Uber e Lyft, la guerra del car sharing punta alle carte di credito

Le due aziende americane stringono accordi con le banche per lanciare le loro carte di credito
dal sito di Uber

Uber e Lyft, i due servizi americani di car sharing, hanno deciso di spostare la loro guerra nel portafoglio dei loro clienti. Non stiamo parlando di una corsa al ribasso sulle tariffe per accaparrarsi maggiori clienti bensì della volontà delle due aziende di mettere sul mercato le proprie carte di credito grazie a delle partnership con alcune grandi banche.

Come riporta il Wall Street Journal infatti, Uber, da poco orfana del co-fondatore dopo l’addio di Travis Kalanick, rilascerà nel prossimo autunno una sua carta di credito avendo scelto come distributore Barclaycard, unità della banca inglese Barclays che si occupa proprio di questo. Per quanto riguarda il circuito che verrà usato, stando a quanto dichiarato al giornale di Washington da persone vicine alla vicenda, sarà Visa a veicolari i pagamenti dei possessori di tale carta.

L’azienda con base a San Francisco diventerà quindi il primo servizio di taxi alternativo a lanciare una propria carta di credito. Una mossa con cui il gruppo che offre un servizio alternativo ai taxi tradizionali spera di creare un rapporto di maggior fiducia con i propri clienti, in un momento in cui il suo principale competitor si è molto rinforzato. Come ricorda il giornale economico di New York, Lyft ha infatti trovato nuovi fondi espandendo il proprio mercato in diverse città americane oltre a seguire la strada tracciata da Uber anche per quanto riguarda il lancio di una propria carta di credito.

Il car sharing rappresenta comunque un settore nuovo nel mercato delle carte di credito dove le partnership con le banche sono per lo più dominate dalle compagnie aeree o dalle grandi catene alberghiere. "Questa partnership rappresenta un'occasione unica per Barclaycard di lavorare con un innovatore riconosciuto a livello globale come Uber", ha dichiarato la portavoce di Barclaycard negli scorsi giorni mentre l'amministratore delegato di Barclays, Jes Staley, ha annunciato la partnership venerdì in concomitanza con la trimestrale della banca.

Per quanto riguarda Uber, da San Francisco sono arrivate conferme dell’accordo tramite una portavoce del gruppo che non ha voluto aggiungere ulteriori dettagli nemmeno sugli eventuali benefici o ricompense per i possessori della carta di credito.

Bisogna ricordare che alcune società emittenti carte di credito hanno già incluso Uber tra i vantaggi legati all’utilizzo delle loro carte. Una mossa volta ad attirare soprattutto i millennial verso cui molti società che emettono carte di credito stanno perdendo appeal. Tra queste c’è stata ad esempio American Express che ha aumentato i vantaggi sulla sua carta Platinum all'inizio di quest'anno aggiungendo 200 dollari di corse in Uber all’anno.

Altri Servizi

Trump: "Nessun accordo sul Daca", che protegge i giovani immigrati. Smentiti i leader democratici

Schumer e Pelosi avevano dichiarato di aver raggiunto un'intesa con il presidente per proteggere gli illegali arrivati da bambini
iStock

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha scritto su Twitter che "nessun accordo è stato trovato la scorsa notte sul Daca", il programma voluto da Barack Obama per consentire ai giovani immigrati, arrivati illegalmente da bambini, di restare con un permesso biennale e rinnovabile per studiare e lavorare, che sarà cancellato tra meno di sei mesi. "

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

Trump blocca acquisizione di produttore Usa di chip da parte di cinesi

La transazione, annunciata nel novembre 2016, valeva 1,3 miliardi di dollari. Il presidente ha citato rischi di sicurezza nazionale. Lattice Semiconductor e i fondi d'investimento asiatici hanno 30 giorni per abbandonare le nozze
AP

Citando motivi di sicurezza nazionale, Donald Trump ha ordinato lo stop all'acquisizione per 1,3 miliardi di dollari (debito incluso) di un produttore americano di microprocessori da parte di un consorzio di fondi d'investimento cinesi. L'azienda in questione si chiama Lattice Semiconductor Corporation, che nel dopo mercato a Wall Street ha perso oltre l'1,7%. Prima della decisione del presidente Usa, arrivata a Borsa americana ormai chiusa, il titolo aveva guadagnato il 3% a 5,72 dollari. Da inizio anno ha guadagnato il 5,5% e negli ultimi 12 mesi l'8%. Ora Lattice e l'aspirante acquirente hanno 30 giorni di tempo per fare le mosse necessarie ad abbondonare definitivamente l'intesa annunciata nel novembre 2016.

Casa Bianca organizza vertice sul clima a margine dell'assemblea Onu

Nel gruppo ristretto di invitati l'Italia c'è, stando al ministero dell'Ambiente
AP

La Casa Bianca ha organizzato un vertice sul clima a margine dell'assemblea generale dell'Onu, che entrerà nel vivo la settimana prossima. A riunire ministri e funzionari per una colazione di lavoro prevista lunedì 18 settembre a New York sarà Gary Cohn, il consigliere economico del presidente americano Donald Trump.

L'America torna a scontrarsi sulla sanità: Sanders propone copertura per tutti

La proposta del senatore democratico contrasta nettamente con quella di due colleghi repubblicani che puntano a indebolire piuttosto che ad ampliare la portata dell'Obamacare
AP

L'America torna a scontrarsi sul settore della sanità. Nello stesso giorno al Congresso sono andate in scena due proposte radicalmente opposte: una, promossa da Bernie Sanders, punta ad ampliare a tutti gli americani nell'arco di quattro anni l'accesso al Medicare ossia il programma federale che attualmente offre una copertura medica a chi ha almeno 65 anni o è disabile; l'altra, di stampo conservatore, punta a indebolire l'Obamacare. Anche se per ragioni diverse, tutte e due le proposte puntano ad andare oltre l'Affordable Care Act, la riforma sanitaria entrata in vigore nel 2010 e tanto caldeggiata dall'allora presidente Barack Obama. L'ala liberal a Capitol Hill punta ad allargarne la portata, quella opposta è intenzionata a smantellarla. C'è tuttavia un comune denominatore ai due approcci: nessuno verrà messo presto in pratica.

Disney: anche film Star Wars e Marvel nel nuovo servizio streaming

Non li concederà più in licenza a Netflix. Il titolo del gruppo guidato da Bob Iger soffre la seduta peggiore dal gennaio 2016: ha anticipato utili 2017 inferiori alle stime degli analisti

Nel nuovo servizio di video in streaming che lancerà nel 2019, Walt Disney renderà disponibili anche i film della saga "Guerre Stellari" e quelli che vedono protagonisti i personaggi della Marvel come Spider Man e X Men. Lo ha annunciato il Ceo Bob Iger, che però ha deluso gli analisti anticipando che il colosso dell'intrattenimento a settembre chiuderà l'anno fiscale 2017 con utili "in linea" ai 5,72 dollari per azione del 2016, meno delle stime degli analisti per 5,89 dollari per titolo. Per questo il titolo al Nyse cede il 4,7% a 96,70 dollari. Si tratta della flessione maggiore dal gennaio 2016. Da inizio anno ha perso il 7% e negli ultimi 12 mesi è salito solo del 3,4%.

Wall Street: i record continuano

Tutte e tre i principali indici hanno chiuso a livelli mai toccati prima
AP

La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi
AP

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

Apple presenta iPhone X, ma non convince del tutto il mercato

Nel decennale del suo telefonino celebra Steve Jobs e prova a guardare avanti: elimina il tasto home e apre alla carica wireless e al riconoscimento facciale. Ma i ritardi nelle consegne mettono alla prova Apple e la fiducia dei suoi consumatori
AP

Non ci sono state sorprese e neppure l'appello al "one more thing", che ripeteva sempre Steve Jobs, ha aiutato Apple a stupire. Nel decimo anniversario di iPhone il gruppo ha presentato come atteso da giorni due nuovi modelli: iPhone 8 e iPhone 8 Plus, che sono un aggiornamento di iPhone 7, e - per il decennale - iPhone X, definito dall'amministratore delegato, Tim Cook, "il futuro degli smartphone". Anche le caratteristiche (riconoscimento facciale, carica wireless, assenza del tasto home) erano state anticipate nelle scorse settimane. Insieme ai nuovi iPhone, Apple ha presentato il nuovo Apple Watch, Series 3 che permette anche la connessione alla rete cellulare.