Turismo, può essere la chiave per il rilancio del Brasile?

In vista delle Olimpiadi di Rio il Paese si prepara. I presupposti per un cambio di marcia ci sono: uno Stato dalle tante anime può accontentare tutti
Iguatemi Group

Una capitale amministrativa, Brasilia, un cuore turistico, Rio de Janeiro, e un fulcro finanziario, San Paolo: sono i tre volti – ma ce ne sarebbero molti altri – del Brasile, lo stato più grande e popoloso dell'America Latina con i suoi 8,5 milioni di chilometri quadrati di superficie, più o meno come l'Europa.

Un Paese dalle molte anime, visitato ogni anno da milioni di persone (6,4 nel 2014, l’anno dei Mondiali, il 10,6% in più rispetto all’anno precedente e numeri non molto inferiori nel 2015) e in un momento di crisi fortissima come quello che sta attraversando il Paese, proprio il turismo, con il suo indotto passato da 3,9 miliardi di dollari nel 2005 ai circa 8,5 miliardi dell’anno scorso, può essere il volano per il rilancio.

Stando ai dati del World Travel Turism & Council, nel 2014 il contributo diretto di viaggi e turismo all'economia del Paese è stato pari al 3,5% del Pil, cifra salita nel 2015 e che da qui al 2025, secondo le stime, crescerà ulteriormente al 3,7% del Pil. Ancora superiore il contributo complessivo, attualmente pari al 9,6% del Pil e atteso in rialzo al 10,2% entro il 2025.

Quest'anno un contributo potrà arrivare dai Giochi Olimpici, che si terranno a Rio de Janeiro ad agosto. Stando ai dati dell’Ufficio brasiliano per il Turismo, per le Olimpiadi sono stati investiti circa 11 miliardi di dollari (il 57% dal settore privato e la parte restante da quello pubblico) e sono attese circa 500.000 persone, che avrebbero potuto essere di più, se non fosse stato per l'allarme generato dalla diffusione del virus Zika.

Chi vive a San Paolo o a Rio racconta che molti turisti si sono fatti scoraggiare e che i Giochi avrebbero potuto portare molte più persone in Brasile, perché il problema c’è, ma la percezione che se ne ha all'estero è molto peggiore della sua reale entità. "Non è un problema così grande come viene dipinto, il panico non aiuta, basta prendere le giuste precauzioni", spiega Carlos Jereissati Filho, amministratore delegato di Iguatemi Group, la divisione che si occupa della gestione di shopping mall e che fa parte di Jereissati Group, colosso brasiliano con attività nei settori del real estate commerciale, delle materie prime e delle telecomunicazioni.

Visitando le città più grandi la sensazione che si ha è che il Paese voglia andare avanti nonostante la crisi. È il caso di San Paolo, cuore pulsante della finanza brasiliana: le strade sono sempre trafficate, le vie principali, come la celeberrima Avenida Paulista, dello shopping, anche di lusso, come il quartiere Jardin, e quelle dove si trovano le principali banche e istituti finanziari, come l'Avenida Brigadeiro Faria Lima, sono affollate di persone che corrono al lavoro, passeggiano, entrano ed escono dai negozi, si soffermano nei numerosi ristoranti.

"San Paolo è una città che vive molto la sera, ci sono tantissimi locali e ristoranti, di giorno la gente lavora tantissimo, poi ama uscire, anche perché il clima non è mai eccessivamente freddo neppure durante l'inverno", racconta Carlos Jereissati Filho. A Rio, città dal sapore completamente differente, le scene si ripropongono analoghe. Sono persone che abitano nelle metropoli, ma ci sono anche moltissimi turisti (per fare un esempio, l’anno scorso a San Paolo l’anno scorso i visitatori stranieri sono stati oltre 2,2 milioni).

Anche i visitatori brasiliani sono in aumento: "Con la crisi, i brasiliani viaggiano meno all'estero, quindi riscoprono anche il loro Paese. Il Brasile è del resto enorme, per volare da nord a sud occorrono più di otto ore", racconta ancora Carlos Jereissati Filho.

Iguatemi Group
Iguatemi Group
Iguatemi Group
Iguatemi Group
Iguatemi Group
Altri Servizi

Libra pericolosa "più dell'11 settembre": l'attacco di un deputato Usa

Il responsabile del progetto di Facebook, David Marcus, messo sotto torchio al Congresso per il secondo giorno di fila
Ap

La criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare nel 2020 continua ad alimentare dubbi tra i legislatori americani. Nella seconda giornata consecutiva di audizioni al Congresso Usa, un democratico della California ha sostenuto che Libra può fare danni maggiori degli attacchi terroristici che colpirono l'America l'11 settembre del 2001. Brad Sherman, membro della commissione Servizi finanziari della Camera, ha affermato: "Ci viene detto che l'innovazione è sempre positiva. La cosa più innovativa che è successa nel secolo in corso è stata quando [l'ex leader di al-Qaeda] Osama bin Laden ebbe l'idea innovativa di fare schiantare due aerei" contro le Torri Gemelle di New York. "Quella è stata l'innovazione più significativa, anche se questa [Libra] potrebbe mettere in pericolo l'America ancora di più".

Incidenti 737 Max: per Boing ogni vittima vale meno di 150mila dollari

Il gruppo destina la metà dei 100 milioni di dollari promessi a famiglie e comunitià di chi ha perso la vita in due incidenti. A gestire i risarcimenti, reclutato lo stesso avvocato degli attacchi terroristici dell'11 settembre
iStock

Il 3 luglio scorso Boeing aveva sorpreso annunciando la creazione di un fondo da 100 milioni di dollari per le famiglie e per le comunità delle vittime dei due incidenti aerei che hanno messo a repentaglio la reputazione del gruppo e che da marzo hanno costretto gli esemplari del suo 737 Max a restare a terra.

Tutti gli occhi su Libra: chi dovrà regolarla?

La Sec sta studiando la criptovaluta di Facebook per capire se debba essere trattata come un Etf. Intanto Trump chiede regole per evitare che le valute virtuali facilitino attività illegali

La Securities and Exchange Commission (Sec), l'ente statunitense che equivale all'italiana Consob, sta valutando la possibilità che Libra, la criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare, debba ricadere sotto la sua supervisione, una possibilità che renderebbe più complicato il progetto di Mark Zuckerberg, già criticato dal presidente Donald Trump e da molti deputati.

Wall Street, altra giornata di trimestrali

Analisti preoccupati dalle nuove accuse di Trump alla Cina
AP

Elon Musk vuole controllare uno smartphone con il pensiero

La sua start-up Neuralink punta a iniziare test sugli esseri umani mettendo sensori nel cranio
AP

Dopo avere cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal, dopo avere fatto da apripista nel settore dell'elettrificazione delle auto con Tesla e dopo avere gettato le basi per portare turisti nello spazio con SpaceX, adesso Elon Musk punta sull'interazione uomo-macchina con Neuralink.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Fmi: la relazione economica della Cina con il mondo è diventata equilibrata

Quasi azzerato l'avando delle partite correnti: nel 2019 allo 0,4% del Pil. Era oltre il 10% nel 2007. L'istituto avverte: dispute commerciali con Usa colpiscono tutti. Si rischia "notevoli" perdite di posti di lavoro

Il Fondo monetario internazionale crede che la relazione economica della Cina con il resto del mondo sia abbastanza equilibrata, cosa che fa venire meno uno dei rischi per l'economia globale. E' la dimostrazione di come negli ultimi anni la nazione asiatica sia diventata più dipendente dalla domanda interna e meno dalle esportazioni e dagli investimenti stranieri.

Fmi: scelta per la Bce, Lagarde dà dimissioni, al via ricerca successore

Il d.g. ad interim resta per il momento David Lipton
World Bank

Wall Street, attesa per le trimestrali

Trimestrali di JP Morgan, Goldman Sachs e Wells Fargo
AP

Trump ancora contro 4 deputate Usa, dopo il precedente attacco razzista

Ieri, il presidente aveva invitato le quattro parlamentari a tornare "da dove vengono"
Ap