Tutti gli occhi su Libra: chi dovrà regolarla?

La Sec sta studiando la criptovaluta di Facebook per capire se debba essere trattata come un Etf. Intanto Trump chiede regole per evitare che le valute virtuali facilitino attività illegali

La Securities and Exchange Commission (Sec), l'ente statunitense che equivale all'italiana Consob, sta valutando la possibilità che Libra, la criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare, debba ricadere sotto la sua supervisione, una possibilità che renderebbe più complicato il progetto di Mark Zuckerberg, già criticato dal presidente Donald Trump e da molti deputati.

Secondo il Wall Street Journal, lo staff della Sec sta cercando di valutare se la struttura di Libra la renda un Exchange Traded Fund (Etf), ovvero una particolare tipologia di fondo d'investimento. Se così fosse, Facebook avrebbe bisogno dell'approvazione della Sec per lanciare Libra.

Facebook ha incontrato lo staff della Sec e di altri enti regolatori, come la Fed, per rispondere alle domande sulla sua criptovaluta. Altre domande saranno poste alla società martedì prossimo, quando l'executive David Marcus testimonierà in Senato sulla criptovaluta. "Sembra che non abbiano pensato al meccanismo e alle implicazioni normative" ha detto Jonah Crane, ex funzionario del dipartimento del Tesoro ora consigliere di aziende fintech sugli aspetti normativi.


Cosa pensano Trump e Powell

Per ora, gli enti regolatori credono che Facebook non abbia fornito abbastanza dettagli sugli aspetti tecnici di Libra. Giorni fa, si è espresso anche il presidente Trump, che su Twitter ha scritto di non essere "un fan di bitcoin e di altre criptovalute, che non sono denaro, e il cui valore è altamente volatile e basato su niente". Trump ha aggiunto che "in modo simile, la 'valuta virtuale' Libra di Facebook non reggerà". E ha continuato: "Se Facebook e altre aziende vogliono diventare una banca (...) devono diventare soggetti a tutte le regolamentazioni bancarie, come le altre banche, sia nazionali sia internazionali". Il presidente ha invocato delle norme per regolare i cripto-asset perché altrimenti "possono facilitare comportamenti illeciti, incluso il traffico di droga e altre attività illegali".

Prima di lui, si era espresso anche il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, parlando di "preoccupazioni serie" legate a Libra in merito a "privacy, riciclaggio di denaro, protezione dei consumatori e stabilità finanziaria". Sia la Fed sia il Financial Stability Oversight Council del dipartimento del Tesoro stanno studiando la criptovaluta, ha riferito Powell.


Cos'è Libra

A giugno, Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook affermando che "con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto"; nelle intenzioni del fondatore del social network, la criptovaluta sarà disponibile dalla prima metà del 2020. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook. "Essere in grado di utilizzare il denaro virtuale può avere un importante impatto positivo sulla vita delle persone perché non si deve sempre portare denaro contante, che può essere insicuro, o pagare commissioni per i trasferimenti. Questo è particolarmente importante per le persone che non hanno accesso alle banche tradizionali o ai servizi finanziari. Al momento, circa un miliardo di persone non ha un conto in banca, ma possiede un telefono cellulare".

Gli utenti, potenzialmente almeno 2 miliardi di persone, avranno sul proprio smartphone un portafoglio digitale, chiamato 'Calibra', per fare acquisti, inviare o ricevere denaro. Al progetto Libra hanno aderito 30 aziende, tra cui Visa, Mastercard, Paypal, Uber, Spotify, Iliad e Vodafone, e altre 70 società sono pronte ad aderire al progetto in futuro.

La gestione di Libra è stata affidata a un'entità indipendente, con sede a Ginevra (Svizzera). Libra, come le altre valute virtuali, si basa sulla tecnologia "blockchain". Per quanto riguarda la privacy, le informazioni finanziarie memorizzate in Calibra saranno separate dai dati personali detenuti da Facebook e non saranno utilizzate per indirizzare la pubblicità. La moneta virtuale sarà ancorata a un paniere di valute emesse dai governi per evitare le forti oscillazioni subite da altre criptovalute, a partire dal bitcoin.

