Umsca, il presidente messicano scrive a Pelosi: "Ratificate l'accordo di libero scambio"

Lopez Obrador: "Noi abbiamo fatto la nostra parte". Il timore è che, con l'avvicinarsi delle elezioni statunitensi, la ratifica possa saltare o essere rimandata
AP

Il presidente messicano, Andrés Manuel Lopez Obrador, ha invitato i democratici della Camera statunitense a ratificare il trattato commerciale tra Stati Uniti, Messico e Canada (Umsca), fondamentale per la ripresa dell'economia del suo Paese, affermando di aver rispettato tutti gli impegni presi riguardo alla salvaguardia dei lavoratori.

In una lettera inviata alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, Lopez Obrador ha scritto che il Messico, nella nuova legge di bilancio, ha stanziato più fondi per implementare i cambiamenti alle leggi sul lavoro. Tra le novità, il rafforzamento della contrattazione collettiva, come chiesto dai democratici statunitensi per proteggere a loro volta i lavoratori statunitensi. "Andiamo avanti subito con lo Usmca, per assicurare che il processo elettorale nel vostro Paese non impedisca o rimandi la conclusione di un evento così importante" ha scritto il presidente messicano. Pelosi, al momento, non ha fornito risposte ufficiali.

L'accordo commerciale è fondamentale per l'economia del Messico, orientata all'export. Nel 2018, ha esportato negli Stati Uniti beni del valore di 346 miliardi di dollari, secondo i dati delle autorità statunitensi, che equivalgono a circa un terzo del Prodotto interno lordo del Messico. La ratifica rimuoverebbe una fonte di incertezza che ha contributo a un declino degli investimenti in Messico, rallentando la crescita economica del Paese. Crescita che quest'anno dovrebbe essere pari a zero, segnando un punto a sfavore del nuovo presidente, che ha promesso una crescita annuale media del 4 per cento.

Anche il presidente statunitense Donald Trump preme per la ratifica dell'accordo, negoziato nel 2017 e 2018 per sostituire il North American Free Trade Agreement (Nafta). L'amministrazione statunitense sta negoziando con i democratici alcune modifiche al trattato per arrivare alla ratifica.

Le autorità messicane temono che, con l'avvicinarsi delle elezioni presidenziali statunitensi, sarà più difficile per i democratici approvare un accordo che Trump aveva messo tra le sue priorità e che, al momento della ratifica, saluterà come una vittoria. I democratici e i sindacati statunitensi vogliono standard più elevati sul lavoro in Messico per limitare il potenziale spostamento di posti di lavoro dagli Stati Uniti; considerano inoltre i salari bassi in Messico un'ingiusta competizione.

Lo Usmca ha obbligato il Messico a far passare nuove leggi sul lavoro per assicurare che i lavoratori possano liberamente scegliere i loro sindacati ed eleggerne i leader in votazioni segrete. Il Messico ha approvato queste leggi quest'anno, dopo un emendamento costituzionale nel 2017. I sindacati devono ora provare di rappresentare la maggioranza dei lavoratori prima di firmare un contratto collettivo, mettendo fine alla pratica dei "contratti di protezione" o contratti firmati senza l'approvazione dei lavoratori, o addirittura senza che i lavoratori ne siano a conoscenza. Lopez Obrador, un politico di sinistra che ha alzato significativamente il salario minimo nel suo primo anno da presidente, ha detto che il Messico ha fatto la sua parte.

"Il movimento che mi ha portato alla presidenza nel 2018 è, in larga parte, un movimento di lavoratori" ha scritto a Pelosi. "La riforma è anche una grande causa nazionale. Per questo, il Messico domanda ai democratici della Camera di sostenerci nel forgiare una nuova realtà per i nostri lavoratori". Lopez Obrador, in passato, si opponeva agli accordi di libero scambio con Stati Uniti e Canada, ma ha poi moderato le sue posizioni. Nella lettera a Pelosi, ha scritto che il nuovo accordo è positivo per tutti e tre i Paesi membri. "Porterà un nuovo dinamismo all'economia, incrementerà gli investimenti e creerà posti di lavoro da nord a sud, da costa a costa della nostra regione, e porterà certezza alla tumultuosa economia globale" ha scritto.

I democratici stanno lavorando da settimane con l'ufficio del rappresentante per il Commercio, Robert Lighthizer, su alcuni punti dell'accordo, per ottenere maggiori garanzie su standard ambientali e lavorativi. Dopo che sarà raggiunto un accordo tra i democratici e l'amministrazione, la Casa Bianca invierà la legge al Congresso, che avrà 90 giorni per ratificarla. Per ora, il Messico è l'unico dei tre Paesi firmatari ad aver ratificato l'accordo, a giugno; il Canada ha reso noto di voler procedere di pari passo con gli Stati Uniti. Pelosi, anche dopo l'ultimo incontro, ha detto che l'obiettivo resta quello di giungere a una conclusione positiva entro la fine dell'anno.

Altri Servizi

Trump: "Dem antipatriottici". Oggi il rapporto sulle indagini per l'impeachment

I democratici vogliono un voto alla Camera entro Natale; in questo caso, a gennaio partirebbe il processo in Senato
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha definito i democratici "molto antipatriottici" perché vogliono metterlo in stato d'accusa, mentre la commissione Intelligence della Camera si prepara a rendere noto il proprio rapporto sulle prove e le testimonianze raccolte nel corso delle ultime settimane; in base a questo rapporto, la commissione Giustizia deciderà se e quali articoli di impeachment redigere e far votare alla Camera. In settimana, la commissione darà il via alle proprie audizioni e ha invitato Trump a partecipare.

Pelosi: "Procediamo con gli articoli di impeachment per Trump"

La speaker della Camera chiede alla commissione Giustizia di redigere le accuse. Trump: "Impeachment? Fatelo in fretta, così poi torniamo al lavoro"
Ap

La speaker Nancy Pelosi ha annunciato che la Camera statunitense comincerà a redigere gli articoli per l'impeachment di Donald Trump, in un discorso durato meno di sei minuti in cui ha dichiarato che è ormai chiaro, dopo due mesi di indagini, che il presidente ha violato il suo giuramento, facendo pressioni su una potenza straniera per ricevere aiuto per le elezioni del 2020. "La nostra democrazia è in gioco. Il presidente non ci lascia altra scelta che agire, perché sta cercando di manipolare, ancora una volta, le elezioni a suo vantaggio".

Wall Street, attenzione sempre rivolta ai rapporti Usa-Cina

Tra i dati attesi oggi, le nuove richieste dei sussidi di disoccupazione
AP

Usa 2020, primarie Dem: si ritira la senatrice Kamala Harris

Dopo un inizio promettente, era finita nell'anonimato. "Non abbiamo i soldi per andare avanti" ha spiegato ai suoi sostenitori

La senatrice Kamala Harris ha annunciato il ritiro della sua candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Nelle ore precedenti, era stata annunciata la cancellazione di un evento di raccolta fondi a New York.

Trump: "Forse meglio aspettare le elezioni prima di un accordo con la Cina"

Il presidente Usa: "Non ho una scadenza, mi piace l'idea di attendere"

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha dichiarato che potrebbe essere meglio aspettare che si svolgano le elezioni del 2020 prima di firmare un accordo commerciale con la Cina. "In un certo modo, mi piace l'idea di aspettare fin dopo le elezioni per un accordo con la Cina, ma loro vogliono farlo ora; vedremo. Non ho una scadenza" ha dichiarato Trump, che ha parlato da Londra, dove si trova per il vertice della Nato.

Wall Street, delusione per possibile rinvio accordo Usa-Cina

Il presidente Trump ha dichiarato che potrebbe essere meglio aspettare le elezioni del 2020 prima di firmare un'intesa commerciale con Pechino
Walt Disney

‘Frozen 2’ batte ogni record. Il film che narra la storia delle due sorelle, Elsa e Anna, ha incassato 123,7 milioni di dollari negli Stati Uniti ed in Canada durante i cinque giorni del weekend di Thanksgiving, superando il precedente record di 110 milioni di dollari detenuto da ‘Hunger Games: La Ragazza di Fuoco’ del 2013.

Wall Street, l'attenzione è sul Black Friday

Giornata più corta sui mercati, dopo il Ringraziamento
AP

Wall Street, nuovi segnali positivi su Usa-Cina

Secondo Bloomberg, accordo commerciale vicino tra le due potenze
AP

Nato, Trump metterà in guardia da Russia e Cina; il 4 incontro con Conte

Il presidente Usa alle celebrazioni per i 70 anni dell'Alleanza, in programma a Londra il 3-4 dicembre
Ap

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, solleverà il problema delle minacce portate da Russia e Cina, durante il vertice della Nato che si terrà a Londra la prossima settimana, in occasione del settantesimo anniversario dell'Alleanza atlantica. Secondo quanto riferito dall'amministrazione statunitense durante una conference call con i giornalisti, Trump incontrerà diversi capi di Stato e di governo a margine della riunione della Nato, tra cui il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, con cui è previsto un incontro mercoledì 4 dicembre.