Us Open, Serena Williams perde la finale e la testa

Sfuriata contro l’arbitro, accusato di sessismo, dalla tennista americana durante il match contro la Osaka, prima giapponese a vincere uno slam. E la sua reazione diventa un caso mediatico sulla parità di genere
Ap

Nella finale femminile degli Us Open, Naomi Osaka batte Serena Williams 6-2 6-4 diventando la prima giapponese a vincere un torneo del Grande Slam. La tennista nipponica chiude il match in 1h21' di gioco entrando di diritto nella storia mentre l’americana, protagonista di una sfuriata contro l’arbitro colpevole secondo lei di alcune decisione dubbie a suo sfavore, deve rimandare ancora una volta il 24esimo Major, l'aggancio a Margaret Court (vincitrice di 24 slam) nonché il settimo titolo a Flushing Meadows, dove ormai non vince da quattro anni.

Lo psicodramma della tennista americana inizia nel secondo game del secondo set dopo che il giudice di sedia Carlos Ramos annuncia un warning per "illegal coaching" ai suoi danni (ovvero aver ricevuto istruzioni dal coach Patrick Mouratoglou, che a fine partita ammette di averle effettivamente dato dei consigli). Poco dopo, Ramos le toglie un punto perché scaglia la racchetta per terra dopo un punto perso e infine, le toglie addirittura un game perché Serena, puntandogli il dito contro, lo insulta dandogli del bugiardo minacciandolo che non lo avrebbe più fatto arbitrare una sua partita.

"Lei ha messo in dubbio la mia lealtà, ora mi deve delle scuse - urla la Williams al giudice di sedia - lei non arbitrerà mai più una mia partita per tutto il resto della sua vita. È un bugiardo e siccome mi ha rubato un punto, è anche un ladro. Non ho mai imbrogliato in vita mia, preferirei perdere piuttosto che imbrogliare". Parole pesanti dopo le quali Ramos è costretto a infliggerle il game penality. Ma la scenata va avanti con la Williams che chiama in causa l’arbitro del torneo Brian Earley al quale dice: "Ma lo sa quanti uomini dicono nefandezze peggiori e la fanno franca? Ma sono uomini e non gli accade nulla".

Una dichiarazione pesante ribadita con forza dalla tennista afroamericana nella conferenza stampa post partita nella quale ha ribadito di essere stata vittima di un atteggiamento sessista: "Ho visto giocatori uomini dire di tutto ai giudici. Sono qui per lottare per i diritti delle donne e per l'uguaglianza femminile. Io ho detto 'ladro', lui mi ha tolto un gioco, mi è sembrata una decisione sessista. Non avrebbe mai tolto un gioco a un uomo se gli avesse detto 'ladro'. Continuerò a lottare per i diritti delle donne".

Una presa di posizione forte apprezzata da Billie Jean King, campionessa che ha fatto la storia del tennis femminile tra gli anni ’60 e i ’70 diventano negli anni una paladina del femminismo che ha appoggiato su Twitter la denuncia di Serena. "Grazie Serena Williams per aver messo alla luce questo doppio standard, molte altre voci devono fare lo stesso", ha twittato la King che ha poi aggiunto: "Se lo avesse fatto un uomo sarebbe stato definito 'schietto' e non ci sarebbero state ripercussioni".

La reazione della "Regina" è diventata un caso mediatico sulla parità di genere visto che in sua difesa sono intervenuti anche la tennista Victoria Azarenka, l’attrice e conduttrice Ellen DeGenres e il giornalista americano Ryan Rosenblatt, tutti d’accordo nel definire sessista il comportamento di Ramos.

Altri Servizi

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Christine Blasey Ford, la donna che ha accusato di tentato stupro il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha accettato di testimoniare davanti alla commissione Giustizia del Senato giovedì. La sua legale, Debra Katz, aveva inviato un'e-mail allo staff della commissione, dando la disponibilità a trattare per una testimonianza da rendere nel corso della settimana, dopo la deadline  imposta dal presidente della commissione, Charles Grassley, per accettare o rifiutare di testimoniare.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.