L'Fbi riapre il caso sulle e-mail di Clinton. Hillary: pubblicate i documenti "senza ritardi"

Vuole capire se contenevano dati top secret. Trovate sul pc condiviso da Anthony Weiner, ex parlamentare indagato per l'invio di sms osé a una quindicenne, e l'ex moglie, consigliera della candidata democratica Huma Abedin. Trump: "Finalmente giustizia"

L'Fbi ha deciso di riaprire il caso relativo all'uso di un account privato di posta elettronica da parte di Hillary Clinton, quando era segretario di Stato, visto che sono emerse nuove email. Una scelta che influenzerà pesantemente gli ultimi giorni di campagna elettorale e, non è da escludere, anche l'esito delle elezioni presidenziali statunitensi dell'8 novembre.  Hillary nel tardo pomeriggio di venerdì ha commentato invitando la polizia federale a pubblicare il nuovo materiale "senza alcun ritardo". Un gesto che sottolinea come la canidata abbia paura che mantenere la questione in sospeso possa aiutare il suo avversario, Donald Trump, nel momento più delicato della corsa alla Casa Bianca. "Chiediamo all'Fbi di pubblicare le informazioni che ha. Fatele uscire", ha detto in una conferenza stampa.

Secondo quanto scrive il New York Times, le nuove mail sono state trovate mentre la polizia federale indagava sul caso di sexting che coinvolge l'ex politico democratico Anthony Weiner, ex marito della più importante consigliera di Clinton, Huma Abedin. L'Fbi sta investigando su alcuni messaggi inviati da Weiner, ex deputato democratico, a una ragazza di 15 anni della North Carolina. I dati in possesso dell'Fbi, dicono più fonti, sono contenuti in un computer usato sia da Weiner che da Abedin.

Il direttore dell'Fbi, James Comey, ha scritto una lettera indirizzata alla commissione Giustizia del Senato: "Nella precedente testimonianza in Congresso, avevo riferito che l'Fbi aveva completato la sua indagine sul server privato del segretario Clinton. Visti i recenti sviluppi - ha scritto Comey nella lettera - vi scrivo per fornire un supplemento alla mia precedente testimonianza". "L'Fbi è venuta a conoscenza dell'esistenza di e-mail che sembrano pertinenti con l'indagine. Sono d'accordo sul fatto che l'Fbi debba riaprire l'indagine per permettere agli investigatori di valutare se le e-mail contengano informazioni classificate e per comprendere la loro importanza per la nostra indagine".

A luglio, dopo una lunga indagine su oltre 30.000 e-mail, l'Fbi aveva deciso di chiedere l'incriminazione dell'attuale candidata democratica alle elezioni presidenziali statunitensi per l’utilizzo di un account privato di posta elettronica al posto di quello governativo, nel periodo in cui era segretario di Stato, per la comunicazione di informazioni e materiale lavorativo. L’Fbi riscontrò solo “gravi leggerezze” da parte di Hillary Clinton e del suo staff nel gestire informazioni riservate. Il dipartimento di Giustizia, seguendo le indicazioni dell'Fbi, archiviò il caso. La decisione di riaprire l'indagine, annunciata a 11 giorni dalle elezioni, rischia di stravolgere la campagna elettorale e l'esito del voto.

Il candidato repubblicano alle presidenziali, Donald Trump, durante un comizio in New Hampshire ha subito festeggiato: il fatto che "l'Fbi stia riaprendo il caso sulla sua condotta illegale e criminale, che minaccia la sicurezza degli Stati Uniti, è una grande notizia". Trump ha ringraziato l'Fbi che "ha il coraggio di correggere il terribile errore fatto" in precedenza, quando aveva archiviato il caso sulla candidata democratica. Per Trump, la corruzione che circonda l'operato di Clinton "è di una portata mai vista prima, dobbiamo impedirle di arrivare allo Studio ovale". "Forse la giustizia sarà fatta" ha aggiunto. 

"Un grande giorno per la nostra campagna è diventato persino migliore". Questo è stato il commento della manager della campagna elettorale di Trump, Kellyanne Conway. Il candidato, poi, ha aggiunto dal suo comizio in New Hampshire: "Questo caso è peggio del Watergate".

È intervenuto anche Paul Ryan, il presidente repubblicano della Camera in aperto conflitto con Trump: "Ancora una volta, Clinton non può prendersela con nessuno se non con se stessa. Le sono stati affidati alcuni dei più importanti segreti della nazione e lei ha tradito questa fiducia". "Questa decisione, in netto ritardo, è il risultato del suo uso incosciente di un server privato [...] Rinnovo la mia richiesta al direttore dell'intelligence nazionale di sospendere tutti i briefing su informazioni classificate con il segretario Clinton finché questa questione non sarà totalmente risolta".

John Podesta, il presidente della campagna di Hillary Clinton, chiede all'Fbi di "fornire immediatamente al pubblico più informazioni" in merito alle nuove email legate alla candidata democratica e che "potrebbero essere rilevanti" nell'ambito dell'indagine chiusa lo scorso luglio sull'uso da parte della stessa Clinton di email e server privati quando era segretario di Stato.

Podesta ha spiegato che è "incredibile ricevere" a 11 giorni dalle elezioni presidenziali queste nuove informazioni. Il presidente della campagna di Clinton si è detto "fiducioso che la conclusione [a cui giungerà l'Fbi] non sarà diversa da quella raggiunta a luglio", quando appunto decise di non incriminare l'ex capo della diplomazia Usa. Dicendo di "non avere idea" di che email si tratti, Podesta ha aggiunto che "potrebbero non essere significative".

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Tra i conti in programma, quelli di Morgan Stanley e Goldman Sachs
AP

Airbus si aggiudica jet Bombardier, nuova sfida per Boeing (e Trump)

Senza esborso di denaro, al colosso europeo va una quota di maggioranza nel programma C-Series del rivale canadese. Gli aerei per il mercato Usa verranno assemblati in Alabama; così si punta ad aggirare le tariffe
Bombardier

Airbus ha un nuovo alleato nella battaglia storica contro il rivale americano Boeing: il canadese Bombardier, che così spera di potere agirare le tariffe recentemente ventilate dagli Stati Uniti di Donald Trump.

Utile Goldman Sachs sale e batte le stime, nonostante rallentamento trading

L'istituto ha visto salire utile e fatturato, battendo le stime degli analisti, senza risentire troppo del rallentamento delle attività "core", ovvero quelle di trading.

Sale a Wall Street il titolo di Goldman Sachs, ultima delle grandi banche americane a pubblicare i conti del terzo trimestre. L'istituto ha visto salire utile e fatturato, battendo le stime degli analisti, senza risentire troppo del rallentamento delle attività "core", ovvero quelle di trading.

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Wall Street, settimana di trimestrali

A mercati chiusi è arrivata quella, superiore alle stime, di Netflix
AP

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Già considerata una sorta di airbnb delle passerelle, una startup americana punta a rivoluzionare il mondo della moda. Rent the Runway, questo il suo nome, ha ampliato la sua offerta: tra i capi di abbigliamento che mette a disposizione a noleggio non ci sono più solo quelli dedicati a cerimonie ma anche alla vita di tutti i giorni. E infatti, con la sua prima campagna pubblicitaria appena lanciata, domanda a varie donne cosa faranno con le loro cabine armadio una volta che inizieranno a usare il servizio del gruppo. "A Rent the Runway non pensiamo che [la cabina armadio] esisterà in futuro", ha spiegato a Cnbc Jenn Hyman, Ceo nonché una delle cofondatrici.

Forbes: Bill Gates si conferma l'uomo più ricco d'America, Trump più 'povero'

Sul podio restano Jeff Bezos e Warren Buffett. Il patrimonio del presidente come quello del fondatore di Snapchat. Mark Zuckerberg, al quarto gradino, è quello che in un anno ha visto crescere più di tutti la sua fortuna

Bill Gates si è confermato per il 24esimo anno di fila l'uomo più ricco degli Stati Uniti. Con un patrimonio di 89 miliardi di dollari, il fondatore di Microsoft svetta nella classica Forbes dei 400 miliardari d'America nel 2017. Il patrimonio complessivo dei 400 ha raggiunto i 2.700 miliardi di dollari, un record; nel 2016 era inferiore di 300 miliardi. Ma la classifica fa notizia per la diminuzione della fortuna di Donald Trump, passato al 248esimo dal 156esimo posto, ben lontana dai 10 miliardi di dollari vantati da lui durante la campagna elettorale per le presidenziali Usa del 2016.

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

La Casa Bianca torna a difendere la riforma fiscale presentata a grandi linee alla fine di settembre e che Donald trump conta di portare a casa entro la fine del 2017.

Bannon va in guerra contro l'establishment repubblicano e predice: "Trump trionferà nel 2020"

Per l'ex stratega della Casa Bianca, il presidente "vincerà con 400 voti elettorali". "Faremo la guerra a tutti i repubblicani in carica, tranne Cruz"
AP

Donald Trump vincerà le elezioni del 2020 con "400 voti elettorali". La previsione è dell'ex stratega del presidente degli Stati Uniti, Stephen Bannon, che ha parlato al Values Voter Summit, un evento organizzato dai conservatori sociali a Washington. Si è trattato di una risposta a un articolo di Vanity Fair, secondo cui Bannon avrebbe detto in una conversazione privata che il presidente avrebbe solo "il 30%" di possibilità di finire il primo mandato. Per conquistare la Casa Bianca, servono 270 dei 538 voti elettorali (o 'grandi elettori') e, alle ultime elezioni, Trump ne ha ottenuti 304. Un altro ex componente della squadra di Trump, Sebastian Gorka, si è spinto oltre: gli otto anni di Trump saranno seguiti da "otto anni sotto il presidente [Mike] Pence", l'attuale vicepresidente.