Tulip Fever: il film che non è fiorito tra bolle finanziarie e amore

Weinstein Company

Nei cinema americani è arrivato "Tulip Fever", il film che nel 2015 avrebbe dovuto essere un perfetto candidato agli Oscar e che invece ha finito per languire per più di due anni in post-produzione. Dove forse doveva rimanere.

La pellicola, distribuita da Weinstein Company, fu girata da Justin Chadwick (The Other Boleyn Girl) nel 2014 con un budget di 25 milioni di dollari, un cast di attori premi Oscar (Judi Dench, Alicia Vikander e Christoph Waltz) e una sceneggiatura scritta dal drammaturgo inglese Tom Stoppard e da Deborah Moggach, autrice del libro da cui il film è tratto.

Racconta una storia d'amore ambientata nel diciassettesimo secolo, quando in Olanda scoppiò la cosiddetta "tulipmania", la mania dei tulipani diventata poi simbolo di bolle speculative. Racconta la storia del ricco mercante olandese Cornelis Sandvoort (impersonato da Waltz) e della sua bellissima moglie annoiata Sophia (Vikander), che si innamora del pittore Jan (Dane DeHaan) a cui è stato commissionato un ritratto della coppia. L'artista e la moglie del mercante finiscono per dare il via a una storia romantica ma anche a una di tipo finanziario. A un certo punto Jan spiega a Sophia che il blu dei migliori quadri del Rinascimento era chiamato "ultramarino" perché doveva essere importato in modo tutt'altro che facile da Oltreoceano, come a dire che il valore di una materia prima non è dato solo dal suo uso ma anche dalla difficoltà nell'ottenerla. Anche lo scambio fisico dei bulbi di tulipani offre spunti finanziari: sebbene passassero di mano in taverne piene di ubriaconi e prostiture, i bulbi venivano tenuti al sicuro in abbazie. Anche il piano dei due innamorati per fuggire ha il sapore della speculazione: prevede una gravidanza finta, una finta morte e una fortuna fatta dal giorno alla notte attraverso i tulipani. "Tutto quello che dobbiamo fare è mettere tutte le nostre uova in un paniere", dice Jan a Sophia insinuando che devono investite nel mercato dei tulipani per fare fortuna. "Se solo avessi più liquidità", aggiunge l'artista. Peccato che il piano ha il sapore di una catastrofe prevedibile: così come chi ha scommesso che il prezzo dei tulipani potesse solo salire, così la coppia di innamorati ha sognato che la loro strategia potesse funzionare.

Il film - che finisce per enfatizzare come l'amore e le bolle si assomiglino - doveva uscire a novembre 2015, aprofittando della luce di cui iniziava a godere in quel momento Vikander (proprio quell'autunno usc" The Danish Girl, per cui lei vinse poi l'Oscar l'anno successivo). Poi fu spostato al luglio del 2016. Successivamente al febbraio 2017. Niente, è stato sempre rimandato. Fino al primo settembre, quando è uscito nei cinema americani, annunciato come "il thriller più sexy dell'anno" ma definito dal New York Times come una pellicola "dall'odore tutt'altro che floreale" e dal Guardian come un "raccolto di stupidità" nella seconda parte. Più che un film da Oscar (che non è più) o il thriller più sexy della stagione, Tulip Fever sembra semplicemente un film che alla fine non è fiorito.

Altri Servizi

Trump irritato dai ritardi sull'abrogazione dell'Obamcare, si rivolge direttamente ai democratici

Il presidente ha teso la mano ai democratici, sentendo direttamente il leader di minoranza al Senato, Charles Schumer, per capire se e che tipo di disponibilità ci sia a trattare e collaborare.
White House

Google al lavoro per riportare servizi internet e cellulari a Porto Rico

La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite da Maria.
AP

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Autogrill festeggia in Usa il suo 40esimo anniversario, premiato Gilberto Benetton

Il Ceo Tondato ha partecipato a TechFest del New Yorker
Da sinista, Armando Varrichio (ambasciatore), Gilberto Benetton (presidente di Autogrill) e Lucio Caputo (Gei) Gei

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

Media Usa: Ivanka e Donald Trump Jr. furono vicini a essere incriminati per frode

Lo riporta un'indagine di Pro Publica, New Yorker e Wnyc. Decisivo l'intervento dell'avvocato personale del 45esimo presidente
AP