Una nativa americana vince le primarie Dem per la carica di governatore dell'Idaho

Paulette Jordan ha 38 anni; nessun nativo americano è mai stato governatore negli Stati Uniti
Ap

Paulette Jordan ha 38 anni, due mandati da parlamentare statale dell'Idaho alle spalle e un possibile futuro da governatore dell'Idaho: nessun nativo americano ha mai ottenuto tale incarico in uno Stato degli Stati Uniti.

Nella notte, è stata annunciata la sua vittoria nelle primarie democratiche: Jordan è cos" diventata la prima donna a ottenere la nomination del partito per la carica di governatore dell'Idaho. Jordan ha battuto A.J. Balukoff, 72 anni, candidato alla carica di governatore quattro anni fa; alle elezioni di novembre, sfiderà il repubblicano Brad Little, 64 anni, attuale vicegovernatore, che a sorpresa ha battuto Raul Labrador e Tommy Ahlquist.

Gli ostacoli da superare non sono però pochi: Jordan è una democratica progressista in uno Stato profondamente repubblicano, dove nel 2016 il presidente Donald Trump ha vinto con 32 punti di vantaggio e la popolazione è, per oltre l'80%, bianca e vota per i repubblicani da così tanto tempo che il quotidiano Idaho Statesman si riferisce ai candidati democratici per la carica di governatore come "agnelli sacrificali"; l'ultimo governatore democratico, infatti, è stato votato nel 1990.

Il quotidiano, comunque, le ha dato il proprio tiepido endorsement, presentandola come un volto nuovo, "una possibilità di galvanizzare gli elettori in cerca di una nuova leadership". Jordan proviene da una famiglia di capitribù dei Coeur d'Alene, una popolazione che vive in un territorio tra Idaho, Washington (Stato) e Montana; come vice, ha scelto una donna: Kristin Collum, ex militare in carriera.

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP