Usa: divario tra ricchi e poveri ai massimi pesa su immobiliare

La Banca Centrale americana preoccupata dalla crisi del settore case, specchio della ripresa a due velocità del Paese
iStock

Nelle aree metropolitane degli Stati Uniti il divario tra i redditti dei più ricchi e quelli dei più poveri ha raggiunto livelli record tenendo a freno la ripresa del settore immobiliare residenziale.

Negli anni passati il gap si era ristretto e poi nuovamente allargato ma la recente crisi finanziaria lo ha nuovamente ampliato.

I dati dei dipartimenti americani di Commercio e Lavoro - pubblicati dal Financial Times ed elaborati per conto del quotidiano dal sito di real estate Trulia - mostrano che la disparità di redditi tra le 10 aree metropolitane più costose in termini di prezzi delle case e le altre 90 aree analizzate nel 2013 ha toccato un'ampiezza che non si vedeva dal 1969, quando questa tipologia di rilevazioni è iniziata. Un esempio: il divario tra Boston, al decimo posto, e Cincinnati, al 90esimo, ha raggiunto il picco degli ultimi 45 anni.

Il motivo di questa disparità nel settore immobiliare rispecchia la disparità di crescita economica tra le diverse zone del Paese. “Il mercato immobiliare corre a velocità molto diverse in base alle zone geografiche come conseguenza della disparità dei livelli di occupazione”, ha dichiarato al Fiancial Times Mark Palim, economista presso Fannie Mae, agenzia nazionale per il rifinanziamento dei mutui.

Ad agitare o “addormentare” il mercato immobiliare è anche lo sviluppo di determinati settori dell’economia rispetto ad altri.

“Ad Austin, in Texas, la crescita del settore tecnologico ha spinto la domanda immobiliare. Ma a Akron, in Ohio, dove si sta lottando per rilanciare l'occupazione attraverso l’inaugurazione di nuovi stabilimenti, la vendita di case fatica a decollare”, continua Palim.

Non è un caso se, come riscontrato da Trulia, il rimbalzo delle costruzioni (soprattutto di appartamenti) si sia verificato nelle aree più ricche che comprendono San Jose (California), Boston (Massachusetts) e New York.

Altri Servizi

liveblog4testing

subtitle

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP