Altro terremoto in Uber: il più grande socio fa causa al Ceo cacciato

Kalanick è accusato di avere ancora troppo controllo sul gruppo di cui è co-fondatore e di avere nascosto informazioni al cda, di cui fa parte. Intanto continua la fuga di top manager: se ne va il primo dipendente e Ceo dell'azienda

Nel giorno in cui il primo dipendente e Ceo di Uber ha detto che avrebbe lasciato i suoi incarichi operativi, preferendo concentrarsi sul suo lavoro da membro del cda, il più granze azionista del gruppo ha fatto causa contro il co-fondatore  a cui aveva passato il timore della società e che poi è stato costretto ad andarse per via di una leadership controversa e di problemi nella cultura (sessista) del gruppo: Travis Kalanick. Per questo il socio intende cacciarlo dal consiglio di amministrazione dell'azienda di cui ancora fa parte anche se non è più Ceo.

L'azione legale di Benchmark, uno dei primi investitori a credere in Uber, intensifica le tensioni al vertice dell'azienda, alla ricerca disperata di un nuovo numero  e la cui valutazione supera i 60 miliardi di dollari. La tesi è che Kalanick  sia ancora troppo in controllo del gruppo, una cosa che minaccia la stessa Uber. In aggiunta, avrebbe nascosto  informazioni al board lo scorso anno e che, per esempio, avrebbero messo in evidenza i rischi associati all'acquisizione di Otto, start-up per lo sviluppo di camion che si guidano da soli. Seguì una denuncia per un presunto furto di segreti commerciali lanciata da Waymo, divisione di Alphabet dedicata alle auto autonome.

"I continui sforzi di Kalanick di inserirsi nel cda e nel business di Uber, anche dopo avere impantanato il gruppo in scandali multipli ed essere stato costretto a dare le dimissioni da Ceo, hanno ulteriormente pesato sul valore del titolo Uber nel mercato secondario", recita la causa legale di Benchmark che controlla circa il 20% dei diritti di voto di Uber e che possiede il 13% delle azioni ordinarie; per in confronto, Kalanick ha il 16% dei diritti di voto e una partecipazione del 10%.

Il legale del diretto interessato ha replicato dicendo che la causa "è priva di fondamenta" e piena di "menzogne"; non è stato spiegato perché. Un portavoce di Kalanick ha detto che l'azione legale di Benchmark "è un chiaro tentativo di provare Travis Kalanick dei suoi diritti da fondatore e socio e di silenziare la sua voce in merito alla gestione del gruppo che ha aiutato a creare".

Intanto la fuga di top manager non si arresta in Uber. L'ultimo top manager a lasciare l'azienda che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale è stato, come detto, il suo primo dipendente nel 2010: si tratta di Ryan Graves, colui che per poco tempo fu anche il primo amministratore delegato di Uber e che poi passò quel ruolo a Kalanick (che lo aveva assunto).

Graves ha detto che abbandonerà le sue attività operative quotidiane per concentrarsi sul suo lavoro da membro del board. Anche perché sono molte altre le posizioni da riempire incluse quelle di direttore operativo, finanziario e di marketing.

Attualmente vicepresidente senior per le attività di Uber, da metà settembre il 34enne miliardario lascerà i suoi compiti a tempo pieno. "Non c'è un momento giusto per una mossa come questa" ha spiegato in una email ai dipendenti dicendo di volere garantire una transizione lineare "ben prima che il nostro cda decida sul Ceo".

Ammettendo implicitamente i problemi (anche reputazionali) vissuti dall'azienda, Graves ha aggiunto: "C'è un'altra lezione che ho imparato e che avremmo dovuto mettere in pratica molto prima. Avremmo dovuto dedicare più tempo per riflettere sui nostri errori e fare cambiamenti insieme". Secondo lui, che ha supervisionato le risorse umane (un dipartimento finito nel mirino dopo le accuse di sessismo lanciate da una ex ingnegnere), "la nostra cultura, i nostri processi, i nostri leader e i nostri team sono diventati più saggi, più forti e più maturi". Ci è voluta però un'inchiesta interna guidata dall'ex segretario alla Giustizia durante l'era Obama, Eric Holder.

Altri Servizi

Exor si dà alle start-up tech, pronti 100 milioni di dollari da investire con Exor Seeds

Cambio di rotta per la controllante di Fca e Ferrari, che da oltre un secolo domina il settore industriale italiano

Domina da oltre un secolo il settore industriale italiano ma ora Exor vuole farsi conoscere anche per i suoi investimenti in start-up tecnologiche. Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui la cassaforte della famiglia Agnelli ha accantonato 100 milioni di dollari per investire attraverso la nuova venture chiamata Exor Seeds.

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Trump conclude il G-7: "Voglio un commercio senza dazi, senza barriere, senza sussidi"

Il presidente Usa ha parlato di summit di "enorme successo", ribadendo che gli altri "hanno approfittato di noi per decenni, ma quei giorni sono finiti". Poi ribadisce: "Meglio tornare al G-8, con la Russia". "Ora vado in missione di pace" da Kim
Ap

"Abbiamo concluso un G-7 davvero di enorme successo" e le discussioni sul commercio sono state "estremamente produttive". Queste le parole del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a conclusione del (suo) summit del G-7 in Canada, che lascia in anticipo per la sua "missione di pace" a Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano Kim Jong Un: "un'occasione irripetibile, credo che andrà molto bene". "Le nazioni del G-7 sono unite da valori e convinzioni condivisi, siamo uniti nel grande sforzo di creare un mondo più giusto, pacifico e prospero".

La fondatrice di Kate Spade morta a 55 anni

La fashion designer ritrovata morta nel suo appartamente a Manhattan. Apparente suicidio

Kate Spade, fashion designer famosissima negli Stati Uniti, è stata trovata morta nel suo appartamento di New York. Aveva 55 anni.

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.

Unicredit punta alle nozze con SocGen

Secondo fonti del Financial Times, è un'idea del Ceo della banca italiana Mustier. Nessun approccio formale al gruppo francese è stato fatto
Unicredit

Unicredit pensa di convolare a nozze con Sociéte Général. Stando a fonti del Financial Times, la banca italiana punterebbe a fondersi con quella francese spianando la strada a una nuova ondata di consolidamento del settore bancario europeo. Per ora, un approccio formale verso la banca d'Oltralpe non è ancora stato fatto ma il Ceo di Unicredit, Jean-Pierre Mustier, starebbe accarezzando l'idea così come l'istituto di credito francese.

Ocse ottimista sugli Usa nel breve termine, poi rischi "notevoli"

Gurria: la crescita è destinata a continuare per i prossimi due anni. Preoccupazioni da politiche commerciali

L'economia americana sta vivendo una delle espansioni più lunghe della storia (è giunta al nono anno) ma "le ferite" lasciate dalla crisi del 2008 così come le sfide poste dalla globalizzazione e dall'automazione "restano visibili" negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse).

Papa Francesco alle compagnie petrolifere: "Il mondo deve convertirsi all'energia pulita"

Incontro in Vaticano con i manager di alcuni colossi del settore, tra cui la statunitense Exxon, spesso criticata dagli ambientalisti. Il pontefice: "Rispettate l'accordo di Parigi"

Il Texas guida il fronte contro il Daca, che non sarà difeso in tribunale dal dipartimento di Giustizia

Prosegue la complessa battaglia sul programma in favore degli immigrati irregolari arrivati negli Stati Uniti da bambini
Immigration and Customs Enforcement

Trump: si torni al G8 con la Russia. Conte d'accordo

Prima di partire per Charlevoix, in Canada, dove parteciperà al G7, il presidente Usa ha attaccato gli alleati sul commercio