Usa avvertono la Cina: banche prese di mira se non punisce la Corea del Nord

Due funzionari del Tesoro americano lanciano il monito a Pechino all'indomani di un nuovo round di sanzioni Onu
AP

L'amministrazione Trump ha messo in guardia la Cina, l'unico vero partner commerciale della Corea del Nord: gli Usa prenderanno di mira, come già fatto, le banche cinesi a meno che Pechino opti per misure più dure volte a mettere economicamente in difficoltà Pyongyang. Come? Riducendo le transazioni commerciali e finanziarie con il regime di Kim Jong Un.

Il messaggio è stato lanciato alle autorità della seconda economia al mondo da due funzionari Usa. Durante una conferenza organizzata da Cnbc, il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha spiegato che se la Cina non implementerà le sanzioni Onu "imporremmo sanzioni addizionali e impediremo l'accesso agli Usa e al sistema internazionale in dollari". Separatamente Marshall Billingslea, che lavora a sua volta al Tesoro Usa, in una testimonianza alla sottocommissione Affari esteri della Camera ha spiegato che secondo Washington, Pechino non ha fatto abbastanza "per eliminare attori nordcoreani illeciti" dal suo sistema bancario. E' lui ad avere dichiarato che gli Usa continueranno a lavorare con la Cina per mettere pressione sulla Corea del Nord aggiungendo però che l'amministrazione Trump "non esiterà ad agire in modo unilaterale". 

Queste dichiarazioni sono arrivate all'indomani della decisione unanime del Consiglio di sicurezza dell'Onu di imporre un nuovo round di sanzioni alla nazione più isolata al mondo. La Cina e la Russia - che hanno potere di veto - hanno votato a favore di una tale misura dopo che gli Usa hanno annacquato la loro proposta originaria che voleva la messa al bando totale di tutte le esportazioni di petrolio verso Pyongyang. La testimonianza di Billingslea - che ha offerto la spiegazione più completa della strategia della Casa Bianca basata sulle sanzioni contro Kim - segue inoltre un rapporto pubblicato la settimana scorsa dal Palazzo di vetro in cui venivano identificate una serie di aziende cinesi che stanno presumibilmente facilitando il mancato rispetto delle sanzioni.

"Se la Cina spera di evitare misure future, come quelli imposte contro la Bank of Dandong o altre aziende sanzionate per pratiche commerciali illecite....deve urgentemente fare passi concreti per eliminare l'accesso commerciale e finanziario della Corea del Nord", ha detto Billingslea al Congresso. Il funzionario del Tesoro ha anche insinuato che gli scambi commerciali sull'asse Pyongyang-Mosca siano aumentati quest'anno: "Le aziende russe continuano a fornire sostegno alla Corea del Nord" e rappresentanti di banche nordcoreane "operano in Russia violando palesemente le risoluzioni adottate dalla Russia all'Onu".

Oggi il presidente Donald Trump ha descritto l'azione di ieri delle Nazioni Unite come un "passo molto piccolo" e che le nuove sanzioni "sono una cosa di poco conto". Pur dicendosi contento dell'unanimità del voto "quelle sanzioni non sono nulla rispetto a quanto alla fine dovrà succedere".

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft