Un "ottimista" Gates avverte i colossi tech e tende la mano a Trump

Il cofondatore di Microsoft consiglia di evitare il tipo di scontro con il governo che travolse il gruppo informatico alla fine degli anni '90. Nella lettera della sua fondazione si dice pronto a lavorare con l'amministrazione in carica
Bill & Melinda Gates Foundation

Bill Gates ha lanciato un avvertimento ad Apple e ad altri giganti tecnologici: se agiscono con arroganza, rischiano di complicare i loro rapporti con il governo come successo sul finire degli anni '90 a Microsoft in quello che fu chiamato "il caso antitrust del secolo", chiuso con un patteggiamento, in cui il gruppo fu accusato di essere un monopolio e di compiere pratiche anticompetitive in favore del suo sistema operativo e del suo browser.

Nel giorno della pubblicazione della lettera annuale della Bill & Melinda Gates Foundation, con cui si dice pronto a continuare a dialogare con l'amministrazione Trump anche se non ne condivide le scelte, il cofondatore del colosso informatico ha spiegato al sito Axios che quelle "aziende devono stare attente a non promuovere cose che impedirebbero al governo di essere in grado di compiere, sotto un controllo appropriato, il tipo di funzioni su cui contiamo".

In pratica Gates sostiene che i gruppi tech rischiano di fare autogol resistendo a una supervisione legittima in un momento in cui sono stati travolti dalle polemiche; si pensi al dilagare di contenuti violenti, propagandistici o associati al terrorismo su piattaforme come Google e Facebook (che ha portato Unilever a minacciare di non fare più pubblicità su quelle piattaforme). "Le aziende tecnologiche devo stare attente a non pensare che la loro visione delle cose sia più importante di quella del governo o della capacità del governo stesso di compiere determinate azioni".

Gates ha fornito ad Axios qualche esempio: "L'entusiamo di rendere anonime e invisibili le transazioni finanziarie o l'idea che persino le comunicazioni dell'autore di una strage non dovrebbero mai essere fornite al governo". Ciò chiama in causa il braccio di ferro tra Washington e Apple del 2016. Vista la resistenza del gruppo, che temeva si creasse un "precedente pericoloso", l'Fbi versò a un hacker oltre un milione di dollari per sbloccare l'iPhone che era stato di proprietà di uno degli attentatori della sparatoria del dicembre 2015 avvenuta a San Bernardino, California. Proprio in merito a questo caso, Gates ha detto: "Non ci sono dubbi sulla capacità [di sbloccare un dispositivo anche senza disporre della password necessaria]; il punto sta nella volontà di farlo".

Definendosi un "ottimista" anche nella lettera della fondazione sua e della moglie, Gates ha parlato con Axios di trend preoccupanti: "C'è sempre la questione di quanto la tecnologia stia dando potere a un gruppo piccolo di persone per provocare danni" con armi nucleari, biologiche o di tipo cibernetico. "Un gruppo piccolo può avere un impatto su milioni di persone nel caso nucleare, su miliardi nel caso bio. Questo mi fa paura".

Quanto alla lettera, organizzata per la prima volta in 10 domande e risposte con tanto di annotazioni laterali scritte a mano, Gates spiega che nell'ultimo anno ha ricevuto più domande sulla presidenza di Donald Trump che su qualsiasi altro tema. Il miliardario ha ammesso che le politiche dell'attuale amministrazione hanno un impatto negativo sul lavoro della sua fondazione, a cominciare dal fatto che sono stati proposti pesanti tagli agli aiuti all'estero. "In generale, l'approccio America First mi preoccupa", ha scritto Gates. "Non è che gli Stati Uniti non dovrebbero prendersi cura del proprio popolo. Il punto è come farlo al meglio. Per me, l'essere coinvolti con il mondo è una cosa che ha dismostrato nel tempo di dare benefici a tutti, americani inclusi, più che il tirarsi indietro". L'ottimista Gates ha concluso dicendo che "con ogni amministrazione, repubblicana e democratica, siamo stati d'accordo su certe cose e in disaccordo su altre. Anche se siamo in disaccordo con questa amministrazione più che con altre, crediamo che sia ancora importante lavorare insieme ogni volta che è possibile. Continuiamo a parlare con i membri [del governo in carica] perché se gli Usa tagliano gli investimenti all'estero, persone in altri Paesi moriranno e gli americani staranno peggio".

Altri Servizi

Cia, 109 ex leader militari protestano contro la nomina di Haspel

La veterana dell'agenzia, scelta dal presidente Trump come nuovo direttore, in passato ha guidato il centro di torture sui presunti terroristi in Thailandia
AP

Prima dell'inizio, al Senato statunitense, del processo di conferma di Gina Haspel a capo della Cia, 109 alti ufficiali in pensione di Esercito, Marina, Aeronautica, Corpo dei Marine e Guardia Costiera hanno firmato una lettera in cui esprimono le loro preoccupazioni sulla sua nomina.

Trump minaccia l'Iran, Macron cerca un compromesso sull'accordo nucleare

Il presidente Usa: nessuna concessione alla Corea del Nord. Il leader francese "fiducioso" sui dazi. Il ministro iraniano degli Esteri Zarif: "C'è un deficit di dialogo"
AP

Uno ha fatto la voce grossa. L'altro ha preferito toni più pacati per continuare a coltivare la sua relazione speciale con il padrone di casa e allo stesso tempo portare avanti gli interessi dei partner della Ue. Si inquadrano così i colloqui tra Donald Trump ed Emmanuel Macron sull'Iran.

iStock

Da sempre il Nasdaq è sinonimo di Ipo tecnologiche. Ma nell'ultimo anno la supremazia dell'exchange è minacciata dal New York Stock Exchange, che nel marzo 2017 ha visto il debutto in borsa della app Snapchat e all'inizio del mese in corso quello del servizio di musica in streaming Spotify. In vista delle quotazioni di giganti come Uber e Airbnb, Wall Street si domanda chi l'avrà vinta tra i due exchange.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Gli Usa ammorbidiscono i toni su Rusal, tonfo dell'alluminio

Slitta di quasi 5 mesi la scadenza entro cui le aziende, anche europee, devono tagliare i ponti con il colosso russo sanzionato. Nel frattempo Washington studia se rimuovere le sanzioni, ma Deripaska deve cederne il controllo

Gli Stati Uniti hanno parzialmente accontentato gli alleati europei facendo slittare di quasi cinque mesi al prossimo 23 ottobre la scadenza entro la quale gli investitori devono tagliare i ponti con il russo United Company RUSAL, il secondo produttore al mondo di alluminio.

Furgone sulla folla a Toronto, 10 morti. Per ora nessun legame con il terrorismo

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto: un 25enne senza precedenti. Sembra abbia agito "intenzionalmente"
AP

Con ogni probabilità si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 10 persone e ne sono rimaste ferite 15. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo abbia cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

Il rendimento del T-Bond a 10 anni tocca il 3%

E' la prima volta dal gennaio 2014. Azionario nervoso. Focus su vertice Trump-Macron
iStock

Alphabet: cambiamenti contabili spingono gli utili, salgono le spese

Google spende di più per attrarre traffico sui suoi siti. Data center, cavi sottomarini e l'acquisizione del Chelsea market a NYC costano. Rassicurazioni in vista di nuove regole Ue più stringenti

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap