Usa: con Trump, boom degli arresti di migranti senza permesso di soggiorno

Nel primo anno della sua presidenza, sono invece calati quelli lungo il confine con il Messico. Giù anche le espulsioni. Il dipartimento di sicurezza ha un nuovo capo

Il numero di persone colte a superare il confine messicano mettendo piede illegalmente negli Stati Uniti è sceso ai minimi storici da quando Donald Trump è entrato alla Casa Bianca il 20 gennaio 2017 ma dal maggio successivo è tornato a crescere. C'è stato piuttosto un boom degli arresti di persone residenti in Usa senza permesso di soggiorno nel primo anno di presidenza Trump.

Il dipartimento per la Sicurezza nazionale ha subito cantato vittoria: "Abbiamo chiaramente visto i risultati di successo dell'impegno del presidente a sostenere agenti e funzionari mentre fanno rispettare la legge e proteggono i confini", ha detto in conferenza Elaine Duke, il segretario del dipartimento ad interim che sta per essere sostituito da Kirstjen M. Nielsen, la cui nomina è stata confermata al Senato. Nielsen, 45 anni, è una stretta confidente del capo di gabinetto alla Casa Bianca, John F. Kelly; quest'ultimo era stato a capo del dipartimento da gennaio a luglio scorsi.

Stando ai dati forniti dal Customs and Border Protection (CBP), una delle due agenzie federali parte del dipartimento americano per la Sicurezza nazionale, nell'anno fiscale concluso il 30 settembre scorso sono stati compiuti 310.531 arresti al confine tra Usa e Messico, il 24% in meno rispetto all'anno precedente e pari ai minimi del 1971.

Sono balzati invece gli arresti di persone che risiedono in Usa senza permesso di soggiorno anche se le espulsioni sono scese: tra l'inizio della presidenza Trump e la fine di settembre, gli agenti dell'Immigration and Customs Enforcement (ICE) - agenzia a sua volta parte del dipartimento per la Sicurezza nazionale - gli arresti sono stati 110.568, il 42% in più sullo stesso periodo del 2016. Le espulsioni hanno raggiunto quota 226.119, il 6% in meno sull'anno fiscale 2016.

Tom Homan, direttore ad interim di ICE, ha respinto le accuse di gruppi a difesa dei migranti secondo cui l'amministrazione Trump ha fatto di tutto per incastrare persone e rispendirle nel loro Paese di origine sfruttando infrazioni insignificanti o andandone a caccia in luoghi che teoricamente dovrebbero essere sicuri.

"Siamo spesso accusati di compiere discriminazioni attraverso raid o arresti in chiese e ospedali", ha detto Homan durante una conferenza. "Ma noi compiamo operazioni mirate, sappiamo esattamente dove e chi arrestare". Lo stesso funzionario ha criticato le cosiddette città "santuario" che proteggono persone che ci vivono da tempo pur non avendo il permesso di risiedere negli Stati Uniti: per lui sono "responsabili di mettere a rischio vite innocenti proteggendo criminali illegali".

Il calo degli arresti al confine con il Messico getta ulteriori dubbi sulla necessità - difesa da Trump- di costruire un muro. Tanto più che il 58% degli arrestati era originario di Paesi diversi dal Messico. "Nella società usiamo mura e recinzioni per proteggere cose. La cosa non dovrebbe essere diversa al confine", ha detto Ronald Vitiello, vice commissario ad interim di CBP. "Il muro è parte di un sistema di sicurezza" che include sensori, luci, radar e torri fisse o mobili. Confermando che la sua agenzia sta studiando prototipi di muro, Vitiello ha aggiunto che allo studio c'è anche il ricorso a droni per monitorare il confine.

Immigration and Customs Enforcement
Immigration and Customs Enforcement
Altri Servizi

Wall Street si allontana dai record

Morgan Stanley ha battuto le stime con la sua trimestrale. A mercati chiusi i conti di American Express e Ibm
AP

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Steve Bannon "intende cooperare totalmente con Mueller", secondo una fonte di Axios vicina all'ex stratega della Casa Bianca. Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha infatti spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Bannon, come svelato ieri dal New York Times.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Il capo, il fidanzato e l'Fbi: Simona Mangiante, l'italiana finita nel Russiagate

L'avvocata di diritto internazionale sta con Papadopoulos, ex consigliere di Trump, e ha lavorato per Mifsud, misterioso professore maltese finito al centro delle indagini di Mueller

C'è un uomo misterioso emerso come figura centrale nelle indagini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi: Joseph Mifsud, un professore maltese che avrebbe fatto da intermediario tra George Papadopoulos, ex consigliere di Donald Trump per la politica estera durante la campagna elettorale, e alcuni funzionari russi, promettendo allo statunitense informazioni compromettenti sulla candidata democratica, Hillary Clinton. Per Mifsud ha lavorato Simona Mangiante, fidanzata di Papadopoulos. Su queste tre figure si concentra un articolo del Guardian.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi i conti di Goldman Sachs e Bank of America
AP