Usa, Francia e Regno Unito attaccano la Siria. Trump: "Missione compiuta". Putin: "Aggressione"

Operazione mirata per mandare un segnale ad Assad, senza scatenare la reazione militare di Russia e Iran. Trump al Cremlino: "Che razza di Paese vuole essere associato con l'assassinio di massa di uomini, donne e bambini innocenti?"
AP

Gli Stati Uniti non cercano il conflitto in Siria. Lo ha sottolineato la portavoce del Pentagono, Dana White, informando che l'intervento coordinato con Francia e Regno Unito ha colpito con successo tutti gli obiettivi prefissati. I raid hanno "colpito con successo tutti gli obiettivi" ha detto White; il Pentagono ha poi dichiarato che i raid non avrebbero provocato vittime.

"Non cerchiamo il conflitto in Siria, ma non possiamo permettere violazioni tanto gravi del diritto internazionale" ha detto White. "Abbiamo colpito con successo tutti gli obiettivi. I raid sono stati giustificati, legittimi e proporzionati" ha aggiunto, durante il briefing insieme al generale Kenneth McKenzie, consigliere militare del presidente Donald Trump. McKenzie, poi, ha detto che la contraerea russa non è entrata in azione durante i bombardamenti congiunti e che non ci sono stati contatti con Mosca prima degli attacchi, contrariamente a quanto riportato dalla agenzia russa Ria Novosti. Secondo l'organo di stampa che ha citato l'ambasciatore americano a Mosca, Jon M. Huntsman, gli Stati Uniti sono stati in contatto con Mosca prima dei raid per minimizzare le perdite tra i militari russi e tra i civili.

Il presidente, dopo le dure parole pronunciate ieri per annunciare l'azione militare, ha commentato su Twitter: "Missione compiuta!". "Un attacco perfettamente eseguito ieri sera. Grazie a Francia e Regno Unito per la saggezza e la potenza dei loro ottimi eserciti. Non avrebbe potuto esserci un risultato migliore" ha scritto Trump.

Più tardi, l'ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha detto che Washington è "pronta a intervenire" di nuovo in caso di un altro attacco chimico in Siria, mentre è in corso una riunione d'emergenza del Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

La Russia ha chiesto un voto del Consiglio sulla sua bozza di risoluzione di condanna dei raid. Questo progetto di cinque paragrafi, che ha poche chance di raccogliere i nove voti necessari alla sua adozione, esprime una "grande inquietudine" di fronte "all'aggressione" contro uno Stato sovrano, che viola, secondo Mosca, "il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni unite".


L'attacco

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno lanciato nella notte degli attacchi contro obiettivi mirati in Siria, per punire il presidente Bashar al-Assad per il presunto uso di armi chimiche contro la popolazione di Douma. L'operazione statunitense in Siria, ha riferito un alto funzionario della Casa Bianca alla Cnn, "non è finita"; anche altri due responsabili dell'amministrazione hanno riferito alla tv americana che la reazione militare agli attacchi chimici non è terminata. "Nel piano sono stati inseriti molti elementi di flessibilità per consentire ulteriori attacchi, basati su quello che è stato colpito stanotte" ha aggiunto il funzionario.

Il segretario alla Difesa, Jim Mattis, ha detto che quella della scorsa notte "al momento" è un'operazione circoscritta e lanciata per "mandare un messaggio forte volto a dissuadere [Assad] dal farlo di nuovo [un attacco con armi chimiche]". Si è trattato di un attacco mirato di più ampia portata rispetto a quello di un anno fa, ma pur sempre di un'operazione contenuta, evidentemente calcolata per evitare di provocare la risposta militare degli alleati di Assad, Iran e Russia, dando al tempo stesso un chiaro segnale al presidente siriano.

Stando al Pentagono, i target dell'azione coordinata includono un centro di ricerca scientifico vicino alla capitale siriana, un magazzino di armi chimiche nei pressi di Homs e un non lontano posto di comando. L'anno scorso, quando per motivi simili Trump aveva deciso di lanciare un'azione militare, era stata presa di mira solo una base aerea siriana. Questi target sono stati scelti in base alla loro "importanza" nell'ambito del programma chimico siriano e del luogo, per evitare effetti collaterali.

A dare l'annuncio dell'azione coordinata tra Washington, Parigi e Londra è stato il presidente Trump. In un messaggio video alla nazione, il leader nordamericano ha fatto riferimento al presidente siriano, il "dittatore" Bashar al-Assad, e all'ultimo presunto attacco chimico dicendo "queste non sono le azioni di un uomo. Sono piuttosto crimini di un mostro". Lui che soltanto la settimana scorsa sembrava pronto a portare a casa i 2.000 soldati presenti in Siria, ha dichiarato che gli Stati Uniti "sono pronti ad agire in questo modo fino a quando il regime siriano non smetterà di usare sostanze chimiche proibite".

Anche Theresa May, il premier del Regno Unito, ha dichiarato: "Non si tratta di intervenire nella guerra civile. Non si tratta di cambiare regime. Si tratta di un attacco limitato e mirato che non alimenta ulteriormente le tensioni nella regione e che fa il possibile per prevenire vittime civili". Stando a Mattis, l'attacco è stato "preciso, proporzionato e pesante[...] è stato usato un numero doppio di armi rispetto allo scorso anno", quando Trump diede il via al lancio di 59 missili Tomahawk.

La tv di Stato siriana ha riferito che 13 missili sono stati abbattuti a Sud di Damasco per contrastare "l'aggressione americana". La Russia - l'alleata di Damasco convinta, insieme a vari osservatori, che un attacco chimico a Douma non ci sia stato e che i video e le immagini fatti circolare siano stati creati ad hoc - non ha fatto attendere la sua risposta: su Facebook, l'ambasciatore russo in Stati Uniti, Anataloy Antonov, ha scritto che "azioni simili avranno conseguenze". Antonov ha aggiunto che "gli Stati Uniti - il più grande possessore di un arsenale di armi chimiche - non hanno alcun diritto morale di puntare il dito contro altre nazioni".

Ora resta da vedere come il Cremlino - già sanzionato per la sua presunta interferenza nelle elezioni presidenziali Usa - intende reagire insieme a Damasco. Il generale James F. Dunford Jr, il capo dello Stato maggiore congiunto, l'ufficiale militare di rango più elevato delle forze armate statunitensi, ha detto in conferenza stampa che la Russia era stata avvertita dell'attacco sulla Siria attraverso gli stessi canali di comunicazione usati negli ultimi giorni. A Mosca non erano stati forniti dettagli sui target presi di mira, ma era stato spiegato quale spazio aereo Usa e alleati avrebbero usato. Chiaramente gli Stati Uniti volevano evitare di colpire le forze russe in Siria.

Le reazioni

Il regime siriano ha denunciato "l'aggressione barbara e brutale" dei Paesi occidentali. "La guerra condotta dagli Stati uniti contro la Siria, contro i popoli della regione e i suoi movimenti di resistenza, non raggiungerà i suoi obiettivi" si legge in un comunicato di Hezbollah, alleati del presidente siriano Bashar al-Assad.

La Russia ha condannato "con la massima fermezza" i raid sulla Siria a opera di Usa, Francia e Regno Unito, un'aggressione "in violazione della carta Onu e del diritto internazionale", "contro uno Stato sovrano, in prima linea nella lotta contro il terrorismo". Lo afferma in una nota il presidente russo, Vladimir Putin, che chiede una riunione d'urgenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu per "discutere dell'aggressione degli Usa e dei suoi alleati contro la Siria". Putin poi critica l`atteggiamento "cinico" dei Paesi occidentali e condanna "seriamente l'attacco alla Siria, dove le truppe russe stanno aiutando il governo legittimo nella lotta contro il terrorismo". Per Putin "gli Stati Uniti con le loro azioni aggravano ulteriormente la catastrofe umanitaria in Siria, dove la popolazione civile sta soffrendo, sono indulgenti con i terroristi, che torturano il popolo siriano da sette anni, provocando una nuova ondata di profughi dal Paese e della regione nel suo complesso". In precedenza, la Russia aveva reso noto che la Difesa aerea siriana ha intercettato tutti e 12 i missili cruise che erano stati lanciati contro l'aeroporto militare di Dumayr. Mosca, principale alleato di Damasco, ha sottolineato che le unità di difesa russe in Siria non sono state coinvolte nell'azione di respingimento dei raid.

Israele ha definito "legittima" l'operazione militare degli Stati Uniti in Siria, affermando che il regime di Damasco continua le sue "azioni mortali". "L'anno scorso il presidente americano Donald Trump ha fatto capire che l'uso di armi chimiche equivale a superare una linea rossa. Questa notte Usa, Francia e Gran Bretagna hanno agito di conseguenza" ha spiegato un responsabile israeliano rimasto anonimo.

 

Le accuse a Mosca

Nel discorso con cui ha annunciato i raid militari, Trump si è rivolto a Russia e Iran, principali alleati di Damasco: "Che razza di Paese vuole essere associato con l'assassinio di massa di uomini, donne e bambini innocenti? Le nazioni possono essere giudicate dagli amici che hanno". "Nel 2013, il presidente Putin e il suo governo promisero al mondo che avrebbero garantito l'eliminazione delle armi chimiche in Siria. Il recente attacco di Assad e la risposta di oggi sono il diretto risultato del fallimento della Russia nel mantenere la sua parola". "La Russia - ha aggiunto Trump - deve decidere se continuare lungo questo oscuro percorso o se si unirà alle nazioni civilizzate come forza per la stabilità e la pace".

Altri Servizi

Wall Street non teme i nuovi dazi Usa contro la Cina

I mercati sembrano reagire bene alla nuova mossa del presidente Trump
iStock

Usa: nuovi dazi da 200 miliardi di dollari contro la Cina, Apple Watch e Airpods salvi (per ora)

Entrano in vigore dal 24 settembre al 10%. Dal primo gennaio saliranno al 25%. Trump: se Pechino reagisce con ritorsioni, pronte altre tariffe doganali per 267 miliardi

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina sembrano destinate ad aumentare. Dal prossimo 24 settembre l'America di Donald Trump farà scattare dazi del 10% su importazioni cinesi aventi un valore di 200 miliardi di dollari. Dal primo gennaio 2019, le tariffe doganali saliranno al 25%. E se Pechino adotterà ritorsioni, Washington reagirà passando alla "fase tre" della sua strategia imponendo altri dazi su 267 miliardi di dollari di importazioni cinesi dopo una prima fase corrispondente all'entrata in vigore di dazi del 25% per 50 miliardi.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Dimon: potrei battere Trump, "sono più intelligente". Poi si pente

Il Ceo di Jpm ha escluso una candidatura alle presidenziali
Wikimedia Commons

Jamie Dimon deve avere pensato che non è elegante insultare pubblicamente il presidente americano in carica, per quanto le sue politiche non piacciano.

Coca-Cola sta "osservando attentamente" il mercato delle bevande alla cannabis, consapevole che "si sta evolvendo rapidamente". Anche il colosso americano delle bibite si sta dunque concentrando su un settore a rapida crescita che potrebbe offrire l'opportunità di sfruttare la legalizzazione della marijuana in Nord America ed Europa per controbilanciare i consumi in calo delle bevande tradizionali.

La Cina ignora le minacce di Trump, annuncia dazi da 60 mld di dollari contro gli Usa

Risposta alle tariffe doganali da 200 mld annunciare dal presidente americano. Pechino valuta se mandare o meno una delegazione a Washington per riprendere i negoziati. Cook (Apple) ottimista

Come aveva anticipato da tempo, la Cina ha deciso che adotterà dazi tra il 5 e il 10% contro importazioni americane aventi un valore annuo di 60 miliardi di dollari. Le tariffe doganali scatteranno il 24 settembre, lo stesso giorno in cui entreranno in vigore quelle del 10% annunciate ieri dagli Usa contro 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; quei dazi saliranno al 25% dal primo gennaio prossimo.

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Wall Street: i salari sono tornati al massimi del 2008

Nel 2017 +13% a 422.500 dollari. Profitti settore finanziario +11% a 13,7 miliardi nei primi sei mesi del 2018. Verso terzo anno di fila di bonus in aumento
iStock

Nel 2017 i salari medi a Wall Street sono tornati ai massimi del 2008, l'anno in cui Lehman Brothers fallì diventando simbolo della peggiore crisi economico-finanziaria dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso.

Fed: Richard Clarida ha giurato, è vicepresidente

Global strategic adviser di Pimco nonché professore di economia alla Columbia University, prende il posto lasciato nell'ottobre 2017 da Stanley Fischer

La poltrona di vicepresidente della Federal Reserve, lasciata vuota da Stanley Fischer nell'ottobre 2017, è stata ufficialmente riempita. Il vertice della banca centrale Usa è così completato in vista della riunione del 25 e 26 settembre prossimi in cui dovrebbe essere annunciato il terzo rialzo dei tassi del 2018.

Stretta di Trump sui rifugiati: solo 30.000 in Usa nel 2019

È il limite più basso dalla creazione del programma per i rifugiati nel 1980
AP

L'amministrazione statunitense ha deciso, per il prossimo anno fiscale, di abbassare a 30.000 il numero di rifugiati ammessi nel Paese. Lo ha annunciato ieri il segretario di Stato, Mike Pompeo. Si tratta del tetto più basso imposto al programma per i rifugiati dalla sua creazione nel 1980 e di una riduzione di un terzo dal limite di 45.000 rifugiati imposto dal presidente Donald Trump per l'anno attuale. Ad agosto, il New York Times aveva anticipato la scelta dell'amministrazione, scrivendo che in discussione c'era addirittura l'ipotesi di abbassare il limite a 25.000 rifugiati.