Usa e Israele: siglato accordo per contrastare l'Iran in Medio Oriente

Previste pressioni diplomatiche e azioni sotto copertura. Trump e Netanyahu si preparano al "day after" in Siria
AP

Gli Stati Uniti e Israele hanno raggiunto un piano strategico comune pensato per contrastare l'attività dell'Iran in Medio Oriente. L'intesa sarebbe stata raggiunta il 12 dicembre scorso in un incontro segreto tra funzionari israeliani e americani alla Casa Bianca, tra cui c'era anche il consigliere per la sicurezza nazionale H.R. McMaster. Lo scrive il sito Axios, che citando una fonte americana spiega che il raggiungimento dell'accordo c'è stato dopo due giorni di discussioni.

Tra gli obiettivi comuni ci sono azioni diplomatiche e sotto copertura per impedire a Teheran di ottenere armi nucleari. La pressione diplomatica verrà esercitata nell'ambito dell'accordo storico sul nucleare siglato tra l'Iran e le principali potenze mondiali nell'estate 2015, quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama. L'amministrazione Trump - da sempre critica dell'intesa sul nucleare, difesa invece dalla Ue - vuole monitorare ulteriormente il Paese per accertarsi rispetti (come sta facendo) un accordo che lo scorso ottobre non fu certificato dal presidente Usa lasciando al Congresso la decisione di imporre eventuali nuove sanzioni.

Un altro obiettivo condiviso tra Usa e Israele - di cui Trump ha riconosciuto come capitale la città contesa con i palestinesi di Gerusalemme, mossa poi bocciata dall'Onu - prevede azioni volte a contrastare l'attività iraniana nella Regione, specialmente in Siria e quelle a sostegno dell'organizzazione libanese Hezbollah, vicina al presidente siriano Bashar al-Assad. Washington e Tel Aviv stanno mettendo a punto il da farsi per il "day after", il giorno dopo la fine della guerra civile a Damasco.

L'America di Donald Trump e l'Israele di Benjamin Netanyahu vogliono poi contrastare il programma missilistico iraniano e specialmente quello che chiamano il "progetto precisione" volto a produrre missili in Siria e Libano affinché Hezbollah li usi in una guerra futura contro Israele. Le due nazioni inoltre intendono prepararsi per vari scenari di crescenti tensioni che chiamano in causa Siria, Iran, Hezbollah e Hamas (che controlla la Striscia di Gaza).

Stando ad Axios, funzionari israeliani hanno confermato l'intesa. "Usa e Israele la vedono allo stesso modo su diversi fronti nella regione, specialmente su quelli relativi all'Iran. Abbiamo raggiundo un'intesa riguardante la strategia e le politiche necessarie per contrastare l'Iran". Le fonti hanno parlato di strategia ma anche di "obiettivi concreti" e azioni per raggiungerlo.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle.