Altro terremoto in Uber: il più grande socio fa causa al Ceo cacciato

Kalanick è accusato di avere ancora troppo controllo sul gruppo di cui è co-fondatore e di avere nascosto informazioni al cda, di cui fa parte. Intanto continua la fuga di top manager: se ne va il primo dipendente e Ceo dell'azienda

Nel giorno in cui il primo dipendente e Ceo di Uber ha detto che avrebbe lasciato i suoi incarichi operativi, preferendo concentrarsi sul suo lavoro da membro del cda, il più granze azionista del gruppo ha fatto causa contro il co-fondatore  a cui aveva passato il timore della società e che poi è stato costretto ad andarse per via di una leadership controversa e di problemi nella cultura (sessista) del gruppo: Travis Kalanick. Per questo il socio intende cacciarlo dal consiglio di amministrazione dell'azienda di cui ancora fa parte anche se non è più Ceo.

L'azione legale di Benchmark, uno dei primi investitori a credere in Uber, intensifica le tensioni al vertice dell'azienda, alla ricerca disperata di un nuovo numero  e la cui valutazione supera i 60 miliardi di dollari. La tesi è che Kalanick  sia ancora troppo in controllo del gruppo, una cosa che minaccia la stessa Uber. In aggiunta, avrebbe nascosto  informazioni al board lo scorso anno e che, per esempio, avrebbero messo in evidenza i rischi associati all'acquisizione di Otto, start-up per lo sviluppo di camion che si guidano da soli. Seguì una denuncia per un presunto furto di segreti commerciali lanciata da Waymo, divisione di Alphabet dedicata alle auto autonome.

"I continui sforzi di Kalanick di inserirsi nel cda e nel business di Uber, anche dopo avere impantanato il gruppo in scandali multipli ed essere stato costretto a dare le dimissioni da Ceo, hanno ulteriormente pesato sul valore del titolo Uber nel mercato secondario", recita la causa legale di Benchmark che controlla circa il 20% dei diritti di voto di Uber e che possiede il 13% delle azioni ordinarie; per in confronto, Kalanick ha il 16% dei diritti di voto e una partecipazione del 10%.

Il legale del diretto interessato ha replicato dicendo che la causa "è priva di fondamenta" e piena di "menzogne"; non è stato spiegato perché. Un portavoce di Kalanick ha detto che l'azione legale di Benchmark "è un chiaro tentativo di provare Travis Kalanick dei suoi diritti da fondatore e socio e di silenziare la sua voce in merito alla gestione del gruppo che ha aiutato a creare".

Intanto la fuga di top manager non si arresta in Uber. L'ultimo top manager a lasciare l'azienda che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale è stato, come detto, il suo primo dipendente nel 2010: si tratta di Ryan Graves, colui che per poco tempo fu anche il primo amministratore delegato di Uber e che poi passò quel ruolo a Kalanick (che lo aveva assunto).

Graves ha detto che abbandonerà le sue attività operative quotidiane per concentrarsi sul suo lavoro da membro del board. Anche perché sono molte altre le posizioni da riempire incluse quelle di direttore operativo, finanziario e di marketing.

Attualmente vicepresidente senior per le attività di Uber, da metà settembre il 34enne miliardario lascerà i suoi compiti a tempo pieno. "Non c'è un momento giusto per una mossa come questa" ha spiegato in una email ai dipendenti dicendo di volere garantire una transizione lineare "ben prima che il nostro cda decida sul Ceo".

Ammettendo implicitamente i problemi (anche reputazionali) vissuti dall'azienda, Graves ha aggiunto: "C'è un'altra lezione che ho imparato e che avremmo dovuto mettere in pratica molto prima. Avremmo dovuto dedicare più tempo per riflettere sui nostri errori e fare cambiamenti insieme". Secondo lui, che ha supervisionato le risorse umane (un dipartimento finito nel mirino dopo le accuse di sessismo lanciate da una ex ingnegnere), "la nostra cultura, i nostri processi, i nostri leader e i nostri team sono diventati più saggi, più forti e più maturi". Ci è voluta però un'inchiesta interna guidata dall'ex segretario alla Giustizia durante l'era Obama, Eric Holder.

Altri Servizi

Trump, nuova strategia in Afghanistan per battere i terroristi

L'annuncio sarà dato in diretta tv. Il Pentagono ha già ricevuto l'approvazione per l'invio di altri 3.900 soldati

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha preso una decisione sulla nuova strategia da adottare in Afghanistan e la presenterà questa sera (alle 21, le 3 di domattina mattina in Italia) in un discorso in diretta televisiva dalla base militare di Fort Myer, a sud-ovest di Washington. Il nuovo piano, probabilmente, darà il via libera all'invio di migliaia di altri soldati statunitensi nel Paese invaso nel 2001.

Wall Street, preoccupa la situazione nella penisola coreana

Le esercitazioni annuali di Stati Uniti e Corea del Sud rischiano di aggravare le tensioni con il Nord
AP

Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Mattis: "Trump ha deciso la nuova strategia in Afghanistan"

Il segretario alla Difesa ha poi detto che sarà il presidente ad annunciarla. Possibile un aumento fino a 5.000 unità dei soldati statunitensi nel Paese invaso nel 2001

Il presidente Donald Trump ha preso una decisione sull'Afghanistan. Lo ha annunciato il segretario alla Difesa statunitense, James Mattis, affermando che la nuova strategia ella Casa Bianca è stata messa a punto dopo una valutazione "sufficientemente rigorosa". "Il presidente ha deciso. Come ha detto, vuole essere colui che l'annuncerà al popolo americano" ha detto Mattis.

Uber, il prossimo Ceo potrebbe essere Immelt (General Electric)

Il nuovo amministratore delegato dovrà risollevare la società, dopo gli scandali degli ultimi mesi e la fuga di diversi top manager

Il presidente ed ex amministratore delegato di General Electric, Jeff Immelt, sarebbe diventato il principale candidato alla carica di amministratore delegato di Uber, secondo numerose fonti a conoscenza della questione. A scriverlo è il sito Recode.

Oro sopra i 1.300 dollari l'oncia, prima volta da novembre

Dal caos politico legato a Trump all'attacco terroristico a Barcellona. Ecco perché il rally potrebbe non essere finito

Per la prima volta dallo scorso novembre, l'oro ha raggiunto un valore di almeno 1.300 dollari all'oncia. Il contratto dicembre al Comex, divisione del New York Mercantile Exchange, si è spinto fino a 1.306,90 dollari l'oncia. La corsa del metallo prezioso, arrivata al terzo giorno consecutivo, è alimentata dall'avversione al rischio, con gli investitori preoccupati dal rischio che l'agenda pro-crescita e pro-business promessa da Donald Trump possa deragliare visto il caos politico esploso in Usa dopo i commenti controversi del presidente sulle violenze esplose sabato scorso a Charlottesville (Virginia). Quei commenti hanno portato allo sfaldamento di due forum economici voluti da Trump, che di fronte a un esodo di Ceo pare avere rinunciato alla creazione di uno dedicato alle infrastrutture.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

La Silicon Valley vende l'antico sogno dell'immortalità

Il filosofo Metzinger ne parla sul Financial Times. Siamo di fronte a una religione senza dio che promettendo il futuro infinito vende i propri prodotti
AP

Sembra che negli ultimi anni le startup e i grandi colossi della Silicon Valley si stia concentrando su un unico tema: vendere il più grande e antico sogno dell'uomo, l'immortalità. Nel 2013 Google ha fondato Calico, che ha come scopo quello di portare l'umanità verso una vita più lunga e in salute. Altri, come Aubrey de Grey, si sono spinti ancora più in là: ha fondato infatti Strategies for Engineered Negligible Senescence, una startup che prevede di risolvere l'invecchiamento trattandolo come un problema ingegneristico. Proprio a Google invece lavora, Ray Kurzweil, che ha fissato per il 2045 l'anno della singolarità, quando potremo fondarci con le macchine e moltiplicare la nostra intelligenza in modo impensabile. Ne scrive sul Financial Times, Thomas Metzinger, filosofo tedesco che insegna alla Johannes Gutenberg University di Magonza, in Germania.

Nella corsa per accaparrarsi l'utility texana Oncor, la Berkshire Hathaway di Warren Buffett è stata battuta da Sempra Energy. Quest'ultima ha messo sul piatto 9,45 miliardi di dollari, più dei 9,3 miliardi inizialmente offerti e oltre i 9 miliardi proposti dal cosiddetto oracolo di Omaha. Buffett aveva chiarito la settimana scorsa che la sua offerta non sarebbe stata rivista al rialzo, un approccio tipico per un uomo noto nel rifiutare di farsi coinvolgere in guerre per accaparrarsi aziende. L'operazione complessiva vale 18,8 miliardi di dollari se si aggiungono oltre 9 miliardi di dollari di debito (quella di Buffett sarebbe arrivata a 18 miliardi).

Fca si unisce a Bmw e Intel per sviluppo guida autonoma

Il gruppo automobilistico italo americano ha firmato un memorandum of understanding con la rivale tedesca e Mobileye, controllata del produttore Usa di microprocessori
AP

Mentre il mercato continua a domandarsi se e quale gruppo cinese abbia fatto un'offerta per rilevare Fiat Chrysler Automobiles (Geely ha negato) e se ci sarano altri spin-off (Magneti Marelli?) dopo quello di Ferrari, il gruppo guidato da Sergio Marchionne continua a siglare intese per rafforzarsi nella tecnologia della guida autonoma. Se nel maggio 2016 Fca era diventata la prima azienda automobilistica a siglare un accordo non esclusivo con Google (Waymo), ora è il primo costruttore automobilistico ad unirsi alla tedesca Bmw e all'americana Intel per lo sviluppo di una piattaforma di guida autonoma all’avanguardia. I tre gruppi hanno infatti siglato un Memorandum of Understanding.