Una traversata dell'Atlantico in sedia a rotelle per spiegare che la disabilità è relativa

Andrea Stella alla guida di un catamarano accessibile a persone disabili. Da New York a Roma, per portare al Papa la convenzione Onu per i Diritti delle Persone con Disabilità

A ventiquattro anni Andrea Stella aveva tutta la vita davanti, esattamente come adesso ha l’oceano: l’uomo che è appena partito da New York per una traversata atlantica che lo porterà a Roma a consegnare al Papa la Convenzione dell’Onu per i Diritti delle Persone con Disabilità è lo stesso ragazzo che nel 2000, in viaggio-premio a Miami poche settimane dopo la laurea in giurisprudenza, subì un furto d’auto da parte di “tre idioti” che anziché limitarsi a rubare o scappare gli spararono, lasciandolo paralizzato.

Ma se oggi Andrea è un marinaio pieno di forza, subito non fu facile. “Avevo ventiquattro anni, mi ero appena laureato, pensavo che la mia vita stesse per cominciare e invece mi capitò questo. All’inizio pensai: no, non posso farcela, mi ammazzo”. Poi qualcosa successe. “Per tutti arriva il momento in cui scatta una scintilla: ma non è una scintilla sola, in realtà sono più di una, piccole, una dopo l’altra. Perché passa un giorno, poi un altro, e capisci che ce la stai facendo”, mi ha raccontato Andrea sul suo catamarano ormeggiato alla Brooklyn Marina, dove lui e il suo equipaggio mi hanno accolta offrendomi un piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino. "C’è un tempo per tutte le cose, anche per accettare quello che ti è successo: ognuno viene fuori dalla paura a modo suo".

Su questa barca, che si chiama Lo Spirito di Stella, sono arrivati a New York con un viaggio in cinque tappe lungo la costa orientale degli Stati Uniti, partito da dove tutto ha avuto inizio diciassette anni fa: Miami. Ora, dopo aver ritirato alle Nazioni Unite la Convenzione per i Diritti delle Persone con Disabilità - ratificata da 173 Paesi - ripartiranno alla volta del Portogallo, per poi andare a Roma in Vaticano e, da qui, arrivare fino a Venezia. Una traversata doppia: oceano Atlantico e mar Mediterraneo. E una traversata speciale: a ogni tappa si stanno alternando e si alterneranno una serie di ospiti, quasi sempre disabili, che grazie al catamarano di Andrea - il primo al mondo a essere completamente accessibile per chi è su una sedia a rotelle - potranno navigare. Il nome del progetto è WoW, che sta per Wheels on Waves, ruote sulle onde.

“Da ragazzo ho sempre avuto la fortuna di andare a vela. E allora, per cercare di farmi reagire all’incidente, mio padre a un certo punto mi disse: perché non torni in barca?”, ha raccontato Andrea. “Io ho risposto: o ci torno in maniera decente, potendomi muovere con la carrozzina, oppure preferisco di no”.

Ma esisteva una barca così? La risposta è no. “L’ho cercata, ho contattato più di duecento agenzie di noleggio: un’imbarcazione così non c’era. L’abbiamo fatta noi”. Andrea e la sua famiglia, insieme al cantiere navale Mattia&Cecco sul lago di Como, hanno progettato questo catamarano da crociera che è diventato il primo al mondo a consentire alle persone in sedia a rotelle non solo di potersi muovere liberamente all’interno e all’esterno (andando in cabina, in bagno, dappertutto), ma anche di partecipare alle manovre veliche.

“Progettare bene significa porsi delle domande, che si tratti di un mobile, di una barca, di una casa. Sono tante le invenzioni nate da una necessità: il telecomando per un disabile, gli sms per i sordomuti, la jacuzzi per curare l’artrosi reumatoide di uno dei figli di Jacuzzi. E ora sono cose usate da tutti”.

Con lo stesso obiettivo è nato il suo catamarano: “Una barca più accessibile, una città più accessibile, sono più comode per tutti, non solo per i disabili”.

Da qui ha preso vita l’idea di portare in giro Lo Spirito di Stella. “Abbiamo iniziato in Italia, anni fa, decidendo di usare la barca come terapia e accogliendo anche persone ricoverate in ospedale, o disabili con situazioni di disabilità molto grave, come la sclerosi laterale amiotrofica”, ha continuato Andrea. Poi sono arrivate le traversate. “Questa è la terza. Però è il primo viaggio così lungo, con ospiti che non conosciamo e che si alternano nelle varie tappe”.

L’iniziativa serve a dare la maggior visibilità possibile alla Convenzione delle Nazioni Unite: “E’ un documento fatto bene, importante, conosciuto ma non abbastanza. Dice, in sostanza, che la disabilità è un concetto relativo: la società può fare molto per integrare o non integrare. Il diritto a non essere discriminati è fondamentale”, ha detto Andrea. “La barca è come la vita, solo che è tutto più accelerato e compresso. Tre amici in barca litigano dopo tre giorni: gli spazi sono ristretti, bisogna convivere, navigare, andare d’accordo. Noi vogliamo dimostrare che qualsiasi persona, indipendentemente dalla sua condizione fisica o psicologica, può rispettare delle regole e raggiungere dei grandi obiettivi”.

Ci salutiamo dicendoci "buon vento": come mi ha spiegato Andrea, è l'augurio che ci si fa tra naviganti, quando uno dei due sta per salpare. 

Altri Servizi

Wall Street, ottimismo sulla Cina

La tregua con Pechino tranquillizza i mercati
iStock

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Tom Wolfe, autore de "Il falò della vanità", è morto a 88 anni

A lui si deve l'espressione "radical chic" e il New Journalism
AP

Tom Wolfe, il celebre scrittore de "Il falò delle vanità", è morto all'età di 88 anni in un ospedale di Manhattan, New York. La notizia del decesso, avvenuto il 14 maggio, è stata data dal suo agente Lynn Nesbit, secondo cui l'autore era stato ricoverato per polmonite.

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Sparatoria in Texas: tra le vittime anche la ragazza che disse "no" al killer

Emergono nuovi dettagli sulla strage avvenuta nella scuola di Santa Fe venerdì mattina

C'è anche la ragazza che lo ha rifiutato, umiliandolo davanti alla classe, tra le vittime di Dimitrios Pagourtzis, il 17enne autore della strage nella scuola superiore di Santa Fe, in Texas, dove venerdì mattina hanno perso la vita dieci persone. A rivelare questi dettagli, poi riportati dal Los Angeles Times, è Sadie Rodriguez la madre della 16enne Shana Fisher che "per quattro mesi ha avuto problemi con questo ragazzo".

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Tesla, Elon Musk svela nuovi dettagli della Model 3

Il visionario Ceo annuncia su Twitter le caratteristiche della versione top della gamma: "Costerà 78mila dollari con tutti gli optional e sarà più veloce di una Bmw"
Tesla

Elon Musk ha svelato su Twitter di aver aggiunto nuovi accessori alla Model 3, la berlina di Tesla pensata per il mercato di massa. Si tratta della versione di punta che costerà 78mila dollarie (con tutti gli optional) le cui modifiche la rendono "un'auto capace di muoversi rapidamente, affidabilmente, e che ha l’abilità di battere chiunque nella sua classe".

Stati Uniti-Cina: prove di disgelo sul fronte commerciale

Raggiunto l’accordo per tagliare il deficit commerciale americano. Pechino importerà più prodotti Made in Usa

Il pericolo di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, che ha rischiato di esplodere dopo le minacce di Trump delle scorse settimane di voler imporre dazi sulle importazioni, è stato definitivamente scongiurato. Le due più grandi economie mondiali, dopo giorni di intensi colloqui, hanno infatti trovato un accordo che punta a "prendere misure efficaci per ridurre in maniera sostanziale il deficit degli Usa nel commercio di merci con la Cina".