Usa 2018: democratici, più donne e giovani; repubblicani sempre più simili a Trump

I democratici alla Camera, però, rischiano la spaccatura tra vecchia e nuova guardia, già sulla scelta dello speaker: sarà Nancy Pelosi?
Ap

A circa 36 ore dalla chiusura dei seggi, i risultati e il dato sull'affluenza delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti non sono ancora definitivi; alla Camera, dove i democratici torneranno in maggioranza dopo otto anni, ci sono ancora dieci seggi da assegnare, a causa del ridotto distacco tra i candidati. Secondo il Cook Political Report, i democratici guadagneranno tra i 35 e i 38 seggi; al momento, il guadagno ufficiale è di 28 seggi, cinque in più di quelli necessari per diventare maggioranza. Non sono mancate le notizie negative per il partito, come le sconfitte sulla costa della South Carolina, a Oklahoma City e a Staten Island.

La vittoria dei democratici è stata, soprattutto, guidata dalla rivolta dei sobborghi, a partire da quelli residenziali dove Donald Trump aveva vinto alle presidenziali con uno scarto inferiore a 10 punti, come nel 14esimo collegio in Illinois, il terzo in Iowa, l'ottavo e l'undicesimo in Michigan e il secondo e il settimo in Virginia. Però, i democratici non hanno strappato ai repubblicani nemmeno un collegio dove Trump ha ottenuto almeno il 55% dei voti nel 2016, nemmeno quelli considerati a rischio per il Grand Old Party, come il sesto della Florida, il secondo del Kansas o il sesto del Kentucky.

Per la prima volta, più di cento donne sono state elette alla Camera, in gran parte con il partito democratico. In 21 dei 38 seggi conquistati o in cui i democratici sono in vantaggio, il candidato del partito era una donna. Donne, quindi, che hanno avuto un ruolo decisivo nella riconquista democratica della Camera.

Guardando agli eletti e ai bocciati delle elezioni, si può supporre che il partito con maggiori divisioni interne alla Camera sarà quello democratico, spaccato tra la nuova (più a sinistra) e la vecchia guardia, che imporrà come speaker (presidente, ndr) Nancy Pelosi, che potrebbe ottenere persino l'aiuto dei repubblicani, promesso dal presidente Trump. Tra i repubblicani, indebolitosi il cosiddetto "Tuesday Group" dei moderati, ci saranno sempre più 'trumpiani', una delle buone notizie per il presidente in vista del 2020.

In Senato, i repubblicani dovrebbero rafforzare la propria maggioranza: al momento, hanno 51 seggi, contro i 46 dei democratici; tre seggi restano da assegnare: in Florida, dove si va al riconteggio con il repubblicano Rick Scott in vantaggio di 21.986 voti sul democratico Bill Nelson, senatore in carica; in Arizona, dove la repubblicana Martha McSally ha poco più di 17.000 voti di vantaggio sulla democratica Kyrsten Sinema; in Mississippi, dove era in programma un'elezione speciale per eleggere il sostituto del dimissionario Thad Cochran, repubblicano: si andrà al ballottaggio tra la repubblicana Cindy Hyde Smith, in vantaggio di poco più di 7.300 voti, e il democratico Mike Espy (si trattava infatti di una 'jungle primary' a cui hanno partecipato due democratici e due repubblicani, nessuno dei quali ha ottenuto la maggioranza dei voti).

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.