Usa avvertono la Cina: banche prese di mira se non punisce la Corea del Nord

Due funzionari del Tesoro americano lanciano il monito a Pechino all'indomani di un nuovo round di sanzioni Onu
AP

L'amministrazione Trump ha messo in guardia la Cina, l'unico vero partner commerciale della Corea del Nord: gli Usa prenderanno di mira, come già fatto, le banche cinesi a meno che Pechino opti per misure più dure volte a mettere economicamente in difficoltà Pyongyang. Come? Riducendo le transazioni commerciali e finanziarie con il regime di Kim Jong Un.

Il messaggio è stato lanciato alle autorità della seconda economia al mondo da due funzionari Usa. Durante una conferenza organizzata da Cnbc, il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha spiegato che se la Cina non implementerà le sanzioni Onu "imporremmo sanzioni addizionali e impediremo l'accesso agli Usa e al sistema internazionale in dollari". Separatamente Marshall Billingslea, che lavora a sua volta al Tesoro Usa, in una testimonianza alla sottocommissione Affari esteri della Camera ha spiegato che secondo Washington, Pechino non ha fatto abbastanza "per eliminare attori nordcoreani illeciti" dal suo sistema bancario. E' lui ad avere dichiarato che gli Usa continueranno a lavorare con la Cina per mettere pressione sulla Corea del Nord aggiungendo però che l'amministrazione Trump "non esiterà ad agire in modo unilaterale". 

Queste dichiarazioni sono arrivate all'indomani della decisione unanime del Consiglio di sicurezza dell'Onu di imporre un nuovo round di sanzioni alla nazione più isolata al mondo. La Cina e la Russia - che hanno potere di veto - hanno votato a favore di una tale misura dopo che gli Usa hanno annacquato la loro proposta originaria che voleva la messa al bando totale di tutte le esportazioni di petrolio verso Pyongyang. La testimonianza di Billingslea - che ha offerto la spiegazione più completa della strategia della Casa Bianca basata sulle sanzioni contro Kim - segue inoltre un rapporto pubblicato la settimana scorsa dal Palazzo di vetro in cui venivano identificate una serie di aziende cinesi che stanno presumibilmente facilitando il mancato rispetto delle sanzioni.

"Se la Cina spera di evitare misure future, come quelli imposte contro la Bank of Dandong o altre aziende sanzionate per pratiche commerciali illecite....deve urgentemente fare passi concreti per eliminare l'accesso commerciale e finanziario della Corea del Nord", ha detto Billingslea al Congresso. Il funzionario del Tesoro ha anche insinuato che gli scambi commerciali sull'asse Pyongyang-Mosca siano aumentati quest'anno: "Le aziende russe continuano a fornire sostegno alla Corea del Nord" e rappresentanti di banche nordcoreane "operano in Russia violando palesemente le risoluzioni adottate dalla Russia all'Onu".

Oggi il presidente Donald Trump ha descritto l'azione di ieri delle Nazioni Unite come un "passo molto piccolo" e che le nuove sanzioni "sono una cosa di poco conto". Pur dicendosi contento dell'unanimità del voto "quelle sanzioni non sono nulla rispetto a quanto alla fine dovrà succedere".

Altri Servizi

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

Le molestie sessuali sembrano essere sempre di più una caratteristica dell'ambieti di lavoro in Usa. Da Hollywood a Capitol Hill passando per la Silicon Valley, un altro uomo è stato travolto dalle polemiche dovuto al suo comportamento inappropriato nei confronti delle donne.

Hacker contro Uber: rubati dati di 57 milioni di utenti

Per Bloomberg il gruppo avrebbe pagato riscatto da 100.000 dollari per far cancellare i dati ai pirati

Uber è stato colpito da un attacco hacker, in cui sono stati rubati i dati di 57 milioni di utenti in tutto il mondo e di 600.000 autisti. Lo ha comunicato Dara Khosrowshahi, amministratore delegato della società di servizi auto: l'attacco risale alla fine del 2016 e comprende i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, ma anche le patenti degli autisti.

HP perde quota dopo i conti ma le vendite di PC vanno bene

Deludono gli utili annuali, calati a 2,5 miliardi di dollari. Il gruppo ha alzato le stime per l'esercizio 2018

HP ha chiuso il suo quarto trimestre fiscale con utili in linea alle stime degli analisti e ricavi migliori delle attese. Il titolo del produttore di pc e stampanti ha tuttavia perso vistosamente quota ieri nel dopo mercato, quasi il 6% sulla scia di utili annuali calati.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Tutti i principali indici hanno registrato record
AP

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.

Wall Street in cerca di direzione nel finale di ottava

Attenzione alle trimestrali di Foot Locker e A&F, sul fronte macroeconomico notizie dal fronte immobiliare e manifatturiero.
AP

Molestie sessuali, una conduttrice Usa accusa il senatore democratico Al Franken

Leeann Tweeden: "Mi ha baciata e palpeggiata" nel 2006. L'ex comico e sceneggiatore: "Le chiedo scusa"

Dopo quelle a Roy Moore, candidato repubblicano al Senato, arrivano le prime accuse di molestie sessuali nei confronti di un senatore in carica, il democratico Al Franken. Ad accusarlo è Leeann Tweeden, modella, commentatrice sportiva e conduttrice radiofonica.