Usa 2020: si candida Beto O'Rourke, l'ex deputato che vive al confine con il Messico

"Cercheremo di unire un Paese diviso". Moderato, capitalista, è considerato "l'Obama bianco": riuscirà a convincere l'ala liberal del partito democratico?

"Le sfide che affrontiamo ora [...] ci consumeranno, o ci daranno la più grande opportunità di liberare il talento degli Stati Uniti d'America [...] Sarà un campagna positiva che cercherà di tirare fuori il meglio di ognuno di noi, che cercherà di unire un Paese molto diviso". Con queste parole, Beto O'Rourke, 46 anni, si è ufficialmente candidato alle primarie democratiche, in vista delle presidenziali del 2020.

O'Rourke, per sei anni deputato della Camera in rappresentanza del Texas, è uno degli astri nascenti del partito democratico, alla ricerca di nomi nuovi per affrontare i cambiamenti in politica. Lo scorso novembre, O'Rourke ha perso con un lieve distacco una sfida, quella contro Ted Cruz per un seggio in Senato, inizialmente considerata ai limiti dell'impossibile, riuscendo a rendere indeciso l'esito in Texas con un campagna elettorale a tratti, secondo molti, entusiasmante. Non a caso, è riuscito a raccogliere 70 milioni per la sua candidatura, in gran parte ottenuti da piccoli donatori.

Per mesi, O'Rourke si è detto indeciso sul futuro, diviso tra il desiderio di provare a sfidare il presidente Donald Trump per la Casa Bianca e quello di ricandidarsi per il Senato, nel 2020. Prima di affrontare Cruz, O'Rourke era poco conosciuto al di fuori della sua città, El Paso, ma la sua campagna elettorale, in cui è riuscito a coinvolgere giovani e minoranze, ha stupito tutti.

O'Rourke, seduto sul divano di casa, accanto alla moglie, nel video per lanciare la candidatura, ha detto: "Girerò il Paese e ascolterò" le persone, per poi tornare a El Paso il 30 marzo, per l'inizio della campagna elettorale. La sua candidatura si aggiunge a quella di altri 14 democratici, per un campo già affollato nonostante manchi quasi un anno alle primarie, in attesa che altri pretendenti alla nomination si facciano avanti (l'ex vicepresidente Joe Biden?).

Il New York Times ha sottolineato che O'Rourke entra nella corsa per il 2020 con pochi risultati degni di nota ottenuti in sei anni da deputato e senza una proposta forte che lo caratterizzi, in una campagna già segnata da precisi messaggi politici ed economici, come quelli di Bernie Sanders ed Elizabeth Warren, tra i più a 'sinistra' dello schieramento dei candidati. O'Rourke, sostiene la Cnbc - che ha analizzato le sue votazioni alla Camera - è un moderato e, recentemente, ha detto: "Sono un capitalista". Per la tv finanziaria, questo è sufficiente per posizionarlo 'a destra' della maggior parte dei suoi avversari; non a caso, un recente op-ed sul Washington Post si è detto scettico sulla possibilità che O'Rourke riesca a convincere gli elettori liberal.

C'è, in realtà, un tratto distintivo molto forte nella candidatura di O'Rourke, ed è la città dove è nato e risiede, El Paso: Beto vive a pochi passi da quel muro con il Messico che Trump vuole estendere a tutto il confine, per renderlo invalicabile. La sua battaglia contro il muro ( che butterebbe giù), contro la separazione delle famiglie arrestate al confine e a favore della regolarizzazione dei Dreamers - gli immigrati entrati illegalmente nel Paese da bambini - sarà senza dubbio centrale nella sua campagna e nel dibattito politico nazionale.

Molte, comunque, sono le voci entusiaste. Recentemente, il quotidiano Politico ha scritto che, secondo gli esperti interpellati, O'Rourke potrebbe tornare a galvanizzare l'elettorato democratico. "Non c'era un livello di eccitazione così dai tempi di Barack Obama" nel 2008, ha assicurato Mikal Watts, un avvocato di San Antonio, che è anche tra i maggiori 'procacciatori' di donazioni elettorali, secondo cui molti donatori e attori politici dell'Iowa, la prima 'tappa' della stagione di primarie e caucus verso la nomina del candidato alle presidenziali, sono pronti a sostenerlo. Un altro 'procacciatore' di donazioni ha detto che O'Rourke "è come Barack Obama, ma bianco".

A novembre, O'Rourke avrebbe parlato proprio con Obama, nei suoi uffici a Washington, dieci giorni dopo la sconfitta. Secondo il Washington Post, O'Rourke sarebbe stato incoraggiato da diversi consiglieri dell'ex presidente a candidarsi; Obama, negli ultimi mesi, ha incontrato molti candidati alle primarie, cercando di dare il proprio silenzioso contributo alla rinascita del partito, che ha bisogno di nuovi leader. Lo stesso Obama, riporta il Washington Post, ha detto di rivedersi in O'Rourke. L'ex deputato, secondo Obama, è uno dei rari politici capaci di entrare in contatto con una vasta porzione di elettorato. Non a caso, è stato capace di costruire una base solida di donatori, tanto da aver raccolto più di qualsiasi altro candidato nel Paese per le elezioni di metà mandato.

E dire che O'Rourke ha 'rifiutato' l'aiuto di Obama per le elezioni di metà mandato, perché non gli piaceva l'idea di farsi sponsorizzare da persone non residenti in Texas. A proposito di un endorsement di Obama, poi mai arrivato, aveva detto: "Sono davvero grato per quello che ha fatto; sarà ricordato come uno dei più grandi presidenti. Ma questo è il Texas". Ora, invece, ci sono gli Stati Uniti d'America da conquistare.

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Scontro Usa-Francia sulla web tax: Trump minaccia dazi

La misura colpisce 30 aziende tra cui le americane Alphabet, Apple Amazon e Facebook ma anche gruppi cinesi, tedeschi, spagnoli e britannici
Ap

Gli Stati Uniti hanno aperto un'inchiesta sulla web tax approvata oggi dal Senato francese, che ha ignorato l'avvertimento arrivato ieri da Washington. Nel mirino c'è l'imposta pari al 3% per le aziende digitali con un fatturato globale di oltre 750 milioni di euro e uno di 25 milioni generato in Francia.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.