Usa: inflazione rafforzata a fine 2017, Fed verso rialzo tassi a marzo

Il rendimento del Treausry a due anni sopra il 2%, prima volta dal 2008. La banca centrale americana sarà più "falco" che "colomba"?

Forse quello che Janet Yellen aveva definito un "mistero" sta per finire: l'inflazione in Usa ha terminato il 2017 con slancio portando gli investitori a credere che la Federal Reserve realizzerà la sua prima stretta del 2018 nella seconda riunione dell'anno nuovo, quella del 20 e 21 marzo.

I mercati finanziari si sono concentrati sull'indice dei prezzi al consumo del mese scorso, pubblicato oggi e aumentato su novembre dello 0,1%, come atteso. E' la componente core su cui trader e gestori si sono focalizzati: è cresciuta dello 0,3%, la performance migliore dal gennaio 2017. Forse si stanno creando le pressioni inflative che lo scorso anno sono state un miraggio per motivi che nemmeno la Fed ha ben capito: pur credendo che la colpa fosse di fattori temporanei, lo stesso governatore arrivò a dire che "la nostra comprensione delle forze che guidano l'inflazione è imperfetta".

A dicembre - quando annunciò la terza stretta del 2017, la quinta dal 2006 - la banca centrale america disse di prevedere tre aumenti del costo del denaro nel 2018 e due nel 2019. Non mancano tuttavia analisti secondo cui ci saranno quest'anno quattro rialzi dei tassi sulla scia di un atteso rafforzamento dell'economia americana come effetto della riforma fiscale approvata prima di Natale. Non è un caso che il rendimento del titolo di stato americano a due anni - quello più sensibile a un cambiamento delle attese sulle mosse della Fed - sia schizzato sopra il 2% per la prima volta dal 2008. Allo stesso tempo il dollaro è sceso sui minimi dello scorso settembre. Chiaramente gli investitori stanno mettendo in conto banche centrali meno accomodanti nel mondo: la Bank of Japan in settimana ha annunciato una riduzione dei debito sovrano che acquista e la Banca centrale europea potrebbe rallentare il passo con cui a sua volta compra bond, come suggerito dalle minute relative alla riunione di dicembre.

Parlando dall'Economic Club a Washington, il segretario al Tesoroè tornato a difendere la riforma fiscale mentre a Wall Street gli indici toccavano nuovi record. Ancora una volta ha detto che il taglio delle tasse da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni si finanzierà da solo. Ignorando molti economisti secondo cui i conti pubblici peggioreranno vistosamente con un'esplosione del deficit, Steven Mnuchin si è detto convinto che la riforma creerà 1.000 miliardi di dollari nell'economia Usa. Varie aziende, come Wal-MartAT&T, Comcast e Fca, hanno già reagito aumentando salari orari, distribuendo bonus speciali e/o annunciando investimenti.

A commento di conti trimestrali superiori alle stime Larry Fink, Ceo di BlackRock, ha messo però in guardia: in una intervista al Financial Times ha spiegatoche gli stimoli fiscali faranno bene nel breve termine ma poi la Fed stringerà la cinghia controbilanciando l'effetto riforma: "E' un momento unico in cui abbiamo una stretta monetaria allo stesso tempo di uno stimolo fiscale. A un certo punto questi [due fattori] inizieranno a negarsi" l'uno con l'altro. Per Fink, "Nei prossimi sei mesi vedremo una economia forte ma poi mi aspetto che la Fed neghi" quell'effetto.

Ad alimentare la tesi di chi scommette su una Fed più "falco" che "colomba" ci sono i record inanellati da inizio anno dagli indici a Wall Street. Il pericolo è la formazione di eccessi. Il tutto dopo un 2017 che è stato per l'azionario Usa il migliore dal 2013. Su questo e sui tassi Yellen non avrà più modo di esprimersi da governatrice: la sua ultima riunione al comando della Fed è in calendario il 30 e il 31 gennaio e non sarà seguita da una conferenza stampa. Dall'inizio di febbraio, la prima donna ad avere conquistato il vertice della Fed cederà il testimone alla sua versione repubblicana, Jerome Powell. Il già membro del board della Fed - la cui nomina deve ancora essere confermata dal Senato - affronterà la stampa per la prima volta il 21 marzo. Non resta che vedere come se la caverà nel comunicare (e tranquillizzare) i mercati.

Altri Servizi

Volkswagen e Ford studiano alleanza strategica sui veicoli commerciali

Escluso un merger. Le due aziende vogliono diventare più competitive

Volkswagen e Ford Motor stanno esplorando una "alleanza strategica" pensata per "rafforzare la competitività delle due aziende e per meglio servire i propri clienti" mentre le vetture nel mondo diventano tecnologicamente sempre più avanzate cambiando le aspettative dei consumatori.

Gli Usa lasciano lo Human Rights Council dell'Onu, "pregiudizi contro Israele"

Ambasciatrice Haley: non ha nulla a che vedere con il suo nome

Gli Stati Uniti si sono ritirati dallo Human Rights Council delle Nazioni Unite. Lo ha annunciato ieri l'ambasciatrice americana alle Nazioni Unite, Nikki Haley, sostenendo che l'organo delle Nazioni Unite "non ha più nulla a che vedere con il suo nome". Da giorni si parlava di una imminente uscita da parte di Washington: proprio luned", a Ginevra, l'Alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha iniziato la sessione annuale che durerà fino al 3 luglio. "Facciamo questo passo perché il nostro impegno non ci permette di essere parte di una ipocrita ed egocentrica organizzazione che deride i diritti umani", ha continuato Haley.

Gli Usa lasciano lo Human Rights Council dell'Onu, "pregiudizi contro Israele"

Ambasciatrice Haley: non ha nulla a che vedere con il suo nome

Gli Stati Uniti si sono ritirati dallo Human Rights Council delle Nazioni Unite. Lo ha annunciato ieri l'ambasciatrice americana alle Nazioni Unite, Nikki Haley, sostenendo che l'organo delle Nazioni Unite "non ha più nulla a che vedere con il suo nome". Da giorni si parlava di una imminente uscita da parte di Washington: proprio luned", a Ginevra, l'Alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha iniziato la sessione annuale che durerà fino al 3 luglio. "Facciamo questo passo perché il nostro impegno non ci permette di essere parte di una ipocrita ed egocentrica organizzazione che deride i diritti umani", ha continuato Haley.

Ge: dopo oltre un secolo cacciato dal Dow, al suo posto entra Walgreens

Il cambio di guardia tra i due titoli sarà effettivo dal 26 giugno
Walgreens

A partire dal 26 giugno prossimo, General Electric lascerà il Dow Jones Industrial Average e al suo posto arriverà Walgreens Boots Alliance. Lo ha annunciatoamercati Usa chiusi S&P Dow Jones Indices, società che gestisce vari indici. Ge era parte dell'indice delle 30 blue chip dal suo lancio nel 1896 e ne è stato parte in modo continuativo dal 1907.

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Un sell-off dell'azionario su scala mondiale, con il Dow Jones Industrial Average in calo per sei sedute di fila (la serie temporale negativa più lunga da oltre un anno). Una corsa verso porti considerati sicuri come i Treasury. Un ribasso del petrolio e un andamento volatile del dollaro. E' questa la fotografia della prima giornata di trading succissiva alle nuove minacce commerciali lanciate alla Cina dal presidente americano Donald Trump.

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per approvare una riforma dell'immigrazione e risolvere la situazione.

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock