Usa e Inghilterra, la strana "similitudine" di due nazionali in crisi

Sconfitte da selezioni più piccole e meno blasonate, allenatori ingaggiati ad interim, la progettualità che manca così come l'identità. Difetti e limiti che impediscono agli yankee e ai tre leoni di consacrarsi nel calcio dei grandi

Il rapporto "speciale" più volte vantato da Stati Uniti e Inghilterra sembra vivere giorni difficili. Almeno da quando è stato eletto come nuovo presidente americano, Donald Trump, che ha chiamato nove leader mondiali prima di alzare la cornetta per mettersi in contatto con il Primo Ministro Britannico, Theresa May. Differentemente dal leader del partito conservatore, i rapporti tra il tycoon newyorchese e l’ex leader dell’Ukip, Nigel Farage, sembrano invece ottimi, tanto che Trump lo ha suggerito per un posto da diplomatico in America.

Eppure, al di là di questi controversi aspetti politici che rischiano di minare i rapporti diplomatici tra le due nazioni, ce n’è uno, diversamente problematico, che sembra però vederle quanto mai vicine. Il riferimento è alla situazione delle due nazionali maschili di calcio che negli ultimi mesi non navigano in acque felici e le cui crisi sembrano molto simili. Sconfitte con squadre più piccole, allenatori esonerati dall’oggi al domani per poi essere sostituiti da traghettatori ad interim,  messi al timone di squadre che non sembrano puntare sulla progettualità per ottenere i risultati tanto attesi dai tifosi.

L’eliminazione dell’Inghilterra ai quarti di finale degli Europei di Francia per mano della sorprendente Islanda ha innescato un circolo vizioso da cui la nazionale dei tre leoni non sembra essere ancora uscita. Le dimissioni di Roy Hodgson, manager di lungo corso ma dagli scarsi risultati, aveva infatti convinto la Football Association inglese ad ingaggiare Sam Allardyce, ex allenatore del Sunderland, per poi esonerarlo dopo 67 giorni dopo che il neo Ct era stato invischiato in uno scandalo tirato fuori da un'inchiesta del Telegraph. Il giornale britannico ha messo in luce come "Big Sam" desse dritte ad investitori stranieri sui trasferimenti dei giocatori in cambio di denaro per aggirare le norme della Fa.

La panchina è stata subito affidata ad interim a Gareth Southgate, ex tecnico del Middlesbrough con nessuna esperienza internazionale, che sembra però in procinto di essere confermato. In tutto ciò ci sono una serie di interrogativi che soprattutto i tabloid inglesi continuano a porsi sul rendimento dei giocatori inglesi ogni qual volta indossano la maglia della nazionale. Le risposte per ora sono labili e i 10 punti nel girone di qualificazione a Russia 2018 vengono considerati il minimo sindacale per gente come Rooney, Hart, Kane, Sturridge o Sterling.

Per quanto riguarda la nazionale a stelle e strisce, la situazione non appare migliore. I Mondiali in Brasile avevano messo in evidenza un crescente entusiasmo attorno alla nazionale americana, capace di superare un girone di ferro con Germania, Portogallo e Ghana, per poi fermarsi agli ottavi. Le qualificazioni a Russia 2018 sono iniziate però nel peggiore dei modi con due sconfitte nelle prime due gare: 4-0 contro il Costa Rica e 2-0 col Messico. Batoste inaspettate che hanno portato all’esonero di Jurgen Klinsmann, il tedesco di ferro che ha guidato gli yankee per ben cinque anni, e all’ingaggio ad interim - come per Southgate - di Bruce Arena, 65enne di origini calabresi tornato a guidare gli Usa dopo dieci anni (era già stato Ct dal 1998 al 20016 ndr).

Qui come in Inghilterra ci sono domande che riguardano tanto l’aspetto tecnico quanto il legame alla nazionale da parte dei giocatori. Se negli Usa la questione riguarda anche il luogo di nascita e l’identificazione verso una bandiera che unisce 300 milioni di persone, oltremanica ci sono state vicende che di recente hanno aperto vere e proprie questioni di stato. Perché ad esempio, Wayne Rooney, capitano e simbolo dell’Inghilterra si imbuca ai matrimoni da ubriaco durante il ritiro della nazionale? E perché due suoi compagni (Lallana e Henderson) fanno 354km per andare in un club a luci rosse prima dell’amichevole contro la Spagna?

L’altro aspetto che accomuna entrambe le nazionali riguarda anche la tipologia dei giocatori che i rispettivi vivai sembrano in grado di produrre, grandi atleti dalle fisicità invidiabili ma poca fantasia e creatività, soprattutto quando la manovra dell’azione deve partire da dietro. Ma la domanda tra le domande sembra essere una soltanto: qual è l’identità che caratterizza le due nazionali? Qual è l’elemento che contraddistingue l'una e l'altra? La Spagna ha la rapidità e l’incisività nei passaggi, l’Italia ha tattica e scaltrezza, la Germania l’intensità di gioco.

