Tutti contro Trump dopo l'addio agli accordi di Parigi. Ma le Pmi Usa sono con il presidente

Dalle piccole aziende voto di fiducia in Trump, abbandonato da grandi aziende e Governi stranieri. Credono nel presidente quando dice che metterà l'America al primo posto.

La decisione di Donald Trump, che ha ritirato gli Stati Uniti dagli accordi di Parigi sul clima, è stata accolta da un'ondata di proteste da parte dei Governi stranieri, che si sono schierati in modo compatto contro Washington, da numerosi stati e aziende americane, nonché da nomi influenti della politica, del mondo dello spettacolo e della finanza americana, dal patron di Tesla Elon Musk all'ex sindaco di New York Michael Bloomberg, che ha promesso milioni di dollari all'Onu per la lotta al climate change.

Il presidente americano è dunque rimasto solo, facendo il vuoto intorno a sé? Non esattamente, visto che le piccole imprese americane si sono schierate dalla sua parte, coinvinte che Trump dica il vero quando afferma che l'addio agli accordi internazionali sul clima potrà fare l'interesse del Paese e contribuire a mettere l'America al primo posto, come recita il motto del presidente, "America first".

La multinazionali americane, come Walt Disney e Ibm, ma anche le grandi banche, come Goldman Sachs, hanno duramente criticato la decisione del presidente, ma, come detto, le Pmi, che sono il motore dell'industria americana, si sono schierate compatte con il presidente, senza badare alle difficoltà che Trump sta avendo nel far procedere la riforma fiscale e quella della sanità.

A coinvincerle non sono tanto i risultati finora ottenuti dal presidente, - molti imprenditori ammettono infatti che l'amministrazione Trump per il momento non è riuscita a fare molto per tradurre in fatti le promesse elettorali - ma il fatto che, indipendentemente da quello che succede a Washington, in stati come Michigan, Ohio e Missouri, fortemente messi in difficoltà dalla crisi, si vedono ora miglioramenti delle vendite e dell'occupazione. "Abbiamo clienti che hanno riportato negli Stati Uniti attività dal Messico, cosa che non si vedeva da sette anni", ha detto Bill Polacek, presidente di Jwf Industries, azienda del settore manifatturiero di Johnstown, in Pennsylvania.

Quello delle Pmi è dunque una sorta di atto di fede nel presidente. "In città c'è un nuovo sceriffo. La maggiore frustrazione è vedere che ci sono tante resistenze, cosa che gli impedisce di lavorare", ha detto Louis Soltis, proprietario di un'azienda di Toledo che produce pannelli di controllo per le grandi società.

Tutto da capire se le Pmi decideranno nel prossimo futuro di voltare le spalle a Trump, qualora i risultati tardassero ad arrivare. Anche i mercati, del resto, avevano puntato con decisione verso l'alto, infrangendo record su record, dopo avere accordato al presidente la possibilità di mantenere le promesse fatte, salvo poi tirare il freno a mano sulla scia delle numerose difficoltà e divisioni con cui Trump deve fare i conti, dentro e fuori dal Congresso americano.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP