L'Fbi riapre il caso sulle e-mail di Clinton. Hillary: pubblicate i documenti "senza ritardi"

Vuole capire se contenevano dati top secret. Trovate sul pc condiviso da Anthony Weiner, ex parlamentare indagato per l'invio di sms osé a una quindicenne, e l'ex moglie, consigliera della candidata democratica Huma Abedin. Trump: "Finalmente giustizia"

L'Fbi ha deciso di riaprire il caso relativo all'uso di un account privato di posta elettronica da parte di Hillary Clinton, quando era segretario di Stato, visto che sono emerse nuove email. Una scelta che influenzerà pesantemente gli ultimi giorni di campagna elettorale e, non è da escludere, anche l'esito delle elezioni presidenziali statunitensi dell'8 novembre.  Hillary nel tardo pomeriggio di venerdì ha commentato invitando la polizia federale a pubblicare il nuovo materiale "senza alcun ritardo". Un gesto che sottolinea come la canidata abbia paura che mantenere la questione in sospeso possa aiutare il suo avversario, Donald Trump, nel momento più delicato della corsa alla Casa Bianca. "Chiediamo all'Fbi di pubblicare le informazioni che ha. Fatele uscire", ha detto in una conferenza stampa.

Secondo quanto scrive il New York Times, le nuove mail sono state trovate mentre la polizia federale indagava sul caso di sexting che coinvolge l'ex politico democratico Anthony Weiner, ex marito della più importante consigliera di Clinton, Huma Abedin. L'Fbi sta investigando su alcuni messaggi inviati da Weiner, ex deputato democratico, a una ragazza di 15 anni della North Carolina. I dati in possesso dell'Fbi, dicono più fonti, sono contenuti in un computer usato sia da Weiner che da Abedin.

Il direttore dell'Fbi, James Comey, ha scritto una lettera indirizzata alla commissione Giustizia del Senato: "Nella precedente testimonianza in Congresso, avevo riferito che l'Fbi aveva completato la sua indagine sul server privato del segretario Clinton. Visti i recenti sviluppi - ha scritto Comey nella lettera - vi scrivo per fornire un supplemento alla mia precedente testimonianza". "L'Fbi è venuta a conoscenza dell'esistenza di e-mail che sembrano pertinenti con l'indagine. Sono d'accordo sul fatto che l'Fbi debba riaprire l'indagine per permettere agli investigatori di valutare se le e-mail contengano informazioni classificate e per comprendere la loro importanza per la nostra indagine".

A luglio, dopo una lunga indagine su oltre 30.000 e-mail, l'Fbi aveva deciso di chiedere l'incriminazione dell'attuale candidata democratica alle elezioni presidenziali statunitensi per l’utilizzo di un account privato di posta elettronica al posto di quello governativo, nel periodo in cui era segretario di Stato, per la comunicazione di informazioni e materiale lavorativo. L’Fbi riscontrò solo “gravi leggerezze” da parte di Hillary Clinton e del suo staff nel gestire informazioni riservate. Il dipartimento di Giustizia, seguendo le indicazioni dell'Fbi, archiviò il caso. La decisione di riaprire l'indagine, annunciata a 11 giorni dalle elezioni, rischia di stravolgere la campagna elettorale e l'esito del voto.

Il candidato repubblicano alle presidenziali, Donald Trump, durante un comizio in New Hampshire ha subito festeggiato: il fatto che "l'Fbi stia riaprendo il caso sulla sua condotta illegale e criminale, che minaccia la sicurezza degli Stati Uniti, è una grande notizia". Trump ha ringraziato l'Fbi che "ha il coraggio di correggere il terribile errore fatto" in precedenza, quando aveva archiviato il caso sulla candidata democratica. Per Trump, la corruzione che circonda l'operato di Clinton "è di una portata mai vista prima, dobbiamo impedirle di arrivare allo Studio ovale". "Forse la giustizia sarà fatta" ha aggiunto. 

"Un grande giorno per la nostra campagna è diventato persino migliore". Questo è stato il commento della manager della campagna elettorale di Trump, Kellyanne Conway. Il candidato, poi, ha aggiunto dal suo comizio in New Hampshire: "Questo caso è peggio del Watergate".

È intervenuto anche Paul Ryan, il presidente repubblicano della Camera in aperto conflitto con Trump: "Ancora una volta, Clinton non può prendersela con nessuno se non con se stessa. Le sono stati affidati alcuni dei più importanti segreti della nazione e lei ha tradito questa fiducia". "Questa decisione, in netto ritardo, è il risultato del suo uso incosciente di un server privato [...] Rinnovo la mia richiesta al direttore dell'intelligence nazionale di sospendere tutti i briefing su informazioni classificate con il segretario Clinton finché questa questione non sarà totalmente risolta".

John Podesta, il presidente della campagna di Hillary Clinton, chiede all'Fbi di "fornire immediatamente al pubblico più informazioni" in merito alle nuove email legate alla candidata democratica e che "potrebbero essere rilevanti" nell'ambito dell'indagine chiusa lo scorso luglio sull'uso da parte della stessa Clinton di email e server privati quando era segretario di Stato.

Podesta ha spiegato che è "incredibile ricevere" a 11 giorni dalle elezioni presidenziali queste nuove informazioni. Il presidente della campagna di Clinton si è detto "fiducioso che la conclusione [a cui giungerà l'Fbi] non sarà diversa da quella raggiunta a luglio", quando appunto decise di non incriminare l'ex capo della diplomazia Usa. Dicendo di "non avere idea" di che email si tratti, Podesta ha aggiunto che "potrebbero non essere significative".

Altri Servizi

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Molestie sessuali, monta il pressing su Trump affinché si dimetta

Quattro donne chiedono al Congresso di indagare. Quattro senatori vogliono che il presidente Usa lasci il suo incarico come fatto da politici travolti da accuse simili

Su Donald Trump monta la pressione affinché si dimetta sulla scia delle accuse di molestie sessuali lanciate contro di lui da oltre una decina di donne. Ad esercitarla sono quattro senatori, tre democratici e un indipendente, convinti che il 45esimo presidente americano si debba fare da parte come hanno fatto già tre legislatori, a loro volta travolti da accuse simili. Si tratta del senatore Al Franken e del deputato John Conyers, entrambe democratici, e del deputato repubblicano Trent Franks.

Trump firma documento per riportare uomo sulla Luna e promette Marte in futuro

Un nuovo programma di esplorazione spaziale. L'uomo non mette piede sulla Luna dal 1972 con Apollo 17. Ma continuano a esserci dubbi sui fondi

"Questa volta non pianteremo solo la nostra bandiera e lasceremo le nostre impronte [sulla Luna], ma stabiliremo delle basi da cui fare partire le missioni verso Marte e in futuro verso altri mondi". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmando un documento con il quale si impegna a rafforzare il programma spaziale americano e a riportare gli astronauti Usa sulla Luna e poi su Marte. Sarebbe la prima volta dal 1972, quando la missione Apollo 17 portò per l'ultima volta degli esseri umani sulla Luna. Oggi è il giorno dell'anniversario di Apollo 17, la cui navicella è atterrata sulla Luna l'11 dicembre di 45 anni fa.

New York, tentato attacco terroristico: uomo prova a farsi esplodere in stazione

Il nome dell'attentatore è Akayed Ullah, 27 anni; gravemente ferito, è stato arrestato. Ha fatto scoppiare un ordigno rudimentale poco prima delle 7:20, in un tunnel della fermata della metropolitana

Un consueto inizio di settimana si è trasformato, per molti newyorkesi, in quello che il governatore Andrew Cuomo ha definito "uno dei nostri peggiori incubi": un attentato nella metropolitana che, per fortuna, non ha avuto le conseguenze gravi che "si potevano temere inizialmente". "Questa è New York" ha ricordato il governatore, aggiungendo che la città è "un obiettivo per chi lotta contro la democrazia e la libertà. Chiunque oggi può andare su internet e costruire ordigni artigianali e dobbiamo convivere con questa realtà".

Haley (Onu): ascoltiamo le donne che dicono di essere state molestate da Trump

L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite in una intervista su CBS. Il suo parere è opposto a quello della Casa Bianca che invece ha definito i casi risolti
Ap

Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, domenica ha detto che le donne che hanno accusato il presidente Usa Donald Trump di averle molestate e toccate senza il loro consenso "dovrebbero essere ascoltate".

Gli Usa rispondono alla Russia: pronti a sviluppare nuovi missili nucleari

Trump in questo modo ricatta Mosca e spera che decida di tornare a rispettare il trattato sulla non proliferazione di missili di media gittata, firmato nel 1987. Questa settimana previsto un incontro bilaterale a Washington

Gli Stati Uniti hanno avvertito la Russia che inizieranno a sviluppare nuovi missili nucleari a meno che Mosca non ritorni a rispettare il trattato di non proliferazione che è accusata di aver violato.

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Il presidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen, non riceverà il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, dopo la decisione del presidente Donald Trump di riconoscere unilateralmente Gerusalemme come capitale d'Israele. L'ha confermato il consigliere diplomatico di Abu Mazen, Majdi al Khaldi. "Non ci sarà un incontro con il vicepresidente americano in Palestina" ha detto al Khaldi. "Gli Stati Uniti hanno superato la linea rossa con la decisione su Gerusalemme".

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24
Unsplash /Oliver Cole