L'Fbi riapre il caso sulle e-mail di Clinton. Hillary: pubblicate i documenti "senza ritardi"

Vuole capire se contenevano dati top secret. Trovate sul pc condiviso da Anthony Weiner, ex parlamentare indagato per l'invio di sms osé a una quindicenne, e l'ex moglie, consigliera della candidata democratica Huma Abedin. Trump: "Finalmente giustizia"

L'Fbi ha deciso di riaprire il caso relativo all'uso di un account privato di posta elettronica da parte di Hillary Clinton, quando era segretario di Stato, visto che sono emerse nuove email. Una scelta che influenzerà pesantemente gli ultimi giorni di campagna elettorale e, non è da escludere, anche l'esito delle elezioni presidenziali statunitensi dell'8 novembre.  Hillary nel tardo pomeriggio di venerdì ha commentato invitando la polizia federale a pubblicare il nuovo materiale "senza alcun ritardo". Un gesto che sottolinea come la canidata abbia paura che mantenere la questione in sospeso possa aiutare il suo avversario, Donald Trump, nel momento più delicato della corsa alla Casa Bianca. "Chiediamo all'Fbi di pubblicare le informazioni che ha. Fatele uscire", ha detto in una conferenza stampa.

Secondo quanto scrive il New York Times, le nuove mail sono state trovate mentre la polizia federale indagava sul caso di sexting che coinvolge l'ex politico democratico Anthony Weiner, ex marito della più importante consigliera di Clinton, Huma Abedin. L'Fbi sta investigando su alcuni messaggi inviati da Weiner, ex deputato democratico, a una ragazza di 15 anni della North Carolina. I dati in possesso dell'Fbi, dicono più fonti, sono contenuti in un computer usato sia da Weiner che da Abedin.

Il direttore dell'Fbi, James Comey, ha scritto una lettera indirizzata alla commissione Giustizia del Senato: "Nella precedente testimonianza in Congresso, avevo riferito che l'Fbi aveva completato la sua indagine sul server privato del segretario Clinton. Visti i recenti sviluppi - ha scritto Comey nella lettera - vi scrivo per fornire un supplemento alla mia precedente testimonianza". "L'Fbi è venuta a conoscenza dell'esistenza di e-mail che sembrano pertinenti con l'indagine. Sono d'accordo sul fatto che l'Fbi debba riaprire l'indagine per permettere agli investigatori di valutare se le e-mail contengano informazioni classificate e per comprendere la loro importanza per la nostra indagine".

A luglio, dopo una lunga indagine su oltre 30.000 e-mail, l'Fbi aveva deciso di chiedere l'incriminazione dell'attuale candidata democratica alle elezioni presidenziali statunitensi per l’utilizzo di un account privato di posta elettronica al posto di quello governativo, nel periodo in cui era segretario di Stato, per la comunicazione di informazioni e materiale lavorativo. L’Fbi riscontrò solo “gravi leggerezze” da parte di Hillary Clinton e del suo staff nel gestire informazioni riservate. Il dipartimento di Giustizia, seguendo le indicazioni dell'Fbi, archiviò il caso. La decisione di riaprire l'indagine, annunciata a 11 giorni dalle elezioni, rischia di stravolgere la campagna elettorale e l'esito del voto.

Il candidato repubblicano alle presidenziali, Donald Trump, durante un comizio in New Hampshire ha subito festeggiato: il fatto che "l'Fbi stia riaprendo il caso sulla sua condotta illegale e criminale, che minaccia la sicurezza degli Stati Uniti, è una grande notizia". Trump ha ringraziato l'Fbi che "ha il coraggio di correggere il terribile errore fatto" in precedenza, quando aveva archiviato il caso sulla candidata democratica. Per Trump, la corruzione che circonda l'operato di Clinton "è di una portata mai vista prima, dobbiamo impedirle di arrivare allo Studio ovale". "Forse la giustizia sarà fatta" ha aggiunto. 

"Un grande giorno per la nostra campagna è diventato persino migliore". Questo è stato il commento della manager della campagna elettorale di Trump, Kellyanne Conway. Il candidato, poi, ha aggiunto dal suo comizio in New Hampshire: "Questo caso è peggio del Watergate".

È intervenuto anche Paul Ryan, il presidente repubblicano della Camera in aperto conflitto con Trump: "Ancora una volta, Clinton non può prendersela con nessuno se non con se stessa. Le sono stati affidati alcuni dei più importanti segreti della nazione e lei ha tradito questa fiducia". "Questa decisione, in netto ritardo, è il risultato del suo uso incosciente di un server privato [...] Rinnovo la mia richiesta al direttore dell'intelligence nazionale di sospendere tutti i briefing su informazioni classificate con il segretario Clinton finché questa questione non sarà totalmente risolta".

John Podesta, il presidente della campagna di Hillary Clinton, chiede all'Fbi di "fornire immediatamente al pubblico più informazioni" in merito alle nuove email legate alla candidata democratica e che "potrebbero essere rilevanti" nell'ambito dell'indagine chiusa lo scorso luglio sull'uso da parte della stessa Clinton di email e server privati quando era segretario di Stato.

Podesta ha spiegato che è "incredibile ricevere" a 11 giorni dalle elezioni presidenziali queste nuove informazioni. Il presidente della campagna di Clinton si è detto "fiducioso che la conclusione [a cui giungerà l'Fbi] non sarà diversa da quella raggiunta a luglio", quando appunto decise di non incriminare l'ex capo della diplomazia Usa. Dicendo di "non avere idea" di che email si tratti, Podesta ha aggiunto che "potrebbero non essere significative".





Altri Servizi

Trump alla Casa Bianca, primo mese tra caos e immobilismo

Polemiche e scandali, ordini esecutivi ma, in realtà, pochi fatti. Il senatore McCain: "Nessuno sa chi fa cosa"

Ordini esecutivi, polemiche, litigi, scandali, tribunali; infine, le dimissioni di Michael Flynn da consigliere per la sicurezza nazionale. Donald Trump non ha ancora festeggiato il primo mese da presidente degli Stati Uniti, eppure le cronache sono già piene di episodi che mettono in dubbio le sue capacità, e quelle dell'intera amministrazione, di essere all'altezza del compito.

Wall Street chiude in rialzo

Giornata senza dati. Venerdì, chiusura record per i tre maggiori indici
AP

Trump presidente, ma si scommette già su dimissioni e impeachment

I bookmaker non sembrano credere molto alla possibilità che The Donald resti alla Casa Bianca per quattro anni
AP

La presidenza di Donald Trump è iniziata da poco più di tre settimane, eppure la sua permanenza alla Casa Bianca per quattro anni non è data per scontata dalle società di scommesse, che puntano (è proprio il caso di dire) sull'impeachment.

Prosegue il momento d'oro a Wall Street

Ieri, quinta seduta consecutiva di record
AP

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

Etan Patz, dopo 38 anni c'è un colpevole di omicidio

Era un bambino di 6 anni, quando fu rapito e ucciso nel 1979. Fu il primo a finire, con la sua foto, sui cartoni del latte

A quasi 40 anni dalla sua morte, è stata ormai raggiunta la verità giudiziaria sul caso di Etan Patz, il bambino di 6 anni rapito e ucciso a New York nel 1979, divenuto purtroppo famoso anche per essere stato il primo a finire, con la sua foto, sui cartoni del latte, come poi successo a molte altre persone scomparse. Pedro Hernandez, un ex commesso con problemi mentali, è stato ritenuto colpevole di rapimento e omicidio da una giuria della Corte Suprema dello Stato di New York, dopo due lunghi processi che hanno portato di nuovo all'attenzione dei media il caso di Etan, scomparso il 25 maggio 1979 mentre camminava, da solo per la prima volta, verso la fermata dello scuolabus. Il suo caso diede forma alle peggiori paure di qualsiasi genitore e cambiò il modo di agire di mamme, papà e forze dell'ordine.

Il prossimo iPhone? Per Tim Cook è la realtà aumentata

A dieci anni dal primo telefonino di Apple, il gruppo pensa a nuove strategie per continuare a crescere

Quando nel 2007 Apple mise sul mercato il primo iPhone, non creò nulla di nuovo. Riusc" invece a fare bene e a semplificare quello che già esisteva da qualche tempo: lo smartphone.

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Tom Price confermato a guida dipartimento Salute. Ora andrà all'attacco dell'Obamacare

Il repubblicano, un chirurgo ortopedico che rappresenta alla Camera una zona settentrionale di Atlanta, in Georgia, è uno dei maggiori critici, in Congresso, dell'Obamacare
AP

La squadra di Governo del presidente Donald Trump ha, ufficialmente, un pezzo in più. Il Senato, con 52 voti favorevoli e 47 contrari, ha confermato la nomina di Tom Price a segretario alla Salute e ai servizi umani. 

Luca Maestri (Apple): il prossimo Steve Jobs può essere italiano

Il direttore finanziario del produttore dell'iPhone sostiene che la nostra nazionalità è un "asset enorme". Cupertino? Un esercito e un monastero insieme. Juventino, difende la diversità. E consiglia: inseguite la vostra passione, avrete successo
Apple

Il prossimo Steve Jobs potrebbe essere italiano. Parola di Luca Maestri, il direttore finanziario di Apple ospite di una conversazione organizzata nella serata del 10 febbraio dal consolato italiano a New York sotto la guida del console generale Francesco Genuardi.