Usa, Georgia al voto: spese record per un test su Trump

Elezioni speciali per un seggio alla Camera, attenzione nazionale. Spesi oltre 50 milioni di dollari: una cifra senza precedenti per un seggio a Capitol Hill

I democratici di tutti gli Stati Uniti attendono con ansia e grandi aspettative il voto previsto domani in Georgia per assegnare il seggio alla Camera del sesto distretto, lasciato libero da Tom Price, diventato segretario alla Salute e ai Servizi umani dell'amministrazione Trump.

Come successo per le elezioni speciali in Kansas e Montana e per quelle del quinto distretto della South Carolina, in programma sempre domani, il voto in Georgia è atteso per vedere le prime risposte degli elettori alla presidenza di Donald Trump, che senza dubbio ha un peso sulle decisioni dei cittadini. Il voto in Georgia, però, ha assunto una rilevanza eccezionale nel panorama nazionale, soprattutto per la capillare campagna elettorale del democratico Jon Ossoff, che ha coinvolto oltre 12.000 volontari che hanno girato porta a porta l'intero distretto elettorale e hanno contattato oltre mezzo milione di elettori, e per la quantità di denaro senza precedenti investita per un'elezione alla Camera. L'influsso dei volontari - molti dei quali, intervistati da The Hill, hanno raccontato di essere alla loro prima esperienza i campagna elettorale - sottolinea il grande interesse nel distretto periferico di Atlanta, tradizionalmente a favore dei repubblicani, ma che di poco ha premiato Donald Trump alle elezioni presidenziali (+1,5 punti contro Hillary Clinton), dopo aver votato nettamente a favore di Mitt Romney quattro anni prima (+23 punti contro Barack Obama).

Ossoff, 30 anni e un passato da assistente parlamentare, ha ottenuto grande notorietà negli ultimi mesi e ha raccolto la cifra considerevole di 23 milioni di dollari, in un confronto elettorale in cui sono stati spesi oltre 50 milioni di dollari. L'affluenza alle urne sarà fondamentale, in una corsa considerata molto equilibrata contro la repubblicana Karen Handel, 55 anni, ex segretario di Stato in Georgia, politica ed imprenditrice che già aveva provato a farsi eleggere in Senato, nel 2014; lo stesso Ossoff ha detto che "ogni voto sarà importante". Oltre 140.000 persone hanno già votato, il doppio di quelle che lo fecero per le primarie di aprile approfittando del voto anticipato.

Secondo gli ultimi sondaggi, Ossoff avrebbe meno di due punti di vantaggio sulla rivale. I democratici devono però competere contro l'andamento storico nel distretto, che ha nettamente rieletto Price e che, in passato, è stato rappresentato dall'ex speaker della Camera, Newt Gingrich. Le aspettative per i democratici sono alte, così come l'ansia per un'eventuale sconfitta, dopo un investimento elevato in termini di attenzione e costi per questa elezione speciale.

Altri Servizi

Suprematisti bianchi a Charlottesville: è stato di emergenza. Un'auto contro la folla, 3 morti e 35 feriti

Scontri nella piccola città della Virginia per la rimozione di una statua del generale Lee. Donald Trump: "La divisione arriva da più parti e iniziata molto tempo fa. Non è colpa di Trump o di Obama". Ma non condanna i razzisti
Suprematisti bianchi manifestano a Charlottesville, Virginia AP

Il governatore della Virginia, Terry McAuliffe, ha dichiarato lo stato di emergenza a Charlottesville, dopo che le proteste contro la rimozione di una statua di un generale delle forze Confederate, Robert E. Lee, ha portato a scontri violenti. Decine di persone sono rimaste ferite tra i manifestanti, quasi tutti appartenenti a gruppi di suprematisti bianchi. Il presidente americano Donald Trump ha condannato le violenze, sostenendo che arrivano da "più parti", ma anche che le divisioni sono iniziate molto tempo fa e "non è colpa di Donald Trump o di Barack Obama".

Snapchat delude ancora: perdita trimestrale quasi quadruplicata

Ricavi +153% non soddisfano gli analisti; male anche la crescita degli utenti

Con la sua seconda trimestrale dall'Ipo del 2 marzo scorso, Snap ha deluso. Di nuovo. E' il segno di come la competizione data da Facebook con la app rivale Instagram continui a pesare. La controllante di Snapchat ha messo a segno una perdita quasi quadruplicata, ricavi inferiori alle attese e la crescita degli utenti non ha convinto cos" come le vendite generate per ogni utente. Per questo il titolo è arrivato a cedere oltre il 14% nel dopo mercato (dopo la sua prima trimestrale da azienda quotata aveva perso più del 23%). La seduta era finita in rialzo dell'1,6% a 13,77 dollari, sotto i 17 dollari del prezzo di collocamento.

I cinque monumenti nazionali che Trump potrebbe cancellare

Il 24 agosto dovrebbe arrivare la decisione del segretario dell'Interno. Poi il presidente potrebbe decidere di eliminarli in parte o completamente. Sarebbe una vittoria per l'industria del petrolio e del carbone

Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.

Charlottesville, bufera su Trump. "Le sue parole sono insufficienti"

"Chiami il male col suo nome", repubblicani e democratici uniti contro il presidente

In quasi sette mesi di presidenza Donald Trump ha dimostrato di non aver alcun timore ad esprimere le proprie opinioni, per quanto a volte possano essere impopolari. Ci sono però degli argomenti su cui "The Donald" sembra essere più riflessivo, o quanto meno più attento, nel modo di esprimersi.

Charlottesville, la Casa Bianca prova a spegnere le polemiche contro Trump

Una nota ha fatto chiarezza sostenendo che il il presidente "condanna tutti, anche i suprematisti bianchi"

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, condanna "tutte le forme di violenza", incluse quelle dei suprematisti bianchi, dei neonazisti, del Kkk e di tutti i gruppi estremisti. Questo il senso della nota rilasciata dalla Casa Bianca per cercare di fare chiarezza dopo le polemiche arrivate da più parti nei confronti del presidente Trump, accusato di non aver condannato esplicitamente la violenza dei suprematisti bianchi a Charlottesville, in Michigan, dove sono morte tre persone e 35 sono rimaste ferite.

L'Iran risponde agli Usa. Parlamento approva un programma missilistico

Oltre mezzo miliardo di dollari per misure difensive e militari

Il Parlamento iraniano ha votato un pacchetto da mezzo miliardo di dollari di misure difensive e militari all’interno delle quali è previsto lo stanziamento di 260 milioni destinati allo sviluppo di un programma missilistico nazionale e alla Guardia Rivoluzionaria. Si tratta di una risposta alle sanzioni imposte da Washington a Teheran all’inizio del mese, proprio per via del programma balistico iraniano.

David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

AP

Mentre lo scontro a parole sull'asse Washington-Pyongyang non sembra placarsi, come dimostrato dalle affermazioni prima di Donald Trump e del Pentagono e poi della Corea del Nord che vorrebbe lanciare missili nelle acque vicine all'isola di Guam, il mondo intero si domanda se ci si trovi sull'orlo di una guerra nucleare. Il presidente ha promesso il ricorso al "fuoco e furia" e ha ricordato che gli Usa vantano l'arsenale nucleare "mai così potente". Il 'cane pazzo' James Mattis ha garantito che il regime nordcoreano può essere annientato. E' toccato al pragmatico Rex Tillerson, il capo della diplomazia Usa, a dire che una "minaccia non è imminente" e che si può dormire sonni tranquilli. Poi però il regime di Kim Jong-un ha minacciato di nuovo quello che risulterebbe il primo lancio di missili vicino a un territorio Usa. E forse proprio perché due terzi degli americani non sa trovare sulla mappa la Corea del Nord, l'America resta in allerta. Secondo il New York Times, però, non bisogna avere paura. Per almeno cinque motivi.

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Ricardo Kaka è stato espulso. Già questa è una notizia considerando che il giocatore brasiliano ex Milan e Real Madrid, oggi numero dieci di Orlando City, ha ricevuto solo un altro cartellino rosso nella sua carriera. Eppure c’è dell’altro perché l’espulsione del brasiliano, avvenuta "per condotta violenta", è scaturita dopo l’intervento del Var (video assistant referee) che esamina le decisioni degli altri arbitri in campo tramite l'ausilio di filmati, si tratta di quella che in gergo viene definita "moviola in campo".