La vendita di sigarette elettroniche vietata ai minori di 18 anni

In vigore da oggi le prime norme federali, annunciate oltre un anno fa

Entrano in vigore oggi, negli Stati Uniti, le prime norme federali sulle sigarette elettroniche, proposte dalla Food and Drug Administration (Fda), l'ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari, farmaceutici e del tabacco. Norme necessarie a disciplinare quello che è ormai un business multimiliardario praticamente privo, fino a oggi, della supervisione del governo a protezione dei consumatori. Le norme prevedono il divieto di vendita ai minori di 18 anni e obbligherà le aziende a ottenere l'approvazione della Fda per i prodotti in vendita sin dal febbraio 2007.

Come per le sigarette tradizionali, saranno vietate la pubblicità e la vendita su internet. Con le nuove norme, i produttori dovranno rendere note le sostanze chimiche usate, non potranno più distribuire i campioni gratuiti e dovranno segnalare sulle etichette la presenza di nicotina. La volontà della Fda era soprattutto quella di fermare i consumatori minorenni: le sigarette elettroniche erano diffuse solo tra l'1,5% degli studenti nel 2011, mentre quattro anni dopo ne facevano uso 16 ragazzi su cento.

Le aziende non potranno inoltre pubblicizzare le sigarette elettroniche come meno dannose di quelle tradizionali, a meno che non ottengano l'approvazione della Fda in base alle informazioni scientifiche sul prodotto. Il nuovo piano per regolamentare il mercato avrà un notevole impatto sulla salute pubblica, l'industria del tabacco e i 42 milioni di fumatori negli Stati Uniti, e interesserà anche sigari e pipe, prodotti che hanno a lungo aggirato le norme, cresciuti notevolmente negli ultimi anni.

La Fda ha avuto bisogno di quattro anni per arrivare all'annuncio dell'aprile 2015, dopo la legge sul tabacco approvata dal Congresso nel 2009, e di oltre un anno per rendere operative le nuove norme. Vista la mancanza di regole federali, finora alcuni Stati avevano agito da soli, vietando l'uso di sigarette elettroniche in pubblico, per esempio, e la vendita ai minori.

La sigaretta elettronica è uno strumento dotato di una batteria ricaricabile che consente di inalare il vapore di una soluzione a base di acqua, glicole propilenico, glicerolo, nicotina (in quantità variabile o anche assente) e aromi alimentari. Il vapore inalato consente di provare una sensazione simile a quella provata fumando una tradizionale sigaretta.