Usa 2018: i democratici conquistano la Camera, il Senato resta repubblicano

Questa volta, nessuna sorpresa dalle urne. Il presidente Trump può esultare per la maggioranza rafforzata in Senato. Record di donne elette, tra cui le prime due musulmane e le prime due native americane. La star liberal Ocasio-Cortez la più giovane
Ap

I democratici riconquistano la Camera, i repubblicani rafforzano la maggioranza in Senato. Questa volta, le elezioni statunitensi hanno rispettato le previsioni, riconsegnando al presidente Donald Trump un Congresso diviso. L'onda blu che una parte del Paese si augurava per queste elezioni di metà mandato (per il rinnovo dell'intera Camera e di un terzo del Senato), però, non c'è stata, al massimo "un'increspatura", come ha commentato la Casa Bianca. Trump, nonostante la Camera persa, può esultare: il suo primo commento su Twitter è stato quello con cui ha parlato di "notte di straordinari successi". D'altra parte, nella storia del Paese, solo due presidenti hanno guadagnato seggi alle elezioni di metà mandato in entrambe le Camere: Franklin Delano Roosevelt nel 1934, durante la Grande Depressione, e George W. Bush nel 2002, dopo gli attacchi dell'11 Settembre. Inoltre, un Congresso diviso potrà fare il gioco di Trump in vista delle presidenziali del 2020 per giustificare eventuali fallimenti.

Favoriti dall'alta affluenza, i democratici hanno riconquistato la Camera dopo 8 anni, grazie soprattutto alle città; il Cook Political Report prevede che i democratici ottengano almeno 30 seggi in più alla Camera (il quadro definitivo si avrà nelle prossime ore), dove avevano bisogno di 23 seggi per conquistare la maggioranza. In Senato, dove i collegi decisivi si trovavano soprattutto in Stati rurali, il partito repubblicano si è invece rafforzato, strappando ai democratici un seggio in Indiana, dove è stato battuto il senatore Joe Donnelly, in North Dakota e in Missouri, dove sono state sconfitte le senatrici Heidi Heitkamp e Claire McCaskill.

Tra i risultati che fanno la storia del Paese, si registrano le prime due native americane (Sharice Davids e Deb Haaland) e le prime due musulmane (Ilhan Omar e Rashida Tlaib) elette al Congresso; sarà anche il Congresso con il maggior numero di donne, almeno 107: tra queste, ci sarà anche Alexandria Ocasio-Cortez, eletta a New York per la Camera, astro nascente dell'ala liberal del partito democratico e la più giovane, a 29 anni, a entrare in Congresso nella storia degli Stati Uniti. In Colorado, Jared Polis è diventato il primo governatore apertamente omosessuale (si votava anche per eleggere il governatore in 36 Stati).

Tra le occasioni mancate, invece, quella del primo governatore nero della Florida, vista la sconfitta del democratico Andrew Gillum contro il repubblicano Ron DeSantis, e della prima afroamericana eletta governatrice di uno Stato, in questo caso la Georgia, dove Stacey Abrams ha perso contro Brian Kemp. In uno dei confronti più attesi per il Senato, infine, il democratico Beto O'Rourke non è riuscito a strappare il seggio in Senato del Texas occupato da Ted Cruz, principale rivale di Trump alle scorse primarie repubblicane per le presidenziali. 

Altri Servizi

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione, Trump pensa a evento "alternativo"

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Wall Street, rinnovato ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Il presidente Trump valuterebbe la rimozione dei dazi per agevolare i negoziati e calmare i mercati
iStock

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati