Usa: il Senato discute sanzioni alla Russia su cyberattacchi, Siria e Ucraina

Un disegno di legge proposto dal repubblicano John McCain insieme a due senatori democratici

Nonostante l'apertura di Trump verso Mosca, le tensioni tra Russia e Stati Uniti sembrano non doversi allentare mai. Oggi a Washington in Senato sarà presentata una proposta di legge dal repubblicano John McCain e dai senatori democratici Ben Cardin e Robert Menendez: sul tavolo, la possibilità di nuove sanzioni contro il Cremlino per i suoi attacchi informatici condotti per influenzare l'esito delle elezioni presidenziali, ma anche per le azioni in Siria e in Crimea (la penisola ucraina che Mosca ha annesso nel 2014 andando contro Kiev, con una mossa giudicata illegale dalla comunità internazionale).

Oltre ai tre, almeno un'altra decina di senatori, sia democratici sia repubblicani, appoggerà - pare - la proposta, che dovrebbe prevedere il congelamento dei beni di tutti coloro che "siano coinvolti in attività che mettono a repentaglio la sicurezza cibernetica delle infrastrutture pubbliche o private e delle istituzioni democratiche" o abbiano collaborato a tali attività, così come la negazione dei visti ai medesimi. Oltre a questo, dovrebbe comprendere anche sanzioni contro chi collabori in qualunque modo con l'intelligence russa o il dipartimento della Difesa di Mosca (con potenziali ripercussioni sulle aziende che fanno affari con la Russia).

Diversi membri del governo statunitense chiedono da tempo che venga data una risposta più severa all'intervento di Putin in Siria e all'annessione della Crimea al territorio russo: in particolare, questa proposta trasformerebbe in legge quattro ordini esecutivi imposti dall'amministrazione Obama. Ora però, da quando l'intelligence statunitense ha accusato Mosca di aver messo a repentaglio il regolare svolgimento delle elezioni presidenziali americane per favorire Trump, in molti chiedono con rinnovata urgenza che queste sanzioni siano messe in atto.

Il progetto di legge viene proposto alla vigilia dell'audizione alla commissione Esteri del Senato per la conferma della nomina di Rex Tillerson a segretario di Stato. Una nomina che è stata molto criticata proprio perché Tillerson, in quanto ex amministratore delegato della compagnia petrolifera Exxon Mobil, ha lavorato per anni a stretto contatto con il governo russo.

Altri Servizi

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

General Electric serra i ranghi e cerca la via giusta per il rilancio. Il rinnovamento della conglomerata industriale americana passa anche per un rimpasto al vertiche: come ha fatto sapere l'amministratore delegato John Flannery, tre top manager lasceranno l'azienda. Si tratta del direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

Marchionne celebra al Nyse i 70 anni di Ferrari

Il Ceo del gruppo torna a Wall Street a due anni dall'Ipo del Cavallino rampante. Da allora +116% per il titolo dal simbolo RACE
Da sinistra, Sergio Marchionne, Piero Ferrari, John Elkann

Ferrari continua a celebrare il suo 70esimo anniversario. E lo fa anche a NY, dove nel giorno in cui l'America celebra Cristoforo Colombo il Ceo Marchionne suonerà la campanella che segna l'avvio degli scambi al NYSE. Proprio lì dove il Cavallino rampante si è quotato nell'ottobre 2015. Da allora, il titolo del gruppo ha mantenuto fede al suo simbolo: RACE, corsa. In due anni si è infatti passati da un prezzo di collocamento di 52 dollari ai 112,6 dollari con cui ha chiuso le contrattazioni venerdì 6 ottobre. Si tratta di un balzo di oltre il 116%. Non è un caso che recentemente John Elkann - a capo di Exor, la cassaforte della famiglia Agnelli che controlla Fiat Chrysler Automobiles nonché socio di Ferrari - abbia espresso soddisfazione e abbia detto di non avere alcuna intenzione di vendere la partecipazione nel gruppo di Maranello. Nel frattempo, nel gennaio 2016, Ferrari è stata scorporata dall'azienda nata dall'unione dell'ex Lingotto e dell'ex Chrysler diventando un gruppo autonomo.

Fmi: aumento indebitamento famiglie fa bene all'economia ma solo nel breve termine

L'effetto positivo si inverte in tre-cinque anni. Effetti negaviti se pari ad almeno il 30% del Pil
IMF

Il Fondo monetario internazionale ha messo in guardia contro politiche economiche di breve termine che portano a un aumento dell'indebitamento delle famiglie. Inizialmente - è la tesi - un tale aumento può portare a un'accelerazione "superiore alla media" della crescita e dell'occupazione ma poi "tende a esserci un periodo di instabilità e crescita contenuta del Pil e dell'occupazione". Non solo. "Ampi incrementi del debito delle famiglie sono associati con crescenti probablilità di crisi finanziarie e recessioni". E' quanto è emerso da uno dei capitoli analitici del Global Financial Stability Report, il rapporto redatto dal Fondo in vista dei suoi Annual Meetings che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi.

Fendi

Perché in Italia esistono ancora così tanti monumenti di epoca fascista? A chiederselo è il New Yorker, in un articolo dal titolo secco e provocatorio firmato da Ruth Ben-Ghiat, docente di storia e studi italiani presso la New York University. Mentre in Usa continua il dibattito sui monumenti sudisti e sulle statue di Cristoforo Colombo, nel suo pezzo Ben-Ghiat esprime tutto il suo stupore non solo per il fatto che questi monumenti siano rimasti ma soprattutto perché sono ancora oggi ben visibili.

Il problema di Amazon con i prodotti di lusso

Regole poco rigide sulla contraffazione e sui rivenditori non autorizzati tengono lontani dal colosso dell'E-commerce marchi come Gucci, Fendi, Louis Vuitton, Moet&Chandon e tanti altri

All’inizio di quest’anno Swatch Group, conglomerata svizzera che opera nel campo degli orologi, aveva manifestato l’intenzione di vendere alcuni dei suoi prodotti di lusso su Amazon. Dopo mesi di colloqui l’accordo tra le due compagnie si è concluso con un nulla di fatto e il motivo lo spiega un articolo del Washington Post.

Riforma sanitaria, Trump disposto ad un "accordo temporaneo"

Poi la promessa su Trinity Broadcasting Network: "Avremo una riforma entro le prossime elezioni"
AP

In attesa di superare l’impasse che frena l’abrogazione e la sostituzione dell’Obamacare, il presidente Donald Trump si è detto pronto a perseguire "un accordo temporaneo" sulla riforma sanitaria.

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

L'uragano Nate sta avanzando verso le popolari località turistiche del Messico e la costa del Golfo degli Stati Uniti, dopo aver ucciso almeno 28 persone nell'America Centrale. Louisiana, Mississippi e Alabama sono in stato di allarme.

La prima nomina di Trump nella Fed approvata dal Senato Usa

Randal Quarles, al Tesoro Usa durante il governo di George W. Bush, è il primo a ricoprire formalmente un ruolo creato dalla riforma finanziaria del 2010. A lui le attività di supervisione della banca centrale. Continua il toto nomine

Come ampiamente atteso, il Senato amaricano a maggioranza repubblicana ha approvato quella che è la prima nomina fatta da Donald Trump nel sistema della Federal Reserve.

Wall Street, effetto uragani sull'occupazione Usa a settembre

Per la prima volta dal 2010, mese negativo: persi 33mila posti
AP