Usa: con Trump, boom degli arresti di migranti senza permesso di soggiorno

Nel primo anno della sua presidenza, sono invece calati quelli lungo il confine con il Messico. Giù anche le espulsioni. Il dipartimento di sicurezza ha un nuovo capo

Il numero di persone colte a superare il confine messicano mettendo piede illegalmente negli Stati Uniti è sceso ai minimi storici da quando Donald Trump è entrato alla Casa Bianca il 20 gennaio 2017 ma dal maggio successivo è tornato a crescere. C'è stato piuttosto un boom degli arresti di persone residenti in Usa senza permesso di soggiorno nel primo anno di presidenza Trump.

Il dipartimento per la Sicurezza nazionale ha subito cantato vittoria: "Abbiamo chiaramente visto i risultati di successo dell'impegno del presidente a sostenere agenti e funzionari mentre fanno rispettare la legge e proteggono i confini", ha detto in conferenza Elaine Duke, il segretario del dipartimento ad interim che sta per essere sostituito da Kirstjen M. Nielsen, la cui nomina è stata confermata al Senato. Nielsen, 45 anni, è una stretta confidente del capo di gabinetto alla Casa Bianca, John F. Kelly; quest'ultimo era stato a capo del dipartimento da gennaio a luglio scorsi.

Stando ai dati forniti dal Customs and Border Protection (CBP), una delle due agenzie federali parte del dipartimento americano per la Sicurezza nazionale, nell'anno fiscale concluso il 30 settembre scorso sono stati compiuti 310.531 arresti al confine tra Usa e Messico, il 24% in meno rispetto all'anno precedente e pari ai minimi del 1971.

Sono balzati invece gli arresti di persone che risiedono in Usa senza permesso di soggiorno anche se le espulsioni sono scese: tra l'inizio della presidenza Trump e la fine di settembre, gli agenti dell'Immigration and Customs Enforcement (ICE) - agenzia a sua volta parte del dipartimento per la Sicurezza nazionale - gli arresti sono stati 110.568, il 42% in più sullo stesso periodo del 2016. Le espulsioni hanno raggiunto quota 226.119, il 6% in meno sull'anno fiscale 2016.

Tom Homan, direttore ad interim di ICE, ha respinto le accuse di gruppi a difesa dei migranti secondo cui l'amministrazione Trump ha fatto di tutto per incastrare persone e rispendirle nel loro Paese di origine sfruttando infrazioni insignificanti o andandone a caccia in luoghi che teoricamente dovrebbero essere sicuri.

"Siamo spesso accusati di compiere discriminazioni attraverso raid o arresti in chiese e ospedali", ha detto Homan durante una conferenza. "Ma noi compiamo operazioni mirate, sappiamo esattamente dove e chi arrestare". Lo stesso funzionario ha criticato le cosiddette città "santuario" che proteggono persone che ci vivono da tempo pur non avendo il permesso di risiedere negli Stati Uniti: per lui sono "responsabili di mettere a rischio vite innocenti proteggendo criminali illegali".

Il calo degli arresti al confine con il Messico getta ulteriori dubbi sulla necessità - difesa da Trump- di costruire un muro. Tanto più che il 58% degli arrestati era originario di Paesi diversi dal Messico. "Nella società usiamo mura e recinzioni per proteggere cose. La cosa non dovrebbe essere diversa al confine", ha detto Ronald Vitiello, vice commissario ad interim di CBP. "Il muro è parte di un sistema di sicurezza" che include sensori, luci, radar e torri fisse o mobili. Confermando che la sua agenzia sta studiando prototipi di muro, Vitiello ha aggiunto che allo studio c'è anche il ricorso a droni per monitorare il confine.

Immigration and Customs Enforcement
Immigration and Customs Enforcement
Altri Servizi

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones verso l'ottava seduta in perdita. Oggi il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

"Caro Emmanuel, dovresti conoscere bene l’argomento (terrorismo ndr) dal momento che tutti i terroristi sono a Parigi". Donald Trump si sarebbe rivolto con queste parole, parlando della sfida dell’occidente al terrorismo, al suo omologo francese, Macron, durante il G7 canadese tenutosi a La Malbaie l’8 e il 9 giugno scorsi. A ricostruire il dietro le quinte è un articolo del Wall Street Journal che cita fonti diplomatiche europee.

Usa: fare shopping online costerà di più. Ecco perché

La Corte Suprema dà ragione al South Dakota: gli Stati possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax

Fare shopping online costerà di più in Usa. La Corte Suprema, il massimo organo giudiziario degli Stati Uniti, ha deciso che gli Stati americani possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax, l'equivalente dell'italiana Imposta generale sulle entrate (quella che ha preceduto l'Imposta sul valore aggiunto). Essa ha come oggetto le transazioni riguardanti prodotti e servizi acquistati dal consumatore finale.

Migranti, Trump cambia idea ma migliaia di famiglie resteranno separate

Dopo un forte pressing, il presidente Usa ha firmato un ordine per tenere uniti i bambini ai loro genitori

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo per non dividere più i bambini dai genitori, con cui sono entrati irregolarmente nel Paese. "Firmerò qualcosa a questo proposito" aveva anticipato nella mattinata Usa ai giornalisti presenti alla Casa Bianca confermando le indiscrezioni. Nel pomeriggio, al fianco del vicepresidente Mike Pence e del segretario per la Sicurezza nazionale Kirstjen Nielsen ha messo la sua firma sul documento "per tenere unite le famiglie" al confine tra Usa e Messico. Il leader americano ha tuttavia ribadito "tolleranza zero" nel perseguire gli adulti che mettono illegalmente piede su suolo Usa.

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

Intel: il Ceo Krzanich lascia, ha avuto relazione consensuale con dipendente

Era a.d. dal maggio 2013 e ha trasformato il gruppo in cui entrò nel 1982. Si cerca un successore. Atteso un secondo trimestre record

L'uomo protagonista della trasformazione di Intel da un'azienda che produce chip per PC a una specializzata nei servizi per la gestione di dati ha annunciato le dimissioni. Si tratta di Brian Krzanich, 58 anni, dal maggio del 2013 Ceo del gruppo nel quale fece il suo ingresso nel 1982.

Intel: il Ceo Krzanich lascia, ha avuto relazione consensuale con dipendente

Era a.d. dal maggio 2013 e ha trasformato il gruppo in cui entrò nel 1982. Si cerca un successore. Atteso un secondo trimestre record

L'uomo protagonista della trasformazione di Intel da un'azienda che produce chip per PC a una specializzata nei servizi per la gestione di dati ha annunciato le dimissioni. Si tratta di Brian Krzanich, 58 anni, dal maggio del 2013 Ceo del gruppo nel quale fece il suo ingresso nel 1982.

Camera Usa, mancano i voti per approvare la legge sull'immigrazione. Pelosi: "È un compromesso con il diavolo"

Lo ha detto la deputata repubblicana McMorris Rodgers: "Ma stiamo lavorando per riuscirci"
iStock

La proposta di legge 'moderata' del partito repubblicano alla Camera è un accordo "con il diavolo". Lo ha detto la leader della minoranza democratica, Nancy Pelosi, che ha accusato gli avversari politici di promuovere la crudeltà nei confronti dei bambini al confine.

Camera Usa, mancano i voti per approvare la legge sull'immigrazione. Pelosi: "È un compromesso con il diavolo"

Lo ha detto la deputata repubblicana McMorris Rodgers: "Ma stiamo lavorando per riuscirci"
iStock

La proposta di legge 'moderata' del partito repubblicano alla Camera è un accordo "con il diavolo". Lo ha detto la leader della minoranza democratica, Nancy Pelosi, che ha accusato gli avversari politici di promuovere la crudeltà nei confronti dei bambini al confine.