Una traversata dell'Atlantico in sedia a rotelle per spiegare che la disabilità è relativa

Andrea Stella alla guida di un catamarano accessibile a persone disabili. Da New York a Roma, per portare al Papa la convenzione Onu per i Diritti delle Persone con Disabilità

A ventiquattro anni Andrea Stella aveva tutta la vita davanti, esattamente come adesso ha l’oceano: l’uomo che è appena partito da New York per una traversata atlantica che lo porterà a Roma a consegnare al Papa la Convenzione dell’Onu per i Diritti delle Persone con Disabilità è lo stesso ragazzo che nel 2000, in viaggio-premio a Miami poche settimane dopo la laurea in giurisprudenza, subì un furto d’auto da parte di “tre idioti” che anziché limitarsi a rubare o scappare gli spararono, lasciandolo paralizzato.

Ma se oggi Andrea è un marinaio pieno di forza, subito non fu facile. “Avevo ventiquattro anni, mi ero appena laureato, pensavo che la mia vita stesse per cominciare e invece mi capitò questo. All’inizio pensai: no, non posso farcela, mi ammazzo”. Poi qualcosa successe. “Per tutti arriva il momento in cui scatta una scintilla: ma non è una scintilla sola, in realtà sono più di una, piccole, una dopo l’altra. Perché passa un giorno, poi un altro, e capisci che ce la stai facendo”, mi ha raccontato Andrea sul suo catamarano ormeggiato alla Brooklyn Marina, dove lui e il suo equipaggio mi hanno accolta offrendomi un piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino. "C’è un tempo per tutte le cose, anche per accettare quello che ti è successo: ognuno viene fuori dalla paura a modo suo".

Su questa barca, che si chiama Lo Spirito di Stella, sono arrivati a New York con un viaggio in cinque tappe lungo la costa orientale degli Stati Uniti, partito da dove tutto ha avuto inizio diciassette anni fa: Miami. Ora, dopo aver ritirato alle Nazioni Unite la Convenzione per i Diritti delle Persone con Disabilità - ratificata da 173 Paesi - ripartiranno alla volta del Portogallo, per poi andare a Roma in Vaticano e, da qui, arrivare fino a Venezia. Una traversata doppia: oceano Atlantico e mar Mediterraneo. E una traversata speciale: a ogni tappa si stanno alternando e si alterneranno una serie di ospiti, quasi sempre disabili, che grazie al catamarano di Andrea - il primo al mondo a essere completamente accessibile per chi è su una sedia a rotelle - potranno navigare. Il nome del progetto è WoW, che sta per Wheels on Waves, ruote sulle onde.

“Da ragazzo ho sempre avuto la fortuna di andare a vela. E allora, per cercare di farmi reagire all’incidente, mio padre a un certo punto mi disse: perché non torni in barca?”, ha raccontato Andrea. “Io ho risposto: o ci torno in maniera decente, potendomi muovere con la carrozzina, oppure preferisco di no”.

Ma esisteva una barca così? La risposta è no. “L’ho cercata, ho contattato più di duecento agenzie di noleggio: un’imbarcazione così non c’era. L’abbiamo fatta noi”. Andrea e la sua famiglia, insieme al cantiere navale Mattia&Cecco sul lago di Como, hanno progettato questo catamarano da crociera che è diventato il primo al mondo a consentire alle persone in sedia a rotelle non solo di potersi muovere liberamente all’interno e all’esterno (andando in cabina, in bagno, dappertutto), ma anche di partecipare alle manovre veliche.

“Progettare bene significa porsi delle domande, che si tratti di un mobile, di una barca, di una casa. Sono tante le invenzioni nate da una necessità: il telecomando per un disabile, gli sms per i sordomuti, la jacuzzi per curare l’artrosi reumatoide di uno dei figli di Jacuzzi. E ora sono cose usate da tutti”.

Con lo stesso obiettivo è nato il suo catamarano: “Una barca più accessibile, una città più accessibile, sono più comode per tutti, non solo per i disabili”.

Da qui ha preso vita l’idea di portare in giro Lo Spirito di Stella. “Abbiamo iniziato in Italia, anni fa, decidendo di usare la barca come terapia e accogliendo anche persone ricoverate in ospedale, o disabili con situazioni di disabilità molto grave, come la sclerosi laterale amiotrofica”, ha continuato Andrea. Poi sono arrivate le traversate. “Questa è la terza. Però è il primo viaggio così lungo, con ospiti che non conosciamo e che si alternano nelle varie tappe”.

L’iniziativa serve a dare la maggior visibilità possibile alla Convenzione delle Nazioni Unite: “E’ un documento fatto bene, importante, conosciuto ma non abbastanza. Dice, in sostanza, che la disabilità è un concetto relativo: la società può fare molto per integrare o non integrare. Il diritto a non essere discriminati è fondamentale”, ha detto Andrea. “La barca è come la vita, solo che è tutto più accelerato e compresso. Tre amici in barca litigano dopo tre giorni: gli spazi sono ristretti, bisogna convivere, navigare, andare d’accordo. Noi vogliamo dimostrare che qualsiasi persona, indipendentemente dalla sua condizione fisica o psicologica, può rispettare delle regole e raggiungere dei grandi obiettivi”.

Ci salutiamo dicendoci "buon vento": come mi ha spiegato Andrea, è l'augurio che ci si fa tra naviganti, quando uno dei due sta per salpare. 

Altri Servizi

L'imprenditore pharma più odiato d'America colpevole di frodi

Lo ha deciso una giuria chiudendo un caso seguito su scala internazionale. Il 34enne Martin Shkreli canta vittoria: colpevole di tre degli otto capi di imputazione. Ma rischia 20 anni di carcere

Martin Shkreli, l'imprenditore farmaceutico considerato come il più odiato d'America, è stato giudicato colpevole di tre degli otto capi di imputazione che pendevano su di lui. E' finito così, dopo un mese di dibattimento e cinque giorni di riunione della giuria, un processo seguito a livello internazionale e che ha visto come protagonista un trentenne irriverente, capace di trasmettere su YouTube per ore la sua vita e diventato tristemente famoso per avere gonfiato i prezzi di medicinali salva-vita.

Google sviluppa tecnologia per contenuti media simili a Snapchat

Secondo il WSJ, tratta con Vox, Cnn, Washington Post e Time

Google sta sviluppando una tecnologica per permettere agli editori di creare contenuti visuali simili a quelli che compaiono su Snapchat. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui la controllata di Alphabet sta premendo l'acceleratore per controllare la diffusione di notizie su smartphone.

Trump inizia "vacanza di lavoro" in golf club esclusivo

La Casa Bianca giustifica il trasferimento in New Jersey per via di opere di manutenzione nella residenza presidenziale
Trump National Golf Club - Bedminster

Una "vacanza di lavoro". Così la Casa Bianca ha definito quella che Donald Trump inizierà da questa sera, quando lascerà Washington per trasferirsi a Bedminster, un paesino del New Jersey di circa 8mila anime a 40 minuti circa di auto da New York City.

L'amministrazione Trump lancia guerra contro la fuga di notizie

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, avverte gli aspiranti 'leaker': non fatelo. Sicurezza nazionale a rischio. Triplicate le inchieste. Stampa avvertita: la sua libertà "non è illimitata"

L'amministrazione Trump ha formalmente iniziato una guerra contro le 'talpe'. Le fughe di notizie, quelle che hanno spesso imbarazzato The Donald, non sono più tollerate. Per questo il dipartimento di Giustizia di Jeff Sessions ha deciso di intensificare il suo lavoro andando a caccia dei cosiddetti leaker. Il numero di inchieste su questo fronte è triplicato da gennaio rispetto a quello di casi ancora aperti prima della fine dell'amministrazione Obama. E quattro individui sono già stati accusati per avere permesso la circolazione di materiale top secret o per  avere nascosco contatti con funzionari dell'intelligence straniera.

Usa: creati più posti di lavoro del previsto, disoccupazione ai minimi di 16 anni

I salari orari sono cresciuti poco più delle attese a luglio; la Fed potrebbe essere ancora più convinta ad alzare i tassi una terza volta nel 2017

A luglio, le aziende statunitensi hanno creato molti più posti di lavoro del previsto, mentre il tasso di disoccupazione si è attestato in calo come atteso dagli analisti.

Wall Street digerisce il rapporto sull'occupazione

Nell'ultima seduta della settimana da record prevale la cautela. Focus sui dati e le trimestrali americane.
AP

Russiagate: Mueller nomina un Gran Giurì. La Casa Bianca: cooperiamo

Il procuratore speciale amplia l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni Usa. La squadra di esperti può chiedere la consegna di documenti, mettere sotto giuramento testimoni e puntare a incriminazioni
Fbi

Il Russiagate si intensifica. Nel giorno in cui è stato presentato un disegno di legge che punta a proteggerlo da un licenziamento senza giusta causa (da parte di Donald Trump), il Wall Street Journal riferisce che il procuratore speciale che sta indagando sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali e sulla possibile collusione tra la campagna Trump e funzionari russi avrebbe selezionato un Gran Giurì.

WikiLeaks svela Dumbo, come la Cia controlla webcam e microfoni di un pc

L'agente della Cia deve solo infilare una Usb in un computer dotato del sistema operativo Windows di Microsoft
AP

WikiLeaks ha nuovamente colpito l'intelligence statunitense svelando nuovi strumenti con cui la Cia è capace di spiare. Si tratta di un 'leak' che segue la mole enorme di documenti (8.761) pubblicati lo scorso marzo - parte del cosiddetto progetto Vaul 7 - e che hanno gettato luce su una parte dei segreti della Central Intelligence Agency e sui sistemi usati per le operazioni di spionaggio.

Trump accusa il Congresso: relazioni con la Russia mai così male

Il presidente americano sembra dimenticare le tensioni da Guerra Fredda. Si lamenta dopo avere firmato controvoglia nuove sanzioni contro Mosca. McCain risponde: la colpa è del Cremlino
AP

A Donald Trump non piace proprio prendersi alcuna responsabilità. La colpa, è sempre degli altri. Dopo avere firmato - chiaramente controvoglia - nuove sanzioni contro la Russia per la sua presunta interferenza nelle elezioni presidenziali del 2016, il presidente americano è tornato ad attaccare il Congresso: secondo lui, c'è da ringraziare i legislatori a Capitol Hill se i rapporti sull'asse Washington-Mosca "non hanno mai raggiunto livelli così bassi" come ora e sono "molto pericolosi".

Il muro con il Messico? Per Trump non è poi così importante

Lo dimostra la trascrizione, ottenuta dal Washington Post, della prima telefonata al presidente messicano. Pressing del leader Usa affinché smettesse di dire che Nieto non avrebbe pagato il conto
AP

Nella sua prima telefonata da presidente americano a quello messicano, Donald Trump ha praticamente cercato di chiudere la bocca a Enrique Pena Nieto su un tema carissimo al neo leader Usa (ma apparentemente solo per fini politici): la costruzione di un muro lungo il confine tra le due nazioni. E' quanto emerge dalla trascrizione di quella conversazione, ottenuta dal Washington Post e risalente al 27 gennaio scorso.