Uber sospende i test su veicoli autonomi a San Francisco

Il gruppo pensa a trovare un'altra città californiana

Uber ha sospeso i test sui suoi veicoli autonomi a San Francisco, dopo che le autorità della città californiana hanno deciso di revocare la registrazione di 16 veicoli. Un brutto colpo per la startup che tuttavia ha fatto sapere di essere pronta a cercare una nuova città disposta a dare spazio al suo progetto.

Uber aveva iniziato a fare sperimentazioni solo una settimana fa, mettendo le auto senza guidatore a disposizione di alcuni sui clienti che hanno richiesto un veicolo attraverso la app. Il gruppo tuttavia aveva deciso di non presentare una domanda per un permesso da 150 dollari, sostenendo che non fosse necessario.

La motorizzazione di San Francisco invece si è appellata a questa mancanza per sostenere che la auto della startup non potessero circolare. Tra i funzionari che hanno espresso parere contrario ai test ci sono l'ufficio del procuratore generale di San Francisco e anche quello del sindaco, Ed Lee.

Ma per quale motivo è avvenuto lo stop? Uber ha voluto sfidare le autorità sostenendo che le sue auto non fossero completamente autonome visto che a bordo c'è sempre un autista in grado di prendere il controllo del veicolo i caso di necessità.

A differenza di Uber, altri concorrenti che stanno lavorando a macchine senza conducente hanno ottenuto il via libera (presentando la domanda) dallo Stato: sono Alphabet Tesla e Gm. In realtà il segretario alla Giustizia della California ha minacciato di aprire una causa contro Uber per il suo atteggiamento, ma alla fine l'azione si è tramutata nella scelta di fermare i test, dando alla polizia l'autorità per fermare le 16 auto.

Altri Servizi

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

La stanza del silenzio di New York

Uno spazio multifede all'interno della New York University. Gli studenti possono pregare, riflettere e meditare

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Donald Trump torna all'attacco: i media distorcono la democrazia

Domenica mattina, in una serie di tweet, il presidente americano ha difeso suo figlio. E torna a prendersela con Hillary Clinton

Domenica mattina, dal suo campo da golf privato a Bedminster, in New Jersey, Donald Trump è torna a twittare contro i media, difedendo suo figlio Donald Jr., travolto dallo scandalo dell'incontro con l'avvocato vicino alla Russia che gli aveva promesso informazioni compromettenti su Hillary Clinton. "I MEDIA DISTORCONO LA DEMOCRAZIA", ha scritto il presidente americano. Trump ha preso di mira i media americani. "Hillary Clinton può avere illegalmente le domande di un dibattito & cancellare 33.000 email ma mio figlio Don è stato disprezzaro dai Fake News Media?".

Trump presenta la settimana del "Made in America"

Eventi e conferenze alla Casa Bianca anche se la maggior parte dei suoi marchi producono all'estero

Il presidente americano Donald Trump ha appena presentato la settimana "Made in America" alla Casa Bianca per promuovere prodotti realizzati negli Stati Uniti. Questo anche se la maggior parte della sue aziende producono all'estero. Seguendo le promesse fatte nel corso della campagna elettorale, l'amministrazione metterà in evidenza la produzione americana.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

I quotidiani americani chiedono al Congresso protezione contro Google e Facebook

La News Media Alliance (NMA) - che rappresenta più di 2.000 quotidiani - vuole chiedere a Capitol Hill di fermare il duopolio nella pubblicità digitale dei due colossi. Controllano il 60% del mercato americano

La News Media Alliance (NMA) - una associazione che rappresenta più di 2.000 quotidiani negli Stati Uniti, tra cui il New York Times e il Washington Post - sta chiedendo al Congresso una concessione alla legge antitrust per poter proteggere i giornali americani da Google e Facebook. Lo scrive il quotidiano online Axios. Il gruppo sostiene che le leggi che impediscono ai media di lavorare insieme per contrattare accordi pubblicitari migliori con le piattaforme internet favoriscano i due colossi, che continuano a controllare il mercato della pubblicità digitale e l'economia dell'informazione.

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.