbero usare per ridurre i costi delle polizze. Le imposte sulle persone con redditi superiori ai 200.000 dollari e sulle famiglie con redditi oltre i 250.000 dollari servirebbero a finanziare il Medicare, il programma di assicurazione sanitaria per gli anziani e i disabili; i tagli al Medicaid, il programma di assistenza sanitario per i poveri, resterebbero però sostanziosi. La versione presentata recentemente in Senato - ritirata per mancanza di voti a favore - avrebbe costretto 22 milioni di persone a rinunciare alla copertura assicurativa nel prossimo decennio, secondo il Congressional Budget Office, l'agenzia che fornisce dati economici al Congresso,; nei prossimi giorni, è atteso il rapporto dell'ufficio sul nuovo testo.

Se il Senato dovesse approvare una proposta, i senatori dovrebbero poi confrontarsi con i deputati nella Commissione congressuale per approvare un testo condiviso, visto che all'inizio di maggio la Camera ha approvato una riforma differente. Oppure, il testo del Senato potrebbe essere approvato dalla Camera, o la Camera potrebbe presentare una nuova versione, da mandare poi al Senato.

 

 

Altri Servizi

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

Pence in Medio Oriente, focus su sicurezza e terrorismo

Le tensioni su Gerusalemme capitale peseranno sul viaggio del vicepresidente Usa tra Egitto, Giordania e Israele. Parlerà alla Knesset, il parlamento israeliano: primo leader statunitense a farlo dal 2008

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, è al Cairo, in Egitto, prima tappa di un delicato tour in Medio Oriente, iniziato nonostante lo 'shutdown' in patria, ovvero la paralisi delle attività dell'amministrazione federale, causata dal mancato accordo tra repubblicani e democratici. "Gli incontri del vicepresidente con i dirigenti di Egitto, Giordania e Israele fanno parte integrante della sicurezza nazionale dell'America" ha commentato Alyssa Farah, portavoce del vicepresidente, per spiegare i motivi che hanno spinto Pence a non cambiare i suoi piani, almeno questa volta.

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

Per gli Usa, il primo pericolo sono Russia e Cina. Terrorismo in secondo piano

Presentata la nuova strategia di difesa nazionale dal capo del Pentagono, James Mattis. Dal documento è stato cancellato il pericolo portato dal cambiamento climatico
U.S. Department of Defense

Non è più il terrorismo, ma la minaccia portata da Russia e Cina il maggior pericolo per la sicurezza degli Stati Uniti. A sentenziarlo è la nuova strategia di difesa nazionale (Nds) presentata dal Pentagono.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Rinnovo della 702, c'è la firma di Trump: difesa la sorveglianza di massa, sconfitta la privacy

Rinnovata per sei anni la sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (Fisa), che permette di spiare le conversazioni di cittadini statunitensi con stranieri di 'interesse' senza mandato

L'intelligence statunitense potrà continuare a controllare, senza un mandato, le comunicazioni di cittadini statunitensi in contatto con stranieri 'di interesse' che si trovano all'estero. Il presidente Donald Trump ha infatti firmato, dopo i voti favorevoli di Camera e Senato, il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (Fisa), che consente alla National Security Agency (Nsa) di obbligare le aziende statunitensi, come Google, AT&T e Facebook, a permettere l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.