Un attacco hacker mondiale ha colpito decine di paesi con un virus rubato all'Nsa

Quasi 100 nazioni tra cui Italia, Regno Unito, Russia, India e Cina, ma arrivano denunce anche dal sud America e dall'Africa
Shutterstock

Un cyber attacco mondiale di proporzioni enormi è stato messo a segno grazie ad un’arma rubata alla National Security Agency (Nsa) americana. Sono infatti oltre 45.000 gli attacchi informatici messi a segno venerdì in quasi 100 Paesi, tra cui Italia, Regno Unito, Spagna, Russia, India, Cina, Ucraina, Taiwan, Egitto ma anche sud America e altri paesi africani.

Tra quelli maggiormente colpiti c’è proprio la Gran Bretagna dove il virus si è infiltrato nei sistemi di diversi ospedali, costringendoli, per via caos informatico in cui si trovano, a chiedere ai pazienti che non sono gravemente feriti di non recarsi nei pronto soccorso poiché impossibilitati all'accettazione. Tra coloro che risultano maggiormente colpiti c’è anche la telco spagnola Telefonica e FedEx, la compagnia di trasporto americana, tra le più grandi al mondo, specializzata in spedizioni.

A ricostruire l’accaduto che ha creato il panico in rete nelle ultime 12 ore ci ha pensato il New York Times che ha interpellato i ricercatori di Kaspersky Lab, società russa specializzata nella creazione di antivirus. Secondo l’analisi della stessa società, la Russia è stata la nazione maggiormente colpita seguita da Ucraina, Russia e Taiwan.

Come si legge nell’articolo del quotidiano newyorchese, l’attacco è stato effettuato grazie ad "un'arma informatica sviluppata dalla Nsa, finanziata dai contribuenti americani e rubata da un avversario", poi usata da "cybercriminali contro pazienti, ospedali, aziende, governi e cittadini normali". Il virus, chiamato ransomware, era infatti stato diffuso on-line da Shadow Borkers, organizzazione specializzata nella commercializzazione illegale di materiale informatico rubato proprio all’Nsa.

Si tratta come spiega sempre il Nyt, di un virus/malware inviato via email che una volta installato accede ai dati e blocca tutti i computer o le macchine che vengono infettati. L’unica possibilità di sblocco è attraverso il pagamento di un riscatto (ransom appunto) da effettuare esclusivamente in bitcoin, valuta virtuale introdotta nel 2008 da Satoshi Nakamoto che ha tra le sue caratteristiche quella di essere la meno rintracciabile al mondo.

Il riscatto richiesto per un singolo computer colpito dal virus è di 300 dollari ma, stando alla ricostruzione del giornale diretto da Dean Baquet, non è chiaro quanti degli utenti colpiti abbiano effettivamente pagato la cifra né se una volta pagata abbiano ricevuto i codici di sblocco per avere accesso ai propri dati.

Va sottolineato che gli Stati Uniti non hanno mai confermato l'appartenenza all’Nsa o ad altre agenzie dell’intellingece americana di questa o di altre armi informatiche messe online da Shadow Brokers. Stando a quanto però dichiarato da numerosi esperti informatici, ex dipendenti della stessa agenzia di cui faceva parte Snowden e interpellati sempre dal New York Times, non ci sarebbe dubbio. Secondo loro si tratterebbe di strumenti sviluppati dall’unità "Tailored Access Operations", l'unità di raccolta di informazioni d'intelligence e cyber warfare dell’Nsa. Su una cosa concordano però in molti, l’attacco che ha messo sotto sopra la rete nelle ultime ore è l’equivalente informatico di una "tempesta perfetta".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al primo viaggio all'estero di Trump

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele, dopo la tappa in Arabia Saudita
AP

Ford cambia Ceo: fuori Fields, promosso Hackett

Gruppo messo sotto pressione dagli investitori

E' ufficiale. Ford Motor ha scelto il suo nuovo amministratore delegato e presidente al posto di Mark Fields (56 anni), messo sotto pressione dagli investitori dopo tre anni alla guida del gruppo durante i quali ha visto il titolo perdere il 40% in borsa. Si tratta di Jim Hackett (62 anni), che risponderà al presidente esecutivo Bill Ford e con cui si concentrerà su tre priorità: "rafforzare la strategia operativa, modernizzare il business attuale e trasformare l'azienda per affrontare le sfide di domani". Lo ha spiegato Ford in una nota.

Trump a Gerusalemme. Il presidente Usa vuole risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi e accusa l'Iran

Lasciata l'Arabia Saudita, il capo di Stato prosegue il suo tour tra Medio Oriente ed Europa. "Legame con Israele indistruttibile. Abbiamo l'opportunità di portare stabilità, sicurezza e pace in questa regione e di sconfiggere il terrorismo"

Il viaggio di Donald Trump in Israele ha già fatto Storia, visto che il presidente degli Stati Uniti è arrivato a Tel Aviv con il primo volo diretto dall'Arabia Saudita allo Stato ebraico. Un portavoce dell'Autorità dell'aviazione civile israeliana ha precisato alla France Presse di non essere a conoscenza di nessun altro volo che abbia fatto tale rotta in passato. Israele non ha rapporti diplomatici con Riad, se non relazioni informali a livello di intelligence, soprattutto per quanto riguarda l'Iran e i gruppi che Teheran sostiene nella regione. Non ci sono voli commerciali che collegano Israele all'Arabia Saudita e i voli israeliani non possono neanche volare nello spazio aereo saudita. L'aereo con a bordo la stampa al seguito di Trump ha fatto scalo a Cipro, prima di raggiungere Tel Aviv.

AP

Proprio poco dopo la partenza di Donald Trump per il suo primo viaggio all'estero da presidente americano, nuove indiscrezioni in salsa russa sono emerse. Più o meno contemporaneamente il New York Times e il Washington Post hanno diffuso notizie che alimentano un caos a Washington che due giorni prima aveva innervosito gli investitori a tal punto da provocare il peggiore sell-off a Wall Street da inizio anno. Nel primo caso, si apprende che Trump ha spiegato ai russi che il siluramento del direttore dell'Fbi faceva venire meno la pressione su di lui nell'ambito del Russiagate; nel secondo, il giornare rivela che l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna Trump e funzionari del Cremlino è arrivata fino alla Casa Bianca.

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

Trump parla ai Paesi musulmani: uniamoci contro l'estremismo islamico

Il presidente americano dall'Arabia saudita pronuncia un discorso di speranza e di collaborazione tra gli Stati Uniti e il mondo islamico. Ma chiede maggiore azione per combattere l'estremismo e attacca l'Iran
AP

Donald Trump parla con grande lentezza, scandisce ogni singola parola. E inizia il suo discorso in Arabia Saudita ringraziando il padre di re Salman, Aziz, visto che grazie a lui è iniziato il rapporto di alleanza tra Washington e Riyadh. "Il nostro scopo è quello di creare una coalizione di nazioni che condividono l'obiettivo di fermare l'estremismo e di offrire ai nostri figli un futuro di speranza che faccia onore a Dio ... Ogni volta che un terrorista uccide una persona innocente e invoca il falso nome di Dio, dovrebbe essere un insulto a ogni persona di fede ", ha detto il presidente americano, parlando ai leader dei Paesi a maggioranza musulmana. 

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.

Inizia il primo viaggio Trump all'estero. Mano tesa all'Arabia Saudita: un onore essere qui

Giunto a Riad, tappa iniziale della sua prima visita all'estero. Trump vedrà nel pomeriggio i dirigenti sauditi, mentre domani terrà un discorso a un vertice al quale parteciperanno una cinquantina di capi di Stato e di governo dei Paesi islamici.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è giunto in Arabia Saudita, tappa iniziale della sua prima visita all'estero. Trump vedrà nel pomeriggio i dirigenti sauditi, mentre domani terrà un discorso a un vertice al quale parteciperanno una cinquantina di capi di Stato e di governo dei Paesi islamici. "E' un grande onore essere qui", ha detto Trump al re saudita Salman durante il breve incontro che i due hanno avuto in una saletta all'interno dell'aeroporto di Riad.

Nyt: le informazioni d'intelligence che Trump ha condiviso con i russi arrivavano da Israele

La rivelazione aggiunge potenzialmente ulteriori problemi all'episodio. McMaster difende il presidente con i giornalisti
Ap

Le informazioni d'intelligence che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha condiviso con i russi arrivavano da una fonte israeliana. A dirlo sono stati un ex e un attuale funzionario degli Stati Uniti, che lo hanno riferito al New York Times. Informazioni che, secondo la stampa statunitense, erano classificate, cioè segrete.

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.