Un attacco hacker mondiale ha colpito decine di paesi con un virus rubato all'Nsa

Quasi 100 nazioni tra cui Italia, Regno Unito, Russia, India e Cina, ma arrivano denunce anche dal sud America e dall'Africa
Shutterstock

Un cyber attacco mondiale di proporzioni enormi è stato messo a segno grazie ad un’arma rubata alla National Security Agency (Nsa) americana. Sono infatti oltre 45.000 gli attacchi informatici messi a segno venerdì in quasi 100 Paesi, tra cui Italia, Regno Unito, Spagna, Russia, India, Cina, Ucraina, Taiwan, Egitto ma anche sud America e altri paesi africani.

Tra quelli maggiormente colpiti c’è proprio la Gran Bretagna dove il virus si è infiltrato nei sistemi di diversi ospedali, costringendoli, per via caos informatico in cui si trovano, a chiedere ai pazienti che non sono gravemente feriti di non recarsi nei pronto soccorso poiché impossibilitati all'accettazione. Tra coloro che risultano maggiormente colpiti c’è anche la telco spagnola Telefonica e FedEx, la compagnia di trasporto americana, tra le più grandi al mondo, specializzata in spedizioni.

A ricostruire l’accaduto che ha creato il panico in rete nelle ultime 12 ore ci ha pensato il New York Times che ha interpellato i ricercatori di Kaspersky Lab, società russa specializzata nella creazione di antivirus. Secondo l’analisi della stessa società, la Russia è stata la nazione maggiormente colpita seguita da Ucraina, Russia e Taiwan.

Come si legge nell’articolo del quotidiano newyorchese, l’attacco è stato effettuato grazie ad "un'arma informatica sviluppata dalla Nsa, finanziata dai contribuenti americani e rubata da un avversario", poi usata da "cybercriminali contro pazienti, ospedali, aziende, governi e cittadini normali". Il virus, chiamato ransomware, era infatti stato diffuso on-line da Shadow Borkers, organizzazione specializzata nella commercializzazione illegale di materiale informatico rubato proprio all’Nsa.

Si tratta come spiega sempre il Nyt, di un virus/malware inviato via email che una volta installato accede ai dati e blocca tutti i computer o le macchine che vengono infettati. L’unica possibilità di sblocco è attraverso il pagamento di un riscatto (ransom appunto) da effettuare esclusivamente in bitcoin, valuta virtuale introdotta nel 2008 da Satoshi Nakamoto che ha tra le sue caratteristiche quella di essere la meno rintracciabile al mondo.

Il riscatto richiesto per un singolo computer colpito dal virus è di 300 dollari ma, stando alla ricostruzione del giornale diretto da Dean Baquet, non è chiaro quanti degli utenti colpiti abbiano effettivamente pagato la cifra né se una volta pagata abbiano ricevuto i codici di sblocco per avere accesso ai propri dati.

Va sottolineato che gli Stati Uniti non hanno mai confermato l'appartenenza all’Nsa o ad altre agenzie dell’intellingece americana di questa o di altre armi informatiche messe online da Shadow Brokers. Stando a quanto però dichiarato da numerosi esperti informatici, ex dipendenti della stessa agenzia di cui faceva parte Snowden e interpellati sempre dal New York Times, non ci sarebbe dubbio. Secondo loro si tratterebbe di strumenti sviluppati dall’unità "Tailored Access Operations", l'unità di raccolta di informazioni d'intelligence e cyber warfare dell’Nsa. Su una cosa concordano però in molti, l’attacco che ha messo sotto sopra la rete nelle ultime ore è l’equivalente informatico di una "tempesta perfetta".

Altri Servizi

NY Times: Basilicata, Emilia Romagna e Sudtirol da visitare nel 2018

Sulle 52 destinazioni consigliate, si collocano rispettivamente al terzo, 40esimo e 50esimo posto. L'anno scorso nella classifica c'era solo la Calabria (al 37esimo gradino)
Matera Wikimedia Commons

Tra i 52 luoghi da visitare nel 2018, il New York Times ne consiglia tre in Italia. Nell'annuale classifica del quotidiano americano, il nostro Paese vince tra quelli stranieri con tre raccomandazioni contro l'unica fatta nell'edizione del 2017.

Nuovi permessi ai Dreamers, Trump si arrende (per ora) alla decisione di un giudice

L'amministrazione statunitense ricomincia ad accettare le richieste dei rinnovi, interrotti a ottobre, seguendo l'ordine di un tribunale della California. Non è, però, una marcia indietro del presidente
iStock

Tutto come prima, almeno per ora. Il governo federale degli Stati Uniti ha annunciato che ricomincerà ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile.

Un tempo combatteva i diritti degli afroamericani, ora il profondo Sud li promuove per turismo

In occasione del Martin Luther King Day, è stato presentato ufficialmente lo U.S. Civil Rights Trail, un percorso tra 130 luoghi in 14 Stati (più il District of Columbia) che raccontano la lotta per l'affermazione dei diritti civili
Ap

Siria, gli Usa aiutano i curdi a costruire una forza per controllare i confini. Furia della Turchia

Nuovo esercito con 30.000 soldati per controllare le frontiere con Turchia e Iraq. Ankara convoca il chargé d'affaires statunitense
iStock

Manning si candida al Senato, sfida all'establishment democratico

L'ex analista militare, graziata da Obama dopo 7 anni di carcere per aver rivelato informazioni riservate, ha presentato domanda per correre in Maryland. Alle primarie, dovrà battere il senatore Cardin. Per ora, da parte sua, nessun annuncio ufficiale
Ap

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock