Urban Outfitters lancia servizio per affittare capi di abbigliamento

Si chiama Nuuly. Per 88 dollari al mese, un cliente riceve sei articoli a sua scelta.

Urban Outfitters ha deciso di scommettere su un segmento a rapida crescita del settore fashion, quello dei capi di abbigliamento in affitto. La catena americana ha lanciato un servizio in base al quale, per 88 dollari al mese, i clienti potranno affittare sei capi a marchio Urban Outfitters, Free People e Anthropologie (sempre parte del gruppo) oltre ai brand esterni come Gal Meets Glam e Reebok. Nel servizio sono inclusi anche capi vintage.

Il nuovo servizio si chiama Nuuly e sarà gestito da David Hayne, figlio del cofondatore e Ceo di Urban Outfitters nonché suo direttore delle attività digitali. Il gruppo punta ad attrarre nuovi clienti e a spingere le vendite fatte da quelli esistenti senza cannibalizzare lo shopping fatto nei negozi. Entro un anno, Hayne si aspetta che Nuuly abbia 50mila abbonati e ricavi annuali superiori ai 50 milioni di dollari.

In una intervista al Wall Street Journal, lui ha spiegato che "di sicuro non ci aspettiamo che i consumatori smettano di fare acquisti nei negozi. Quel tipo di acquisti ha senso per le cose che sai di usare spesso. L'affitto ha senso per le cose che vorresti provare".

Il servizio funziona così: un cliente sceglie sul sito di Nuuly i sei capi di abbigliamento che desidera e che saranno spediti dall'azienda in una busta riutilizzabile e un'etichetta pre-pagata. Alla fine del mese il cliente li rispedirà al gruppo per poi riceverne altri sei. Urban Outfitters garantisce che gli articoli saranno lavati e ispezionati prima di essere spediti a un nuovo cliente, che può sempre decidere di acquistarli.

Secondo dati elaborati da GlobalData Retail e citati dal Wsj, il mercato dell'abbigliamento in affitto sta crescendo al tasso del 20% annuo. Esclusi i costumi, nel 2018 ha raggiunto un valore di un miliardo di dollari ed entro il 2023 dovrebbe superare i 2,5 miliardi.

Altri Servizi

Un accordo ‘sostanziale’, ma che in realtà e’ soltanto parziale. E’ quanto annunciato dal presidente Donald Trump al termine di due giorni di negoziati con la delegazione cinese capeggiata dal vicepremier Liu He. L’intesa e’ stata comunque ben accolta dai mercati in quanto e’ riuscita ad evitare lo scattare di un incremento dei dazi in programma in prossimo 15 ottobre. Ma e’ lontana dal poter essere considerata una soluzione permanente alla guerra commerciale in corso da oltre 15 mesi tra le due economie piu’ importanti del mondo.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino apre a "un accordo parziale", secondo Bloomberg e Ft
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Quarto dibattito Dem: insidie per Biden, Warren da favorita

Primo confronto dal lancio delle indagini per l'impeachment di Trump e dal malore di Sanders

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Hunter Biden lascerà il board di un fondo di investimento cinese

Il figlio del candidato democratico si dimetterà da BHR e non lavorerà per nessuna società straniera in caso di elezione del padre alla Casa Bianca
Ap

Ucrainagate, l’ambasciatore americano nell'Ue parlerà al Congresso: "Ho avuto rassicurazioni da Trump"

Secondo il Washington Post Gordon Sondland dichiarerà che il Tycoon lo rassicurò sul fatto che non c’erano legami tra gli aiuti a Kiev e la richiesta di indagare Biden
AP

C'è anche Bill Gates tra gli amici di Jeffrey Epstein

Il miliardario fondatore di Microsoft ha sempre minimizzato il rapporto, il New York Times svela delle mail che rivelano un’amicizia non così superficiale

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP