Una ragazzina sfida il toro di Wall Street per la Giornata Internazionale della donna

La statua è apparsa a New York. Iniziativa di State Street Global Advisors, il terzo gruppo di asset management più importante al mondo, per dare al gentil sesso più ruoli di leadership

Una ragazzina che fronteggia con aria fiera il leggendario toro di Wall Street: è la statua ("The Fearless Girl") apparsa a New York alla vigilia della Giornata Internazionale della Donna. A volerla è stato State Street Global Advisors, il terzo gruppo di asset management più importante al mondo, come parte di una campagna per far sì che le aziende diano più ruoli chiave alle donne.

La statua, di bronzo come quella del toro, è stata scolpita dall'artista Kristen Visbal, che ha dichiarato al Wall Street Journal: “La vedo come un'opera in cui ogni donna può e dovrebbe riconoscersi".

State Street Global Advisors, che è una controllata di State Street Corp, ha reso nota la sua intenzione di votare contro i consigli d'amministrazione di aziende che non abbiano fatto in modo di aumentare il numero di donne presenti ai loro vertici. Il gruppo ha inoltre mandato una lettera a 3.500 aziende americane, chiedendo di prendere provvedimenti in questo senso.

"Sono state spese tante parole su questo tema, ma l'ago della bilancia materialmente non si è mosso", ha detto a Business Insider la vice direttrice degli investimenti internazionali di Ssga Lori Heinel. Questo è un modo per attirare l'attenzione sull'argomento, e proprio in concomitanza con l'8 marzo. "Ad oggi, quasi un quarto delle aziende che fanno parte dell'indice Russell 3000 non ha nemmeno una donna nei consigli d'amministrazione", ha poi aggiunto Heinel.

"Il charging bull, il toro che carica, è una delle immagini più iconiche di Wall Street. Perciò l'idea di avere una donna che in un certo senso lo fronteggia, lo sfida, ci è sembrato un modo intelligente ma anche creativo di fare questa dichiarazione", ha spiegato Heinel. "Anche se è una ragazzina, il suo è uno sguardo determinato, sfrontato, disposto a portare avanti la battaglia e a cambiare le cose".

Altri Servizi

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi a assumere funzionari per le posizioni più strategiche (ne abbiamo parlato qui), lunedì ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche che per la seconda volta cercheranno di discutere con il presidente americano le politiche che potrebbe adottare nei prossimi mesi.

Nessuno vuole lavorare per l'amministrazione Trump

Il risultato è che in quasi cinque mesi di governo ci sono ancora centinaia di posti vacanti e a Washington si vive in un senso di immobilità
AP

Le tante minacce legali e politiche che pendono sullla presidenza di Donald Trump hanno reso ancora più difficile per la Casa Bianca trovare persone disposte a entrare nella squadra di governo. Il licenziamento dell'ex direttore dell'Fbi, il ritorno dello spettro del coinvolgimento russo nelle elezioni hanno reso ancora  più difficile assumere persone, secondo quanto hanno detto al Washington Post ex funzionari federali, attivisti del partito, lobbisti e candidati che i funzionari di Trump hanno cercato di reclutare.

Scontro tra navi in Giappone, morti sette militari americani

Una nave cargo filippina ha travolto la USS Fitzgerald. I membri della Marina stavano dormendo

Una scontro con una nave da carico ha distrutto la cabina del capitano di un cacciatorpediniere americano provocando sette morti. I marinai stavano dormendo per questo non hanno avuto il tempo per salvarsi. È successo in Giappone dove la nave cargo ACX Crystal, battente bandiera filippina, ha travolto la Uss Fitzgerald. 

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Afghanistan, la Casa Bianca non ha una strategia chiara

Donald Trump ha dato pieni poteri al Pentagono che vorrebbe inviare 3.000-5.000 nuovi militari nel Paese
AP

Quando il presidente americano Donald Trump ha preso la sua prima più grande decisione sulla guerra in Afghanistan, non ha fatto alcun annuncio televisivo della Casa Bianca o un discorso a West Point. Invece ha fatto comunicare la svolta al Pentagono, che in un pomeriggio ha pubblicato un comunicato stampa firmato da James Mattis: il segretario alla Difesa ha annunciato di avere l'autorità di inviare migliaia di soldati nel Paese, dopo che gli Stati Uniti sono in guerra da 16 anni e hanno di stanza 8.800 soldati in totale.

Wall Street da record

Nessun dato macroeconomico in agenda. Il presidente Donald Trump incontra gli amministratori delegati della Silicon Valley
AP

Incontro Trump-Silicon Valley, tra segnali di pace e una possibile guerra

Oggi alla Casa Bianca la riunione con gli amministratori delegati dei colossi tecnologici: da una parte si discuterà di modernizzazione del governo, dall'altra di visti per stranieri e di capitali all'estero (quasi 600 miliardi di dollari)

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi ad assumere funzionari per le posizioni più strategiche, oggi alle 17 (le 23 in Italia) ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche: Amazon, Apple, Ibm, Microsoft, Google e molte altre. L'obiettivo è quello di aiutare Donald Trump a riorganizzare e modernizzare il governo. Questo perché come Barack Obama, Trump crede che Washington continui a essere troppo lenta nell'adattarsi ai cambiamenti dell'era digitale.

La Fed alza i tassi nonostante inflazione debole

Per la prima volta dal 2008 sono sopra l'1%. Continua ad aspettarsi una terza stretta dopo quelle di marzo e giugno. Sorprende il tono neutro dell'istituzione, che ha descritto il piano per iniziare a ridurre il suo bilancio
AP

La Federal Reserve intende continuare la normalizzazione della sua politica monitaria, iniziata nel dicembre 2015. Come ampiamente atteso, la banca centrale Usa ha alzato i tassi di 25 punti base all'1-1,25% e per la prima volta in un comunicato diffuso successivamente a una sua riunione ha detto che quest'anno inizierà a ridurre "in modo graduale e prevedibile" la dimensione del suo bilancio. E' la prima volta dal 2008 che il costo del denaro negli Stati Uniti risulta sopra l'1%; nel dicembre di quell'anno raggiunse i minimi storici pari allo 0-0,25% sulla scia della peggiore crisi dagli anni '30 del secolo scorso.

Usa, Georgia al voto: spese record per un test su Trump

Elezioni speciali per un seggio alla Camera, attenzione nazionale. Spesi oltre 50 milioni di dollari: una cifra senza precedenti per un seggio a Capitol Hill
Ap

I democratici di tutti gli Stati Uniti attendono con ansia e grandi aspettative il voto previsto domani in Georgia per assegnare il seggio alla Camera del sesto distretto, lasciato libero da Tom Price, diventato segretario alla Salute e ai Servizi umani dell'amministrazione Trump.

Usa: la mente degli attentati a Parigi e Bruxelles può colpire di nuovo in Europa

Oussama Atar entra nella blacklist dei terroristi; secondo Washington, ha creato una rete per realizzare altri attacchi

II dipartimento di Stato americano ha annunciato di aver inserito nella sua blacklist di terroristi tre leader dell'Isis, tra cui uno dei principali organizzatori dell'attentato a Parigi del novembre 2015 e di quello a Bruxelles del marzo 2016.