Usa e Cina si colpiscono con altri dazi

Un accordo commerciale sembra ancora un miraggio. Jpm: ogni famiglia americana spenderà almeno mille dollari in più all'anno

Gli Stati Uniti e la Cina si sono colpiti con altri dazi. Capi di abbigliamento, scarpe, articoli sportivi e certi prodotti tecnologici come l'Apple Watch sono tra i prodotti che, arrivando su suolo americano dalla Cina, da domenica 1 settembre subiscono dazi. In risposta, il petrolio Made in Usa in arrivo nella nazione asiatica viene colpito da dazi per la prima volta da quanto le due nazioni hanno iniziato la loro guerra commerciale nel marzo del 2018. Non solo. Pechino colpisce il cuore della base elettorale che ha permesso a Donald Trump di vincere nel 2016 prendendo di mira anche carne di maiale, manzo e pollo oltre ad prodotti agricoli tra cui i semi di soia, ora tassati al 30% e non più al 25%.

In termini numerici, l'amministrazione Trump ha fatto scattare dazi del 15% su circa 112 miliardi di importazioni cinesi. Il governo Xi ha imposto dazi aggiuntivi del 5-10% su 1.717 dei 5.078 beni in arrivo dall'America per un valore di 75 miliardi di dollari.

In pratica oltre due terzi dei beni al consumo in Usa importati dalla Cina sono ora tassati. Si arriverà virtualmente al 100% il 15 dicembre, quando Washington imporrà dazi del 15% su altri 160 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Ad oggi, l'87% dei tessuti e dei capi di abbigliamento in arrivo dalla Cina e il 52% delle calzature è soggetto a tariffe doganali. Dal 15 dicembre il sorgo, il cotone e il frumento americani subiranno dazi aggiuntivi del 10%.

Secondo JP Morgan, i dazi voluti dal presidente Donald Trump costeranno a ogni famiglia americana in media mille dollari l'anno contro i 600 dollari calcolati con i dazi in vigore nel 2018. L'ultimo calcolo degli analisti non include il rialzo al 15% dal 10% dei dazi scattati l'1 settembre né quello imposto sui dazi già in vigore dal settembre 2018 su 250 miliardi di dollari di importazioni cinesi e che li porterà al 30% dal 25% l'1 ottobre, data che coincide con il 70esimo anniversario della nasciata della Repubblica popolare cinese.

Tutto questo potrebbe frenare ulteriormente l'economia americana, cresciuta del 2% nel secondo trimestre dopo il +3,1% del periodo gennaio-marzo. Sebbene i consumi fino ad ora abbiamo tenuto, gli americani sono sempre più preoccupati dai dazi. E' quanto ha rilevato l'Università del Michigan, secondo cui la fiducia dei consumatori ad agosto ha subito il calo maggiore dal dicembre del 2012.

Sebbene Trump non faccia che ripetere che è la Cina a pagare per i dazi da lui voluti, il rischio reale è che gli importatori finiscano per riversare sul consumatore finale i costi in aumento. L'altra alternativa per loro è farsene carico a scapito di utili e margini.

Non è un caso che in un editoriale l'agenzia cinese Xinhua abbia scritto: "Chi a Washington sposa una linea commerciale dura deve smettere di negare che la sua politica commerciale sta ledendo il popolo e le aziende americane".

Usa e Cina hanno recentemente abbassato i toni in vista del prossimo round di negoziati previsto a Washington all'inizio del mese appena iniziato. Certo è che Pechino non intende alzare bandiera bianca. Come riferito dalla stessa Xinhua, "la determinazione della Cina nel lottare contro la belligeranza economica statunitense è sempre più forte, e le sue contromisure più mirate e risolute". Attenta alla sua reputazione nella nazione, la Cina ha mandato a dire agli "uomini nella Casa Bianca" che "dovrebbero imparare che l'economia cinese è forte e resiliente quanto basta per resistere alla pressione generata dalla guerra commerciale".

Altri Servizi

New York vuole obbligare i negozi ad accettare i contanti

Il proponente della legge: "Diritto di scelta per i consumatori"

Per pagare anche una tazzina di caffè o una corsa in taxi, la carta di credito è diventata il metodo di pagamento preferito, se non esclusivo, in molte parti del mondo. Essere costretti a usarla, senza avere l'opzione dei contanti, potrebbe presto essere illegale a New York City.

Ambiente, Trump cancella norma di Obama a difesa dei fiumi

 Accontentati agricoltori e costruttori

L'amministrazione Trump ha messo a punto una norma che eliminerà le protezioni ambientali per corsi d'acqua, paludi e altri corpi idrici, consegnando un'importante vittoria ad agricoltori, produttori di combustibili fossili e grandi costruttori, contrari alle regole imposte dalla presidenza Obama. Dal primo giorno alla Casa Bianca, scrive il New York Times, il presidente Donald Trump diceva di voler abrogare il "Waters of the United States" di Obama, inviso ai proprietari terrieri rurali. La nuova norma, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, è solo l'ultimo passo compiuto dall'amministrazione attuale per eliminare o indebolire le leggi o i regolamenti a difesa dell'ambiente voluti da Obama, un pacchetto di regole "orribile", "distruttivo", "uno dei peggiori esempi dell'eccessivo intervento federale", secondo Trump. 

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Trump: "I palestinesi reagiranno male, ma l'accordo di pace è positivo per loro"

Il presidente Usa svelerà nei prossimi giorni il suo piano
Ap

"Sono sicuro che forse reagiranno negativamente in un primo momento, ma in realtà è molto positivo per loro. Hanno un sacco di incentivi". Questo il commento del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sulla possibile reazione dei palestinesi all'accordo di pace in Medio Oriente; l'amministrazione statunitense sta lavorando da tempo a un piano.

Wall Street avanza dopo la trimestrale Ibm

Da Davos, Trump minaccia dazi sulle auto Ue senza accordo commerciale con Bruxelles
AP

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Inizia la difesa di Trump nel processo di impeachment al Senato

Difesa avra' 3 giorni a disposizione per presentare i propri argomenti
AP

Dopo i tre giorni concessi all’accusa per le argomentazioni iniziali nel processo di impeachment contro il presidente statunitense Donald Trump, oggi e’ il turno della difesa. Ad inaugurare i tre giorni a disposizione della difesa ci ha pensato il consigliere della Casa Bianca, Pat Cipollone.

Impeachment Trump, la difesa: "Processo incostituzionale"

Il team legale del presidente risponde alle accuse. Per i democratici, va rimosso perché rappresenta "una minaccia alla sicurezza nazionale"
Ap

I legali del presidente statunitense Donald Trump hanno respinto con decisione le accuse che hanno portato al suo impeachment, definendo il processo contro di lui "incostituzionale" e "un attacco alla libertà di voto degli americani". I democratici, invece, hanno chiesto al Senato di rimuovere la "minaccia alla sicurezza nazionale" che il presidente rappresenta. Nei primi documenti consegnati per il processo in Senato, emergono chiaramente le strategie e le opposte argomentazioni sul destino di Trump, anche in vista delle presidenziali di novembre.