Ufficiale il matrimonio (da 52,4 miliardi) tra Walt Disney e 21st Century Fox

Subito prima dell'acquisizione Fox scorporerà alcuni asset (Fox Broadcasting e le emittenti Fox News, Fox Business, FS1, FS2 e Big Ten Network). L'amministratore delegato e presidente di Disney Bob Iger resterà in carica fino al 2021.

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi è arrivata l'ufficialità. Walt Disney ha raggiunto un accordo per rilevare 21st Century Fox, una volta che questa avrà scorporato alcuni asset (Fox Broadcasting e le emittenti Fox News, Fox Business, FS1, FS2 e Big Ten Network). Come si legge in una nota, Disney pagherà 52,4 miliardi di dollari in azioni, ovvero 0,2745 azioni per ogni titolo di Fox.

Il tasso di cambio è fissato in base al prezzo medio ponderato del volume degli ultimi trenta giorni e implica appunto un valore di circa 52,4 miliardi e un valore complessivo della transazione per circa 66,1 miliardi.

Subito prima dell'acquisizione, Fox scorporerà Fox Broadcasting Network e le assegnerà agli azionisti. Disney rileverà anche Fx Networks, National Geographic Partners, Fox Sports Regional Networks, Fox Networks Grup International, Star India e le partecipazioni di Fox in Hulu, Sky, Tata Sky e Endemol Shine Group. In base ai termini dell'accordo, l'amministratore delegato e presidente di Disney Bob Iger resterà in carica fino al 2021.

L'accordo, che secondo le previsioni consentirà risparmi sui costi per 2 miliardi di dollari grazie alle sinergie generate dalla fusione, dovrebbe cominciare a incidere in modo positivo sui profitti a partire dal secondo anno fiscale dopo la chiusura dell'operazione. Disney emetterà circa 515 milioni di nuove azioni per gli azionisti di Fox, quota che rappresenta circa il 25% della società su base pro-forma.

"L'acquisizione di questi asset stellari riflette la crescente domanda degli utenti di un'esperienza diversificata", ha detto Iger. Da un punto di vista cinematografico, l'acquisizione consente di "riunire X-Men, Fantastici Quattro e Deadpool con la famiglia Marvel per creare storie più complesse e ricche che l'audience amerà", si legge.

Per quanto riguarda la Tv, l'aggiunta di Sky consente di ampliare l'offerta, visto che la britannica raggiunge quasi 23 milioni di famiglie nel Regno Unito, Irlanda, Germania, Austria e Italia, mentre Fox Networks International ha oltre 350 canali in 170 Paesi.

La struttura dell'intesa ricalca quella usata da Disney per le acquisizioni di Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm. E se le cose andranno come in passato, Murdoch dovrebbe registrare laute plusvalenze. Quando alla fine del 2012 George Lucas vendette la sua Lucasfilm a Disney, ricevette 2,2 miliardi di dollari in contanti e 37,1 milioni di titoli Disney. Da allora il valore di quei titoli è più che raddoppiato.

L'operazione sarebbe significativa per entrambe i gruppi coinvolti. Disney potrebbe portare avanti la sua trasformazione con l'intento di affilare le armi contro Netflix e Amazon. Dal canto suo Murdoch tornerebbe al suo primo amore: l'informazione con canali come Fox News e Fox Sports 1.

Resta ora da capire se e quali ostacoli antitrust l'operazione rischia di incontrare: la Giustizia Usa ha recentemente bloccato le nozze tra AT&T e Time Warner, gruppi che intendono portare il caso in tribunale.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, Pence: Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 5 giorni

Il vicepresidente statunitense ha incontrato il presidente turco Erdogan

Il vicepresidente statunitense Mike Pence, in visita ad Ankara, dove ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che la Turchia ha accettato un cessate il fuoco di 120 ore nel Nord-est della Siria, per permettere ai curdi di ritirarsi verso aree sicure.

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Basta ricchi donatori come ambasciatori. La senatrice statunitense Elizabeth Warren, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali del prossimo anno, ha annunciato che, se eletta presidente, metterà fine alla consuetudine decennale di scegliere, per molti incarichi diplomatici, generosi donatori della campagna elettorale del presidente di turno. "Per decenni, le amministrazioni di entrambi i partiti hanno scelto come ambasciatori i grandi donatori. Solitamente non sono esperti del Paese, di politica estera o di qualsiasi cosa rilevante per l'incarico" ha scritto Warren. 

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP