Usa e Inghilterra, la strana "similitudine" di due nazionali in crisi

Sconfitte da selezioni più piccole e meno blasonate, allenatori ingaggiati ad interim, la progettualità che manca così come l'identità. Difetti e limiti che impediscono agli yankee e ai tre leoni di consacrarsi nel calcio dei grandi

Il rapporto "speciale" più volte vantato da Stati Uniti e Inghilterra sembra vivere giorni difficili. Almeno da quando è stato eletto come nuovo presidente americano, Donald Trump, che ha chiamato nove leader mondiali prima di alzare la cornetta per mettersi in contatto con il Primo Ministro Britannico, Theresa May. Differentemente dal leader del partito conservatore, i rapporti tra il tycoon newyorchese e l’ex leader dell’Ukip, Nigel Farage, sembrano invece ottimi, tanto che Trump lo ha suggerito per un posto da diplomatico in America.

Eppure, al di là di questi controversi aspetti politici che rischiano di minare i rapporti diplomatici tra le due nazioni, ce n’è uno, diversamente problematico, che sembra però vederle quanto mai vicine. Il riferimento è alla situazione delle due nazionali maschili di calcio che negli ultimi mesi non navigano in acque felici e le cui crisi sembrano molto simili. Sconfitte con squadre più piccole, allenatori esonerati dall’oggi al domani per poi essere sostituiti da traghettatori ad interim,  messi al timone di squadre che non sembrano puntare sulla progettualità per ottenere i risultati tanto attesi dai tifosi.

L’eliminazione dell’Inghilterra ai quarti di finale degli Europei di Francia per mano della sorprendente Islanda ha innescato un circolo vizioso da cui la nazionale dei tre leoni non sembra essere ancora uscita. Le dimissioni di Roy Hodgson, manager di lungo corso ma dagli scarsi risultati, aveva infatti convinto la Football Association inglese ad ingaggiare Sam Allardyce, ex allenatore del Sunderland, per poi esonerarlo dopo 67 giorni dopo che il neo Ct era stato invischiato in uno scandalo tirato fuori da un'inchiesta del Telegraph. Il giornale britannico ha messo in luce come "Big Sam" desse dritte ad investitori stranieri sui trasferimenti dei giocatori in cambio di denaro per aggirare le norme della Fa.

La panchina è stata subito affidata ad interim a Gareth Southgate, ex tecnico del Middlesbrough con nessuna esperienza internazionale, che sembra però in procinto di essere confermato. In tutto ciò ci sono una serie di interrogativi che soprattutto i tabloid inglesi continuano a porsi sul rendimento dei giocatori inglesi ogni qual volta indossano la maglia della nazionale. Le risposte per ora sono labili e i 10 punti nel girone di qualificazione a Russia 2018 vengono considerati il minimo sindacale per gente come Rooney, Hart, Kane, Sturridge o Sterling.

Per quanto riguarda la nazionale a stelle e strisce, la situazione non appare migliore. I Mondiali in Brasile avevano messo in evidenza un crescente entusiasmo attorno alla nazionale americana, capace di superare un girone di ferro con Germania, Portogallo e Ghana, per poi fermarsi agli ottavi. Le qualificazioni a Russia 2018 sono iniziate però nel peggiore dei modi con due sconfitte nelle prime due gare: 4-0 contro il Costa Rica e 2-0 col Messico. Batoste inaspettate che hanno portato all’esonero di Jurgen Klinsmann, il tedesco di ferro che ha guidato gli yankee per ben cinque anni, e all’ingaggio ad interim - come per Southgate - di Bruce Arena, 65enne di origini calabresi tornato a guidare gli Usa dopo dieci anni (era già stato Ct dal 1998 al 20016 ndr).

Qui come in Inghilterra ci sono domande che riguardano tanto l’aspetto tecnico quanto il legame alla nazionale da parte dei giocatori. Se negli Usa la questione riguarda anche il luogo di nascita e l’identificazione verso una bandiera che unisce 300 milioni di persone, oltremanica ci sono state vicende che di recente hanno aperto vere e proprie questioni di stato. Perché ad esempio, Wayne Rooney, capitano e simbolo dell’Inghilterra si imbuca ai matrimoni da ubriaco durante il ritiro della nazionale? E perché due suoi compagni (Lallana e Henderson) fanno 354km per andare in un club a luci rosse prima dell’amichevole contro la Spagna?

L’altro aspetto che accomuna entrambe le nazionali riguarda anche la tipologia dei giocatori che i rispettivi vivai sembrano in grado di produrre, grandi atleti dalle fisicità invidiabili ma poca fantasia e creatività, soprattutto quando la manovra dell’azione deve partire da dietro. Ma la domanda tra le domande sembra essere una soltanto: qual è l’identità che caratterizza le due nazionali? Qual è l’elemento che contraddistingue l'una e l'altra? La Spagna ha la rapidità e l’incisività nei passaggi, l’Italia ha tattica e scaltrezza, la Germania l’intensità di gioco.

Inghilterra e Stati Uniti, invece, sono ancora alla ricerca della chiave di Volta, anche se recentemente il giornalista del Guardian Barney Ronay ha ironizzato sul fatto che l’identità della nazionale inglese è proprio l’essere alla continua ricerca di un’identità. La certezza che in questo momento ha la nazionale americana è di essere in forte crisi e sarà bene che il vecchio Bruce Arena trovi il modo di uscirci prima che il cammino verso Russia2018 sia definitivamente compromesso.

Altri Servizi

Trump toglie il cambiamento climatico dalla strategia per la sicurezza nazionale

Il presidente svelerà il suo piano alle 14 (le 20 in Italia)
ap

Il cambiamento climatico non sarà più considerato un problema di sicurezza nazionale per gli Stati Uniti. Questa una delle novità della nuova strategia per la sicurezza nazionale (Nss), che oggi sarà presentata dal presidente Donald Trump, alle 14 (le 20 in Italia); era stato il presidente Barack Obama a inserire il cambiamento climatico tra le minacce alla sicurezza nazionale.

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Riforma fiscale: democratici chiedono al Gop posticipo del voto finale

Vogliono che si aspetti l'arrivo al Senato di Doug Jones, che ha vinto alle elezione speciali in Alabama

Forti di una inattesa vittoria alle elezioni speciali di ieri in Alabama, una duplice sconfitta per Donald Trump, i democratici premono affinché il voto finale sulla riforma fiscale messa a punto dai repubblicani che controllano il Congresso sia posticipato. La minoranza a Capitol Hill vuole che si aspetti l'insediamento di Doug Jones, il candidato democratico che ha sconfitto Roy Moore nel cosiddetto Yellowhammer State aggiudicandosi il seggio al Senato Usa lasciato libero da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia.

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Usa Today attacca Trump: "Inadatto a pulire i bagni" di Obama

Ma anche a lucidare le scarpe di George W Bush. Per il quotidiano, il presidente ha un carattere "straordinariamente terribile" che ha fatto insinuazioni sessiste fuori luogo

Donald Trump si è sentito più volte dire che era inadatto alla presidenza degli Stati Uniti. Durante la campagna elettorale dello scorso anno, sia il presidente americano Barack Obama sia la candidata democratica alle elezioni Hillary Clinton lo avevano ripetuto in tutte le salse. Oltre un anno dopo la vittoria shock del miliardario di New York, è un quotidiano ampiamente diffuso in Usa a rispolverare quel concetto ma in termini decisamente pesanti.