Uber sospende i test su veicoli autonomi a San Francisco

Il gruppo pensa a trovare un'altra città californiana

Uber ha sospeso i test sui suoi veicoli autonomi a San Francisco, dopo che le autorità della città californiana hanno deciso di revocare la registrazione di 16 veicoli. Un brutto colpo per la startup che tuttavia ha fatto sapere di essere pronta a cercare una nuova città disposta a dare spazio al suo progetto.

Uber aveva iniziato a fare sperimentazioni solo una settimana fa, mettendo le auto senza guidatore a disposizione di alcuni sui clienti che hanno richiesto un veicolo attraverso la app. Il gruppo tuttavia aveva deciso di non presentare una domanda per un permesso da 150 dollari, sostenendo che non fosse necessario.

La motorizzazione di San Francisco invece si è appellata a questa mancanza per sostenere che la auto della startup non potessero circolare. Tra i funzionari che hanno espresso parere contrario ai test ci sono l'ufficio del procuratore generale di San Francisco e anche quello del sindaco, Ed Lee.

Ma per quale motivo è avvenuto lo stop? Uber ha voluto sfidare le autorità sostenendo che le sue auto non fossero completamente autonome visto che a bordo c'è sempre un autista in grado di prendere il controllo del veicolo i caso di necessità.

A differenza di Uber, altri concorrenti che stanno lavorando a macchine senza conducente hanno ottenuto il via libera (presentando la domanda) dallo Stato: sono Alphabet Tesla e Gm. In realtà il segretario alla Giustizia della California ha minacciato di aprire una causa contro Uber per il suo atteggiamento, ma alla fine l'azione si è tramutata nella scelta di fermare i test, dando alla polizia l'autorità per fermare le 16 auto.

Altri Servizi

Wall Street preoccupata dallo stallo in Germania

I tedeschi potrebbero dover tornare al voto, vista l'impossibilità di formare un governo
AP

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Il Mondiale delle escluse, l'idea che arriva dagli Usa

Molte nazionali di rilievo non andranno in Russia. Perché, allora, non organizzare un torneo tra loro, sull'esempio del basket universitario statunitense?
Ap

L'idea nasce negli Stati Uniti, dove il precedente - nel basket - esiste già: perché non organizzare un Mondiale di calcio con le nazionali escluse? A proporlo è il giornalista statunitense Andrew Joseph su Usa Today, ma l'idea era già da ore in circolo sui social network. Italia, Stati Uniti, Paesi Bassi e Cile sono solo alcune delle grandi escluse dal Mondiale del prossimo anno in Russia, che hanno fatto sprofondare nella tristezza i fan e provocato danni enormi anche a chi aveva investito sulla loro qualificazione, come le televisioni. Perché, allora, non organizzare un Mondiale a inviti, come succede per il basket universitario negli Stati Uniti con il Nit? Nit sta per National Invitational Tournament, sarcasticamente ribattezzato 'Not in Tournament', corrispondente peraltro alla verità: nata prima del campionato Ncaa, è poi diventata la competizione di consolazione per le squadre escluse dal grande torneo.

Trump vuole nuove misure per difendere Usa da Nordcorea

Il presidente americano ha suggerito al Congresso di approvare lo stanziamento di 4 miliardi di dollari: serviranno per costruire sistemi informatici in grado di fermare le testate di Pyongyang prima che escano dai confini dello Stato.
AP

Nonostante gli Stati Uniti abbiano un sistema di difesa sicuro e costato più di 100 miliardi di dollari, l'amministrazione Trump si prepara ad aumentare le precauzioni per difendersi dagli attacchi missilistici della Corea del Nord.

L'amministrazione Trump conferma: riforma fiscale entro Natale

Resta da vedere se la promessa del presidente Usa verrà mantenuta. La Camera ha approvato la bozza ma l'iter al Senato sembra più complicato. Mnuchin: siamo fiduciosi

L'amministrazione Trump continua a essere convinta che una riforma fiscale verrà sottoscritta dal presidente in carica entro Natale. Per Donald Trump sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca il 20 gennaio 2016. A confermare la tempistica promessa dal governo è il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin.

Steven Mnuchin: "Non pensavo che quelle foto diventassero virali"

Il segretario al Tesoro americano ha commentato gli scatti che lo ritraggono con la moglie mentre tiene in mano le nuove banconote da un dollaro
Ap

Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha affermato di non aver realizzato che la foto di lui e sua moglie, l’attrice Louise Linton, con in mano un foglio di banconote da un dollaro appena stampato sarebbe diventata pubblica, né tanto meno virale. Ad immortalare la coppia è stata la fotografa di Ap, Jacquelyn Martin, che ha scattato la foto nel Bureau of Engraving and Printing, l’agenzia governativa incaricata di stampare ed emettere le banconote sul mercato.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.

Trump pagherà di tasca propria spese legali Russiagate. Studia modo per aiutare staff Casa Bianca

Tecnicamente non c'è una legge che vieta al presidente di fare doni al proprio staff, ma nel caso specifico c'è il dubbio che il contributo del presidente finirebbe per influenzare la testimonianza delle persone che lo hanno ricevuto.
AP

Donald Trump pagherà di tasca propria i conti legali collegati all'indagine sul Russiagate, senza usare i fondi della sua campagna elettorale e senza chiedere l'intervento della Republican National Committee. Il presidente americano sta anche studiando un piano per usare fondi personali per aiutare il personale della Casa Bianca, attuale e passato, a coprire le spese legali.

Disegni "hot" in cielo con l'aereo, nei guai un pilota della Us Navy

Gesto provocatorio mentre in America piovono accuse di molestie. La Marina "si scusa con chiunque sia stato offeso da questa azione inaccettabile".

Un equipaggio della Marina militare ha disegnato una forma fallica con la scia lasciata in cielo dell'aereo in uso. Lo ha ammesso la Marina stessa, chiedendo scusa. "La Marina si scusa con chiunque sia stato offeso da questa azione inaccettabile", ha spiegato un portavoce alla Cnbc.

Usa: si dimette il direttore dell'agenzia per la protezione dei consumatori

Richard Cordray lascia in anticipo. Fu nomina da Barack Obama alla guida di un'ente creato dopo la crisi finanziaria del 2008. Ne è stato l'unico numero uno. L'addio spiana la strada alla deregulation di Trump
Consumer Financial Protection Bureau

Richard Cordray, direttore del Consumer Financial Protection Bureau (l'agenzia preposta alla protezione dei consumatori nel settore finanziario), ha annunciato che intende lasciare il suo ruolo alla fine di novembre. Cordray mette così fine a un incarico durato sei anni e creato dalla riforma finanziaria post crisi, la Dodd-Frank.