Inghilterra e Stati Uniti, invece, sono ancora alla ricerca della chiave di Volta, anche se recentemente il giornalista del Guardian Barney Ronay ha ironizzato sul fatto che l’identità della nazionale inglese è proprio l’essere alla continua ricerca di un’identità. La certezza che in questo momento ha la nazionale americana è di essere in forte crisi e sarà bene che il vecchio Bruce Arena trovi il modo di uscirci prima che il cammino verso Russia2018 sia definitivamente compromesso.

Altri Servizi

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock
AP

Non c'erano dubbi ma il 19enne che nel giorno di San Valentino ha aperto il fuoco e ucciso 17 persone nel suo ex liceo in Florida ha ammesso di essere lui l'autore di quella che è stata una delle peggiori sparatorie avvenute dentro un istituto scolastico della storia moderna americana. Dopo essere stato catturato, Nikolas Cruz ha detto agli agenti di polizia di avere "iniziato a sparare agli studenti che vedeva nei corridoi e intorno alla scuola" una volta arrivato sul posto. E' quanto è emerso dal rapporto del suo arresto, pubblicato ieri nel tardo pomeriggio americano.

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Quello di venerdì è stato il quinto rinvio a giudizio per cittadini o società russe accusate di aver influenzato le elezioni presidenziali americane del 2016. Tuttavia si tratta del primo del procuratore speciale, Robert Mueller, che dal maggio del 2017 sta indagando sul Russiagate e sulle possibili connessioni tra il Cremlino e alcuni membri del comitato elettorale di Donald Trump.

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

L'Iran sta costruendo e armando una rete sempre più potente di alleati che combattono 'per procura' in Medio Oriente contro i governo locali. Lo ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense, l'ammiraglio H.R. McMaster, intervenendo all'annuale Conferenza internazionale sulla sicurezza di Monaco di Baviera, in Germania. "Ciò che è particolarmente preoccupante è che questa rete sta diventando sempre più capace e l'Iran continua a seminare...armi distruttive tra questi network" ha detto McMaster. "Per questo è il momento, credo, di agire contro l'Iran".

Il piano infrastrutturale di Trump

Previsti progetti da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni ma il governo federale ce ne mette solo 200 miliardi. L'amministrazione Usa conta su stati, municipalità e privati
iStock

Lo aveva promesso sin dalla notte della sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Oltre un anno dopo, il presidente americano Donald Trump ha finalmente presentato un piano per progetti infrastrutturali da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, che rischia però di deludere. Il governo federale è pronto a impegnarsi a investire solo 200 miliardi di dollari. Inoltre, l'iniziativa ha di fronte a sé un futuro incerto al Congresso, che deve trovare i fondi per finanziarla e deve legiferare in materia.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

Bridgewater sempre più pessimista sull'Europa. Scommesse contro l'azionario a 22 miliardi di dollari

Il più grande hedge fund al mondo ha iniziato le sue posizioni short dall'Italia, arrivate a 3 miliardi di dollari
Ray Dalio, Bridgewater AP

Il più grande hedge fund al mondo, quello che negli ultimi tre mesi ha triplicato le sue scommesse contro banche e gruppi assicurativi italiani in vista delle elezioni del 4 marzo, ha ulteriormente alzato le sue scommesse ribassiste contro le più grandi aziende europee.

Strage in Florida: Trump ancora una volta non parla di controllo delle armi

Il presidente americano ha proposto maggiore sicurezza nelle scuole e più impegno per la salute mentale dei cittadini americani. L'Fbi era stata avvertita della pericolosità di Cruz nel settembre del 2017

Ancora una volta Donald Trump non fa riferimento a leggi più severe sul controllo delle armi, commentando la strage avvenuta mercoledì in una scuola a Parkland, in Florida, in cui sono morte 17 persone. Il presidente americano ha parlato dell'importanza di nuove misure di sicurezza nelle scuole e dei problemi di salute mentale negli Stati Uniti. Un'ora prima, il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha seguito la stessa linea, promettendo maggiori controlli, parlando di problemi mentali e infine incolpando le gang. 

Dimon (Jpm) è il banchiere meglio pagato per secondo anno di fila

Nel 2017, compensi per 29,5 milioni (+5%). Per Gorman (Morgan Stanley) +20% a 27 milioni. Per Blankfein (Goldman) +9% a 24 milioni di dollari. Per Corbat (Citigroup) +48% a 23 milioni
Wikimedia Commons

James Dimon, il numero uno di JP Morgan, si è confermato il banchiere meglio pagato a Wall Street per il secondo anno di fila: nel 2017 ha ricevuto compensi per 29,5 milioni di dollari , il 5% in più sul 2016.