Usa e Cina promettono di collaborare per risolvere la questione nordcoreana

Da Pechino il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, modera i toni e apre alla diplomazia, dopo che aveva detto di voler valutare anche un possibile intervento militare. Forse ad aprile ci sarà l'incontro a Washington tra Trump e Xi

Gli Stati Uniti e la Cina lavoreranno insieme per cercare che evitare che la questione nucleare in Corea del Nord prenda "un direzione differente". Il segretario di Stato americano Rex Tillerson, in un incontro ufficiale con il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, a Pechino ha deciso di moderare i toni.

Solo venerdì, parlando dalla Corea del Sud, aveva attaccato la Cina, sostenendo che non fa abbastanza per frenare Pyongyang. Pechino ha espresso tutta la sua irritazione per i ripetuti richiami arrivati da Washington. E adesso sembra che sia disposta a intervenire, in uno dei temi che accomunano gli interessi delle due economie più grandi al mondo. Wang ha descritto l'incontro con Tillerson come "chiaro, pragmatico e produttivo".

I due hanno posto le basi per il vertice tra il presidente americano Donald Trump e quello cinese Xi Jinping, sul quale i due stati continuano a lavorare per difinire gli ultimi dettagli. Potrebbe avvenire ad aprile e sarebbe il primo tra i due leader, anche se per ora nessuna delle due parti ha voluto dare dettagli. Domenica invece, prima di concludere il suo viaggio in Asia, Tillerson incontrerà Xi.

Come dicevamo, Tillerson ha assunto una linea più moderata rispetto a quella di venerdì, quando aveva detto di voler valutare anche la possibilità di una azione militare. Uscito dall'incontro con Wang, Tillerson ha ricordato che Stati Uniti e Cina "condividono una visione comune" in riferimento alla penisola coreana, dove faranno il possibile per evitare che ci sia qualsiasi tipo di conflitto.

"Insieme alla Cina faremo pressioni sulla Corea del Nord affinché cambi rotta e si allontani dal progetto di sviluppare un'arma nucleare", ha detto Tillerson. Entrambi i Paesi inoltre hanno fatto sapere di voler continuare con la soluzione diplomatica attraverso le Nazioni Unite.

Dall'inizio del 2016 la Corea del Nord ha portato a termine due test nucleari e una serie di test missilistici. La settimana scorsa ha lanciato altri missili che sono caduti all'interno del mare del Giappone.

Allo stesso tempo starebbe sviluppando armi nucleari in grado di colpire gli Stati Uniti. Washington ha chiesto più volte alla Cina - che da sempre collabora e ha rapporti diplomatici con Pyongyang - di intervenire.

Pechino ha assunto una posizione equidistante da entrambe le parti: ha chiesto alla Corea del Nord di sospendere i test, ma anche a Corea del Sud e Stati Uniti di fermare le esercitazioni militari congiunte. Per la Cina inoltre il sistema di difesa missilistica della Corea del Sud, il THAAD, è una minaccia nei sui confronti. Anche la Russia ha espresso la stessa opinione. Il sitema radar è cos" potente che potrebbe intercettare missili cinesi o russi e abbatterli.

Altri Servizi

La ricetta di McDonald's per il rilancio funziona, lo dimostra la trimestrale

Le vendite nei ristoranti aperti da almeno un anno sono cresciute a livello globale e in Usa, il mercato di riferimento
iStock

Un'offerta più ampia di hamburger di varie dimensioni, bibite in vendita per un solo dollaro e caffè a due dollari hanno permesso a McDonald's di chiudere un trimestre con conti superiori alle stime del mercato. E negli Stati Uniti è in atto la tanto attesa ripresa.

Boccia a NY: l'Italia è una grande piattaforma per gli investimenti

Il presidente di Confindustria difende il nostro Paese: dal punto di vista industriale, è il secondo dopo la Germania ma solo il 30% degli italiani lo sa. Contro i populismi servono ponti. Sole 24 Ore? C'è volontà di intervenire sull'aumento di capitale
Vincenzo Boccia con Lucio Caputo

Dopo averlo fatto a Washington, Vincenzo Boccia è venuto a New York per presentare la sua Confindustria e per dire che "non ci rendiamo conto di cosa è l'Italia dal punto di vista industriale: il secondo Paese dopo la Germania" in Europa. Parlando durante un evento organizzato in suo onore nella metropoli americana, Boccia ha ricordato al suo pubblico che "su 14 settori, in nove siamo tra i primi al mondo".

I primi cento giorni di Donald Trump

Ecco perché il presidente americano non dovrebbe attaccare i suoi predecessori. I numeri (e le sconfitte) dicono che il suo inizio alla Casa Bianca è tutt'altro che entusiasmante

Sabato 29 aprile Donald Trump passerà il traguardo dei primi cento giorni alla Casa Bianca. Ma, scrivono i media americani, il presidente americano ha veramente poco da festeggiare, soprattutto perché in più di tre mesi non è riuscito a portare a termine nessuna delle promesse fatte ai suoi elettori: il divieto di ingresso ai cittadini di alcuni Paesi a maggioranza musulmana (il muslim ban) è stato bloccato due volte da due diversi tribunali. La riforma sanitaria che avrebbe dovuto sostituire il "disastroso" Obamacare è stata bocciata dalla Camera. Il muro con il Messico potrebbe non avere il via libera dal Congresso al suo primo finanziamento, 1,4 miliardi di dollari per iniziare i primi chilometri, in un atto più simbolico che di sostanza.

Governo Usa: "L'arresto di Assange è una priorità"

Lo ha detto il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions. Trump, mesi fa: "Amo WikiLeaks", nel 2010: "Pena di morte"
Ap

L'arresto del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è una "priorità" per gli Stati Uniti. Lo ha detto ieri il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, durante una conferenza stampa a El Paso, in Texas. "Aumenteremo ancora i nostri sforzi, e li stiamo già aumentando, contro tutte le fughe di notizie [...] S", è una priorità [arrestare Assange]. Cercheremo di mettere un po' di persone in carcere".

Trump a Gentiloni, Europa forte è importante. In Libia nessun ruolo

Con Italia "amici e partner vitali". Sì a relazioni commerciali "equilibrate, reciproche, eque e a beneficio di ambo i Paesi". Il presidente del consiglio ribadisce impegno finanziario verso la Nato

Un'Europa forte "è importante per gli Stati Uniti", che in Libia non sembrano volere alcun ruolo se non quello di sconfiggere il terrorismo. Sono questi alcuni dei messaggi lanciati da Donald Trump nella conferenza stampa congiunta con Paolo Gentiloni.

L'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump, Michael Flynn, potrebbe avere violato la legge non avendo dettagliato i pagamenti ricevuti per avere fornito consulenza a persone e aziende in Russia e in Turchia. L'ipotesi è stata formulata dalla commissione Sorveglianza della Camera dei deputati americana, la principale commissione d'inchiesta del Congresso Usa.

Italia: Fmi peggiora stime su deficit e debito, più tasse su patrimoni e immobili

L'istituto di Washington consiglia una riduzione ulteriore del cuneo fiscale. Anche grazie al nostro Paese, stop all'austerità nelle economie avanzate e politica fiscale espansiva in Eurozona nel 2017

Peggiorando le stime su deficit e debito negli anni a venire, il Fondo monetario internazionale preme affinché l'Italia riduca ulteriormente il cuneo fiscale e ricorra a tasse su patrimoni e immobili (il governo Renzi aveva eliminato l'Imu sulla prima casa). Il nostro Paese viene citato dall'istituto di Washington tra quelli che hanno contribuito a mettere fine all'austerità nelle economie avanzate. E grazie anche all'Italia, la politica fiscale nell'Eurozona per il 2017 dovrebbe rimanere espansiva. Inoltre, dice il Fondo, le elezioni in Francia e Germania e magari anche nella nostra nazione potrebbero cambiare il quadro fiscale, ancora alle prese con rischi elevati a causa soprattutto dell'incertezza legata alla politica economica della nuova amministrazione Usa.

Il legname canadese nel mirino di Trump, gli Usa vogliono dazi al 20%

Dopo le proteste dei produttori di latte Usa per la politica dei prezzi di Ottawa, Washington apre un nuovo fronte nella guerra contro i prodotti provenienti dall'estero. Il governo canadese: "Decisione iniqua e punitiva"

Donald Trump apre un nuovo fronte nella guerra commerciale contro i prodotti provenienti dall'estero venduti negli Stati Uniti. Il bersaglio questa volta è il legname canadese, per il quale la Casa Bianca è pronta a introdurre un dazio punitivo del 20 per cento sulle importazioni (la media di un intervallo che va dal 3% al 24%). La decisione è preliminare: ne ha parlato lo stesso presidente americano ieri durante un incontro con i giornalisti delle testate d'ispirazione conservatrice; la notizia è stata confermata in una intervista al Wall Street Journal dal segretario al Commercio Wilbur Ross.

Il muro si farà ma per evitare shutdown Trump non chiede fondi (per ora)

In vista del voto per il rifinanziamento del governo il presidente ridimensiona le priorità

Il presidente Donald Trump ribadisce che il muro al confine tra Messico e Stati Uniti si farà, anche se ha ammorbidito la sua posizione per rimuovere il più grande ostacolo all'approvazione, attesa per venerdì, della legislazione necessaria per finanziare il governo fino al 30 settembre prossimo ossia fino alla fine dell'anno fiscale 2017. Senza un via libera, ci sarebbe il cosiddetto "shutdown", ovvero la paralisi delle attività del governo Usa. In pratica il presidente non sembra intenzionato a inserire nella misura la richiesta di finanziare il muro. Per ora. Di fatto, la Casa Bianca cercherà i fondi per la costruzione del muro nella legge finanziaria per il 2018. Pur permettendo questa sorta di concessione, Trump non vuole però che ciò sia visto come un passo indietro da parte sua: "Non lasciate che i fake media vi dicano che ho cambiato idea sul MURO", ha twittato oggi. "Verrà costruito e contribuirà a fermare il traffico di droga, di esseri umani, etc". Durante un incontro con alcuni esponenti della stampa conservatrice tenutosi ieri sera alla Casa Bianca, Trump aveva detto che potrebbe accettare una "spending bill" che comprenda una voce di spesa per la sicurezza al confine senza i fondi necessari per iniziare la costruzione del muro. "Costruire il muro e far sì che venga finanziato rimane un'importante priorità per lui", ha detto su Fox la sua consigliera Kellyanne Conway. "Ma siamo anche consapevoli che potrebbe accadere più in là quest'anno, o l'anno prossimo. E nel frattempo, potranno essere usate altre risorse e tecnologie smart per la sicurezza del confine". Tra Messico e Stati Uniti una barriera esiste già, almeno in alcuni punti. Non si tratta di un muro ma di una lamiera metallica alta dai due ai quattro metri, che sbarra soprattutto le aree urbane della frontiera e che viene sorvegliata da agenti di pattuglia, telecamere, elicotteri. Queste sono le "altre risorse" a cui fa riferimento Conway: risorse che potrebbero essere potenziate in attesa che il muro di Trump venga costruito. Il punto cruciale, però, sta proprio nel denaro necessario per costruirlo. Non solo perché, almeno all'inizio, a pagarlo dovranno essere i contribuenti statunitensi (in vista di un fantomatico rimborso da parte del governo messicano, che Trump pretende ma su cui il Messico si è già detto contrario). Ma anche perché la cifra stimata per i lavori continua ad aumentare. Dai 12 miliardi di dollari prospettati da Trump durante la campagna elettorale si è passati ai 21,6 stimati a febbraio dal dipartimento per la Sicurezza nazionale; stando invece ai senatori democratici, la cifra si aggira intorno ai 70 miliardi di dollari.

Trump vuole aliquote aziendali al 15% dal 35%, ma non sa come coprire entrate mancanti

Atteso per mercoledì 26 aprile il piano del 45esimo presidente Usa. Non è escluso scontro con il leader repubblicano alla Camera, che puntava al 20%
AP

E' iniziato il conto alla rovescia per il piano fiscale annunciato per domani da Donald Trump venerd" scorso, quando parlò di un taglio "enorme" delle tasse, il taglio "più grande di sempre". Come detto da un funzionario americano nel fine settimana, ad essere presentati saranno soltanto "i nostri principi e priorità generali"; per ora, l'unico dettaglio emerso è una proposta (fatta già in campagna elettorale) per ridurre al 15% dal 35% l'aliquota fiscale per le aziende. Si tratta di un livelo più basso del 28% proposto dal predecessore Barack Obama o del 25% ipotizzato nel 2014 dai repubblicani.