Un Powell "falco" riaccende i timori di quattro rialzi dei tassi nel 2018

Il governatore della Fed è più ottimista sull'economia Usa rispetto allo scorso dicembre. Wall Street e Treasury in calo. Il dollaro balza
AP

Wall Street in calo. Rendimenti dei Treasury nuovamente in rialzo. Rally del dollaro. E' stata questa la reazione delle varie asset calss alla prima testimonianza al Congresso di Jerome Powell nei panni di governatore della Federal Reserve.

Partiti in lieve rialzo, i listini hanno cambiato direzione non appena Powell ha iniziato a rispondere alle domande dei membri della commissione Servizi finanziari della Camera. Le sue parole sono state interpretate come da "falco", cosa che ha riacceso i timori per quattro rialzi dei tassi nel corso del 2018 contro i tre fino ad ora previsti dalla banca centrale Usa (le sue nuove stime arriveranno alla fine della riunione del 20 e 21 marzo prossimi). Stando ai future sui Fed Fund, le probabilità di quattro strette monetarie sono salite al 32% dal 24% di ieri e dal 23% di un mese fa.

Il primo faux pas del successore di Janet Yellen è arrivato presto: nel testo scritto della sua testimonianza, Powell aveva usato toni equilibrati promettendo che la banca centrale eviterà di surriscaldare l'economia alzando gradualmente i tassi mentre punta a fare crescere l'inflazione verso il target annuo di un +2%. Nella sessione di domande e risposte però ha detto che la sua visione dell'outlook dell'economia Usa è migliorata dallo scorso dicembre. Dicendo di non volere "pregiudicare" le stime che i vari membri del Federal Open Market Committee presenteranno in occasione del prossimo meeting, e da cui verrà calcolata la nuova mediana, Powell non ha voluto indicare il numero dei rialzi dei tassi che si aspetta nel 2018. Ha però affermato che dalla fine del 2017 "i dati macroeconomici suggeriscono un rafforzamento dell'economia. Abbiamo visto un continuo rafforzamento del mercato del lavoro. Abbiamo visto qualche dato che, per me, aumenta la fiducia che l'inflazione si muoverà al rialzo verso il target [di crescita annua del 2%]. Abbiamo visto anche un rafforzamento continuo nel mondo e abbiamo osservato politiche fiscali che fungono da stimolo". I tagli alle tasse inclusi nella riforma fiscale approvata in Usa prima di Natale, infatti, "dovrebbero portare a maggiori investimenti, che dovrebbero portare a una maggiore produttività, che a sua volta dovrebbe portare a salari più alti".

E' proprio il balzo dei salari registrato in Usa il mese scorso (+2,9%, il maggiore dal giugno 2009), ad avere mandato in tilt i mercati, che dal 2 febbraio (giorno della pubblicazione del rapporto sull'occupazione in cui il dato era contenuto) hanno iniziato a temere una ripresa dell'inflazione e dunque una Fed meno accomodante. Sei giorni dopo gli indici a Wall Street entrarono in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% dai record recenti. Fino a ieri i listini avevano recuperato quota anche perché nel rapporto che Powell ha presentato al Congresso ma che è stato diffuso venerdì scorso, la Fed aveva detto di aspettarsi un incremento "moderato" dei salari. Questo poteva significare che la Fed forse non avrà bisogno di alzare i tassi quattro volte nel 2018. Con oggi il quadro è di nuovo cambiato.

Forse i mercati sono diventati sensili persino alle virgole. Forse la performance di Powell poteva essere migliore. Non resta che aspettare giovedì 1 marzo, quando il governatore della Fed tornerà al Congresso per un secondo giorno di testimonianza. Poi affronterà la stampa per la prima volta il 21 marzo, successivamente alla conclusione del meeting in cui la banca centrale Usa potrebbe alzare di nuovo i tassi.

Nel frattempo ci hanno pensato i suoi due predecessori a sottolineare due parti della testimonianza di Powell. Janet Yellen - che come il suo successore crede che l'inflazione tornerà a crescere annualmente del 2%, target fissato nel 2012 - ha posto l'accento sulla politica monetaria equilibrata promessa da Powell. Ben Bernanke ha messo in evidenza la promessa di una Fed "trasparente", che dunque non vuole prendere alla sprovvista nessuno con le sue mosse. Sia Yellen che Bernanke - che come Powell furono mal interpretati dai mercati al loro debutto - sono passati alla Brookings Institution, un think tank di Washington, dopo avere detto addio alla Fed. Da là - non lontano dalla Fed, dal Tesoro Usa e dalla Casa Bianca - la donna che ha alzato i tassi dai minimi storici a cui furono portati dal suo predecessore, monitorerà la situazione. Anche perché lei avrebbe voluto un secondo mandato, che Trump non le ha concesso.

Altri Servizi

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Molti esperti del settore e parlamentari di entrambi i campi approvano (con riserva) la nuova strategia nazionale di sicurezza nel ciberspazio, firmata dal presidente Donald Trump e presentata dal consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton, che offre maggiori possibilità di andare all'attacco nel quinto dominio (come è stato definito dalla Nato, aggiungendosi così ad aria, terra, mare e spazio) per fermare attori malevoli e interferenze straniere.

Airbnb sogna di premiare padroni di casa migliori con titoli del gruppo

Chiede all'autorità di borsa Usa un cambiamento delle regole sullo stock-sharing

Airbnb "non sarebbe nulla" senza le persone che mettono a disposizione le proprie case per affitti di breve durata. Per questo il gruppo che mette in contatto chi offre e chi cerca una sistemazione vuole che i padroni di casa "più fedeli" siano soci dell'azienda americana. Brian Chesky, Ceo di Airbnb, ha spiegato al sito Axios che affinché ciò sia possibile "le regole devono cambiare".

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Wall Street: nel giorno delle "quattro streghe" solo il Dow da record

Scaduti future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999. Fed verso il terzo rialzo dei tassi del 2018. Nafta in bilico
AP

All'indomani di una seduta in cui il Dow Jones Industrial Average aveva messo a segno il primo record dal 26 gennaio scorso e l'S&P 500 il primo dal 29 agosto, a Wall Street c'è stata un po' di volatilità. L'indice delle 30 blue chip ha messo a segno il secondo record di fila, il tredicesimo del 2018 e il 101esimo da quando, nel novembre 2016, Donald Trump vinse alle elezioni presidenziali americane. Il listino benchmark ha raggiunto nuovi massimi intraday salvo poi annullare tutti i guadagni giornalieri. Partito in rialzo, il Nasdaq Composite ha invece sofferto.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

AP

Vendite illecite di armi, consegne di carburanti fatte di nascosto, transazioni finanziarie proibite. L'Onu sostiene di avere a disposizione nuove prove che dimostrano come, attraverso le attività citate, la Corea del Nord stia continuando a violare le sanzioni internazionali. Lo scrive il Wall Street Journal citando il contenuto di un nuovo rapporto ancora top secret preparato da un organismo del Palazzo di vetro che monitora la compliance delle sanzioni.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Visa, Mastercard e alcune banche americane che emettono carte di credito hanno siglato il più grande patteggiamento legato a una class action e siglato nell'ambito di un caso antitrust. Esso riguarda le commissioni pagate dai commercianti - pari in Usa a oltre 90 miliardi di dollari l'anno - quando accettano pagamenti effettuati con carte di credito. Il valore dell'intesa è pari a 6,2 miliardi di dollari.

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock