Usa avvertono la Cina: banche prese di mira se non punisce la Corea del Nord

Due funzionari del Tesoro americano lanciano il monito a Pechino all'indomani di un nuovo round di sanzioni Onu
AP

L'amministrazione Trump ha messo in guardia la Cina, l'unico vero partner commerciale della Corea del Nord: gli Usa prenderanno di mira, come già fatto, le banche cinesi a meno che Pechino opti per misure più dure volte a mettere economicamente in difficoltà Pyongyang. Come? Riducendo le transazioni commerciali e finanziarie con il regime di Kim Jong Un.

Il messaggio è stato lanciato alle autorità della seconda economia al mondo da due funzionari Usa. Durante una conferenza organizzata da Cnbc, il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha spiegato che se la Cina non implementerà le sanzioni Onu "imporremmo sanzioni addizionali e impediremo l'accesso agli Usa e al sistema internazionale in dollari". Separatamente Marshall Billingslea, che lavora a sua volta al Tesoro Usa, in una testimonianza alla sottocommissione Affari esteri della Camera ha spiegato che secondo Washington, Pechino non ha fatto abbastanza "per eliminare attori nordcoreani illeciti" dal suo sistema bancario. E' lui ad avere dichiarato che gli Usa continueranno a lavorare con la Cina per mettere pressione sulla Corea del Nord aggiungendo però che l'amministrazione Trump "non esiterà ad agire in modo unilaterale". 

Queste dichiarazioni sono arrivate all'indomani della decisione unanime del Consiglio di sicurezza dell'Onu di imporre un nuovo round di sanzioni alla nazione più isolata al mondo. La Cina e la Russia - che hanno potere di veto - hanno votato a favore di una tale misura dopo che gli Usa hanno annacquato la loro proposta originaria che voleva la messa al bando totale di tutte le esportazioni di petrolio verso Pyongyang. La testimonianza di Billingslea - che ha offerto la spiegazione più completa della strategia della Casa Bianca basata sulle sanzioni contro Kim - segue inoltre un rapporto pubblicato la settimana scorsa dal Palazzo di vetro in cui venivano identificate una serie di aziende cinesi che stanno presumibilmente facilitando il mancato rispetto delle sanzioni.

"Se la Cina spera di evitare misure future, come quelli imposte contro la Bank of Dandong o altre aziende sanzionate per pratiche commerciali illecite....deve urgentemente fare passi concreti per eliminare l'accesso commerciale e finanziario della Corea del Nord", ha detto Billingslea al Congresso. Il funzionario del Tesoro ha anche insinuato che gli scambi commerciali sull'asse Pyongyang-Mosca siano aumentati quest'anno: "Le aziende russe continuano a fornire sostegno alla Corea del Nord" e rappresentanti di banche nordcoreane "operano in Russia violando palesemente le risoluzioni adottate dalla Russia all'Onu".

Oggi il presidente Donald Trump ha descritto l'azione di ieri delle Nazioni Unite come un "passo molto piccolo" e che le nuove sanzioni "sono una cosa di poco conto". Pur dicendosi contento dell'unanimità del voto "quelle sanzioni non sono nulla rispetto a quanto alla fine dovrà succedere".

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

La Nfl e l'associazione dei giocatori del campionato di football americano hanno deciso di sospendere le nuove norme sull'inno nazionale per le prossime settimane, nel tentativo di negoziare e trovare una soluzione, evitando lo scontro in tribunale.

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock