Uber vs Google: arriva in tribunale scontro su guida autonoma

La controllata di Alphabet specializzata nello sviluppo di auto a guida autonoma quasi un anno fa denunciò il gruppo per il furto di otto segreti commerciali.

E' arrivato in tribunale il braccio di ferro legale tra Waymo e Uber. La controllata di Alphabet specializzata nello sviluppo di auto a guida autonoma quasi un anno fa denunciò il gruppo che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale. L'accusa: prima di dimettersi e passare a Uber, un dipendente di Waymo rubòLa controllata di Alphabet specializzata nello sviluppo di auto a guida autonoma quasi un anno fa denunciò il gruppo che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale. L'accusa: prima di dimettersi e passare a Uber, un dipendente di Waymo rubò otto segreti commerciali per permettere a Uber di portare avanti il suo programma di guida autonoma. Tra le tecnologie rubate - secondo Waymo - ci sarebbe il sistema 'Lidar' (light detection and ranging), una delle tecnologie che consente a un veicolo self-driving di capire cosa gli sta succedendo intorno. Per le prossime due-tre settimane, lo scontro tra i due giganti tecnologici andrà in scena in un tribunale federale di San Francisco davanti agli occhi non solo della giuria composta da 10 persone ma anche del pubblico. E di una Silicon Valley desiderosa di capire quale sia il limite tra segreti commerciali e conoscenza diffusa. Il gioco ci sono danni potenziali per centinaia di migliaia di dollari (Waymo ne stima per 1,9 miliardi). Lo scenario peggiore potrebbe includere una ingiunzione a bloccare, o almeno a intralciare, la ricerca di Uber nel campo delle auto a guida autonoma. Tutto ruota attorno alla figura di Anthony Levandowski, ex dipendente di Google (da cui Waymo è stata scorporata) e visto come la mente al centro della ricerca per la guida autonoma. Se ne andò nel gennaio 2016, presumibilmente portando con sé oltre 14.000 documenti top secret. Poi cofondò Otto, startup di camion a guida autonoma acquisita meno di un anno dopo da Uber per 680 milioni di dollari. Si sono venute cos" a creare per Uber le basi per la divisione di guida autonoma con Levandowski al comando. Waymo sostiene che l'ex Ceo di Uber, Travis Kalanick, fosse in contatto con Levandowski ancora prima del suo addio; come a dire che le loro mosse sono state pianificate sin dall'inizio. Uber ha negato, ma non del tutto. Non ha infatti detto che documenti non sono stati sottratti ma insiste nel dire di non averne tratto alcun vantaggio. A Waymo spetta dimostrare che è successo esattamente il contrario. Aprendo per primo la giornata in tribunale, un legale di Waymo ha detto che "Uber sta barando. Ci hanno preso la nostra tecnologia per vincere questa corsa a tutti i costi". Da una eventuale apparizione di Levandowski - che non è un imputato ma compare nell'elenco dei testimoni di Waymo - non è atteso molto. Lui ha fatto ricorso al quinto emendamento della Costituzione Usa, quello che permette di non dire nulla che possa essere usato contro sé stessi. Per questo Uber lo licenziò lo scorso maggio: per l'azienda si rifiutò di cooperare nell'ambito della causa legale. Tra i testimoni ci sarà Kalanick, cacciato dal ruolo di a.d. di Uber lo scorso anno per via della sua leadership sessista. Nell'aula di tribunale ci saranno probabilmente anche i cofondatori di Google, Larry Page e Sergey Brin. Meno famosi ma certamente più importanti saranno i vari ingegneri di Uber la cui testimonianza servirà per capire se hanno mai visto i documenti top secret e quali direttive hanno ricevuto da Levandowski. A presiedere il tutto sarà il giudice William Alsup, famoso tra i giornalisti per le sue citazioni ma temuto da ambo le parti. Ha imparato a fare un po' di coding per meglio comprendere un altro caso, quello tra Google e Oracle.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock