Tutti contro Trump dopo l'addio agli accordi di Parigi. Ma le Pmi Usa sono con il presidente

Dalle piccole aziende voto di fiducia in Trump, abbandonato da grandi aziende e Governi stranieri. Credono nel presidente quando dice che metterà l'America al primo posto.

La decisione di Donald Trump, che ha ritirato gli Stati Uniti dagli accordi di Parigi sul clima, è stata accolta da un'ondata di proteste da parte dei Governi stranieri, che si sono schierati in modo compatto contro Washington, da numerosi stati e aziende americane, nonché da nomi influenti della politica, del mondo dello spettacolo e della finanza americana, dal patron di Tesla Elon Musk all'ex sindaco di New York Michael Bloomberg, che ha promesso milioni di dollari all'Onu per la lotta al climate change.

Il presidente americano è dunque rimasto solo, facendo il vuoto intorno a sé? Non esattamente, visto che le piccole imprese americane si sono schierate dalla sua parte, coinvinte che Trump dica il vero quando afferma che l'addio agli accordi internazionali sul clima potrà fare l'interesse del Paese e contribuire a mettere l'America al primo posto, come recita il motto del presidente, "America first".

La multinazionali americane, come Walt Disney e Ibm, ma anche le grandi banche, come Goldman Sachs, hanno duramente criticato la decisione del presidente, ma, come detto, le Pmi, che sono il motore dell'industria americana, si sono schierate compatte con il presidente, senza badare alle difficoltà che Trump sta avendo nel far procedere la riforma fiscale e quella della sanità.

A coinvincerle non sono tanto i risultati finora ottenuti dal presidente, - molti imprenditori ammettono infatti che l'amministrazione Trump per il momento non è riuscita a fare molto per tradurre in fatti le promesse elettorali - ma il fatto che, indipendentemente da quello che succede a Washington, in stati come Michigan, Ohio e Missouri, fortemente messi in difficoltà dalla crisi, si vedono ora miglioramenti delle vendite e dell'occupazione. "Abbiamo clienti che hanno riportato negli Stati Uniti attività dal Messico, cosa che non si vedeva da sette anni", ha detto Bill Polacek, presidente di Jwf Industries, azienda del settore manifatturiero di Johnstown, in Pennsylvania.

Quello delle Pmi è dunque una sorta di atto di fede nel presidente. "In città c'è un nuovo sceriffo. La maggiore frustrazione è vedere che ci sono tante resistenze, cosa che gli impedisce di lavorare", ha detto Louis Soltis, proprietario di un'azienda di Toledo che produce pannelli di controllo per le grandi società.

Tutto da capire se le Pmi decideranno nel prossimo futuro di voltare le spalle a Trump, qualora i risultati tardassero ad arrivare. Anche i mercati, del resto, avevano puntato con decisione verso l'alto, infrangendo record su record, dopo avere accordato al presidente la possibilità di mantenere le promesse fatte, salvo poi tirare il freno a mano sulla scia delle numerose difficoltà e divisioni con cui Trump deve fare i conti, dentro e fuori dal Congresso americano.

Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto