Usa 2020: si candida Beto O'Rourke, l'ex deputato che vive al confine con il Messico

"Cercheremo di unire un Paese diviso". Moderato, capitalista, è considerato "l'Obama bianco": riuscirà a convincere l'ala liberal del partito democratico?

"Le sfide che affrontiamo ora [...] ci consumeranno, o ci daranno la più grande opportunità di liberare il talento degli Stati Uniti d'America [...] Sarà un campagna positiva che cercherà di tirare fuori il meglio di ognuno di noi, che cercherà di unire un Paese molto diviso". Con queste parole, Beto O'Rourke, 46 anni, si è ufficialmente candidato alle primarie democratiche, in vista delle presidenziali del 2020.

O'Rourke, per sei anni deputato della Camera in rappresentanza del Texas, è uno degli astri nascenti del partito democratico, alla ricerca di nomi nuovi per affrontare i cambiamenti in politica. Lo scorso novembre, O'Rourke ha perso con un lieve distacco una sfida, quella contro Ted Cruz per un seggio in Senato, inizialmente considerata ai limiti dell'impossibile, riuscendo a rendere indeciso l'esito in Texas con un campagna elettorale a tratti, secondo molti, entusiasmante. Non a caso, è riuscito a raccogliere 70 milioni per la sua candidatura, in gran parte ottenuti da piccoli donatori.

Per mesi, O'Rourke si è detto indeciso sul futuro, diviso tra il desiderio di provare a sfidare il presidente Donald Trump per la Casa Bianca e quello di ricandidarsi per il Senato, nel 2020. Prima di affrontare Cruz, O'Rourke era poco conosciuto al di fuori della sua città, El Paso, ma la sua campagna elettorale, in cui è riuscito a coinvolgere giovani e minoranze, ha stupito tutti.

O'Rourke, seduto sul divano di casa, accanto alla moglie, nel video per lanciare la candidatura, ha detto: "Girerò il Paese e ascolterò" le persone, per poi tornare a El Paso il 30 marzo, per l'inizio della campagna elettorale. La sua candidatura si aggiunge a quella di altri 14 democratici, per un campo già affollato nonostante manchi quasi un anno alle primarie, in attesa che altri pretendenti alla nomination si facciano avanti (l'ex vicepresidente Joe Biden?).

Il New York Times ha sottolineato che O'Rourke entra nella corsa per il 2020 con pochi risultati degni di nota ottenuti in sei anni da deputato e senza una proposta forte che lo caratterizzi, in una campagna già segnata da precisi messaggi politici ed economici, come quelli di Bernie Sanders ed Elizabeth Warren, tra i più a 'sinistra' dello schieramento dei candidati. O'Rourke, sostiene la Cnbc - che ha analizzato le sue votazioni alla Camera - è un moderato e, recentemente, ha detto: "Sono un capitalista". Per la tv finanziaria, questo è sufficiente per posizionarlo 'a destra' della maggior parte dei suoi avversari; non a caso, un recente op-ed sul Washington Post si è detto scettico sulla possibilità che O'Rourke riesca a convincere gli elettori liberal.

C'è, in realtà, un tratto distintivo molto forte nella candidatura di O'Rourke, ed è la città dove è nato e risiede, El Paso: Beto vive a pochi passi da quel muro con il Messico che Trump vuole estendere a tutto il confine, per renderlo invalicabile. La sua battaglia contro il muro ( che butterebbe giù), contro la separazione delle famiglie arrestate al confine e a favore della regolarizzazione dei Dreamers - gli immigrati entrati illegalmente nel Paese da bambini - sarà senza dubbio centrale nella sua campagna e nel dibattito politico nazionale.

Molte, comunque, sono le voci entusiaste. Recentemente, il quotidiano Politico ha scritto che, secondo gli esperti interpellati, O'Rourke potrebbe tornare a galvanizzare l'elettorato democratico. "Non c'era un livello di eccitazione così dai tempi di Barack Obama" nel 2008, ha assicurato Mikal Watts, un avvocato di San Antonio, che è anche tra i maggiori 'procacciatori' di donazioni elettorali, secondo cui molti donatori e attori politici dell'Iowa, la prima 'tappa' della stagione di primarie e caucus verso la nomina del candidato alle presidenziali, sono pronti a sostenerlo. Un altro 'procacciatore' di donazioni ha detto che O'Rourke "è come Barack Obama, ma bianco".

A novembre, O'Rourke avrebbe parlato proprio con Obama, nei suoi uffici a Washington, dieci giorni dopo la sconfitta. Secondo il Washington Post, O'Rourke sarebbe stato incoraggiato da diversi consiglieri dell'ex presidente a candidarsi; Obama, negli ultimi mesi, ha incontrato molti candidati alle primarie, cercando di dare il proprio silenzioso contributo alla rinascita del partito, che ha bisogno di nuovi leader. Lo stesso Obama, riporta il Washington Post, ha detto di rivedersi in O'Rourke. L'ex deputato, secondo Obama, è uno dei rari politici capaci di entrare in contatto con una vasta porzione di elettorato. Non a caso, è stato capace di costruire una base solida di donatori, tanto da aver raccolto più di qualsiasi altro candidato nel Paese per le elezioni di metà mandato.

E dire che O'Rourke ha 'rifiutato' l'aiuto di Obama per le elezioni di metà mandato, perché non gli piaceva l'idea di farsi sponsorizzare da persone non residenti in Texas. A proposito di un endorsement di Obama, poi mai arrivato, aveva detto: "Sono davvero grato per quello che ha fatto; sarà ricordato come uno dei più grandi presidenti. Ma questo è il Texas". Ora, invece, ci sono gli Stati Uniti d'America da conquistare.

Altri Servizi

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Alcuni dipendenti di Deutsche Bank, specialisti dell'antiriciclaggio, avvertirono i vertici della banca di numerose transazioni sospette, nel 2016 e 2017, che coinvolgevano delle entità controllate dal presidente Donald Trump e dal genero Jared Kushner, raccomandandone la segnalazione alle autorità federali. I vertici della banca, però, scelsero di non segnalare nulla. A raccontarlo è il New York Times.

Marco Glaviano: il fotografo delle top model con la passione per il jazz

Fino al 15 giugno 2019, le sue opere esposte alla Space Gallery St Barth/Soho a New York. Il suo lavoro più bello? Ritratti di jazzisti in un libro ancora da pubblicare
Space Gallery St Barth/Soho

"Il mio lavoro più bello è questo". Marco Glaviano non indica una ventenne Paulina Porizkova, nuda, nascosta da grandi foglie verdi e umide. Non indica lo sguardo profondo di Claudia Schiffer o un bacio mandato dalle labbra di una giovanissima Cindy Crawford con gli occhi chiusi e un ciuffo ribelle di capelli sul viso. Sta per inaugurare la sua nuova mostra a New York. Ma non è alle opere esposte fino al 15 giugno prossimo alla Space Gallery St Barth/Soho a cui il famoso fotografo fa riferimento, ma a un libro mai pubblicato, sul quale ha iniziato a lavorare nel 1965. "Ne ho pubblicati 15 ma questo non ancora". Il contenuto? Ritratti di jazzisti. "La mia grande passione".

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, si è dichiarato "pro vita", in una serie di tweet pubblicati nella notte tra sabato e domenica, ma si è espresso contro le nuove leggi che vietano l'aborto in Alabama - dove è già stata promulgata - e Missouri - che sarà presto firmata dal governatore - che impediscono l'interruzione di gravidanza anche in caso di stupro e incesto. "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan" ha scritto Trump.

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, potrebbe concedere la grazia a diversi militari condannati o accusati di crimini di guerra. Lo scrive il New York Times, secondo cui il capo di Stato avrebbe chiesto al suo staff di preparare i documenti. Tra i soldati da graziare, ci sarebbe anche un militare accusato di aver sparato su civili disarmati in Iraq.

Wall Street, attenzione rivolta sempre ai rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump continua ad attaccare la Cina su Twitter
AP

Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un duro attacco a Trump: "Vomita odio"

L’ex vicepresidente americano, a Philadelphia per il primo grande comizio verso Usa 2020, ha lanciato l'appello all'unità
Ap

A poco più di otto mesi dall’inizio delle primarie democratiche che determineranno il candidato alla corsa alla Casa Bianca 2020, Joe Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un grande comizio a Philadelphia, in Pennsylvania, dove ha allestito il suo quartier generale. L’ex vicepresidente americano, che sta volando nei sondaggi, ha attaccato duramente Donald Trump accusandolo di voler dividere il Paese su temi fondamentali come la religione, la razza e l'orientamento sessuale.

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

AP

Nel 2018 sono stati 28,2 milioni i lavoratori americani nati al di fuori degli Stati Uniti, in rialzo del 3,7% sul 2017 e pari al 17,5% della forza lavoro complessiva (+0,4% sul 2017), un record da quando il dipartimento del Lavoro ha iniziato nel 1996 a tenere traccia di questo dato. Nel 2000 quest'ultima percentuale era al 13,3%. E' quanto emerge da un'analisi del dipartimento del Lavoro.

Allarme Microsoft su un bug: potrebbe essere sfruttato come WannaCry

Il virus nel 2017 colpì oltre 200mila computer, inclusi quelli del servizio sanitario nazionale britannico. Problema risolto in versioni vecchie di Windows
Shutterstock

Microsoft ha fatto l'insolito passo di lanciare un avvertimento: un bug informatico che ora ha aggiustato potrebbe essere usato come cyber-arma simile al virus WannaCry che nel maggio del 2017 colpì oltre 200mila computer nel mondo rendendoli inutilizzabili fino al versamento di un riscatto digitale. Tra le vittime di allora ci furono il servizio sanitario nazionale britannico, Fedx e Nissa. Gli Stati Uniti e il Regno Unito puntarono il dito contro la Corea del Nord.