Altro terremoto in Uber: il più grande socio fa causa al Ceo cacciato

Kalanick è accusato di avere ancora troppo controllo sul gruppo di cui è co-fondatore e di avere nascosto informazioni al cda, di cui fa parte. Intanto continua la fuga di top manager: se ne va il primo dipendente e Ceo dell'azienda

Nel giorno in cui il primo dipendente e Ceo di Uber ha detto che avrebbe lasciato i suoi incarichi operativi, preferendo concentrarsi sul suo lavoro da membro del cda, il più granze azionista del gruppo ha fatto causa contro il co-fondatore  a cui aveva passato il timore della società e che poi è stato costretto ad andarse per via di una leadership controversa e di problemi nella cultura (sessista) del gruppo: Travis Kalanick. Per questo il socio intende cacciarlo dal consiglio di amministrazione dell'azienda di cui ancora fa parte anche se non è più Ceo.

L'azione legale di Benchmark, uno dei primi investitori a credere in Uber, intensifica le tensioni al vertice dell'azienda, alla ricerca disperata di un nuovo numero  e la cui valutazione supera i 60 miliardi di dollari. La tesi è che Kalanick  sia ancora troppo in controllo del gruppo, una cosa che minaccia la stessa Uber. In aggiunta, avrebbe nascosto  informazioni al board lo scorso anno e che, per esempio, avrebbero messo in evidenza i rischi associati all'acquisizione di Otto, start-up per lo sviluppo di camion che si guidano da soli. Seguì una denuncia per un presunto furto di segreti commerciali lanciata da Waymo, divisione di Alphabet dedicata alle auto autonome.

"I continui sforzi di Kalanick di inserirsi nel cda e nel business di Uber, anche dopo avere impantanato il gruppo in scandali multipli ed essere stato costretto a dare le dimissioni da Ceo, hanno ulteriormente pesato sul valore del titolo Uber nel mercato secondario", recita la causa legale di Benchmark che controlla circa il 20% dei diritti di voto di Uber e che possiede il 13% delle azioni ordinarie; per in confronto, Kalanick ha il 16% dei diritti di voto e una partecipazione del 10%.

Il legale del diretto interessato ha replicato dicendo che la causa "è priva di fondamenta" e piena di "menzogne"; non è stato spiegato perché. Un portavoce di Kalanick ha detto che l'azione legale di Benchmark "è un chiaro tentativo di provare Travis Kalanick dei suoi diritti da fondatore e socio e di silenziare la sua voce in merito alla gestione del gruppo che ha aiutato a creare".

Intanto la fuga di top manager non si arresta in Uber. L'ultimo top manager a lasciare l'azienda che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale è stato, come detto, il suo primo dipendente nel 2010: si tratta di Ryan Graves, colui che per poco tempo fu anche il primo amministratore delegato di Uber e che poi passò quel ruolo a Kalanick (che lo aveva assunto).

Graves ha detto che abbandonerà le sue attività operative quotidiane per concentrarsi sul suo lavoro da membro del board. Anche perché sono molte altre le posizioni da riempire incluse quelle di direttore operativo, finanziario e di marketing.

Attualmente vicepresidente senior per le attività di Uber, da metà settembre il 34enne miliardario lascerà i suoi compiti a tempo pieno. "Non c'è un momento giusto per una mossa come questa" ha spiegato in una email ai dipendenti dicendo di volere garantire una transizione lineare "ben prima che il nostro cda decida sul Ceo".

Ammettendo implicitamente i problemi (anche reputazionali) vissuti dall'azienda, Graves ha aggiunto: "C'è un'altra lezione che ho imparato e che avremmo dovuto mettere in pratica molto prima. Avremmo dovuto dedicare più tempo per riflettere sui nostri errori e fare cambiamenti insieme". Secondo lui, che ha supervisionato le risorse umane (un dipartimento finito nel mirino dopo le accuse di sessismo lanciate da una ex ingnegnere), "la nostra cultura, i nostri processi, i nostri leader e i nostri team sono diventati più saggi, più forti e più maturi". Ci è voluta però un'inchiesta interna guidata dall'ex segretario alla Giustizia durante l'era Obama, Eric Holder.

Altri Servizi

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock

Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Usa: inflazione rafforzata a fine 2017, Fed verso rialzo tassi a marzo

Il rendimento del Treausry a due anni sopra il 2%, prima volta dal 2008. La banca centrale americana sarà più "falco" che "colomba"?

Trump lascia intatto (per ora) l'accordo sul nucleare, ultimatum ai partner Ue

Il presidente ha mantenuto il congelamento di sanzioni legate alla storica intesa raggiunta nel 2015 da Teheran e le principali potenze mondiali. Bruxelles ha 120 giorni per modificarla. Sanzionato capo magistratura iraniana

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

Facebook annuncia cambiamenti al News Feed. Titolo giù del 5%

Più storie di amici e meno aziende e notizie. E si teme per la macchina pubblicitaria del colosso