Altri Servizi

Wall Street, cala l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Le trattative riprenderanno il 10 ottobre
AP

Wall Street attende i negoziati Usa-Cina

Le trattative ad alto livello riprenderanno giovedì a Washington
AP

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

Siria, il presidente Trump: "Ora di tornare a casa, basta guerra senza fine"

Gli Usa danno il via libera all'attacco turco contro i curdi. "Ora ci pensi l'Europa" ha aggiunto il capo di Stato Usa

"Gli Stati Uniti dovevano restare in Siria per 30 giorni, questo molti anni fa. Siamo rimasti e siamo andati sempre più a fondo a una battaglia senza obiettivi all'orizzonte. Quando sono arrivato a Washington, l'Isis dilagava incontrollato nell'area. Abbiamo sconfitto rapidamente il 100% del califfato dell'Isis [...] I curdi hanno combattuto con noi, ma sono stati pagati con soldi e armi per farlo. Combattono i turchi da decenni. Mi sono tenuto a distanza da questa battaglia per quasi 3 anni, ma è ora per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e di riportare a casa i nostri soldati". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per spiegare la decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

Sparatoria in un bar di Kansas City, quattro morti e cinque feriti

Nei primi nove mesi dell'anno, 21 sparatorie negli Stati Uniti e 124 morti
Ap

Quattro persone sono state uccise in un bar di Kansas City, negli Stati Uniti, dove la scorsa notte un uomo è entrato e ha cominciato a sparare, secondo quanto confermato dalla polizia alla Cnn. 

Nuove nomine per il GEI: Platero presidente e l'Ambasciatore Varricchio presidente onorario

Il gruppo provera' ad allargare la base di soci e aprira' un junior committee per i giovani italiani in Usa
A24

É Mario Platero il nuovo presidente del Gruppo Esponenti Italiani (GEI). L’ex corrispondente de IlSole24Ore a New York è stato eletto all’unanimità dall’assemblea del gruppo, fondato 45 anni fa a New York. Sempre con voto unanime, l'assemblea ha votato per nominare l’Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti presidente onorario del gruppo che raduna i rappresentanti delle maggiori aziende, organizzazioni e istituzioni italiane attive negli Usa. L’attuale Ambasciatore Armando Varricchio ha accettato la nomina e sarà il primo a ricoprire l’incarico. Infine, l’assemblea ha deciso di assegnare a Giovanni Pellerito, il Ceo di GP Communications North America, l’incarico di seguire l’attività di comunicazione.

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Warren: "Se vinco le primarie, sfido Trump senza i grandi donatori"

La senatrice è salita in testa alla media dei sondaggi nazionali di Real Clear Politics: è lei la preferita dei democratici per sfidare Trump
AP

La senatrice statunitense Elizabeth Warren, che sta affrontando la campagna elettorale per le primarie senza l'aiuto dei grandi donatori, ha detto che se otterrà la nomination democratica continuerà a rinunciare alle somme dei grandi finanziatori; si tratta di un cambio di strategia, visto che in passato aveva detto di voler rinunciare alle grandi donazioni solo per le primarie. A febbraio, alla Msnbc, aveva detto: "Non credo al disarmo unilaterale", riferendosi alle grandi donazioni di cui potrà disporre il presidente Donald Trump per le presidenziali del prossimo anno.

Montgomery (Alabama) elegge il suo primo sindaco afroamericano

Si tratta del giudice Steven Reed, 45 anni

Montgomery, capitale dell'Alabama (Stati Uniti), ha eletto il suo primo sindaco afroamericano in 200 anni di storia. Il giudice Steven Reed, 45 anni, ha vinto il ballottaggio contro l'uomo d'affari David Woods con un ampio margine, avendo ottenuto circa il 67% dei voti.

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali.