Tutte le regole della Big3, la lega tre-contro-tre dove si sfidano le ex star Nba

Lo sport è diventato disciplina olimpica e i grandi del basket si scontrano sui campi statunitensi.

 Dai playground di New York alle Olimpiadi di Tokyo, il basket tre contro tre sta vivendo una nuova era di splendore. Dopo il riconoscimento come disciplina olimpica i primi giorni di giugno, negli Stati Uniti ha preso il via la nuova lega Big3, il tre-contro-tre delle ex star Nba. La prima tappa è stata a Brooklyn, New York, il 25 giugno 2017, seguita dal secondo round il 2 luglio allo Spectrum Center di Charlotte, nel North Carolina, in un susseguirsi di partite fino alla finale del 26 agosto a Las Vegas.

In campo 24 atleti dell'Nba, tra i quali Allen Iverson e Kenyon Martin, oltre a giocatori visti anche in Italia come Mahmoud Abdul Rauf. Per le selezioni erano accorsi in 70, ma meno della metà è stata selezionata per accedere alle otto squadre in competizione. Lo spettacolo promesso dalla lega tre-contro-tre è quello dell'All-Star Weekend Nba: decine di campioni in campo e partite all’ultimo tiro. Dall’Italia il campionato si potrà seguire su Fox Sports.

 

Le regole

Ideata dal rapper Ice Cube e dal manager artistico Jeff Kwatinetz, la Big3 prevede che i giocatori siano scelti tra le star del passato dell’Nba, ma non si esclude che in futuro si possa aprire alle ex atlete donne della Wnba. Le regole della Big3 sono diverse dalla lega basket: tra le novità più importanti le partite fino a 60 punti e i tiri da 4, oltre ai classici tiri da 1, 2 e 3. Questi ultimi si segnano quando un giocatore tocca qualsiasi parte del "cerchio da 4", che circonda quello dei tiri da 3. Il tempo intermedio scatta quando una delle due squadre raggiunge i 30 punti, e non esiste la cosiddetta "regola dei 3 secondi". Un'altra novità è il calendario: invece di avere un team che gira per disputare le partite, come nei tabelloni di gioco tradizionali, tutte le otto squadre giocano lo stesso giorno, per ogni tappa.

 

Le squadre

Le otto squadre in gara sono: 3S Company, 3 Headed Monsters, Ghost Ballers, Ball Hogs, Tri State, Power, Killer 3s e i Trilogy. Ecco la composizione: 3S Company (coach e capitano Allen Iverson): DerMarr Johnson, Andre Owens, Mike Sweetney, Ruben Patterson. 3 Headed Monsters (coach Gary Payon): Rashard Lewis (capitano), Jason Williams, Kwame Brown, Eddie Basden, Mahmoud Abdul Rauf. Ghost Ballers (coach George Gervin): Mike Bibby (capitano), Ricky Davis, Mo Evans, Marcus Banks, Ivan Johnson. Ball Hogs (coach Rick Barry): Brian Scalabrine (capitano), Josh Childress, Derrick Byars, Rasual Butler, Dominic McGuire. Tri State (coach Julius Erving): Jermaine O'Neal (capitano), Bonzi Wells, Xavier Silas, Lee Nailon, Mike James. Power (coach Clyde Drexler): Corey Maggette (capitano), Cuttino Mobley, Jerome Williams, Deshawn Stevenson, Moochie Norris Killer. 3s (coach Charles Oakley): Chauncey Billups (capitano), Sephen Jackson, Reggie Evans, Larry Hughes, Brian Cook. Trilogy (coach Rick Mahorn): Kenyon Martin (capitano), Al Harrington, Rashad McCants, James White, Dion Glover.

 

La prima tappa

Quasi sedicimila fan sono accorsi per la prima tappa sabato 25 giugno a Brooklyn, quasi un migliaio in più delle aspettative. I primi due match, Ghost Ballers vs. 3 Headed Monsters e Tri-State vs. Power, sono arrivati ai tiri liberi. Le prime tre partite del tabellone si sono chiuse infatti 62-60, 62-58, 61-51. Allen Iverson, ex stella dei Philadelphia 76ers, ha giocato il terzo match ma è stato in campo solo nove minuti. A 42 anni, è contemporaneamente coach, giocatore e capitano del suo team. Un solo biglietto, a partire da 20 dollari, era valido per tutte le partite della giornata di sabato scorso, e cos" sarà anche per le tappe successive. 

Il calendario delle gare si trova sul sito della Big3.

Altri Servizi

Le promesse di Trump si scontrano con la realtà

Il presidente alle prese con le difficoltà di essere alla Casa Bianca. La sconfitta più netta è quella sull'Obamacare

Ogni presidente ha fatto promesse che non poteva rispettare, ma sono pochi quelli che le hanno fatte con la stessa spontaneità (e superficialità) di Donald Trump. Quello che il 45esimo capo di Stato sta velocemente imparando è che guidare la Casa Bianca non è come condurre un'azienda e alcune delle 'sparate' in campagna elettorale non possono reggere alla realtà di Washington. Axios ha controllato a che punto sono alcune di queste promesse.

Russiagate, proposto a Trump un accordo con Assange?

L'ipotesi sostenuta dal Wall Street Journal. Il piano sarebbe stato presentato da un deputato repubblicano al capo di gabinetto della Casa Bianca
Ap

Il perdono per Julian Assange in cambio di un aiuto a Donald Trump sul cosiddetto Russiagate. Sarebbe questa, in sostanza, la proposta presentata dal deputato repubblicano Dana Rohrabacher alla Casa Bianca, in una telefonata con il capo di gabinetto, John Kelly. Il deputato avrebbe proposto un "accordo" - parola pronunciata durante la conversazione - che prevederebbe, da parte di Assange, la consegna delle prove sull'estraneità della Russia nella diffusione delle e-mail di esponenti del partito democratico, pubblicate da WikiLeaks durante la campagna elettorale, che danneggiò la candidatura di Hillary Clinton. A scriverlo è il Wall Street Journal, che cita una fonte vicina alla presidenza. Importante anche ricordare che, in passato, il quotidiano ha pubblicato editoriali a favore di una extraordinary rendition, un'azione illegale e segreta per catturare Assange e portarlo negli Stati Uniti.

Wall Street, occhi puntati sul Fomc

Inizia la riunione del Federal Open Market Committee della Federal Reserve, che si concluderà domani
AP

Gli elettori di Trump: "Dica all'Onu che l'America viene prima"

I sostenitori del presidente vogliono che mantenga le promesse fatte in campagna elettorale e che riduca gli interventi all'estero. "Basta essere i poliziotti del mondo, pensiamo a noi".

Vogliono che cancelli l'accordo dell'era Obama sul nucleare iraniano, che riporti a casa i militari statunitensi, che smetta di spendere soldi per aiutare gli altri Paesi. In altre parole, i sostenitori di Donald Trump vogliono sentirgli dire, ai leader mondiali riuniti a New York per l'apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che "l'America viene prima", come ripeteva lo slogan dell'attuale presidente degli Stati Uniti in campagna elettorale.

Si apre l'assemblea generale dell'Onu: ecco i temi più importanti

Corea del Nord, Myanmar, Iran, ma anche clima e ovviamente il debutto di Donald Trump

Questa settimana i leader mondiali si incontrano a New York per l'apertura della settantaduesima assemblea generale della Nazioni Unite. Il dibattito inizierà martedì, con l'intervento del presidente americano Donald Trump (il grande atteso di quest'anno) che arriverà per quarto, dopo quelli del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, del presidente dell'assemblea, Miroslav Lajcak, e del presidente brasiliano, Michel Temer. Di seguito una lista dei principali temi che saranno al centro delle discussioni di quest'anno.

I leader mondiali alle Nazioni Unite per l'apertura dell'assemblea. Occhi puntati su Trump

Ci si chiede come si comporterà il presidente americano. Il discorso di Trump è atteso martedì mattina e dovrebbe essere incentrato sulla Corea del Nord e sulla riforma dell'Onu. E pare che gli Usa riapriranno sull'accordo di Parigi
AP

Quest'anno l'apertura della assemblea generale dell'Onu, che questo martedì a New York darà il via alla sua settantaduesima sessione, non sarà solo il momento per ritornare a parlare delle crisi mondiali, della Corea del Nord, del terrorismo e dei cambiamenti climatici. Infatti, uno dei dubbi che preoccupano i vertici delle Nazioni Unite, e allo stesso tempo i leader mondiali, è quale sarà il comportamento di Donald Trump. Storicamente il presidente americano è colui che fa gli onori di casa, parlando davanti all'assemblea subito dopo il segretario generale delle Nazioni Unite.

Alfano dall'Onu: il generale Haftar abbia un ruolo nel futuro della Libia

Confermata la visita a Roma del generale. Il ministro degli Esteri: serve riconoscimento delle istituzioni. Italia non chiuderà occhi su quanto succede nei centri di migranti nella nazione nordafricana. Pressing per ritorno di UNHCR e Oim
Farnesina

Puntare su una Libia unita, cosa che richiede anche il coinvolgimento del generale Khalifa Haftar. Promuovere la presenza nella nazione delle organizzazioni internazionali e magari di ONG italiane per garantire il rispetto dei diritti umani in loco. Perché il nostro Paese non chiuderà gli occhi sui diritti umani riguardo i centri in cui vengono trattenuti i migranti in Libia. E' questa la linea italiana presentata da Angelino Alfano, che ha confermato la visita a Roma di Haftar, rappresentante del governo di Tobruk ossia quello non riconosciuto dall'Onu come lo è invece quello di Fayez al-Sarraj.

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

Mercoledì è il giorno del Fed. Ma non è atteso un rialzo dei tassi

L'attenzione è tutta dedicata all'inflazione e al taglio del budget da 4.500 miliardi di dollari

Questa settimana, oltre all'apertura della settantaduesima assemblea generale dell'Onu, ci sarà l'incontro dei governatori della Federal Reserve. Mercoledì non è atteso alcun rialzo dei tassi, visto che la banca centrale americana vuole procedere con il terzo e ultimo taglio più avanti, entro la fine del 2017. Gli investitori guarderanno soprattutto a come la Fed parlerà di inflazione e all'inizio del programma di taglio del budget che negli ultimi anni ha raggiunto 4.500 miliardi di dollari.

Il Public Hotel: la sfida del fondatore di Studio 54 ad Airbnb

Come combattere l'ospitalità fai da te a New York? Con un albergo di lusso, con cinque bar e cibo gourmet, ma priva di reception e servizio in camera per abbassare i costi (e i prezzi)

Cinque bar, una terrazza con vista a 360 gradi su Manhattan, cibo gourmet ma nemmeno un concierge o una vera e propria reception. È Public, l'hotel di lusso - dai prezzi però "relativamente" abbordabili - aperto quest'estate nel Lower East Side a New York City. Ad averlo voluto è stato Ian Schrager, fondatore dello storico Studio 54 (ex nightclub di Manhattan ora trasformato in teatro di Broadway).